Les catholiques et la phobie sexuelle: « Virginité des hérétiques est l'adultère plus impur»

Phobie sexuelle CATHOLIQUES ET: « LE PLUS DE HÉRÉTIQUES VIRGINITÉ impure adultère

.

Certains catholiques très semblables sombre aux Pharisiens et Sadducéens, croix a grandi avec une idée du Christ, mort, mais ressuscité, avec une idée de la sexualité toute manichéens; Je suis fixé sur légalisme aride et imbu de concepts pélagianisme, et de même à Luther, ils ont des problèmes graves sur le concept paulinien de la prédestination, puis sur la théologie de la justification qui risquent souvent de réduire à une idée toute calviniste, mais sous la forme de rigueur morale catholique.

.

Père Ariel Auteur
auteur
Ariel S. Levi Gualdo

.

.

Ariel S. Levi Gualdo
Ariel S. Levi Gualdo

Peu de temps après l'entrevue de sortie à John Cavalcoli faite par le correspondant du Vatican Print Andrea Tornielli [cf. QUI] Il a déchaîné un fatras de controverse suite à des accusations lourdes contre le théologien dominicain; accusations que je ne réponds pas spécifiquement, pourquoi il l'a fait magistralement la question directe, qui n'a pas besoin de mon « bureau défendu » [cf. QUI].

Je fais, la confirmation cependant amère et réitèrent un concept a émergé ces derniers mois: sous prétexte du Synode sur l'armada de la famille des pharisiens suivre pour changer la sixième Commandment le péché des péchés, comme si elle résidait tout le mystère du mal. Et afin de soutenir leurs théories Peregrine, Ils sont prêts « politiquement » à tous, même pour élever les évêques africains comme un signe de l'orthodoxie dans la défense de la famille [cf. QUI, QUI, etc.]. Ce qui rend vraiment ce pathétique certain “politiciens” on extrapole ce que ils prennent soin de ne pas savoir faire semblant que plusieurs de ces champions de la défense les valeurs non négociables, la famille et le mariage sacré; ces défenseurs de la vraie doctrine qui a tonné contre l'adultère et le concubinage, Les pères sont souvent les résultats de plusieurs enfants dans le monde, que le Saint-Siège a toujours connu; et plus particulièrement ceux de la congrégation savent de propaganda fide, dont le principal problème, en ce qui concerne l'élection d'un nouvel évêque dans un diocèse dans le continent noir, Il est en mesure de choisir un candidat qui n'a pas concubines et les enfants dispersés autour, quoi que ce soit entreprise, mais facile.

Ou pour clarifier un exemple concret: à Rome, la fin de 2009 J'ai passé deux jours avec l'archevêque d'un grand diocèse en Afrique qui m'a demandé de l'aide à la lecture du missel latin du Bienheureux Pape Paul VI. Quelques jours plus tard, il serait allé dans une audience privée par le pape Benoît XVI, il concélébré avec lui et qu'il avait alors des discussions sur le petit-déjeuner. L'archevêque avait appris que le pape utilisé dans sa chapelle privée, ce Missel et voulait rafraîchir sa lecture du latin. Avant d'aller, moi et un autre prêtre, dit: « Je veux vous révéler pourquoi j'ai demandé une audience avec le Saint-Père. célébrités, le mien est un diocèse très vaste mais pauvre, dans lequel nous avons un gros problème: nous manquons totalement les moyens nécessaires pour soutenir tous les enfants qui ont été amenés dans le monde par nos prêtres autour des villages. E Novembre, vers ces créatures, Nous en tant que Eglise des obligations morales et nous ne pouvons pas les laisser abandonnés dans les rues. Voilà pourquoi je vais au Saint-Père: pour lui demander de l'aide financière ». Il a conclu en disant: « Je souhaite que le Saint-Père, comme ceux de la Congrégation de propaganda fide Je ne me écoutait pas, accepter ma demande et retirer mon évêque auxiliaire, qu'il a trois concubines et ne savent même pas combien d'enfants sont nés autour ».

Un coup de pouce perversion le sexe comme prévu le péché des péchés, qui est en soi quelque chose d'adultère beaucoup plus de péché ou de la cohabitation des divorcés remariés, sont des laïcs sans l'humanité chrétienne soutenu par un théologien spécialisé en tirant la pierre, retirer la main et les instigateurs tout à fait ignorants de la théologie - et donc facilement manipulables - à « armer eux-mêmes et aller ». Et ce, dans ma langue, Il est appelé lâcheté, parfois typique des prêtres qui ont passé leur vie à spéculer sur les nuages ​​des plus grands systèmes d'intelligence subjectifs, jusqu'à sombrer dans la mère authentique de toutes les hérésies: remplacer "Je« Sa pensée la pensée de » Dieu », qui n'est plus, par l'Incarnation du Verbe Mystère, le début, le centre et le but ultime de notre humanisme ensemble, mais le prétexte sur lequel construire leur propre omocentrismo intellectuel. Et ce fut John Cavalcoli pour nous donner les colonnes de ce magazine en ligne dédié à un élément extraordinaire Apologie de fierté [Cf. QUI], que le péché je l'ai indiqué à plusieurs reprises comme une reine diabolique et aurige des sept péchés capitaux; un péché - fierté - que la liste occupe pas un hasard si la première place et en tant que telle est à craindre plus de convoitise, qu'il est pas non plus la reine ou l'aurige des sept péchés capitaux, pour cette quatrième est placée dans l'histoire du Catéchisme de l'Église catholique.

