"Be merciful, as your Father is merciful, which is in heaven ", not as pleasing to the world, but as God

L'Angolo di Girolamo Savonarola: Catholic homiletics in lean times

"Be merciful, MISERICORDIOSO HOW IS YOUR FATHER, WHO IS IN HEAVEN ", HOW NOT LIKE THE WORLD, BUT HOW LIKE A GOD

.

For the world is mercy, and what highly merciful grant through euthanasia death to a person seriously ill, or a senior who is simply tired of living, if anything it alone and abandoned. But this is not mercy but terrible abomination, just as it is an abortion, ie kill a poor innocent, after the ultrasound or amniocentesis was found that Down syndrome is suffering the unborn child and therefore is not perfect according to the standards of an increasingly unclean world.

.

Author
Ariel S. Levi Gualdo.

.

.

PDF format Print article

 

.

.

Praised be Jesus Christ !

.

.

"Be merciful as your Father which is in heaven"

The passage in Luke this seventh Sunday in Ordinary Time [cf. LC 6,27-38, see the text of the liturgy, WHO] It could suggest that there are times when you end up with the fear that not only the Holy Gospel we tend to get what you want in the way you want, because having made a further leap forward, it is reasonable to fear that it is faced with the authentic forgery of God's Word, doing it to say that Christ God has never said. Many would be examples, Let us take just one among many: "Do not judge lest you be judged" [Mt 7, 1]. Let us see how he was often literally falsified this warning, enough to hear certain sermons built on improntanti sociologisms the desire to please the world, Then to hear from certain pulpits rants like this:

.

"The Church has finally realized that it could not continue to judge and condemn how long did, but that it was necessary to understand, understand, receive, be merciful ... ".

.

Comments of this kind are authentic blasphemies uttered in the Father's house from where he proclaims the Word of God. Indeed, warning "Do not judge lest you be judged", Christ the Lord probably refers to His apostles and to the Church of the future? Who I am, the subjects and objects of this warning? There are those - how little is explained later in this Gospel passage -, who used to watch "the mote in your brother, but you do not notice the plank in your own eye " [Mt 7, 3]. The warning is therefore addressed to the human hypocrites and hypocrisy exercised in its various forms, What this explained by divine magistralità by Christ the Lord in the discourse that follows [cf. Mt 7, 1-29]. As regards instead the Holy Church of Christ, It is aware and is clearly indicating what is right and wrong thing, what is lawful and what is unlawful, what is holy and what's evil, it is a duty and an obligation to which the Church can not and must not shirk. Or to put it with the Word of God: The Church, unless otherwise betraying its mission, has an obligation to tell and teach how the Christi fideles should enter "through the narrow gate, for wide is the gate and broad the way that leads to destruction, and many there be which go in thereat " [Mt 7, 13]. The Church can not therefore omit to judge and condemn evil so severe if necessary, place that sin is not a different way of understanding and living the life, but the negation of the gift of life in Christ and the consequent and probable chance of being eternally damned.

.

The Church can not derogate from that obligation that it comes from its divine Founder who wanted her as a means and instrument of salvation, or as will be defined by Vatican II and then by the Catechism: "The Church, the universal sacrament of salvation" [Catechism of the Catholic Church, n. 774]. And here it is well noted that the concept of universality, together with the totality implies exclusivity. God has never contemplated the many instruments of salvation, as he never contemplated the many different churches or religions, His Church is one and only one, the one entrusted to Peter and to the College of the Apostles, all within a criterion of uniqueness that does not contemplate the multiplicity. It is different to the speech related ordinary means of salvation, that the Church of Christ and the sacraments of grace of which it is a dispenser, and the extraordinary means of salvation, which are enclosed in the mystery of God's heart that in more ways than one, through the most disparate means so-called overtime, It can lead single men to salvation. Means overtime that they belong only to God, and of which no man can avail, for example by claiming that Christ's Church is just one of many means is means of salvation. No, the Church and the sacraments of grace of which it is a dispenser is not just another media, but the only way that Christ the Lord has given to man and mankind to be redeemed through the blood of his cross.

