Il Sinodo dei Vescovi ed il problema Rahner: il grandeapprendista stregone

IL SINODO E IL PROBLEMA KARL RAHNER: IL GRANDEAPPRENDISTA STREGONE

 

Nella sua prolusione finale al Sinodo dei Vescovi il Santo Padre propone come retta via da seguire una via media, che sintetizza e unisce armoniosamente i valori contenuti nelle due fazioni, innaturalmente da esse separati e contrapposti

centro televisivo vaticano

per aprire il video cliccare sopra sull’immagine del CTV

Auteur John Cavalcoli OP

auteur
Giovanni Cavalcoli OP

 

 

Papa parla al sinodo
Intervento del Santo Padre al Sinodo

È notevole che nel commentare il clima delle discussioni al sinodo in un recente discorso il Santo Padre abbia avuto parole rassicuranti contro eccessivi allarmismi, accennando all’inizio della sua prolusione, come a cosa normale in queste circostanze ed anzi con tono di lode, al confronto in atto delle idee e a certi legittimi contrasti di vedute, di proposte e di opinioni.

papa serio
Il Santo Padre Francesco

Nel prosieguo del discorso il tono del Sommo Pontefice è passato dall’iniziale bonomia ad una ammonitrice serietà, mostrando che se certi contrasti possono essere normali e costruttivi, autre, più profondi, che toccano la dottrina e la morale, la pace e l’unità della Chiesa e l’obbedienza al Papa, non possono essere approvati e devono essere tolti per imboccare una via veramente cattolica e comune, pur nella diversità e nella pluralità delle opinioni e delle legittime scelte pastorali, ma nella luce di Cristo e nel rispetto del magistero della Chiesa. Il Santo Padre Francesco ha prima elencato le vie da non seguire e poi, finalement, ha indicato la strada giusta.

papa discorso 2
Il Santo Padre durante una sua prolusione

Le vie sbagliate sembrano ridursi a due, ciascuna con una molteplicità di aspetti, que, a ben vedere, costituiscono nell’insieme una scelta unilaterale, potremmo dire parziale, ideologica ed estremista, di un lato della verità contro l’altro, anziché accordarlo e temperarlo con l’altro in una saggia e doverosa sintesi, che colga la totalità del vero e del bene, sicchè l’un lato, isolato, assolutizzato e contrapposto all’altro, diventa esso stesso falso e distruttivo, e quella che dovrebbe essere equilibrata complementarità reciproca, diventa ostilità ed esclusione reciproca.

Cristo con mano sul volto
Immagine del Cristo con la mano sul volto

Non è difficile riconoscere nella descrizione del Santo Padre due partiti che soprattutto dal periodo dell’immediato postconcilio si contendono in modo accanito, presuntuoso ed ostinato un privilegio che in realtà a loro non spetta, ma spetta solo al Successore di Pietro, ossia quello di rappresentare supremamente e in esclusiva la vera fede, il vero cattolicesimo e la vera Chiesa.
L’opposizione tra questi due partiti si può rappresentare molto semplicemente come contrasto tra i troppo indulgenti e i troppo esigenti. Il Papa usa un’immagine evangelica estremamente efficace: la tentazione di trasformare la pietra in pane per rompere un digiuno lungo, pesante e dolente [cf. Lc 4,1-4] e anche di trasformare il pane in pietra e scagliarla contro i peccatori, i deboli e i malati [cf. Gv 8,7] cioè di trasformarlo infardelli insopportabili” [Lc 10, 27].

caramelle
un cuore colmodi caramelle

Da una parte ecco quindi “La tentazione del buonismo distruttivo”, che a nome di una misericordia ingannatrice fascia le ferite senza prima curarle e medicarle; che tratta i sintomi e non le cause e le radici. È la tentazione deibuonisti”, dei timorosi e anche dei cosiddettiprogressisti e liberalisti”. La tentazione di scendere dalla croce, per accontentare la gente, e non rimanerci, per compiere la volontà del Padre; di piegarsi allo spirito mondano invece di purificarlo e piegarlo allo Spirito di Dio. … La tentazione di trascurare il le dépôt de la foi, considerandosi non custodi ma proprietari e padroni”. E’ chiara l’allusione ai modernisti e ai rahneriani.