Certains catholiques très semblables sombre aux Pharisiens et Sadducéens, fond Ils ont grandi avec une idée du Christ, mort, mais ressuscité, avec une idée de la sexualité toute manichéens; Je suis fixé sur légalisme aride et imbu de concepts pélagianisme, et de même à Luther, ils ont des problèmes graves sur le concept paulinien de la prédestination, puis sur la théologie de la justification qui risquent souvent de réduire à une idée toute calviniste, mais sous la forme de rigueur morale catholique.

Si des thèmes bucoliques avant articulés avec des implications théologiques et doctrinales complexes de certains personnages doivent garder le silence, pour aucune autre raison que la pudeur découlant d'un manque objectif de connaissance approfondie; un certain théologien de référence qui les chargent dans les coulisses et la décence devait ne pas ouvrir la bouche, moins qu'il ne soit pas en mesure de prouver qu'il a vraiment fait le prêtre pour la vie. Et à un prêtre, elle ne signifie pas avoir partagé entre les classes universitaires, salles de conférence et des bibliothèques, parlant pastoralement parce qu'un prêtre ne veut pas dire avoir célébré une messe quotidienne, mais ayant passé beaucoup de temps au confessionnal, ont pris sur eux-mêmes les douleurs et inconforts des individus et des familles entières, Il a assisté à la salle d'oncologie d'un hôpital, être entré et sorti des prisons où les jeunes dans la vingtaine, pour un « coup » ou pire pour « folie », Ils ont pris une peine de vingt ans pour assassiner; et ainsi de suite. Et si rien de tout cela et bien plus encore a été fait, En plus de ne pas avoir développé l'élément humain qui est le fondement du sacerdoce catholique, aucune dimension pastorale sera développée, alors vous finirez par parler en termes de non éminemment pastoral, mais politique et sociologique dans une conférence qui a comme invité d'honneur le cardinal Velasio de Paolis, que jusqu'à ce qu'il ait accompli quatre-vingts ans, il n'a jamais dit oui ou non [cf. QUI]. En plus d'avoir montré à tous égards son manque glaciaire de l'humanité quand les instructions du Saint-Siège pour la prise en charge des Légionnaires du Christ en plein désarroi, après la découverte de la double vie de leur fondateur autoproclamé [cf. QUI], la place se corps occupé et âme pour le salut des dizaines de jeunes, Il a agi avec le manque de sensibilité à froid d'un expert-comptable provincial, se cachant derrière le prétexte spécieux qu'il ne pouvait rien faire, étant visiteur et non un administrateur apostolique. Maintenant, je dis: vous imaginez les Noirs San Filippo qui prétend: « Je ne peux rien faire pour les jeunes Romains abandonnés en plein désarroi, parce que je suis juste un pauvre prêtre, et non le vicaire général de Sa Sainteté pour le diocèse de Rome "? Peut-être que la raison pour laquelle, lorsque le pape a tenté de le faire cardinal, répond Père Philippe - peut-être conscient de de Paolis d'hier et d'aujourd'hui - « Non., sainteté: merci. Je préfère Paradise!». C'est-à-dire qu'un bon évêque, se trouvant avant la tragédie dans beaucoup de vie des jeunes en danger auquel le monde est tombé sur lui parce que ce qu'ils croyaient de bonne foi sincère si elles sont considérées à l'effondrement du jour au lendemain, ne se cache pas derrière le doigt de-burocratichese de bureau, mais exerce son ministère en tant que pasteur en charge des âmes, pas de conscience propre à faible marché derrière la petite ergote canonique, mais va courir bien parler ministère quand il s'agit de sujets liés au sexe et à la sexualité humaine. Et si ce sont les grands référents moraux de nombreux moralistes invétérés, J'accorderai qui expriment seulement: Kyrie eleison !

I, qui vivent d'autre part la dimension pastorale, tout en consacrant les idées et à des spéculations théologiques, Je ne l'accepte pas les leçons pastorales ragionieristica par certains caractères qui sont, Je répète, les chiffres éminemment politiques; comme je ne l'accepte pas certains théâtres mis en scène par des prêtres purement académiques qui contrairement à moi ne vont pas regarder dans un visage jeune malade d'un cancer en phase terminale, d'administrer l'onction des malades, pour célébrer la messe à sa maison parce qu'il ne peut pas sortir des quatre murs à l'intérieur qui attend la mort du jour au lendemain, et à laquelle il est impossible d'offrir comme consolation une bonne leçon l'épistémologie comme une alternative aux anti-douleurs à base de sulfate de morphine. Sans parler du fait que ce pauvre jeune malade a la « culpabilité terrible » d'être mariée à un divorcé. mais, compte tenu de la gravité de la maladie irréversible, ne pas être en mesure d'avoir des relations sexuelles peccaminosissimi, elle et son mari a divorcé remarié, Ils peuvent être considérés comme plus ou moins en place un niveau moral? Ce fait que les questions essentielles et que si « absolument » obligatoire dans certains légalistes est qu'il n'y a pas de milieu le péché des péchés: sexe. bien que, au niveau de le moral epistemica il ne savait pas encore si le péché est représenté par le membre qui pénètre dans le vagin ou si elle doit être considérée que l'orgasme péché, car dans ce cas, nous avons pu établir que la pénétration génitale est accordée, à condition, toutefois, qu'il n'y a pas l'éjaculation, mais surtout qu'il ya de la part des deux pas de plaisir, parce que certains moralistes immoraux faites par leur inhumanité inhérente, Vous pouvez vous attendre cela et bien plus, car ils sont capables de créer à partir d'une partie du rêve impossible manuels d'éthique sexuelle, l'autre de nier le mystère de la création de l'homme, parce que fondamentalement ils sont toujours, toujours le même incorrigibles:

