"Open Church" (treizième épisode) - Pour des raisons de sécurité, les célébrations ont été suspendues, mais l'Eglise n'a jamais suspendu la charité

- les Pères de l'île près Patmos aux fidèles dans cette quarantaine -

« Eglise ouverte» (treizième épisode) - PER MOTIVI DI SICUREZZA SONO STATE SOSPESE LE CELEBRAZIONI MA LA CHIESA NON HA MAI SOSPESA LA CARITÀ

.

Nous offrons à nos lecteurs cette précieuse nouvelle vidéo de notre frère estimé John Zanchi, prêtre du diocèse d'Arezzo, de sorte qu'il peut aussi servir d'antidote efficace et sage à tous ceux qui, malheureusement,, à cette époque de crise et d'urgence extraordinaire, Ils ont rien de mieux à faire que d'argumenter, souvent dans le ton dur et agressif, contre les décisions prises par nos évêques pour des raisons de sécurité pour protéger la santé publique: suspendre les célébrations sacrées et dans de nombreux cas fermer les églises. Rappelons que l'Eglise, lors des crises et des situations d'urgence, Il n'a jamais été enregistré par la controverse de ceux qui se tiennent à tous les temps les plus fidèles parmi les fidèles ou à la plus pure du pur, mais l'unité. Quelqu'un a écrit ces jours-ci que « les évêques se suicident l'Eglise italienne ». Malheureusement, il ne comprenait rien de l'essence de la foi catholique: l'Eglise “Si le suicide” attaquant les évêques, suivez plutôt les et les soutenir dans un moment d'épreuve si sévère.

.

.

.

.

VIDEO PRISE DE VUE ET MONTAGE PAR L'EMETTEUR TELESANDOMENICO (AREZZO)

.

.

.

TEXTE DE LA VIDEO

.

Les textes du Père John Zanchi, directeur du Centre pastoral Culte Divin du diocèse catholique d'Arezzo-Cortona-Sansepolcro, Ils ne sont pas conçus comme des articles mais en tant que textes audio-narratifs. Nous avons procédé à retranscrire le texte audio pour nos lecteurs.

.

John Zanchi

Benvenuti alla XIII puntata di Eglise ouverte!

Il filmato appena visto è testimonianza della Eglise ouverte anche in tempo di pandemia e che non si accontenta di tenere aperte solo le chiese di pietra e mattoni, ma si inventa mille modi per restare vicina alla nostra gente.

.

In questa umile rubrica televisiva ho già segnalato alcune di tali forme emergenziali di presenza ecclesiale, sia per quanto riguarda la Liturgia, sia per la catechesi. Stavolta segnalo alla vostra attenzione l’impegno caritativo della Chiesa italiana, impegno già molteplice e diffuso in tempi normali e continuato anche durante questa calamità. Accenno a questo argomento perché con rammarico constato che i mezzi di comunicazione di massa, specialmente le televisioni nazionali, non mettono in rilievo l’attuale impegno caritativo dei cattolici.

.

I notiziari delle grandi reti televisive ogni giorno preferiscono evidenziare i balletti e le canzonette diffusi a titolo di consolazione e incoraggiamento dai nomi più o meno noti del mondo dello spettacolo, piuttosto che le belle storie di carità germogliate all’ombra delle chiese rimaste aperte; come se in quest’ora tragica dovessimo attingere speranza e conforto dalla distrazione del divertimento di massa, invece che dall’impegno nella solidarietà che ha nella carità cristiana il suo fondamento di senso e il suo culmine operativo!

.

Per raccontare l’attuale attività caritativa dei cattolici italiani ci sarebbe solo l’imbarazzo della scelta e la durata giornaliera di questa rubrica non lo permette. le reste, chi vuole informarsi sull’attuale e fuori dell’ordinario impegno caritativo dei cattolici italiani può tenersi aggiornato tramite internet e particolarmente sul portale intitolato Chi ci separerà edito dalla Conferenza Episcopale Italiana. Mi limito in questa sede a fare alcune sottolineature.

.

