Hypatia chat romain répond à Roberto de Mattei

IPAZIA GATTA ROMANA RÉPOND AUX ROBERTO DE MATTEI

 

Hypatia chat romain [voir biographie préparation, qui] Il fournit une réponse analytique au message Roberto de Mattei publié et diffusé par prélevée Christian [texte intégral qui]

 

 

 

 

 

Auteur Hypatia d'Alexandrie chat romain
auteur
Hypatia chat romain  

cliquez qui à écouter la chanson dédiée à Hypatia par Alberto Sordi

 

 

Professeur Dr. clair. Roberto de Mattei.

Le prêtre Sans nom dont la «charité chrétienne», elle se tait le nom, nous savons tous que est Stefano Levi Ariel Gualdo. maintenant, depuis que je suis philosophe, Je vais essayer de répondre avec une certaine cohérence logique.

Il n'a pas été accusé d'écrire dans le journal la Gazette, rien, Révérend Sans nom a posé une question qu'elle n'a pas rempli: Il a demandé s'il y a un mauvais athéisme, Eugenio Scalfari, gauche intellectuelle; et un bon, Giuliano Ferrara, droit de propriété intellectuelle, dans dont le journal ont été les articles de votre soi-disant "publié à plusieurs reprisesanti-bergogliani", non seulement l'interview critique du Saint-Père.

Le fait qu'elle affirme que «l'entrevue pape Francesco est inacceptable en raison de son contenu ', est une déclaration que la porte de son emploi en tant qu'historien habitués depuis longtemps à utiliser l'instrument de l'histoire pour arriver à des conclusions théologiques et querelles doctrinales, qui sont parfaitement légitimes, mais à son tour contestable, surtout si elle a assumé, comme un fervent catholique, pour être en mesure de "censurer" le Saint-Père pour ce qu'il fait et dit.

Les articles auxquels vous faites référence, de certains objets durs sur la personne du Saint-Père signé par Alessandro Gnocchi - qui a récemment révérend Sans nom, elle a donné l'hérétique [voir qui] - Et par le regretté Mario Palmaro de mémoire bénie [voir qui], Ils ne pouvaient pas être publiées sur se produire parce que comme vous le savez est le journal officiel des évêques italiens. Ou peut-être juste prélevée Christian e correspondance Romana Ils peuvent bénéficier du droit de ne pas publier des articles que seules réserves indirectement pertinentes se dressent sur vos amis Lefebvre? donc, si vous voulez être logique et cohérent, ne dites pas que ni se produire ou d'autres journaux catholiques ne seraient jamais publié ces articles vos, quand le premier à censurer est vous, et niveaux auxquels même la vieille Pravda serait peut-être venu.

Les "accusations" Cristina Siccardi ne sont pas "mesquine", aussi parce qu'ils ne sont pas des accusations mais critique. Et ici, on peut se demander quel est votre critère “la critique scientifique”, car elle est un universitaire de longue date. En fait, personne n'a attaqué la charmante Lady mais seulement ses livres et ses idées farfelues, en vertu de laquelle elle peut recevoir un titre complet et méritait un «écrivain», parce que c'est, non pas avec l'adjectif «catholique» comme elle l'appelle, parce que tel est pas. Et qui a contesté les idées erronées de la manière catholique Siccardi Lady, que cela vous plaise ou non, Il est en fait un pasteur respectable en charge des âmes et un théologien dont le nom, elle se tut ce qu'il appelle colère "charité chrétienne". maintenant, si par hasard elle voulait mépriser quelqu'un, faire bien, cela aussi est son droit, n'invoque la «charité chrétienne», si le disque catholique&Pur veut jouer, parce que la charité est non seulement une figure populaire de la parole, Il est très grave, parce que … Deus caritas est.

Reverend Sans nom est donc un prêtre face au peuple de Dieu Il est investi de la grave responsabilité qu'elle et Mme Siccardi vous avez ni la grâce d'état sacramentelle, ni pour le ministère sacré, à savoir l'obligation morale de dire aux fidèles ce qui est juste et ce qui est faux. donc, avec pastoral sérieux, Révérend Sans nom appelé les fidèles catholiques qui vivent souvent avec anxiété compréhensible ces moments de perte intra ed supplémentaire ecclésiale, ne pas chercher des réponses et des lignes pour la route dans les lignes de cette charmante Lady, qui figure maladroitement abusé du bienheureux Paul VI pour légitimer l'évêque Marcel Lefebvre, impudemment par rapport à saint Athanase d'Alexandrie et de présenter Paul VI comme une figure par laquelle pour atteindre Lefebvre [voir qui]. donc, Mme Siccardi, contre ces Outlandish ses déclarations publiques sur le niveau historique, théologique et ecclésiologique, ou il ignore - au sens étymologique du terme d'ignorer - ou est-ce une histoire de l'Église mystificateur, parce que le bienheureux Paul VI, dont elle prétend posséder des études de recherche pratiques précises menées [voir qui], dans sa lettre à la 29 juin 1975 Marcel Lefebvre a fait cette déclaration claire et sans équivoque:

Vous laissez invoquer en votre faveur le cas de saint Athanase. Il est vrai que ce grand évêque demeura pratiquement seul à défendre la vraie foi, dans les contradictions qui lui venaient de toute part. plus, précisément, il s’agissait de la défense de la foi du récent concile de Nicée. Le concile fut la norme qui inspira sa fidélité, comme du reste chez saint Ambroise. Comment aujourd’hui quelqu’un pourrait-il se comparer à saint Athanase, en osant combattre un concile comme le deuxième concile du Vatican, qui ne fait pas moins autorité, qui est même sous certains aspects plus important encore que celui de Nicée?