Malheur à vous, avocats!, che caricate gli uomini di pesi insopportabili, e quei pesi voi non li toccate nemmeno con un dito! [cf. Lc. 11,46]

E proprio in queste settimane dell’anno liturgico abbiamo letto nella feria il Vangelo di San Luca, dove sono riportate le diatribe e le critiche di Gesù con i farisei; se leggiamo bene quelle righe sembra di ritrovarci di fronte alla disumanità di certi personaggi olezzanti legalismi, dinanzi alle motivazioni dei quali torna a mente la saggia massima di un grande Padre della Chiesa, San Gregorio di Nissa, il quale affermava che «La verginità degli eretici è più impura dell’adulterio», ed è un’impurità che tramite la via di rigurgiti pelagiani porta infine all’ateismo clericale, all’ateismo della bestia religiosa, un ateismo inteso come negazione del mistero del Verbo di Dio Incarnato distrutto nel peggiore dei modi: attraverso la sua riduzione ad un fenomeno meramente speculativo e legalistico.

Con uno zelo da fare invidia al codice della strada della Repubblica Federale Tedesca, chi ragiona in questi termini afferma che i divorziati risposati devono vivere come fratello e sorella, in perfetta castità; perché naturalmente – va da sé – l’intero mistero del male risiede, come sin qui spiegato, nella sessualità. Chi si lascia andare ad affermazioni così decise e così tragicamente leggere perde anzitutto di vista il fatto che la castità non è una stoica rinuncia sostenibile con le sole forze della volontà umana — e ciò penso proprio di poterlo dire per esperienza concreta diretta —, ma un dono di grazia. E chi ha studiato in modo approfondito il le etgratia di Sant’Agostino, che costituisce un grande dibattito contro quel Pelagio che potremmo a suo modo considerare il padre precursore dei volontaristi, sa di che cosa stiamo parlando. donc, una coppia di sposi che fosse chiusa all’azione di grazia ma che applicasse con scrupolo e zelo tutte le regole morali, dai metodi naturali sino alla perfetta continenza, potrebbe risultare in tutto e per tutto peggiore di una coppia di concubini che, pur vivendo nel peccato, consapevoli anzitutto del proprio peccato, sono mossi però da un senso di apertura verso se stessi e verso il prossimo. È proprio di fronte a queste persone che il Signore Gesù ammonisce:

En vérité, je dis: i pubblicani e le prostitute vi passano avanti nel regno di Dio. È venuto a voi Giovanni nella via della giustizia e non gli avete creduto; les publicains et les prostituées l'ont cru à la place. boîte, au contraire, en dépit d'avoir vu ces choses, non vi siete nemmeno pentiti per credergli [cf. Mt. 21, 31-32].

Se noi concentriamo invece tutto quanto sulla genitalità come molti stanno facendo in questo dibattito ed anche in modi rasenti l’ossessione, si rischia di scivolare nella impura verginità degli eretici. O come scrisse Blaise Pascal nei suoi pensieri riguardo certe monache: «Caste come angeli, superbe come demoni».

E per concludere chiamando certe persone e istituzioni per nome, se demander: grazie a chi, certe imprese faraoniche sono state mantenute in piedi? Mi viene da pensare alla vecchia Compagnia di Gesù ed alle sue enormi e costosissime istituzioni sparse per il mondo, per seguire con i loro grandi imitatori moderni: l’Opus Dei ed i Legionari di Cristo. bien, se andiamo a vedere scopriamo che nei grandi campus dell’Opus e della Legione, dinanzi alle defezioni anche minime legate alla morale sessuale si scatenano spesso fulmini e saette. Ho udito con le mie orecchie sacerdoti che facevano i corsi specialistici in bioetica al Campus dell’Opus Dei di Roma affermare che «un adolescente che si masturba è un malato da curare». Stessa solfa con i Legionari di Cristo. Ma ecco che, come per incanto, seguendo lo stile di certi vecchi gesuiti che fustigavano i deboli ma che non vedevano però le peggiori dissolutezze dei sovrani e dei potenti, sia quelli dell’Opus Dei sia i Legionari di Cristo hanno eretto intere strutture a botte di milioni e milioni di euro o di dollari usando fondi provenienti da ricche persone note per le loro pessime condotte morali, ed alle quali mai nessuno di costoro — chiudendo gli occhi sui loro tre o quattro divorzi, sulle loro molteplici amanti e su tutti i loro peggiori vizi e malvezzi — ha mai fatto una severa lezione di etica o di morale sessuale, principalement parce que Pecunia non olet, in secundis perché certe lezioni le riservano solo alle persone di basso reddito: hier, oggi e, purtroppo anche domani.