chiusura
La verità non può essere un vecchio portone arrugginito sbarrato

autre, “la tentazione dell’irrigidimento ostile, cioè il voler chiudersi dentro lo scritto, la lettera, non lasciarsi sorprendere da Dio, dal Dio delle sorprese, lo spirito; dentro la legge, dentro la certezza di ciò che conosciamo e non di ciò che dobbiamo ancora imparare e raggiungere. Dal tempo di Gesù, è la tentazione degli zelanti, degli scrupolosi, dei premurosi e dei cosiddetti — oggi — traditionalistes e anche degli intellettualisti. La tentazione di trascurare la realtà utilizzando una lingua minuziosa e un linguaggio di levigatura per dire tante cose e non dire niente! Li chiamavano bizantinismi, credo, queste cose…”. È invece qui evidente il riferimento a Monsignor Lefèbvre ed ai suoi seguaci.

via di mezzo
Quella sanavia di mezzo”, che non è compromesso ma equilibrio

Il Santo Padre propone come retta via da seguire una via media, che sintetizza e unisce armoniosamente i valori contenuti nelle due fazioni, innaturalmente da esse separati e contrapposti, escludendo gli estremismi: Tradizione e Scrittura, continuità e progresso, conservazione del necessario: ciò che permane, e mutamento nel contingente: ciò che passa; misericordia e giustizia, fermezza e flessibilità, unità e pluralismo, apertura al nuovo, e fedeltà alla propria identità, dottrina e pastorale, libertà e obbedienza, storicità dell’uomo e immutabilità del dogma.

l apprendista stregone
Locandina del film L’apprendista stregone

La linea che sta maturando tra i padri sinodali, si può dire dunque che è, come ci si poteva attendere, la conferma della dottrina tradizionale ed immutabile del Vangelo e della Chiesa, che certamente troverà conferma a suo tempo nelle parole del Santo Padre, anche se possiamo immaginare o sperare che la Chiesa troverà applicazioni nuove della legge in conformità alle esigenze, alle prospettive ed ai bisogni delle famiglie del nostro tempo.
Dalle osservazioni critiche del Papa non si può tuttavia non prender atto o non accorgersi dell’esistenza al sinodo di un’oscura ombra di ostilità alle luminose prospettive evangeliche emergenti, che sono oggetto delle annotazioni e dell’incoraggiamento del Papa. Si tratta, a mio giudizio, della suggestione tenebrosa, fascinatrice e sinistra del rahnerismo, che ormai da cinquant’anni si aggira nella Chiesa, ammorbandone ormai sottilmente e insidiosamente l’atmosfera, uno specie di smog che rende l’aria malsana.

karl Rahner fuma
Il teologo gesuita Karl Rahner s.j.

Il rahnerismo è un problema tuttora irrisolto, nonostante le reiterate segnalazioni di illustri e saggi pastori e studiosi, tra i quali diversi cardinali, nel corso di questi cinquant’anni. Le prove delle eresie di Rahner, la grande apprendista stregone, emerse in questo lungo periodo di indagini, sono da tempo pubblicamente accessibili ad una verifica o sguardo obbiettivi e spassionati.
Per questo non si capisce per quale motivo debba perdurare una fama immeritata, che fa solo del danno alla Chiesa, ed ha riflessi disastrosi nel campo della morale, della pastorale e del costume cattolici. Questa fama ha tutto l’aspetto di una fama non autentica, ossia basata su di una vera scienza, ma costruita artificiosamente da oscuri poteri forti, i quali lavorano obbiettivamente per la distruzione della Chiesa.
Un segno conturbante di ciò è dato dalle idee che si stanno affacciando tra i padri sinodali, idee giustamente riprovate dal Papa, e che erano già state criticate dall’ormai famoso gruppo di cardinali, che di recente hanno pubblicato un libro: Permanere nella verità di Cristo [voir qui] dans lequel, professando la loro fedeltà al Magistero della Chiesa, hanno ricordato i valori fondamentali ed irrinunciabili della famiglia, manifestando la convinzione che la Chiesa, applicando giustizia e misericordia, debba mantenere l’attuale disciplina concernente il trattamento delle posizioni irregolari.