"Il est vrai que saint Athanase est resté presque seul à défendre la vraie foi, malgré l'opposition qui est venu de partout. Mais ce fut précisément la foi du récent concile de Nicée. aujourd'hui, comment quelqu'un pourrait être comparé à St. Athanasius, oser combattre un Conseil que le Vatican II, ce n'est pas moins autoritaire, dont il est encore plus important dans certains aspects de la Nicée?». [texte intégral de la lettre du Bienheureux Pape Paul VI, qui]

Est-ce qu'un érudit sérieux autour de ce si clairement écrit par Fra Paolo VI, jusqu'à ignorer complètement que juste avant, quelques années plus tard, Il a pris note de l'obstination amèrement fermée de cet évêque, Saint John Paul II a décidé d'imposer l'excommunication, après avoir mis en place un acte schismatique, cela en fait est la consécration de quatre évêques sans le mandat du Siège Apostolique? [voir qui].

Estimation maintenant elle est portée erronée et hérétique qu'il dit et écrit le Siccardi, semer des erreurs si graves entre le Peuple de Dieu à laquelle le révérend Sans nom a des responsabilités spécifiques et mandat - lui est conféré par un évêque en communion avec l'évêque de Rome - l'annonce et la sauvegarde de la vérité révélée, et le Magistère de l'Eglise, En fait, elle déclare:

«Monseigneur Lefebvre était un chevalier sans peur et sans reproche avec une force qui n'a pas été définitivement humaine, Il a agi comme il pouvait agir un saint Athanase pendant arianisme, Il a agi comme un Santa Caterina da Siena, qui a seul face Pontifes [...] ceci est quand Mgr Lefebvre devient le champion des choses les plus importantes, les réalités les plus essentielles, c'est un champion de la foi, en ce sens que la défense de la messe défend la foi elle-même [...] Mgr Lefebvre a fait pour tant d'amour pour Jésus-Christ et pour l'Eglise et pour le Pape [...] Ecône était un endroit où il peut vraiment se défendre contre les libéraux bombardements, modernistes, relativistes et où il était possible de maintenir la Tradition " [voir qui, de minutes 12,10 à suivre].

Le fait que le cardinal Raymond Burke Leonard Il a écrit une préface à un livre de cet auteur, Il est ni une garantie, ni aucun de sa légitimité de licence de contenu, aussi parce, si vous le souhaitez, vous c'insegnate il est légitime de critiquer à chaque tour le travail des papes qui se sont succédé à partir 1958 aujourd'hui, puis les autorités et les documents de tout un concile œcuménique - quelque chose dans lequel vous avez un certain temps à travers les livres spécialisés, conférences et activités journalistiques - encore plus se demandent: vous pouvez si nécessaire de critiquer des choix plus ou moins appropriés d'un seul cardinal, déposé par le Pontife Romain par la présidence du Tribunal suprême de la Signature apostolique, être nommé juste 66 ans aumônier des Chevaliers de Malte?

Quant à Mme Maria Guarini, dont la gentillesse et l'engagement personne n'a jamais soulevé aucune question, le fait que le Gherardini Brunero a appelé «une femme de foi et de la science", Il est pas une garantie, bien que la Dame une femme de foi incontestable et un savant qui cherche à apprendre la science. Alors qu'en fait, la Dame a montré depuis longtemps au révérend Innomitato le projet d'un livre de thèmes liturgiques, il fut surpris dans la détection dans un certain nombre d'erreurs historiques et théologiques, combinée à une connaissance précaire des sacramentelle dogmatique, enfin couronné avec une préface généreuse Brunero Gherardini. Ceci est la raison pour laquelle le révérend Sans nom pas accepté de publier le livre en série théologique par Hubbard: pour éviter un frère aîné éminent du calibre de Brunero Gherardini encore un autre mauvais résultats à livrer à l'histoire, si évidente étaient certaines erreurs de Guarini comme inapproprié devant eux la préface de Gherardini.

Nous sommes heureux, professeur clair, que vous parvenez à maintenir les fondations, agences de presse, magazines, les sites, livres Publications payantes, organisations de conférences, engrenages pour la vie et ainsi de suite, tous les abonnements et le sacrifice de tant d'amis fidèles qui collaborent avec vous. donc, si vous déclarez à la place s'offensés par certaines "attaques calomnieuses" que ceux-ci ne sont pas, la charité chrétienne avait aussi pour nous apprendre comment élever des sommes considérables d'argent pour soutenir nos activités pour le bien de l'Église fondée par le Christ à Pierre, nous vous serions reconnaissants d'être maintenant et pour toujours, fournir une mémoire spéciale pour elle et la Fondation Lépante au cours d'une messe célébrée pour vous - avec pénalité vetus ordo - sur la fête de la Chaire de Saint-Pierre.