.

The phrase on which structure the pace of Luke's Gospel: "Be merciful, as your Father is merciful, which is in heaven ", harmonizes with another Old Testament phrase that warns us and calls us to be "holy because I, the Lord your God, I am holy " [Lv 19, 2]. The assumption is therefore the sanctity of mercy, no worldliness. It was not compassionate or charitable when you love the world, but just when you do not like the world. The Holy Gospel and the apostolic letters teach us that in fact the measure by which we can measure our true love and our true mercy, is when we are not at all welcome the children of this world:

.

"If the world hates you, know that it hated me before. If you were of the world, the world would love you as its own; because you are not of the world, but I have chosen you from the world, therefore the world hates you " [GV 15, 18-19].

.

And for our world charity and love means to allow two men to be able to realize their “dream” with a wedding and then buy a baby from a surrogate mother, while the exact opposite, for charity and for the love that makes us worthy sons of our Father who is in Heaven, those who commit similar monstrosities and endangers thereby the lives of these innocent creatures, perhaps "it would be better for him to have hung a millstone around his neck, and to be drowned in the depths of the sea " [Mt 18, 6].

.

For the world is mercy, and what highly charitable grant through euthanasia death to a person seriously ill, or a senior who is simply tired of living, if anything it alone and abandoned. But this is not mercy but terrible abomination, just as it is an abortion, ie kill a poor innocent, after the ultrasound or amniocentesis was found that Down syndrome is suffering the unborn child and therefore is not perfect according to the standards of an increasingly unclean world.

.

Think about how many things the world does and continues to do in the name of a concept of mercy now completely subverted by the great reverser of good and evil, from the one who turns evil into good and good into evil, that Satan. Think about it: the modern era comes to life under the stage of guillotines where the cry for freedom, equality and fraternity, people were being fed to the Executioner without trial, or of the summary trials which were farces, or because of jealousy and envy denounced social. And yet, freedom, It is a high Christian principle, instead it is a precondition for the creation of man, which it was created by God's free and endowed with free [Genesis, capp. 2-3]. Not to mention equality and fraternity, whose natural home is located within the Gospel message where these truths are explained and communicated much better than they have been circulated by Robespierre during the regime of terror at the sound of decapitated heads in the name of equality and emptied a fraternity of Christ and filled with neo-paganism.

.

Even the world with his fearsome Principe, long has appropriated words that are fundamental terms the Christian message, before emptying them of their meaning and turning then into another. Even more so, Today more than ever, We have to understand first of all that what true mercy, after being "merciful, as your Father is merciful, which is in heaven ", not as the children of the Principe of this world.

.

From the island of Patmos, 24 February 2019

.

.

.

.
.

.
«You will know the truth and the truth will set you free» [GV 8,32],
but bring, spread and defend the truth not only of
risks but also the costs. Help us supporting this Island
with your offers through the secure Paypal system:



or you can use the bank account:
They were IT 08 (J) 02008 32974 001436620930
in this case, send us an email warning, because the bank
It does not provide your email and we could not send you a
thanksgiving [ isoladipatmos@gmail.com ]

.

.

.

.

.

.

.

Avatar

About isoladipatmos

12 thoughts on ""Be merciful, as your Father is merciful, which is in heaven ", not as pleasing to the world, but as God

  1. In my opinion the “do not judge” also it has a different shade. In biblical / evangelical language “judgment” It is often synonymous with “final sentence”: judge a person (more than an act) tantamount to condemning a person permanently, exercise that is ultimately to God. A right understanding of the Word that you would be quick to condemn the evil and the evil deed, but not the person in the aforementioned way: here is the exercise of justice and with mercy. The hypocrites are quick in making the opposite. On the other hand we often see as “friends of humanity”, Antichrist's incarnation of the merciful, They stand out in the sectarian demonization, perhaps through soft words, addressed to themselves (“we're the good and intelligent”), before moving to the mass liquidation of “other”, So much for the Other with rhetoric with “to” capital.