Et je, come uomo e come prete, dovrei forse prendere lezioni da quel certo signore che tuona contro i divorziati risposati e contro l’adulterio sbraitando: la Santa Comunione ai divorziati risposati no, giammai, non, altrimenti sarà infine scisma? Il tutto con appresso il teologo di fiducia che dinanzi a certe evidenze di oggettiva immoralità sospende però per incanto ogni genere di giudizio e battendo anche i piedi a terra afferma che «queste sono altre questioni» e che «nostro compito è parlare di teologia e non di questioni socio-politiche»? Mi si faccia dunque capire: se si osa sfiorare la vita altamente immorale di certi danarosi e munifici potenti, quelle sono faccende «socio-politiche» che «non riguardano i teologi», il dovere dei quali, ed in specie sul piano del rigore morale, è forse quello di prendere invece a legnate solo i deboli che non possono profondere sulle nostre opere e fondazioni fiumi di danaro?

Qu'on le veuille ou non, rimane un dato di fatto che certe istituzioni di moralisti duri e puri sono tenute in piedi con i soldi donati dalle estreme destre americane formate da soggetti che – i più morali in assoluto – sono sposati perlomeno un paio di volte e se la spassano appresso con ragazze di vent’anni più giovani di loro. O vogliamo davvero relegare nelle questioni prive di interesse teologico-pastorale, ma soprattutto d’interesse morale, il fatto che questi personaggi, tra una gozzoviglia e l’altra, si rechino poi con l’alabarda cavalleresca in mano e con la lacrima all’occhio alle Sante Messe in rito antico, per tuonare tra un prier e l’altro contro l’adulterio, il concubinato e la Comunione ai divorziati risposati, come se tutto ciò fossero lussi che non possono essere concessi ai comuni mortali dal basso reddito, ma solo ai grandi dissoluti con i conti a nove zeri, dinanzi ai quali da una parte si prende, dall’altra non si vedono neppure quei peccati che gridano davvero vendetta al cospetto di Dio, sino ad affermare che «certe questioni non riguardano i teologi» e sentendosi ciò malgrado con la coscienza epistemica ed aletica in perfetto ordine?

John Cavalcoli, che come uomo, prêtre, confessore e teologo ha la purezza di un angelo, dinanzi ai peccati legati al Sesto comandamento tratta da sempre i peccatori con grande umanità, senza mai lanciare verso di loro le brucianti saette dei giudizi morali impietosi. Io che provengo invece da un’altra esperienza e che nella vita precedente al sacerdozio ho percorso la dimensione affettiva e sessuale in lungo e in largo, dinanzi alla confessione di peccati molto più leggeri di quelli che a suo tempo commettevo io, rifletto sempre con gioia sulla grazia, trovandomi oggi per ineffabile mistero ad assolvere mediante il ministero della Chiesa i peccatori, sui quali profondo come devoto instrumentum Dieux cristologica tenerezza e misericordia.

Giunti alla grazia per vie diverse: il Padre Giovanni tramite la purezza angelica, io attraverso la conoscenza approfondita di certi peccati, viviamo entrambi il perenne incanto della grazia di Dio. Questo il motivo per il quale ogni giorno, in noi, non si rinnova certo il concetto del summum ius summa iniuria [il sommo diritto è somma ingiustizia] ma l’incanto del mistero pasquale: «O felix culpa, , Qui a gagné pour nous un si grand Rédempteur» [O felice colpa che ci fece meritare un tale e così grande Redentore]. È in questo che risiede la differenza sostanziale e formale che corre tra i piccoli farisei resi spietati nel cuore per la loro chiusura omocentrica alla grazia, i pastori in cura d’anime e gli uomini di Dio resi puri di cuore nella misura in cui hanno accolto e fatto fruttare dentro di sé quei doni di grazia che li ha proiettati in un essere e divenire tutto incentrato in una dimensione cristocentrica, all’interno della quale albergano sentimenti come l’amore, la pietà e la misericordia.

.

.

__________________________________________

Chers lecteurs,

de temps en temps, nous vous rappelons que L'île de Patmos et tout le travail et les soins dont elle a besoin aussi pour la maintenance du site, Il a besoin de votre soutien. aussi nous accorder peu, mais nous accorder quelque chose à nous soutenir, en utilisant le système Paypal pratique et sûr.

merci.

À propos de isoladipatmos

26 réflexions sur "Les catholiques et la phobie sexuelle: « Virginité des hérétiques est l'adultère plus impur»

  1. Buona sera Padre,
    ho letto con sconcerto gli ultimi articoli. Lei che giustamente si vanta della sua pastoralità sa cosa vuol dire essere sposati? vuol essere guardati con senso di compassione e molta derisione, e quello che fa più male anche all’interno della propria comunità parrocchiale e anche da ministri ordinati. Perché è quasi da stolti poter pensare di restare uniti una vita con alti e bassi con il peso dei propri peccati, il matrimonio è diventato un vincolo un peso, e da bigotti restare uniti tutta la vita! Sa cosa ci aspettavamo, noi che non ci sentiamo al di sopra dei turbini mondani del nostro tempo, ma che sentiamo l’alito di questo mostro chiamatodivorziosulle ma resistiamo perché amiamo le nostre mogli e i nostri mariti e amiamo come dono di grazia il vincolo del matrimonio con il quale Nostro Signore ci fatti una sola carne? Ci aspettavamo no come pensate voi una crociata contro chi ha disprezzato la bellezza del matrimonio, con tutto il rispetto possibile, ma che venisse ancora una volta proclamata la bellezza del vincolo del matrimonio. Siamo farisei noi o sadducei?