Prima sottolineatura: durante la pandemia i nostri vescovi hanno sospeso le Liturgie con il popolo, ma nelle chiese rimaste aperte i sacerdoti continuano a celebrare la Santa Messa e i fedeli possono pregare singolarmente. De même, durante la pandemia i servizi caritativi offerti dai cattolici italiani continuano a svolgersi, anche se con modalità diverse e prudenziali; dans la mesure du possible, nessuno è stato abbandonato e anzi sono nate nuove forme di esercizio della carità verso i bisognosi e la Chiesa italiana ha già destinato milioni di euro dai proventi dell’8xmille per sostenere la popolazione in difficoltà. donc, come continua la Liturgia, così continua la carità e non potrebbe essere altrimenti, considerati gli stretti legami intercorrenti fra Liturgia e carità. La Liturgia infatti è «il apogée verso cui tende l’azione della Chiesa e, à la fois, la source da cui promana tutta la sua energia» (Sacrosanctum Concilium 10); assimilati a Cristo mediante l’azione liturgica, i cristiani si spendono in «tutte le opere di carità, di pietà e di apostolato» e manifestano così di essere «la luce del mondo e rendono gloria al Padre dinanzi agli uomini» (cf lieu 9). Questo sia ricordato senza polemica anche a coloro che protestano per la sospensione delle Sante Messe con il popolo, ma non dimostrano altrettanta preoccupazione per come sia possibile continuare a far la carità in mezzo alle attuali difficoltà.

.

Seconda sottolineatura: La carità cristiana si distingue dalla semplice solidarietà, perché la carità è la manifestazione dell’amore di Dio riversato nei cuori dei credenti mediante Gesù Cristo e lo Spirito Santo (cf Rom 5, 5). Per questo la elemosina che i cristiani elargiscono specialmente nel tempo della Quaresima, è frutto della preghiera e del digiuno. È doveroso notare che anche la sensibilità sociale verso la solidarietà umana è un frutto delle misconosciute radici cristiane della nostra cultura; par exemple, gli Ospedali sono stati inventati dai cristiani. Ciò comporta che più la società si scristianizza e meno solidarietà umana si manifesta all’interno della società.

.

Terza sottolineatura: i cristiani non hanno mai sospeso l’esercizio delle opere di carità durante le calamità, anzi l’hanno sempre intensificato. Già gli antichi pagani erano impressionati dal comportamento dei cristiani durante le epidemie: mentre i pagani fuggivano pensando solo a sé stessi, i cristiani si sostenevano l’un l’altro e aiutavano il prossimo fino a rischiare la vita per amore di Dio. Come allora così oggi: cominciano a circolare notizie su come i cattolici cinesi di Wuhan si sono spesi per aiutare il prossimo nella loro Città devastata dall’epidemia, dando esempi di carità eroica.

.

Je conclus: i Vescovi che devolvono una mensilità del proprio sostentamento per il pronto soccorso degli ammalati, il personale e i volontari delle Misericordie, della Caritas, di tutti gli altri Enti e Associazioni cattolici di beneficenza, i medici e il personale degli Ospedali e delle Case di cura cattolici, etc., etc., eccetera … e tutti quelli che li sostengono spiritualmente e materialmente, sono la église rimasta ouvert anche durante la pandemia. Li accompagniamo tutti con la nostra preghiera, li sosteniamo con le nostre donazioni e, come atto di riconoscenza, diciamo a tutti loro: “Dio vi rimeriti!".

Un prochain épisode renvoyé de Eglise ouverte.

.

Sansepolcro (Arezzo), 2 avril 2020

 

.

.

.

.

 

AVIS AUX LECTEURS

Les Editions L'Patmos qu'ils utilisent pour l'impression et la distribution de ses livres de la grande compagnie Amazon, que, à cette époque, il a suspendu l'envoi et la distribution de toutes sortes non urgents et non strictement nécessaire à des problèmes connexes urgence coronavirus. À l'heure actuelle, il est donc impossible de recevoir l'ordre et nos livres, Mais qui peut être commandé après 3 avril.

 

 

​​

.

.

.

«Vous connaîtrez la vérité et la vérité vous affranchira» [Gv 8,32],
mais apporter, répandre et défendre la vérité non seulement
les risques, mais aussi les coûts. Aidez-nous à soutenir cette île
avec vos offres via le système sécurisé Paypal:









ou vous pouvez utiliser le compte bancaire:

payable aux Editions L'île de Patmos

IBAN IT 74R0503403259000000301118
dans ce cas, nous envoyer un avertissement par courriel, parce que la banque
Il ne fournit pas votre e-mail et nous ne pouvions pas vous envoyer une
action de grâces [ isoladipatmos@gmail.com ]

..

.

.

avatar

À propos de isoladipatmos

Laisser un commentaire

Votre adresse email ne sera pas publiée. les champs requis sont indiqués *

 caractères restants

Ce site utilise Akismet pour réduire le spam. Découvrez comment vos données de commentaire est traité.