Le mystère de la joie: « Il est monté au ciel;, assis à la droite du Père "

Le dell'omiletica angle des Pères de l'île de Patmos

LE MYSTÈRE DE LA JOIE: «ET ASCÉNDIT IN CÆLUM, SEDET AD DÉXTERAM PATRIS »

.

L’Ascensione è dunque la festa liturgica di chi sceglie la speranza come faro della propria vita. Contrairement à un pessimisme, typique de notre temps, dopo che le grandi ideologie sono cadute, l'espoir de l'Ascension nous aide à vivre jour par la foi de jour. E l’effetto più evidente di chi è speranzoso nel nome di Gesù, Il est la joie. Pas un faux masque de bonheur, placée face à l'air heureux quand le cœur est dans l'obscurité à la place. Non, l'espoir est la vraie joie de ceux qui ont rencontré Jésus ressuscité, puis est monté.

.

.

auteur:
Gabriele Giordano M. Scardocci, o.p..

.

Format PDF Imprimer l'article
.

.

.

Chers frères et sœurs,

Salvador Dalì: Ascensione del Cristo [1958]

Con la proclamazione del Vangelo del Beato Evangelista Luca [cf. 24, 46-53] Celebriamo oggi l’ascensione al cielo del Cristo Risorto [voir Liturgie de la Parole, QUI].

.

Nell’omiletica, per illustrare i quadri delle Sacre Scritture a volte mi richiamo a opere cinematografiche interessanti

.

… Qualche anno fa uscì al cinema un bel film intitolato La Teoria del Tutto. Il film narrava la vita del fisico Stephen Hawking, scienziato tetraplegico e delle sue teorie sull’origine dell’universo. Nonostante le sue condizioni fisiche terribilmente debilitate, Hawking non perse mai la voglia di vivere e di ricercare. Alla fine del film, lo stesso scienziato afferma:

.

«Per quanto possa sembrare brutta la vita c’è sempre qualcosa che uno può fare e con successo. Perché finché c’è vita, c’è speranza».

.

Questo esempio introduce il tema delle letture della Santa Messa di Ascensione che oggi celebriamo insieme. L’Ascensione è il momento del ritorno di Gesù, Fils de Dieu, all’Eterno Padre, anch’Egli Dio. Nel momento stesso in cui Gesù ascende ed è elevato in alto, lascia un messaggio importante ai suoi discepoli. Negli Atti degli Apostoli:

.

«Riceverete la forza dallo Spirito Santo che scenderà su di voi, e di me sarete testimoni a Gerusalemme, in tutta la Giudea e la Samarìa e fino ai confini della terra» [À 1,8].

.

Questo è il nucleo centrale dell’Ascensione: la chiamata di Dio a diventare suoi testimoni, le grec μᾰρτῠρος [marturos: martyr, testimone]. È una chiamata a testimoniare Gesù e la sua persona fino ai confini della terra. tous, rapportandolo a noi, costituisce la chiamata a testimoniare Gesù in ogni luogo che frequentiamo, in famiglia, sul posto di lavoro, avec des amis, ou même pendant des moments de détente.

.

La Lettre aux Hébreux clarifie ce que signifie être témoins:

.

« Tenons-nous inébranlablement à l'espoir que nous professons » [Eb 10, 23].

.

L’Ascensione puis est le moment où Jésus quitte le mandat de poursuivre sa mission visible aux apôtres et disciples, Par conséquent, l'Eglise. Dans ce terme, nous revenons nous aussi. Notre espoir est non seulement l'homme, mais surtout l'espoir ultramundane: Il se nourrit un sentiment de confiance de l'attente d'être pour l'éternité avec le Seigneur dans le ciel. Questa attesa risponde alle domande di senso più profonde e offre dunque una risposta esistenziale. en fait, è un’attesa costruita a partire proprio dall’essere testimoni attivi del grande amore che potremo vivere alla fine dei secoli.

.

Su questo essere testimoni di speranza di vita eterna, Gesù ne parla anche nel Vangelo quando ribadisce

.

«Il Cristo patirà e risorgerà dai morti il terzo giorno. […] Di questo voi siete testimoni”» [Lc 24, 46]

.