____________________________________

après cela

Dr. Paul Deotto, directeur de prélevée Christian, se référant également au révérend Sans nom, Il en a profité pour faire une allusion aux résultats de la loi Basaglia qui a laissé beaucoup lâche avec des problèmes après la fermeture des hôpitaux psychiatriques [voir l'article complet qui]. Dr. Deotto, avec sa prude Vetero democristianese sur la base du dire et ne pas dire - lexique et le style maintenant mort à l'aube des années soixante-dix -, Il semble très sensible à certains problèmes politiques et sociaux, de sorte que nous aimerions l'inviter à considérer également un autre drame, sur lequel vous pouvez écrire quelques perles de sagesse: L'Italie est un pays de plus en plus vieux et avec un nombre de plus en plus élevé problématique personnes âgées, dont beaucoup malheureusement restent coupés de services gériatriques par manque d'ouvertures disponibles, dont elle constitue une partie d'un drame humain, en partie une situation d'urgence qui exige une enquête plus approfondie.

SANTÉ DANS LE RIRE

avatar

À propos de isoladipatmos

28 réflexions sur "Hypatia chat romain répond à Roberto de Mattei

  1. Il me laisse perplexe, en tant que catholique cette défense de Lefevre et la participation à des conférences dans le domaine. Cito ” lire le Motu proprio du pape Jean-Paul II, Ecclesia Dei.
    "4. La racine de cet acte schismatique, on trouve une notion incomplète et contradictoire de la Tradition. ... »
    aussi, la scomunica è stata revocata quella decretale per i vescovi viventi, non per Lefebvre e il suo scisma, per cui è sempre valida quella latae sententiae per l’adesione formale allo scisma: “Nessuno deve ignorare che l’adesione formale allo scisma costituisce una grave offesa a Dio e comporta la scomunica stabilita dal diritto della Chiesa(8)".

    1. Tutto giusto, Vincenzo, solo il termine “schisme” non è corretto 😉 Benedetto XVI lo ha spiegato benissimo anche nella famosa Lettera ai Vescovi del 2009. La FSSPX non è mai stata definita, dai Papi, scismatica. Lo scisma era legato ai 4 Vescovi e non alla Fraternità la quale tuttavia ha ordinato sacerdoti quando i vescovi erano scismatici, ma tolto lo scisma nel 2009 le ordinazioni sono valide ma NON hanno giurisdizioni, di conseguenza non sonoordinati” l'Eglise. La loro posizione è canonicamentedisordinatama non più scismatica. La FSSPX NON è mai stata dichiarata scismatica in quanto fraternità. L’atto scismatico di cui parlava GPII nella ED era relativo alle ordinazioni dei 4 évêques. Benedetto XVI con il suo gesto aveva tentato di aprire un varco, ma non c’è riuscito e non per suo dolo! Molta responsabilità l’hanno avuta alcune frange tradizionaliste di casa nostra e che si guardano bene dall’entrare nella FSSPX perchè non li prenderebbero. Lefebvre consumò lo scisma NON dando vita alla Fraternità, ma per la sola nomina dei 4 évêques.

      1. Cito Cherubino . “La scomunica latae sententiae che colpì mons. Lefebvre non è decaduta e non è da confondere con il decreto ad personam che colpì Lefebvre e i vescovi.
        Facciamo un pò di chiarezza:
        la scomunica latae sententiae colpiva Lefebvre e i vescovi da lui consacrati e quanti formalmente aderiscono alle posizioni di Lefebvre;
        il decreto di scomunica sanciva quanto era già nella scomunica latae sententiae;
        Lefebvre è morto scomunicato e la revoca non lo riguarda;
        la revoca decretata da Benedetto XVI riguarda il decreto precedente e non la scomunica latae sententiae;
        pertanto chi aderisce formalmente agli errori e alle scelte scismatiche di Lefebvre, non riconoscendo l’autorità di tutti i pontefici, prima di tutto quello vivente e “regnante”, non condannando l’ordinazione illegittima dei vescovi e l’esercizio illecito del ministero sacerdotale, non accetta il Magistero integrale che comprende il Concilio Vaticano II è tuttora scomunicato. Ora veda lei se sulla “carta” questi signori che contestano anzi accusano il papa (diversi pontefici) di errori, hérésies, etc.. etc.. e fanno apertamente professione di adesione alle idee di Lefevbre siano cattolici o no

    2. Cher Vincenzo.

      il suo commento è del tutto pertinente, però è vero ciò che le dice sopra la romanaSanta Caterina da Venezia”: la scomunica è legata alla consacrazione dei quattro vescovi senza il mandato della Sede Apostolica ed in disobbedienza alla Sede Apostolica, puis, Marcel Lefebvre, può essere indicato con linguaggio tecnico neppure come eretico ma come eresiarca.