Karl Rahner fuma 2
il padre Karl Rahner s.j.

L’ostacolo tuttora persistente alla soluzione del problema Rahner sono il pregiudizio e la grave illusione, duri a morire, che Rahner sia stato un genio teologico ben superiore a Saint Thomas d'Aquin, un audace esploratore delle profondità del mistero cristiano e quindi lo scopritore di una teologia molto più avanzata, conforme allo spirito del Concilio Vaticano II, teologia che avrebbe elaborato una nuova visione della fede, del cattolicesimo e della Chiesa, adatta alla cultura moderna, utilizzando le risorse della filosofia moderna da Cartesio ad Heidegger. cependant, ad onor del vero, non è troppo difficile, per chi conosce la storia della teologia, riconoscere negli immani progetti ed impresa rahneriani, atti ad impressionare gli ingenui con una produzione pubblicistica prodigiosa, che tocca tutti gli aspetti della vita cristiana, una gigantesca quanto astuta ed impudente riproposizione del modernismo già a suo tempo condannato da San Pio X.

Karl Rahner 3
il padre Karl Rahner s.j.

Occorre altresì avvertire che per riconoscere le eresie di Rahner, bisogna evidentemente innanzitutto partire da un quadro di valutazione a sua volta libero dal rahnerismo, cosa oggi purtroppo rara, dato che ormai Rahner quasi dappertutto si è acquistato la fama del grande se non unico ed indiscusso maestro del nostro tempo. Criticare Rahner a molti sembra espressione di una mente gretta, invidiosa, chiusa e superata, quasi da non prendere neanche in considerazione. Ad altri sembra cosa scandalosa, intollerabile e quasi sacrilega, meritevole o di disprezzo o di severi provvedimenti.

Si accusano i critici di Rahner di ignoranza, mentre i veri ignoranti sono i rahneriani, che non si son presi la briga di affrontare personalmente i suoi difficili testi, e magari parlano di Rahner per sentito dire o hanno leggiucchiato qualche sua pia elevazione mistica in un’antologia di spiritualità o una di quelle presentazioni divulgative della teologia moderna, tanto superficiali quanto ingenuamente buoniste. Chi invece come il sottoscritto ha letto tutte le opere di Rahner nel corso di 30 anni di studi e consultazioni con esperti, conosce bene l’astuzia di quest’uomo che sempre abilmente mescola il vero col falso e propina il dolce veleno non tutto in una volta in una sola opera — lo si scoprirebbe subito! -, ma a piccole dosi sparse in vari libri, per cui è solo collegandoli tra di loro che si ha il quadro vero e completo dell’impostura, un po’ come nelle indagini giudiziarie il solerte inquirente entra in possesso delle prove solo mettendo ordinatamente insieme gli sparsi dettagli, que, presi singolarmente, sembrerebbero insignificanti.

