If the demon who dared groped even Christ the Lord is able to take in ambition, We can do what he wants

L'Angolo di Girolamo Savonarola: Catholic homiletics in lean times

IF THE DEMON who dared GROPED EVEN CHRIST THE LORD CAN take ambition AND THE VANITY, WE CAN DO WHAT YOU WANT

.

Se il Demonio riesce a prenderci nel punto debole dell’ambizione e della vanità può fare di noi ciò che vuole e ottenere quel che brama sin dalla notte dei tempi: to prostrate ourselves before him and worshiping him call him Lord, if anything, after saying, before the evil that sometimes seems almost suffocate the Church itself: "... but who am I doing this to me against the powerful and domineering acolytes of the Devil? What good is getting life bitter, when to live in peace, within the Church today, I just do not see, Not to mention, and above all make your business more rigor and its?».

.

.

Author
Ariel S. Levi Gualdo.

.

.

PDF format Print article

 

.

.

Praised be Jesus Christ !

.

.

Jericho, Mount of the Quarantine or the Mount of Temptation of Christ

In the Gospel passage This Iª Sunday of Lent [see text of the Liturgy of the Word, WHO] we are faced with a paradox: really it happened that the devil has tempted God Incarnate, the Word was made flesh? It may be that the devil attempted to play God in his humanity, pretending to be unaware of what Jesus was divine in his humanity and his divinity in human?

.

The blinded by pride and megalomania always start overestimating the most of themselves and underestimating others, why they are doomed to defeat. It may be that they do not fall in the near, but inevitably fall at the first change of season, with the wilting of wildflowers.

.

In the Gospel of the temptations, one would think that the Devil overestimate himself and underestimate God. In the early centuries of the Church, with the reason we were able to grasp and define the revealed mystery of the Person of Christ: two natures in one person, the human and the divine. Thanks to the minds and the wisdom of the heart of the great Fathers of the Church in the first eight centuries of the history of Christianity he came to define the mystery of the Person of Christ, which first called for the establishment of appropriate terminology, taken through entries drawn from philosophy and greek lexicon, modulated and applied to our first great theological speculation: before being able to perceive and then to define what was meant primarily, with the words "In the beginning was the Word, and the Word was with God and the Word was God ..." [GV 1,1]. Introduced by the intellect of the mystery of Christ, true God and true man, the reason must give way to faith [CF. S.S. John Paul II, Encyclical Faith and Reason], because the problem is no longer either the lexical or philosophical. When you open the portal of faith that goes beyond the human logic, the reason must give way to other categories, for example the gift of perception laid in every man by the gifts of grace of the Holy Spirit. With human reason we have to read the lines of this Gospel, with faith, fruit of our freedom blessed by the grace of God, we must penetrate, because word after word we first introduced and then taken to feel as real and was the perfect human nature of Jesus.

.

Part of this ineffable mystery It is also enclosed in another reality: As in Jesus - true God and true Man - divine perfection could coexist with human frailty; because it is quite clear that the Devil does not attempt the Christ of God, but the Jesus-Man, trying to hit the fragility of his perfect humanity. The devil tries to corrupt the divine perfection of humanity as it used bribed our originally created mankind as perfect by God.

.

Then the devil aimed at those tender and human frailties Jesus himself will show one by one during its entire existence, during which weeps [cf. GV 11, 35] and deeply moved [cf. GV 11, 33], It is emotionally troubled [cf. Gv11, 33], She suffers and feels scared to death: "Father, if you want, away this cup from me. Nevertheless not my, but your will» [LC 22, 41-42]. Jesus chose to remain silent when questioned authority [cf. Mt 27, 12] and while he is accused, instead replicate starts writing with his finger on the ground [cf. GV 8,6], so to say the least provocative. He rebels repeatedly injustice perpetrated in the name of God by the religious rulers of the time and does so even with harsh words, at times deliberately offensive, for example calling "brood of vipers" zealously religious observant [cf. Mt 12, 34], devoted more to the tradition that the Word of God; and the apostrophe repeatedly "hypocrites" [Mt 23, 13-29]. Not content with this, place in the language of Jesus called "race" or "tribe" of vipers was offensive not only to the individual concerned but also for her entire family tree, It considers it appropriate to add to the burden dose also calling "snakes" [Mt 23, 33], knowing full well that era in Jewish culture - and not only in the Jewish one - the snake was a symbol of evil. It ignites passion and gravely says, and accuses it on Moses sat hypocrites who are not what they preach [Mt 23, 1-3], equates many church zealous era to "whited sepulchres", take care to point out what these tombs are beautiful outside but full of putrid rot inside [cf. Mt 23, 27]. Do not hesitate to get angry and to lead hands, or accuracy ropes [cf. Mt 21, 12-13. MC: 11, 11-15. LC 19, 45-46]. Jesus is filled with pain and perhaps intimate disappointment when he turns to his apostle with a dramatic question: "Down from, with a kiss you betray the Son of Man?» [LC 22, 48]. Regarding the latter two sentences would be the things to which we should pay attention, first of all the question posed as a question which is also found in the original Greek version, just to say than it is a formulation or a random translation: Jesus addressed a question to the traitor listening for an answer, but never come, because in practice the traitors do not respond, because they are inherently evil nature cowards; because the strength from God, the weakness of the Devil. That's why the man of God is intelligent, while the man of the Demon is just smart. And while today we continue to review the episode and the figure of Judas, We do not always say the true dramatic query: As the man Jesus suffered before the betrayal by Judas? Or maybe, even more than the betrayal, for the failure to reply on his part? Here, we try to think only those who today, even in the most senior echelons of the Holy Church, They refuse to respond to Christ the Lord who continues to question them through the voice, often deep pain, of devotees Christi fideles Priests and faithful.