  2. padre Ariel lei ha una penna … “satanique”, in senso puramente figurato, pour la charité! maintenant, rispondere possono anche risponderle, mi domando però in merito a cosa o smentendola su cosa?
    A colpirmi è stato questo alludere senza nominarla, come se lei fosse un emerito sconosciuto, ma quando mai !?. Ha forse dimenticato, l’ironico direttore di Riscossa Cristiana, che invoca per lei la legge Basaglia, che su quel sito, i suoi articoli, erano i più letti e kliccati con centinaia di “J'aime”, e che oggi quelle centinaia di gradimenti sono in pratica assenti su quelli che scrivono le lorofirme di puntaa partire da Gnocchi e dalla Siccardi?
    Je pense que, carissimo padre, che lei non sia un soggetto controllabile, e che l’unico controllo che lei accetta e a cui soggiace, è quello della chiesa e della sua autorità. Non la conosco di persona, ma dai suoi articoli e libri credo, molto modestamente, di avere capito questo.

    1. Su Riscossa Cristiana io leggevo solo gli articoli di padre Ariel e prima quelli del padre Cavalcoli, i quali sono sparitiprima uno, poi un altro … parce que?
      Mistero!
      Ho però notato che l’uscita di queste due penne è coincisa con una svolta marcatamente lefevriana.
      Coincidenze!
      Lunga vita all’Isola di Patmos, qua siete in casa vostra padri carissimi, e nessuno può farvi le pulci.

      Un saluto da un affezionatissimo lettore di Torino

    2. Signora/signorina Manuela, ho 72 âge, ho perso mia moglie da 5, et 5 anni che mi ripeto: nul, come le donne, riesce a leggere e capire noi uomini.

  3. Scusa Ipazia, prima di tutto complimenti per il tuo articolo, si vede che sei la gatta di un teologo. dites-moi, il tuo padrone, père Ariel, viaggia a piede libero o con le guardie del corpo?
    Comunque è una splendida gatta.

  4. Caro Père, mi sono sempre domandato una cosa: come fa Don Ariel a mantenersi così giovanile? il a 20 anni più di me, ma sembra un mio coetaneo! Finalmente leggendo i benefici della risata in fondo al suo ultimo articolo ho scoperto il suo segreto!

    1. Caro Marco,

      Grazie per il sorriso che mi hai regalato, a maggior ragione devodifendermiassicurando che non ho fatto ilpatto col Diavolo”. Come del resto non lo ha fatto Mons. Antonio Livi, che malgrado qualche acciacco, une 78 âge, pare un giovanotto; spero di arrivare alla sua età nelle sue condizioni fisiche, ma soprattutto mentali.

  5. devo dire che la tua gatta scrive bene quanto te, anzi forse (ma uso il forse) ti supera per nobile chiarezza
    e “dolce stil pungente”. Ma si sa, le gatte si muovono sutetti che scottano

    un abbraccio
    stefano

  6. Père Ariel Caro, stavolta devo dire che il testo mi lascia perplesso. Lo dico con dispiacere e con la preoccupazione di essere scambiato per lefebvriano e di beccarmi a mia volta unastilettatadalla sua penna. Perché trasformare questo meraviglioso sito in un’arena dove condurre sterili polemiche? Capisco il primo articolo, ma questo secondo era necessario? Gli altri padri sono d’accordo? Ci lasci la bella immagine di un sacerdote umile ed edificante e non quella falsa di un polemista incattivito. E lasci perdere le persone da lei citate che anche ammesso abbiano torto cercano solo il bene della Chiesa. Con un sinodo in corso dove la relazione intermedia conteneva pericolose aperture alle coppie omosessuali e alla comunione per i risposati pensa d’avvero che le minacce per la Chiesa (il pericolo della apostasia di cui parla la Madonna), provenga dai 4 gatti da lei citati come presunti lefebvriani? Pensa che sia piuretta la coscienza di un De Mattei o di un Forte che stilola citata relatio intermedia? Merci pour votre attention