  2. Dear don Ariel

    vorrei domandarle perché la chiesa dal concilio vaticano 2 ha rinunciato a condannare l errore? Thank you

    1. Dear Fabio,

      a me non risulta che dopo l’ultimo concilio la Chiesa abbia rinunciato a condannare l’errore, to the limit, semmai ha cominciato a condannarlo in altro modo. Indeed, da dopo il Concilio Vaticano II a seguire, non sono affatto mancate:

      1. condanne di teologi per derive eterodosse;
      2. condanne di libri di teologi e di ecclesiastici contenti errori dottrinari o palesi eresie;
      3. condanne di membri del clero secolare e regolare per le ragioni sopra espresse e revoca agli stessi della licenza per l’insegnamento di materie filosofiche, storiche e teologiche presso le università ecclesiastiche;
      4. scomuniche comminate a vescovi e sacerdoti;
      5. dimissione dallo stato clericale di vescovi e sacerdoti;
      6. dimissionifatto questo recentedallo stato clericale persino di un membro del Collegio Cardinalizio;
      7. ammonimenti a non finire da parte della Congregazione per la dottrina della fede.

      etc. …

      Ma chi gliel’ha detto che la Chiesa del Concilio Vaticano IIche poi è sempre la stessa, medesima e identica Chiesa Cattolica di sempreha cessato di condannare gli errori?

      Le offro un puro, semplice e verificabile dato di fatto storico: da dopo la chiusura dell’ultimo concilio avvenuta L’8 dicembre 1965 to date, nel corso dei cinquantaquattro anni che sono seguiti la Chiesa ha scomunicato più vescovi e preti di quanti mai ne abbia scomunicati da dopo il 20 September 1870, ossia dopo l’unità d’Italia, sino all’11 ottobre 1962, data della prima sessione di apertura del concilio.

      Just so: in soli cinquantaquattro anni sono state comminate più scomuniche e dimissioni dallo stato clericale di quanta invece non ne sono state comminate nei novantadue anni che da dopo l’unità d’Italia a seguire hanno preceduta l’apertura del concilio.

      Provi a farsi questa domanda, procedendo poi semmai con la verifica storica: i Sommi Pontefici Leone XIII, St. Pius X, Benedetto XV, Pius XI and Pius XII, quanti vescovi le risulta che abbiano mai scomunicato o dimesso dallo stato clericale?

      Well, tenga conto che solo il Santo Pontefice Giovanni Paolo II ed il suo successore Benedetto XVI ne hanno scomunicati, ed alcuni dimessi dallo stato clericale, più di quanti non ne siano mai stati invece scomunicati e dimessi dallo stato clericale a partire da Leone XIII a seguire, also because, per tutti i pontefici che hanno preceduto il Concilio Vaticano II, la scomunica di un vescovo, o peggio la sua dimissione dallo stato clericale, era cosa di per sé possibile, ma comunque difficile anche e solo da pensare.

      Listen, non presti ascolto ai blogghettari improvvisati storici della Chiesa sulla rete telematica, perché dicono tante fesserie, come ad esempio che da dopo il Concilio Vaticano II la Chiesa non condanna più.