    Ma non fare la Comunione e una coercizione della persona o un rispetto verso Nostro Signore?
    La convivenza è un affronto diretto alla chiesa e a Dio e voi lo sapete bene! I matrimoni non finiscono perché è un peso troppo grande da portare, ma perché l’Io ha preso il posto di Dio ec quindi perché devo restare conte tutta la vita? perché devo smussare rinunciare a qualcosa per te?
    E quanti di questi fratelli sentono un bisogno cosi forte di fare la comunione? Quando un peccatore e ferito dall’amore di Dio, la prima cosa che sente e il bisogno di gridare “Signore stai lontano da me che sono un peccatore” allora senti veramente quell’amore misericordioso che ti riporta allo stato di grazia perduto, per lo meno a me è accaduto cosi, che senso ha la pretesa di un Sacramento? Ma i sacramenti sono punti di arrivo o di partenza? e del precedente matrimonio che cosa ne facciamo? Sa Padre, credo che come lei anche noi abbiamo risposto ad una chiamata quella del matrimonio e questo strada non è meno complicata della sua mi creda e lo sa cosa ci fa andare avanti? non la nostra bravura ne la nostra santità ma la Grazia di Dio insita in questo sacramento!!

    1. Senta, ma lei, così ripieno di fede e di grazia, la Parabola del figliol prodigo l’ha mai letta?
      Perché il fratello rimasto in casa col Padre, sollevava questioni esattamente simili alle sue.
      [Cf. Lc. 15, 11-32]

      1. Mi spiega perché è così agressivo? Ma come può giudicare con ironia la mia Fede se nemmeno mi conosce!! Io non ho giudicato nessuno ho solo avanzato dei dubbi ma vedo che lei invece di aiutare preferisce appioppare etichette di legalista fariseo a destra e a sinistra e spesso, come mi sembra di aver letto mi scuso se sbaglio, definisce anche chi deve andare all’inferno ma guardi che non tutti i fedeli che chiedono chiarimenti sono perdevi amo o tradizionalisti. Comunque la ringrazio ora mi sento un più nel buio anche se voglio ancora credere nelle bellezza del matrimonio

        1. A cosa devo questa risposta? Per quale motivi e ragioni?
          Io le ho solo richiamato la La parabole du fils prodigue, senza nulla imputarle di ciò che lei sta scrivendo e lamentando; e gliel’ho richiamata perché il figlio fedele rimasto a casa con il Padre comportandosi in modo corretto, solleva le stesse questioni che solleva lei.
          Solo questo ho detto, nulla di tutto ciò che invece lei lamenta io ho affermato.

          1. Volevo solo dire che forse sarebbe più utile riaffermare con forza la bellezza della famiglia che è sfiancata sia economicamente che moralmente ne abbiamo veramente bisogno.

          2. E allora non mettiamo i bastoni tra le ruote ai Padri del Collegio Episcopale che stanno cercando di fare proprio questa operazione di tutela e di salvezza, ma per arrivare ad una linea pastorale che possa costituire tutela e salvaguardia della famiglia cristiana, devono anzitutto potersi consultare e discutere liberamente delle varie questioni, senza che alcuno da fuori urlidi questo non si può discutereo senza che altri minaccinoallora sarà scisma”, perché questo non favorisce certo il buon lavoro dei Padri del Sinodo.

  2. Dal magistero della santa Chiesa, di cui siamo figli abbiamo imparato che nel matrimonio può anche esserci continenza, perché il sesso non è un mero piacere ma qualcosa di altissimo e sacro direi, ora la Chiesa fino ad ora e stata cosi matrigna a da caricarci di un peso cosi insopportabile?
    Perché è vero che è innaturale ma forse questa Madre mi ama cosi tanto da spronarmi ad arrivare dove sembra impossibile perché è li che risiede il mio vero bene da solo non ce la faro mai malo non sono solo!!! Mi tratti pure da fariseo da quello che vuole lei sto solo cercando di capire per ora in questi vostri scritti ho assistito a tanti insulti e basta

    1. E oltre allo stoico sacrificio della continenza, non può esserci per caso anche gioia e passione?
      en humanae vitae del Beato Paolo VI si parla: sia della unione procreativa, perché la sessualità è ovviamente finalizzata alla procreazione; sia della tenerezza unitiva tra i coniugi, perché la sessualità è anche momento di unione e di gioia, entro il rispetto della natura e dei suoi ritmi biologici.
      Non trasformiamo quindi la sessualità in un cilicio, s'il vous plaît!