    1. Cher Joseph.

      Il suo commento è benvenuto e non mi sognerei mai di stilettarla.
      Non voglio allargare la polemica, che reputo chiusa, anche perché il mio dovere, assieme ai due padri più anziani, è quello di edificare il Popolo di Dio con testi di teologia, doctrine, catéchèse, pastoral … non certo con polemiche che, se superano il limite, divengono sterili e fini a se stesse, come io sinceramente penso e come giustamente mi ha fatto presente anche il teologo e confratello anziano Antonio Livi, di cui tengo da sempre in altissima considerazione il parere e soprattutto il consiglio, dato che io ascolto anche e soprattutto gli altri, non certo e non solo me stesso.
      Sul bene della Chiesa bisogna intendersi, perché non credo che il genitore di un drogato, vedendo il figlio contorcersi per le crisi di astinenza, andando dallo spacciatore a comprargli l’eroina faccia il suo bene. En d'autres termes: il bene della Chiesa si ricerca nella Chiesa, con la Chiesa per la Chiesa e dentro la Chiesa, non ponendosi in aperto antagonismo alla Chiesa, alla sua autorità ed al suo magistero.
      Per quanto riguarda il sinodo sulla famiglia, sul quale tra un poscriverò un articolo, io credo che sia opportuno non fare il processo alle intenzioni. Permettez-moi d'expliquer: sono usciti fuori testi di discussioni, proposte e via dicendo, il est vrai … ma tutto questo è irrilevante, con buona pace di chi, applicando criteri politici anzichè ecclesiologici, paventasvolte”, “coup”, “tradimenti della dottrina”, trasformando il tutto in una specie di scoop per Corrispondenza Romana, prélevée Christian, église&Post concilio, etc. …
      E dico irrilevante perché ciò che contano sono le conclusioni e quindi le direttive pastorali; e per adesso non abbiamo avuto né le une né le altre. Ciò che di ufficiale abbiamo, pour l'instant, ils sont 19 minuti di impeccabile discorso conclusivo del Santo Padre dinanzi al quale nessuno può ragionevolmente dissentire, perché è giusto, dottrinalmente corretto e pastoralmente equilibrato. Cosa questa magistralmente spiegata con tutto l’equilibrio e la scienza teologica che gli è propria dal teologo domenicano Giovanni Cavalcoli, che su queste nostre colonne telematiche dedicò alla prolusione conclusiva del Santo Padre un articolo, nel quale troverà anche allegato il filmato del Sommo Pontefice che parla ai Padri sinodali: http://isoladipatmos.com/il-sinodo-dei-vescovi-ed-il-problema-rahner-il-grande-apprendista-stregone/
      Dunque mi dica, questi stracciatori di vesti e paventatori, come il de Mattei, di scismi, su che cose basano le loro opinioni e ipotesi?

      voir le film: https://www.youtube.com/watch?v=kZj0MV-f2Ug

      ces “politique” della Chiesa spaventati, di che cosa stanno a discutere, forse dei processi alle intenzioni o di fantascientifici universi paralleli nei quali tutto può di rigore finire male?
      Io non sono in grado, aussi, di stabilirese è più retta la coscienza di un de Mattei o di un Forte”, perché solo Dio può leggere e giudicare la profondità delle coscienze. Posso dirle solo questo: io ho promesso devota e filiale obbedienza nelle mani del vescovo che mi ha consacrato nel sacro ordine sacerdotale, non nelle mani di Roberto de Mattei od altri laici affini.
      l’Arcivescovo di Chieti-Vasto, Bruno Forte, sotto molti aspetti è la perfetta antitesi del mio sentire teologico, ma è un vescovo, un legittimo successore degli Apostoli al quale io devo il mio più devoto rispetto. De Mattei non è un vescovo e non è un legittimo successore degli Apostoli. donc, pur non condividendo la sua teologia, io tributerò sempre venerazione a Bruno Forte in quanto rivestito della pienezza del sacerdozio apostolico, almeno fino a quando non cadesse in pubblica e conclamata eresia. Non sarò mai, plutôt, dalla parte di de Mattei, che a partire dal Santo Padre per seguire con i Padri sinodali, resta un laico che presume fare le pulci a Pietro ed a tutti i suoi Apostoli, fatta eccezione per uno o due che mostrano ambiguamente di pensarla forse come lui.
      Il tutto glielo dico con spirito puramente cattolico e senza alcuno spirito polemico, perché non ne posso più di questi laici sempre più clericalizzati e di questi chierici sempre più laicizzati.

      Avec l'estime sincère.

  7. Reverendissimo Padre Ariel, riuscirà a capire, il buon Alessandro Gnocchi, partito ormai per la tangente, elle, avec ses mots, e la sua accusa di eresia, gli ha spalancato le braccia per dirgli ti voglio nella chiesa e con la chiesa? Perchè non conta l’abbia capito io, conterebbe invece lo capisse lui.

    1. Caro Fausto.

      Non ho proprio memoria di mio padre, a partire dall’infanzia all’età adultaossia fino all’età di 26 âge, quando lo persiche mi abbia rimproverato con spirito di acredine, o peggio animato da cattivi sentimenti. Tutt’altro riconosco e riscontro, riflettendoci oggi, un profondo spirito di totale bontà nei suoi rimproveri. La stessa identica bontà attraverso la quale io ho dato dell’eretico ad Alessandro Gnocchi, ribadendo che le sue espressioni sono profondamente e gravemente ereticali, ingiustamente e pericolosamente sprezzanti la persona del Santo Padre, che con tutti i suoi limiti e difettiche egli ha e che nessuno negarimane Pietro, la pietra sulla quale Cristo ha edificato la sua Chiesa; quindi questo autore si sta assumendo la gravissima responsabilità, davanti all’Onnipotente, della semina di veleni tra il Popolo di Dio, specie tra i fedeli smarriti e disorientati in cerca di conforto.
      Il sacerdote non è né un sociologo, né un operatore religioso, né un impiegato della “entreprise multinationale” Chiesa Cattolica Apostolica Romana, ma per l’appunto un padre, chiamato all’esercizio responsabile, ed a volte anche gravoso e deciso, di questa sua paternità.
      Gnocchi e le persone che seguono la sua linea sono totalmente auto-referenziali, non ascoltano nessuno, non riconoscono la paternità sacramentale dei sacerdotiad eccezione di quelli che errando la pensano come loronon riconoscono l’autorevolezza dei teologi che nella Chiesa e in perfetta comunione con la Chiesa hanno ricevuto dalla stessa mandato per trasmettere le verità di fede ed il suo Magistero.
      Al momento dubito che abbia capito quello che io ho detto e ciò che lei sottolinea, stando almeno a quanto seguita a scrivere http://www.riscossacristiana.it/gnocchi100215/ a maggior ragione non perdo la speranza e spero che prima o poi capisca e riconosca che l’autorevolezza e l’autorità pastorale della paternità non dipende affatto da tutti quegli accidenti esterni che spesso sono segno di un glorioso passato che per alcuni non deve passare, proprio come spiega in modo a mio parere davvero magistrale il teologo domenicano Giovanni Cavalcoli nel suo ultimo articolo http://isoladipatmos.com/per-un-sano-tradizionalismo/