  3. Uno degli articoli più chiari e fluidi che abbia letto in tema di misericordia.
    And’ un tema di un interesse fondamentale per chi si professa cristiano oggi. Volendo trovare un luogo per descrivere quanto da lei espresso, penso a Parigi, la capitale della Francia. Quando vivevo a Parigi leggevo la triade freedom, brotherhood, equality sul cornicione di ogni scuola, sopra ogni monumento pubblico e mi venivano i brividi quando passavo da Place de la Concordand. Più che sentire il profumo della libertà sentivo il sangue scorrere sul pavimento (le cronache parlano di fiumi…). Agghiacciante quella città che ha distrutto gran parte il nostro passato dopo aver trasformato le chiese in stalle per imporre la modernità che dura ancora. Però il francese medio parla quotidianamente di pace, of mercy, forgiveness. Sono tutti candidi come neve quando parlano di eutanasia, di accoglienza e di valori traditi. Lì ho capito che prima di comportaci da cattolici dobbiamo pensare da cattolici secondo la nostra mentalità la quale tutti gli Browse degli ultimi secoli hanno cambiato.
    Dobbiamo diventare cattolici nella testa per capire la vera misericordia specialmente quando diventa autoassolutoria.

  4. Dio è Misericordia, ossia eterna ed incondizionata fedeltà alPattoanche se l’uomo lo tradisce infrangendolo.
    Di norma, quando un patto è unilateralmente infranto, l’altra parte non vi è più obbligata;
    Dio invece non si comporta così con l’uomo: ogni volta che l’uomo, anche solo col cuore sincero, si ripropone il ritorno al rispetto del Patto, Dio dimentica il tradimento e corre ad abbracciare il figlio mai ripudiato che ritorna a casa.

      1. And’ ben vero cheil vestito più bello… l’anello al dito e i calzari ai piedifurono posti al figlio al suo rientro nella casa e dopo un probabile quanto salutare bagno,
        però è altrettanto vero che, in modo analogo a colui cheguarda una donna per desiderarla, He has already committed adultery with her in his heart”,
        so’ anche il figlio che “with a sincere heart, si ripropone il ritornoalla casa del Padrerientrò in se stesso e disse: Quanti salariati in casa di mio padre hanno pane in abbondanza e io qui muoio di fame! Mi leverò e andrò da mio padre e gli dirò: Father, ho peccato contro il Cielo e contro di te; non sono più degno di esser chiamato tuo figlio. Trattami come uno dei tuoi garzoni.”, ha già iniziato il suo ritorno a casa ed infattiPartì e si incamminò verso suo padre”.
        Quel Padre però non aspetta che il figlio varchi la soglia di casa per abbracciarlo, but “Quando era ancora lontano il padre lo vide e commosso gli corse incontro, gli si gettò al collo e lo baciò.

  5. Father,allora quando il Papa dice:” who am I to judge a gay” It is mercy? “Who am I to judge?”
    Ma la Chiesa sa bene cosa è giusto e cosa è sbagliato.. Perché Gesù e San Paolo condannano i sodomiti.

    1. Cara Silvia,

      a suo tempo scrissi un articolo che dovrei ricercare tra le varie centinaia dell’archivio de The island of Patmos, faccio prima a riassumerle in breve la sostanza.

      partiamo dalla serena ammissione di quelli che sono alcuni difetti caratteriali del Pontefice regnante:

      1. non è un poliglotta come il suo predecessore San Giovanni Paolo II, non ha il preciso linguaggio teologico del suo predecessore Benedetto XVI, ma soprattutto non ha una perfetta padronanza della lingua italiana; and that's a fact, inutile che certi interessati extollers lo neghino. A questo aggiungiamo che:

      2. si ostina a lanciarsi in discorsi a braccio senza essere supportato e soprattutto protetto dalla sicurezza di un discorso scritto e doverosamente preparato ;

      3. tende ad avere una ambiguità nel linguaggio, derivante non tanto da lui, quanto da un discorso socio-culturale, indeed, certe popolazioni latinoamericane, in a particular way, per esempio messicani e argentini, tendono a esprimersi per sottintesi ed espressioni a doppio senso, evitando quasi sempre forme chiare e dirette.