  3. Qua non si tratta di identificare il peccato dei peccati, si tratta di rispondere al dovere di condurre le anime a fuggire il peccato anziché a favorirlo, giustificarlo, agevolarlo, scusarlo.
    A voler essere più buoni di Cristo non si fa bella figura, vieppiù se si è sacerdoti e/o religiosi.
    Non richiamerò la durezza dei brani evangelici riguardo il peccato di adulterio, mi limiterò a far rilevare che se anche non si può avere la certezza che qualcuno sia nel peccato mortale, si può certamente riconoscere quali sono le occasioni prossime di peccato e quali non lo sono.
    l'Eglise, ed ovviamente riguardo l’aspetto pastorale, i suoi pastori, hanno il dovere di allontanare e tenere lontane le anime loro affidate, proprio dalle occasioni di peccato, non potendo oggettivamente conoscere quello che solo Dio può conoscere riguardo il cuore di ognuno.
    In tal senso anche l’esclusione dai sacramenti deriva e deve derivare in termini di pastorale e dottrina, proprio dalla non accettabilità di una scelta volontaria che favorisce ed incede al peccato anziché escluderlo o combatterlo.
    Questo ritengo sia il senso del primo commento del lettore alb3.
    maintenant “battezzida scemo anche me Rev

    1. Io non «battezzo da scemo nessuno», voglio solamente uscire dall’ … “ossessivole péché des péchés per sollevarle un’altra questione morale, dinanzi alla quale attendo la sua risposta chiara e precisa:

      CASO “UNE”Un imprenditore edile fedelissimo alla moglie fa lavorare 20 operai in nero, sottopagati e senza copertura assicurativa. Anche grazie allo sfruttamento del lavoro nero e non pagando i contributi ai dipendenti si è potuto permettere una villa con piscina, un parco auto di grossa cilindrata e via dicendo.

      CASO “B” – un imprenditore edile, divorziato risposato, durante la crisi economica del settore edile, ha venduto prima la terza e poi la seconda casa, ed ha chiesto anche un mutuo alla banca per poter pagare puntualmente i suoi 20 operai tutti quanti regolarmente assunti e coperti da assicurazione contro gli infortuni sul lavoro, consapevole che quelle 20 persone avevano tutti quanti moglie e figli.

      Ecco mi dica: quale dei due sta mettendo a serio rischio la salute e salvezza eterna della propria anima?

  4. l'interview, puis la réponse du Père Giovanni Cavalcoli, Ils sont un hommage à la sagesse, la charité et la vraie miséricorde.
    L'article du Père Ariel est également sage, et la prose digne d'un prophète’ À. que, Jeremiah, tonnerres contre ceux qui osaient pour remplacer ceux de Dieu les préceptes des hommes.
    Pour éveiller en moi l'amertume, sont autant de commentaires stupides, par beaucoup, trop de gens qui traitent (ou pensent qu'ils peuvent traiter?) la vie et des vies humaines, “avec des critères par le Code de la route de la République fédérale d'Allemagne”, écrit le Père Ariel.
    Et l'esprit aride, ces personnes décisives et sans merci, dont on dit qu'ils sont directement ou indirectement catholiques d'une seule pièce, ça me fait peur, en particulier en tant que prêtre.
    En utilisant si inhumainement, si ton sec, l'Eucharistie et le mariage pour les affrontements de pure idéologie, il est effrayant, J'ose dire diablement effrayant.
    Allez comme Pères chers, Nombreux sont les prêtres qui prient pour vous et avec vous identifier.

    1. Vous n'êtes pas seul, chers pères et chers frères prêtres, vous n'êtes pas seul, et vous estimais par tant de prêtres. Il suffit de dire … dans mon diocèse parler plus de seggezza de vos articles de “carina” lettre pastorale écrite par notre évêque, “carina” …

      1. Chers frères et pères, mi unisco anch’io alpresbiteral coro”. cette île, per noi sacerdoti, il est vraiment une île sur laquelle méditer sérieusement et en profondeur.
        Vous savez ce qui me énerve, depuis le début de ce Synode sur la famille? Le fait qu'il a immédiatement commencé à parler, par certaine presse, et certains catholiques (e diaciamolo!) filolefevriani au noyau, de fou d'échecs, des coups, les bouleversements de la doctrine, di teoremi
        Je cite de mémoire parce que je me souviens de l'article dans lequel le père Ariel explique magistralement que, toujours, dans l'église, Repérez apparence Congressional, mais aussi dans les synodes, vous devez, nécessairement, raconter, et librement sereinement, évaluer toutes les hypothèses, aussi, la limite, le plus absurde.
        évident!
        ici, Je me demande, parce qu'à un moment donné, cette évidence, Il a commencé à faire peur, et d'effrayer une zone des catholiques très spécifiques et circonscrites?
        Une prière sincère pour vous.

        père Luciano, PARTIE

  5. Spero che il vescovo che l’ha ordinata si stia sempre mordendo le mani, sempre che l’ordinazione sia valida, come la gran parte di quelle fatte dagli anni ’60 in poi.
    Lei è la quintessenza del modernismo, un concentrato di tutte le più pericolose eresie.
    Lei è un immorale che si vanta della propria immoralità e che conduce i poveri ingenui che la ascoltano sulla strada della perdizione, con l’anticristo Bergoglio e il suo socio in affari domenicano.
    E non dico altro
    Censuri quello che vuole, ma questo non la salverà dall’inferno.

    1. Meno male che non dice altro! Ci mancava solo dicesse che la polizia mi ha beccato una notte durante una retata, mentre sui tacchi a spillo e con una parrucca rossa in testa passeggiavo per strada col nome d’arte di Priscilla la regina del deserto.
      Cosa grottesca e inverosimile, questa riportata a mo’ di paradosso, alla quale chiunque mi conosca può credere nella stessa misura in cui sarebbe disposto a credere a ciò che lei ha appena affermato.