  8. Don Ariel, ci sono a mio avviso un podi pro e di contro. Certe posizioni “traditionnel” trasudano effettivamente oltre che ad un livore assurdo, una superbia dilagante. E’ da tempo che scrivo in rete, e dovrebbe esser chiaro a chiunque abbia studiato un minimo di dottrina e si professa “traditionnel”, che in una società diseguale com’è la Chiesa, composta da superiori e sudditi, l’obbedienza dei sudditi innanzi a richieste dei superiori, che non ledono i diritti divini o naturali, è un obbligo assoluto anche se fossero ordini ingiustiin quella che a noi sembra ingiustizia difatti, le Seigneur, lavora per i suoi piani e la nostra incauta ribellione potrebbe essere proprio quellintralcio non voluto ai Suoi disegni, e anche se siamo noi i suoi attori nel mondo, la nostra superbia potrebbe essere l’elemento di rottura capace di rovinare tutto. Le scuse normalmente accampate per sottrarsi all’obbedienza, sono generalmente assurde e sono sempre fondate, en fin de compte, sulle proprie opinioni personali anteposte con estrema non chalance al Magistero della Chiesa, cosa che un cattolico non dovrebbe fare mai e poi mai, alla faccia dei paladini della purezza dottrinaleHo dovuto impormi per sostenere l’errore della FSSPX che non aveva motivi nel caso specifico di rifiutare l’accordo di regolarizzazione canonica, visto che affermano la sottomissione al Papa(!)…. mi sono beccato anchio la mia buona dose di improperi e di arrampicamenti “théologique” fai da te, davanti ad un evidenza quasi comicama se una persona ama la dottrina di nostro Signore sa che o la si professa integralmente, o non la si professa affatto. E il sottoscritto, vorrebbe provare ad essere un vero cattolico integrale e non a sprazzi sorvolando i Dogmi a comodo per far spazio ai pensieri personaliquesto non è seguir la Tradizionema è semplice relativismo/modernismo mascherato da Tradizione
    E’ vero però, che seppur davanti all’ostinatezza ingiustificata e a tanti problemi da Lei segnalati, è comunque perlomeno grazie alla FSSPX se oggi abbiamo ancora la Messa in Rito Tridentino e questo credo che sia innegabile
    Dall’altra parte invece abbiamo un soviet di modernisti che sembrerebbero reclamar finalmente vittoria a piè sospintochi marciava ancora con purezza e semplicità nella Scrittura e nella Tradizione senza fanatismi, con grande amore e serenità, totalmente cum ecclesia, è stato colpito duramente da forze indefinibili. Sto parlando chiaramente dei Francescani dell’Immacolata, un santo ordine, commissariato, senza precedenti nella storia, senza motivazioni!…Ma per capirle basta leggere i blog di alcuni dissidenti dell’ordine. Ho letto un loro articolo due giorni fa e sono rimasto scioccato per l’odio e il livore personale che trasudavano da ogni riga, una vera questione di delirante superbia: scioccante..mi creda non scherzo
    Quindi noi fedeli Cattolici Apostolici Romani, che vogliamo professare la nostra Fede integralmente, seguendo il Magistero di sempre, come i Santi e i Dottori della Chiesa ci hanno insegnato, nella sana Tradizione, non siamo messi beneda una parte e dell’altra abbiamo eccessi e relativismi inaccettabili, forze centripete tese alla demolizione del punto di equilibrio, che poi è quello che si cercail demonio chiaramente lavora bene su tutti gli schieramentiChe Dio ci aiutiGrazie Don Ariel un caro saluto.

    1. Caro Ghergon.

      La ringrazio per la sua analisi tanto amabile quanto equilibrata alla quale nulla ho da aggiungere, se non prenderne spunto di seria riflessione.