L’Ascensione è dunque la festa liturgica di chi sceglie la speranza come faro della propria vita. Contrairement à un pessimisme, typique de notre temps, dopo che le grandi ideologie sono cadute, l'espoir de l'Ascension nous aide à vivre jour par la foi de jour. E l’effetto più evidente di chi è speranzoso nel nome di Gesù, Il est la joie. Pas un faux masque de bonheur, placée face à l'air heureux quand le cœur est dans l'obscurité à la place. Non, l'espoir est la vraie joie de ceux qui ont rencontré Jésus ressuscité, puis est monté.

.

La gioia di un incontro che è avvenuto per noi, chaque fois que nous rencontrons Jésus dans les sacrements. Dans cette Eucharistie, Jésus vient nous rencontrer, notre âme qui habite. il suo abitare in noi ha come scopo permetterci già adesso di elevarci con Lui, tramite lo sguardo della fede. Con quello sguardo dall’alto, è possibile gustare ogni giorno della nostra vita in Cristo, vivendo in pienezza e bontà.

.

Chiediamo al Signore il dono di essere testimoni della speranza, alimentando quel sentimento di elevazione al cielo e raggiungere colui che è Sposo Eterno della nostra anima.

Ainsi soit-il.

.

Roma, 2 juin 2019

.

.

.

.

.

.
«Vous connaîtrez la vérité et la vérité vous affranchira» [Gv 8,32],
mais apporter, répandre et défendre la vérité non seulement
les risques, mais aussi les coûts. Aidez-nous à soutenir cette île
avec vos offres via le système sécurisé Paypal:

PayPal - La méthode rapide, de manière fiable et innovante de payer et d'être payé.
ou vous pouvez utiliser le compte bancaire:
Ils étaient IT 08 J 02008 32974 001436620930
dans ce cas, nous envoyer un avertissement par courriel, parce que la banque
Il ne fournit pas votre e-mail et nous ne pouvions pas vous envoyer une
action de grâces [ isoladipatmos@gmail.com ]

.

.

Le blog personnel des Pères de l'île de Patmos

club théologique

le blog Père Gabriele

.

.

.

avatar

À propos de isoladipatmos

2 réflexions sur "Le mystère de la joie: « Il est monté au ciel;, assis à la droite du Père "

  1. La sua riflessione mi fa pensare a quella ragazza olandese di 17 anni che ha perso ogni speranza e ha scelto di morire praticando il suicidio assistito. Disillusa, depressa, vittima di un mondo che non le dato le risposte esistenziali di cui ogni anima sofferente ha disperato bisogno. La speranza cristiana è proprio ciò che ho pensato leggendo la sua storia. Portare Cristo ovunque deve essere la nostra missione di vita perché solo lui salva le nostre anime e solo lui ogni dolore ha un senso

  2. Domenica scorsa, nella parrocchia da me abitualmente frequentata, il sacerdote celebrante, che è parroco, ripetendosi rispetto agli ultimi anni, incurante dei testi sacri degli Atti degli Apostoli e del Vangelo di Luca che presentano il fatto dell’Ascensione del Signore Gesù così come è stato attestato dai testimoni oculari, Apostoli e Discepolicioè che essi hanno avuto chiara la percezione sensibile del movimento ascensionale di tutta la figura del Redentore che saliva verso il cieloha negato questa esperienza e l’ha presentata dicendo che Gesù non si è staccato da terra, ma è semplicemente scomparso dalla loro vista, aussi bien que – Je pourrais ajouter – possiamo leggere nell’episodio dei discepoli di Emmaus. Io ho dato al parroco il testo di una catechesi di Giovanni Paolo II sull’Ascensione, tenuta nel 1989, in cui viene ribadita la verità dei testi sacri, cioè che i testimoni oculari hanno trasmesso quel che hanno visto: lo stacco da terra di Gesù che ascende verso il cielo, segno di un altro Cielo, quello della glorificazione in Dio Padre.

Laisser un commentaire

Votre adresse email ne sera pas publiée. les champs requis sont indiqués *

 caractères restants

Ce site utilise Akismet pour réduire le spam. Découvrez comment vos données de commentaire est traité.