      1. ma sei davvero un grande!
        Sul serio, e per questo ho verso di te vera ammirazione.
        Riesci come pochi a destituire di serietà, con ironia, ciò che non è serio, specie in quelli che si prendono sempre molto sul serio.
        Magistrali, vraiment, gli ultimi articoli tuoi e del grande Cavalcoli.

        1. di te mi ha sempre colpito una cosa: il modo con cui riesci a passare dalla profondità teologica, dalle espressioni mistiche e profetiche altrettanto profonde, a forme di ironia sfrenata, e proprio quando ti tuffi in ironie spesso proprio grottesche, nulla togli, plus, alla tua serietà di fondo. Forse è questa, la differenza tra iseri” e i “seriosi”, e devo riconoscerlo: questa differenza, me l’hai mostrata concretamente tu, che sei capace a fare ironia, tout d'abord, su te stesso, o a usare te stesso per fare le peggiori ironie.
          Buon compleanno all’Isola di Patmos e ai padri patmosiani.

  6. Caro confratello, anzitutto complimenti! A parte la chiarezza dell’articolo e le motivazioni ineccepibili, come parroco con esperienza di 4 diverse parrocchie fatta in 18 anni di sacerdozio, posso dire che i fedeli più intransigenti, duri e ottusi, sono spesso quelli che hanno situazioni irregolari nascoste molto peggiori di quelle che pubblicamente denunciano, per non parlare dellecollaboratrici parrocchiali”, variamente dirigenti di movimenti, o catechiste, che hanno figli e figlie divorziate risposate o conviventi. Chiesi e otteni 10 anni fa dal vescovo di essere rimosso da una parrocchia dove i responsabili di un movimento, che non sto a nominare, avevano per gran parte famiglie divise, allargateestese, etc.… etc. … mais, come tu scrivi, nell’insegnamento del catechismo avevano, sopra a tutto con gli adolescenti, delle forme di rigore che non corrispondevano, puis, alla pedagogia e alla pastorale con la qualeio affrontavo le confessioni con loro. Il vescovo mi dette ragione, ma dicendomi però che era per lui più agevole accettare le mie dimissioni, piuttosto che mettersi in attrito con certi laici. Solo dopo seppi che, ces “laici padroni”, portavano ogni anno svariate decine di migliaia di euro al vescovo comedecima”, secondo le lororegole”.
    In modo diverso, ma secondo le stesse motivazioni finanziarie che tu precisi nel tuo articolo.
    E che Dio ci assista e la Madonna ci protegga.

    Don Vittorio

  7. Cito dall’articolo:”Con uno zelo da fare invidia al codice della strada della Repubblica Federale Tedesca, chi ragiona in questi termini afferma che i divorziati risposati devono vivere come fratello e sorella, in perfetta castità; perché naturalmente – va da sé – l’intero mistero del male risiede, come sin qui spiegato, nella sessualità. Chi si lascia andare ad affermazioni così decise e così tragicamente leggere perde anzitutto di vista il fatto che la castità non è una stoica rinuncia sostenibile con le sole forze della volontà umana, ma un dono di grazia.Quindi S. Giovanni Paolo II era un inumano rigorista quando affermava nella Familiaris Consortio: “La riconciliazione nel sacramento della penitenzache aprirebbe la strada al sacramento eucaristicopuò essere accordata solo a quelli che sono sinceramente disposti ad una forma di vita non più in contraddizione con l’indissolubilità del matrimonio. Ciò comporta, in concreto, che quando l’uomo e la donna, per seri motivi non possono soddisfare l’obbligo della separazione, «assumono l’impegno di vivere in piena continenza, cioè di astenersi dagli atti propri dei coniugi»” ?

    1. Caro Atanasio.

      Lei è un ipocrita professionista, cosa di cui le spiego il motivo: lei, pour le cas, non è uno di quei “traditionalistes” duri e puri che in vari altri blog si diletta a imputare a San Giovanni Paolo II deicrimini” et “bestemmie contro lo Spirito”, quali ad esempio gli incontri ecumenici di Assisi e loscempio della liturgiacontro la intoccabile “Masse de tous les temps”?
      Parce que dans ce cas, croyez-moi: lei ha problemi molto seri, se sulle nostre colonne usa invece come una clava un Santo Pontefice al quale, altrove, si è dilettato a dare dell’ “hérétique”, per non parlare di ciò che lei ha scritto sul sito di Maria Guarini sul Concilio Vaticano II.

      Et maintenant, s'il vous plaît, mi dica che si tratta solo di un caso di omonimia e che a scrivere quelle cose, con il suo stesso stile, è un altro Atanasio, semmai Atanasio di Alessandria.

  8. Premettendo che non ho mai scritto su altri siti e che questo è il primo su cui lascio un commento, e premettendo anche che non mi permetterei mai di giudicare nessun Papa come eretico essendo Lui Vicario di Cristo ed io semplice fedele, vorrei da lei una risposta in merito alla mia domanda: era un fariseo rigorista S. Giovanni Paolo II quando indicava ai divorziati risposati la via della separazione e, se vi fossero seri impedimenti ad essa, di vivere in continenza come fratelli e sorelle?