  9. Che Riscossa Cristiana adotti la censura è un dato di fatto anche per i commenti ai loro articoli. Una volta mi sono permesso di esprimere il mio dissenso ad un loro articolo di grande livore e asprezza contro il Santo Padre, cercando di argomentare la mia posizione. Ora i miei commenti non solo non sono stati pubblicati, ma addirittura non hanno nemmeno ricevuto risposta privata. Una sconcezza da panico.. questa è la loro tradizione: io ho ragione, tutti gli altri hanno torto!!!

  10. Mi unisco ai tanti appelli supplicati nell’intervento di Ghergon che non posso che condividere e aggiungo, Père cher Ariel: aiutateci! pensate davvero alle persone come noi e credeteci, siamo in tanti. Su faceboock ci chiedono testi di apologetica e di catechesi, ci chiedono come devono andare avanti e non è gente che frequenta la Messa antica, ma è gente che alla Messa ordinaria non va più perchè sono stanchi delle messe modernistee non sanno a chi rivolgersi, non sanno cosa fare, anime dimenticate da tutti!
    Quanto alla bellissima e saggia Ipazia che dirle? 🙂 Potremo unire le mie tre: Diva, Yume e Vita insieme a Valery, la gatta della nostra amica Ester e fondare una nuova congregazione di teologhesse sagge 🙂 e sopraffine
    Voltiamo pagina caro Padre Ariel, Gesù attende proclamatori della Parola e Lui solo sa quanto ne abbiamo bisogno tanto da dire che la messe è molta ma i veri operai sono pochi. Lei sarà anche uno di questi pochi, ma la dote per affrontare tutto questo ce l’ha, la spenda bene.
    Dieu vous bénisse, e la Madonna la protegga.
    Ave Maria

    1. Cara Caterina,

      ma ti sei impazzita? Mettere assieme tre gatte, tanto più delle gatte cattoliche come quelle tue, di Ester e la mia? E’ meno pericoloso mettere assieme tre pit bull, cani appartenenti alle razzesocialmente pericolose”.

  11. R.mo Padre mi trovo in accordo con i suoi scritti, magari non sempre nella forma, ma nella sostanza si.
    La devo inoltre ringraziare per aver messo (indirettamente) in discussione il mio modo di pensare. Spesso mi sono ritrovato con la testa piena di idee tradizionaliste, che ormai ho
    capito essere diverse da tradizione, in cui il Papa era l’oggetto dei miei attacchi (alle frasi poi estrapolate), senza mai ricordarmi delle parole di Cristo “Tu es Pierre et sur cette pierre je bâtirai mon Eglise”.
    Ora poi posso dire di aver capito bene cos’è il mondo tradizionalista: un mondo chiuso, fatto di gente che se la fa e se la ride e dove il dissenso non è permesso, soprattutto non è permesso sulle cose opinabili e contingenti. Il dissenso dalle loro idee, si intende. Mentre è permesso, anzi è d’obbligo il dissenso alla Chiesa.
    Gli ultimi esempi sono gli attacchi alla persona di Adinolfi, facendo beceramente leva sulla sua condizione di divorziato risposato (come se loro fossero senza scheletri nell’armadio) e adesso a Francesco Agnoli, reo di non pensarla più come loro (http://www.riscossacristiana.it/balilla-crociati…/).
    Quindi mi sento di ringraziarla di cuore.
    Ave Maria!

    1. Caro Gianluca.

      Spesso mi sono sentito ripetere che è un mondo, quello cosiddetto “traditionaliste”, dove ci sono anche ottime persone, mosse da sincera buona fede. Sfugge però il fattocosa che io ritengo di poter invece affermare con l’esperienza del confessore, del direttore spirituale e del pastore in cura d’animeche molte di queste ottime persone, proprio perché animate da questi corretti sentimenti, se ne allontanano per i motivi del tutto veri che lei ha indicato.
      Fare una affermazione come questa mia, comporta nella migliore delle ipotesi finire accusati di generalizzazioni ingenerose. E dinanzi a queste repliche, ecco che vorrei sinceramente capire, facendo in tal senso un esempio: dans 2011, dans mon livre (Et Satan vint trinitaire), spiegai che molti seminari diocesani e noviziati religiosi erano ormai a tal punto inquinati, che se vi entravano ottimi elementi, presto si trovavano nella condizione di uscirne, tous, souvent, nella totale impotenza delle autorità ecclesiastiche e religiose che parevano quasi difendere la gramigna anziché il buon grano; e di tutto questo spiegano i motivi. Questo è stato il risultato: nel corso degli anni c’è stato un vero e proprio esercito di vescovi che dinanzi a quelle analisi mi hanno dato non una ma mille ragioni, alle quali ho più volte risposto: “bien, allora intervenite!”.
      Se lo stesso criterio analitico viene però applicato al mondo dei cosiddetti “traditionalistes”, a quel punto si scatenano tuoni e fulmini … “ici, tu generalizzi, non tieni in considerazione le tante buone e brave persone”.
      Io tengo in considerazione che da un albero marcio non possono nascere rami e frutti sani, ed ho motivo di ritenere che il lefebvrismo nasce in sé e di per sé marcio, vale a dire da un intollerabile e inaccettabile atto di ribellione all’autorità di Pietro e ad un intero concilio ecumenico. Detto questo mi si spieghi, con queste innegabili premesse, quali frutti sani dovrebbero nascere, forse la salvaguardia del santissimo rito della santissima Messa di San Pio V?
      bien, ma a quale prezzo, è stata pagata la salvaguardia di un patrimonio liturgico che andavasono il primo a dirlotutelato, salvaguardato e non perduto?

