Lettre à François John Cavalcoli, passion et d'espoir dans l'Eglise

– Livres et revues –

LETTRE AU PAPE JEAN-FRANCIS Cavalcoli, PASSION ET ESPOIR DANS L'ÉGLISE

.

[…] Nous invoquons et implorer, donc, Saint-Père, son aide et son sauvetage, dans une période difficile dans l'histoire, per poter conseguire la vittoria finale e raggiungere la salvezza e la vita eterna.

.

.

Auteur de l'île de Patmos Editorial
auteur
préparation
Île de Patmos

.

.

Proponiamo di seguito uno stralcio tratto dal libro di Padre Giovanni Cavalcoli, À

.

.

Saint-Père.

Tu sei Pietro e su questa pietra Cristo edifica la sua Chiesa e le porte degli inferi non prevarranno contro di essa [cf Mt 16,18].

lettera a papa francesco
il libro di Giovanni Cavalcoli edito da Chora Books

Il Signore ha incaricato Vostra Santità di pascere il suo gregge, a Lei ha consegnato le chiavi del regno dei cieli, sicché l’uso di queste chiavi ha effetti celesti, e gli atti del suo magistero e del suo governo ci insegnano, ci spiegano e ci interpretano la Parola e la Volontà di Dio, ci donano la grazia di Cristo, ci indicano la via della verità, della virtù, de la justice, della misericordia, de la liberté, della salvezza, della santità, della pace e della beatitudine celeste; ci guidano al regno dei cieli e ci difendono dal potere delle tenebre.

Il Signore Gesù Cristo, del quale Vostra Santità, Vescovo di Roma, è il Vicario, “Dolce Cristo in terra”, come La chiama la Santa Senese, La ha mandata ad annunciare la sua vittoria sui poteri del male: “Ora si è compiuta la salvezza, la forza e il regno del nostro Dio e la potenza del suo Cristo, poiché è stato precipitato l’accusatore dei nostri fratelli, colui che li accusava davanti al nostro Dio giorno e notte” [vous 12,10].

Il Signore Gesù, Vincitore del peccato e della morte, Le ha donato, en fait, il suo Spirito di Verità, d’Amore, di Misericordia e di Potenza, col Quale e grazie al Quale Vostra Santità ottiene da Dio per noi fedeli, per intercessione della Beata Vergine Maria, “ogni dono perfetto che viene dall’alto e discende dal Padre della luce, nel Quale non c’è variazione né ombra di cambiamento” [Gc 1,17].

A Lei, Saint-Père, “amico dello sposo” [Gv 3,29], Cristo ha affidato la sua diletta Sposa, l'Eglise, “donna vestita di sole, con la luna sotto i suoi piedi e sul capo una corona di dodici stelle” [vous 12,1]. Questa Donna messianica, come Vostra Santità sa bene, che partorisce “un figlio maschio, destinato a governare tutte le nazioni con scettro di ferro” [vous 12, 5], è costantemente insidiata e aggredita su questa terra dal “Drago rosso, con sette teste e dieci corna e sulle teste dieci diademi”, segni di “tutti i regni della terra” [Lc 4,5], della gloria e dei poteri di questo mondo.

Ella, Saint-Père, con la forza dello Spirito Santo, aiutato da San Michele Arcangelo, dai suoi angeli e dai successori degli apostoli, ha il mandato divino di difendere la Sposa contro il Drago, preparandole nel deserto di questa vita un “rifugio” [vous 12,6], dove possa essere nutrita fino alla fine della storia terrena.

Ella, Saint-Père, supremo dispensatore dei sacramenti della salvezza, dona a noi suoi figli, con la Santissima Eucaristia, il “Sangue dell’Agnello” [vous 12,11], lavati e fortificati dal quale, insieme con Lei e sotto la sua guida, possiamo rendere la nostra testimonianza e vincere il Drago. Nous invoquons et implorer, donc, Saint-Père, son aide et son sauvetage, dans une période difficile dans l'histoire, per poter conseguire la vittoria finale e raggiungere la salvezza e la vita eterna.

.

________________________________

.

Dalla recensione tratta da Il Naufrago [QUI]

Il Libro di Giovanni Cavalcoli, À è reperibile QUI

.

.

.

.

 

 

 

 

5 réflexions sur "Lettre à François John Cavalcoli, passion et d'espoir dans l'Eglise

  1. Le bestemmie di Padre Cavalcoli contro lo Spirito Santo. Dire che Bergoglio è stato inviato da Cristo a pascere il Suo gregge è voler prendersi gioco di Nostro Signore visto che Bergoglio è un inviato di satana e della massoneria per la perdizione della anime.

    1. lui-même. Bazzaz.

      La ringrazio anzitutto per i messaggi ludici che ogni tanto c’invia.
      Ho deciso di dirle infine la verità, perché le cose stanno di fatto in questo modo: il Padre Giovanni Cavalcoli ed io siamo affiliati alla grande loggia massonica britannica e nel tempo libero siamo dediti al satanismo; inoltre io, prima di diventare prete, appartenevo alla Loggia P2 e andavo e venivo dalla casa di Licio Gelli.

      Nell’ultimo conclave il nostro ruolo è stato determinante, perché dovendo promuovere l’elezione di un nostro sodale, l’Arcivescovo di Buenos Aires, per conto della massoneria internazionale e dei gruppi satanisti, abbiamo minacciato uno per uno tutti i cardinali elettori.
      par exemple: quell’uomo di Dio del Cardinale Tauran, non era tremolante perché, come tutti credono, affetto purtroppo da morbo di Parkinson. In verità erano i postumi dei colpi di spranga a lui dati da Padre Giovanniche pesa tre volte questo Cardinale -, aumentando la dose ogni volta che il Porporato tentava di negare il proprio voto a favore delmassone” e “satanistaBergoglio.

      voit, lui-même. Bazzaz, per causa sua in questo momento sono sanguinante, perché siccome di Quaresima porto il cilicio, quando leggendo il suo commento mi sono messo a ridere, mi si sono lacerate le carni. E stasera, sempre per causa sua, non potrò flagellarmi, perché se ripenso al suo commento mi viene da ridere; e come lei capisce non è serio ridere mentre ci si dà la disciplina col flagello.
      Lei sta rovinando le nostre penitenze quaresimali, ed anche se siamo massoni e satanisti, questo non è bene.

      1. Mi sono appena iscritto, attratto dagli interessanti articoli qui pubblicati e mi sono imbattuto in questa bellissima risposta. Lei è stato straordinario e mi ha fatto morir dal ridere con la sua pungente nota! Meno male che io non porto il cilicio! Buon lavoro!

  2. http://blog.messainlatino.it/2016/03/lettera-aperta-papa-francesco-scritta.html
    così ne parla:
    Questo testo di padre Cavalcoli è un piccolo grande libricino in cui il noto sacerdote domenicano scrive una lettera a Papa Francesco per esprimergli la sua devozione filiale ma anche per sottoporgli alcuni nodi critici nella situazione attuale della Chiesa Cattolica. Uno dei punti trattati è quello di una certa nuova Teologia che si allontana sempre più dalla Tradizione della Chiesa, facendo speciale riferimento a Karl Rahner.

  3. Reverendissimo Padre … merci!
    Me lo sono letto tutto di un fiato, e non nascondo che questo testo mi ha in parte rincuorato, in parte anche chiarito tanti angosciosi dubbi.
    Grazie ancora.

Laisser un commentaire