Cop_IlConcilioTradito
L’opera di Giovanni Cavalcoli sul Karl Rahner, frutto di un trentennio di lavoro scientifico: Karl Rahner il Concilio tradito

Per capire dunque Rahner, è chiaro allora che non basta il fatto materiale d’averlo letto per trent’anni, se poi si procede con parzialità, fanatica soggezione o con gli occhi foderati di prosciutto. Anche molti suoi seguaci hanno speso una vita attorno al loro nume tutelare. Per capire chi è Rahner occorrono le seguenti condizioni morali e teoretiche: amore esclusivo e disinteressato per la verità, rettitudine di intenzione, modestia nel formulare ipotesi interpretative, accoglienza degli aspetti positivi, onestà, prudenza ed umiltà intellettuali, interesse per la salvezza delle anime, possesso di una buona filosofia e teologia (S.Tommaso d’Aquino e la sua scuola) ed assoluto rispetto per il magistero della Chiesa.
A costo di passare per un papalino, oso asserire che l’ultima condizione è quella decisiva e che riassume tutte le altre. E’ qui infatti che casca l’asino rahneriano, per quanto i rahneriani vogliano dare ad intendere, arrampicandosi sugli specchi, che il loro beniamino riflette gli insegnamenti della Chiesa e del Concilio Vaticano II.

Bishop Bernard Fellay
Mgr Bernard Fellay, superiore generale della Fraternità Sacerdotale di San Pio X fondata dal Vescovo Marcel Lefebvre

Non c’è peraltro da fidarsi della critica a Rahner fatta dai lefevriani, sia perchè non sanno riconoscere i lati buoni del teologo e sia perchè, se essi individuano qualche sua eresia, accusano poi di eresia il Concilio, dando così prova di avere gravemente frainteso, in quanto secondo loro il Concilio risentirebbe delle eresie di Rahner.
Il fatto è che i rahneriani più franchi e spavaldi, che sanno che è insostenibile la tesi della fedeltà di Rahner al magistero, quindi non hanno scrupolo di seguire lo stile del loro maestro che con sfacciata impudenza e tono minaccioso, simili a quelli di Lutero, accusa la Chiesa, anche quella conciliare, di essere arretrata e le intìma di aggiornarsi e di accogliere alla buon’ora la sua teologia, se non vuole restare ai margini dell’evoluzione storica del progresso umano.

karl rahner 4
Rahner può all’occorrenza emergere come ombra sinistra

Dalle relazioni ufficiali e dai commenti autorevoli, che ci giungono su quanto si sta dicendo al sinodo e dalle stesse parole succitate del Papa, è evidente che tra i padri sinodali sta facendo capolino l’ombra sinistra di Rahner, con la sua caratteristica visione dell’uomo e della morale: ogni uomo è in grazia di Dio, tende a Dio, è in comunione con Dio, quindi è buono e si salva. Dio fa misericordia a tutti e non punisce nessuno. Il peccato, come singolo atto categoriale e particolare non ha importanza, perchè comunque è annullato dalla immancabile presenza della grazia — simul iustus et peccator — ed in tutti esiste l’opzione fondamentale per Dio almeno atematica e trascendentale. Gli atti umani particolari o i concetti dogmatici sono cose incerte, mutevoli e relative, che non hanno importanza. L’importante è l’esperienza preconcettuale di fede — l’ “incontro con Cristo” -, che tutti hanno, anche i non-cattolici e gli atei.

Quindi non si tratta di condannare errori o peccati, ma semplicemente di promuovere il positivo che c’è in tutti (“principio di gradualità”). La distinzione tra unioni di coppia lecite o illecite, regolari o irregolari non ha importanza. Il fatto è che tutti siamo ugualmente in cammino verso Dio, lo sappiamo o non lo sappiamo (“cristianesimo anonimo”). Non esiste un contrario o un proibito, ma solo il diverso, che dunque va rispettato; non si deve quindi condannare come male o falso ciò che è semplicemente diverso.

Non dobbiamo dubitare che il Papa segua questo movimento di idee e al momento giusto le correggerà, come già ha iniziato a fare. Ma resta sempre il problema di fondo che, finchè non sarà risolto, il male e il disagio risorgeranno sempre per tutta la Chiesa, come un cibo non digerito che rimane nello stomaco. Finchè non viene espulso, il tormento rimane.

fontanellato, 22 octobre 2014

Madonna di fontanellato

Clicca sotto per ascoltare un canto mariano della tradizione popolare

      Andrò a vederla

Laisser un commentaire