  12. caro padre, lei scrive: “Il Reverendo Innominato è quindi un sacerdote che di fronte al Popolo di Dio è investito di quella grave responsabilità che lei e la Signora Siccardi non avete né per grazia di stato sacramentale né per sacro ministero, à savoir l'obligation morale de dire aux fidèles ce qui est juste et ce qui est faux”.
    Dio la benedica solo per questa sua frase!! Con essa ribadisce il ruolo dei preti e dei teologi ed il ruolo dei laici e degli studiosi di varie materie.
    Non è la prima volta che, nei suoi articoli, lei ribadisce la figura del sacerdote, que, si nécessaire, è anche una figura di autorità, e lo è persacramento di grazia” e, come lei dice permandatoricevuto dalla Chiesa.
    Parole sante!!
    Questa gente, come alcuni gruppi di neocatecumenali (siamo tutti sacerdoti!) che io ho conosciuto in passato, paiono non aver proprio chiara la figura del sacerdote.
    Bene ha scritto, un certo “Orion – 30 janvier 2015, 10:50”, in un precedente articolo, quello dove lei è stato coperto di insulti (All’irrazionalismo intollerante degli islamici l’Occidente oppone soltanto l’irrazionalismo tollerante degli atei) : “ai tempi di san Pio X alla Siccardi non sarebbe stato concesso di aprir bocca neppure per cantare nel coro parrocchiale, figurarsi di aprir bocca per pontificare su questioni ecclesiastiche? Volete fare davvero i tradizionalisti duri e puri? Benissimo, allora cominciate a dire alla Siccardi di smetterla di occuparsi di cose di Chiesa, dacché come dice l’Apostolo “mulier taceat in Ecclesia“ “.
    Non dico che, le donne, debbano tacere, come lo si intenderebbe oggi, forse neppure san Paolo intendeva questo ma altro, che un signor laico, mais, taccia sprezzante il nome di un sacerdote, “per carità cristiana”, è qualificante del prof. De Mattei e di tutta la sua cupa cordata di tristi intristiti.
    Merci encore père!

    1. La mia ovviamente era una provocazione 🙂
      Uno dei grossi problemi della Chiesa di oggi sta proprio nel fatto che c’è una grossa confusione tra clero e laicato: abbiamo chierici che si sono laicizzati, e laici che si sono chiericizzati.

  13. Non mi sembra così strano che in una situazione di grande confusione (perché questo è il dato di fondo) ci sia chi pensa di risolvere qualcosa negando tutto quello che la Chiesa ha detto e fatto negli ultimi cinquant’anni. E’ una posizione speculare e complementare a quella secondo cui la soluzione a portata di mano sta nelle donne prete, nell’introdurre il divorzio e il matrimonio gay cattolici, nel dare tutto il potere ai sovietehm, consigli pastorali e sinodi diocesani. Non è nemmeno raro che le persone si spostino all’interno di questi due poli senza passare per il centro. Nelle epoche di difficoltà gli esseri umani sono purtroppo portati a cercare il colpo di bacchetta magica che rimetta magicamente tutto a posto. E’ un’illusione, sûrement, ma non tocca a voi, preti e vescovi, eliminare questa confusione che espone i laici alla tentazione di cercarsi da soli la loro ricettina?

  14. Don Ariel,
    mi sono imbattuto in questo discorso di De Mattei del 2005 che credo spieghi bene il suo pensiero riguardo gli atei “bon” e gli atei “mauvais”. Il succo è il seguente:

    Una sincera ed efficace collaborazione in cui i cattolici antiprogressisti abbiano il coraggio di professarsi antiliberali, e i liberali antiprogressisti abbiano il coraggio di collaborare con i cattolici antiliberali che ad essi tendano la mano. E’ già accaduto nella storia con il Patto Gentiloni, […] I liberali antiprogressisti che non hanno paura di guardare il nemico e chiamarlo per nome, che hanno il coraggio di dire molto chiaro e forte quello che molti europei e italiani pensano, infrangendo la cappa del conformismo politicamente corretto. Essi non hanno timore di suscitare le ire del mondo politico e culturale da cui provengono. Questi laici ci indicano la strada della fortezza, dobbiamo fornire loro la virtù cristiana e teologale della speranza, la fiducia che con l’aiuto soprannaturale della grazia e con una grande teologia della storia alle spalle, le radici cristiane dell’Europa e dell’Occidente porteranno invincibilmente nel nostro tempo i loro straordinari frutti di civiltà

Laisser un commentaire

Votre adresse email ne sera pas publiée. les champs requis sont indiqués *

 caractères restants

Ce site utilise Akismet pour réduire le spam. Découvrez comment vos données de commentaire est traité.