    1. Caro Atanasio.

      Anzitutto mi scusi, ma sia il nome, sia lo stile suo, era molto simile a quello di un altro Atanasio, quindi prendo atto, dalle sue parole, della somiglianza e delle pura omonimia.
      Mi scusi ancora per aver creduto che foste la stessa persona.

      E’ una domanda, ce son, alla quale è legittimo rispondere con una serie di risposte dettate da semplice buon senso, sulle quali lei e chiunque può riflettere e trarre le logiche e cristiane conclusioni:

      quando la Chiesa stabilì, senza intaccare la sostanza del Sacramento, che la assoluzione dai peccati poteva essere un sacramento ripetibile, sebbene per diversi secoli fosse stato possibile riceverla una sola volta nella vita e mai più, commise un errore, rispetto alla disciplina per secoli adottata e rispettata dalla Chiesa e dai suoi pontefici?

      voit, sacramentelle dogmatique, à mon avis – ma non solo a parere mioè il settore più delicato dell’intera dogmatica.

      Ciò che molti di quelli che gridano all’ “hérésie” e “al tradimento della fede“, certi illustri teologi inclusi, ignorano e inducono a ignorare, è che la disciplina dei Sacramenti è stata più e più volte modificata nel corso dei secoli.

      La Chiesa sta seriamente riflettendo se è possibile modificare una prassi disciplinare senza in alcun modo intaccare la sostanza del Sacramento, posto che la Chiesa non ha alcun potere sulla sostanza dei Sacramenti, mentre invece ce l’ha sulla loro disciplina, che fatta salva la sostanza è mutevole, azitutto e soprattutto per ragioni pastorali, ma sempre fatta salva e mai intaccata la sostanza.

      Tenga inoltre conto che Pio XII prima, poi il Beato Paolo VI con la humanae vitae, avoir smentito e contraddetto, per usare i frasari di certi rigoristi, le precedenti posizioni della Chiesa; en fait, prima di certi loro atti di magistero, l’unione sessuale tra i coniugi che non fosse finalizzata alla procreazione, non era contemplata dalla morale cattolica, tandis que, questi due Pontenfici, riconoscono la legittimità dell’unione sessuale tra i coniugi non finalizzata alla procreazione, nel rispetto della natura e dei suoi ritmi, senza ricorso a metodi artificiali per impedire eventuali gravidanze e senza che l’unione di amore tra i coniugi fosse dettata dal rifiuto dell’apertura alla vita. Non a caso si parla anche deimetodi naturaliattraverso i quali è lecito unirsi senza per questo dover procreare.

      Pio XII e Paolo VI, avoir “tradito” et “venuti menoal precedenteintangibile” e “immitabilemagistero?

      Il discorso è che il Venerabile Pio XII e il Beato Paolo VI, non erano neppure sfiorati da quel legalistico rigore ammantato di fumose teologie che invece avvolgono certi teologi del … droit.

  9. La ringrazio per la risposta perché mi ha chiarito riguardo al fatto che la disciplina dei sacramenti possa variare fatta salva la sostanza degli stessi, cosa che non avevo molto chiara prima. Mi rimangono però dei dubbi riguardo all’ammissione ai sacramenti dei divorziati risposati, perché non mi è chiaro come scelte pastorali di questo tipo possano intaccare solo leggi ecclesiastiche e liturgiche e non la dottrina stessa dei sacramenti. en fait, ammettere all’eucarestia chi non è in stato di grazia non intacca la dottrina del sacramento eucaristico? (“Perciò chiunque in modo indegno mangia il pane o beve il calice del Signore, sarà reo del corpo e del sangue del Signore.” 1 Corinzi. Oppure S. Pio X nel Catechismo affermachi si comunica sapendo d’esser in peccato mortale, riceve Gesù Cristo, ma non la sua grazia, plutôt, commettendo un orribile sacrilegio, si rende meritevole di dannazione”). Se invece si parla del sacramento della riconciliazione, non viene intaccata la dottrina concedendo valida assoluzione a chi non è sinceramente pentito e non si propone di porre fine al proprio peccato? A me sembra che queste modifiche non siano solo disciplinari ma anche dottrinali.
    Poi il catechismo della Chiesa cattolica al numero 1448 Etats, riguardo al sacramento della riconciliazione che “Attraverso i cambiamenti che la disciplina e la celebrazione di questo sacramento hanno conosciuto nel corso dei secoli, si discerne la medesima struttura fondamentale. Essa comporta due elementi ugualmente essenziali: une partie, gli atti dell’uomo che si converte sotto l’azione dello Spirito Santo: cioè la contrizione, la confessione e la soddisfazione; à travers, l’azione di Dio attraverso l’intervento della Chiesa.” specificando più avanti che “Tra gli atti del penitente, contrition occupe la première place. Il est « la douleur de l'âme et à la détestation du péché commis, accompagnati dal proposito di non peccare più in avvenire ». Sull’eucarestia poi afferma: “Colui che è consapevole di aver commesso un peccato mortale non deve ricevere la santa Comunione, anche se prova una grande contrizione, senza aver prima ricevuto l’assoluzione sacramentale,a meno che non abbia un motivo grave per comunicarsi e non gli sia possibile accedere a un confessore.”

Laisser un commentaire