      A couple of years ago, parlando con un famoso vaticanista, il quale mi disse che era colpito dal fatto che rivolgessi certe critiche al Santo Padre, answered: se io non metto in luce, con tutto il rispetto del caso, quelli che sono i suoi difetti oggettivi e non passibili di facile smentita, poi non posso essere credibile quando dinanzi al Popolo di Dio difendo invece il suo alto ufficio apostolico, il suo magistero e la sua sacra persona in quanto legittimo Successore del Beato Apostolo Pietro.

      Indeed, tutte le volte che ho richiamato i fedeli alla devozione ed all’obbedienza dovuta al Romano Pontefice, mi hanno sempre ascoltato, or better understood … “se lo dice lui che è così imparziale e che all’occorrenza mette in luce i suoi difetti, vuol dire che è vero”.

      La frase in questione da lei richiamata fu infelice perché non espressa a dovere e con padronanza linguistica. Il Santo Padre cercò di dire una cosa del tutto ovvia da un punto di vista dottrinale, that is: “… chi sono io per giudicare la profonda coscienza di un uomo che Dio solo può leggere, quindi giudicare?” In conclusion: una vera e propria ovvietà dottrinale, perché nessuno di noi può conoscere e meno che mai giudicare la coscienza altrui; cosa questa che la Chiesa insegna da sempre, da secoli e secoli.

      Un concetto del tutto ovvio espresso però male dal Sommo Pontefice, che dette così adito a interpretazioni di vario genere, con i risultati che poi abbiamo visto e letto sui giornali, senza che nessuna fonte di informazione della Santa Sede chiarisse quello che poc’anzi ho chiarito io.

      La sodomia rimane tutt’oggi annoverata tra i peccati più turpi che “cry” – per usare l’espressione biblica – “vendetta al cospetto di Dio”.
      Diverso il discorso se parliamo invece dei singoli peccatori che indugiano a questo singolo peccato, some of which, come i pubblicani e le prostitute del Santo Vangelo, potrebbero precederci nel regno dei cieli [cf. Mt 21, 28-32]. Se va alla pagina 19 di questo mio ultimo scritto

      http://isoladipatmos.com/wp-content/uploads/2019/03/27.03.2019-Ariel-S.-Levi-di-Gualdo-L-ERESIA-SI-FECE-CARNE-E-VENNE-AD-ABITARE-IN-MEZZO-A-NOI.pdf

      troverà un esempio molto chiaro a tal proposito, attraverso l’immagine di un sofferente omosessuale che a mio parere di confessore e di direttore spirituale era un autentico Angelo di Dio.

      Non sono invece Angeli di Dio coloro che con un odio a volte davvero satanico verso l’armonia dell’universo creato, rivendicano come bene e come diritti assoluti delle autentiche aberrazioni: dal matrimonio tra coppie dello stesso sesso, dall’adozione dei bambini a queste stesse coppie, per giungere appresso al gender coatto imposto nelle scuole dalla potente e luciferina lobby LGBT. Dubito che costoro, dopo avere odiato di fatto Dio ed il suo creato con spirito malvagio e distruttivo, possano essere uniti alle prostitute ed ai pubblicani che ci precederanno nel regno dei cieli, temo sia molto più facile finiscanose non si pentono in modo autentico e sinceronel fuoco della Geenna.

      1. Gentilissimo Padre,
        la ringrazio molto per avermi dedicato una così esauriente ed interessante risposta. Effettivamente il nostro Pontefice ebbe unauscita al quanto infelice”. True,solo Dio può giudicare un uomo, perché solo Lui conosce l’animo umano e quindi :” who am I to judge a gay” . Bastava solo che il Pontefice aggiungesse che la sodomia è comunque sempre condannata dalla Chiesa. Non aggiungo altro perché Lei ha espresso perfettamente ciò che volevo evidenziare

  6. Padre ho letto a pag.19. Quindi anche chi soffre per una sua dipendenza dalla quale edifficile liberarsene, e lotta contro di essa, consapevole che è moralmente sbagliata ha possibilità di salvarsi?

Leave a Reply to Ariel S. Levi Gualdo Cancel reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

 characters remaining

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.