.

In these deeds, azioni e parole è racchiusa e manifesta l’umanità di Gesù, che prosegue all’occorrenza a chiamare tutti noi, suoi moderni sacerdoti, dottori della legge e zelanti religiosi ripiegati nell’idolatria delle forme e delle tradizioni umane, coi titoli di nostra legittima spettanza: razza di vipere … ipocriti … serpenti … sepolcri imbiancatiParole attuali ieri, ma forse ancóra di più oggi. For this, quando la Liturgia della Parola ci obbliga a predicare alcuni di questi brani evangelici, lo facciamo sempre parlando al passato, come se la razza di vipere, gli ipocriti, i serpenti e i sepolcri imbiancati non fossimo noi, ma solo i membri di alcune correnti religiose del Giudaismo dell’epoca gesuana, ormai morte e sepolte nella storia.

.

Queste parole accese di passione, talvolta anche pedagogicamente aggressive, riassumono il mistero storico della concreta umanità e del virile πατος gesuano, che se non raccolto e penetrato renderà impossibile giungere alla perfetta comunione col Cristo della fede: il Dio incarnato, dead and risen.

.

L’uomo Gesù non può essere mutato in un ibrido santino de-virilizzato coi piedi sollevati da terra e gli occhi stravolti al cielo, perché ciò reca offesa, on the contrary: ciò è una bestemmia contro la sua umanità e la sua divinità. Per leggere questo brano sulle tentazioni bisogno quindi partire dal dato di fede che il tutto è realmente accaduto, che non si tratta di una parabola o di una allegoria; quindi concentrarsi sulla concreta umanità storica, fisica e palpabile del Verbo Divino: the man Jesus.

.

La prima tentazione che il Demonio rivolge è l’invito a mutare le pietre in pane, alla quale Gesù risponde con una frase tratta dal libro del Deuteronomio: «Non di solo pane vivrà l’uomo» la cui prosecuzione è «… ma da ogni parola che esce dalla bocca di Dio» [Dt 8,3]. Siamo dinanzi alla tentazione dell’immediato, del tutto e subito in modo concreto e superficiale, mentre invece la nostra concretezza è ciò che esce dalla bocca di Dio, perché quello solo è un pane di vita che porta frutto e nutrimento eterno, costasse anche soffrire una vita intera, posto che dinanzi alla beatitudine eterna la vita umana è soltanto un soffio, ed in questo soffio merita vivere anche il dolore salvifico [cf. S.S. John Paul II, Salvifici doloris], per pagare così il prezzo della nostra redenzione.

.

La seconda tentazione è forse la più terribile: «Ti darò tutta questa potenza e la gloria di questi regni». È la tentazione che racchiude in se l’ambizione e il desiderio di dominio sugli altri. È la brama del comando, del governo inteso non come servizio ai fratelli e alle membra del Popolo di Dio, ma come potere per il potere che conduce al perfetto capovolgimento diabolico: servirsi della Chiesa per scopi malvagi nella brama di essere qualcuno, o di «diventare un personaggio importante attraverso il sacerdozio» [Omelia del Sommo Pontefice Benedetto XVI per l’ordinazione di 15 deacons, Basilica Vaticana IV Domenica di Pasqua, 7 May 2006], meglio attraverso l’episcopato, meglio ancóra attraverso il cardinalato; anziché servire la Chiesa con amore e vedendo sempre in essa il Corpo palpitante di Cristo, la nostra sposa mistica verso la quale noi corriamo incontro con la passione degli sposi innamorati nel giorno delle nozze, come raffigura l’Evangelista Giovanni attraverso la poetica delle sue pagine.

.

Se il Demonio riesce a prenderci nel punto debole dell’ambizione e della vanità può fare di noi ciò che vuole e ottenere quel che brama sin dalla notte dei tempi: to prostrate ourselves before him and worshiping him call him Lord, if anything, after saying, before the evil that sometimes seems almost suffocate the Church itself: "... but who am I doing this to me against the powerful and domineering acolytes of the Devil? What good is getting life bitter, when to live in peace, within the Church today, I just do not see, Not to mention, and above all make your business more rigor and its?».

.

Per rivolgere man Gesù l’ultima disperata tentazione Satana si fa teologo, forse anche ecumenista, forse anche progressista politicamente corretto, semmai parlando in tedesco e in olandese anziché in aramaico. Satana principia a parlare con padronanza biblica come se fosse appena uscito dottorato in sacra teologia dalle nostre università pontificie: «Se tu sei Figlio di Dio, buttati giù; sta scritto infatti: “Ai suoi angeli darà ordine per te, perché essi ti custodiscano”» [LC 4, 9-10].The Devil, come diceva San Girolamo: «Scimmiotta Dio e vuole creare un’altra realtà» [L’esatta locuzione poi ripresa anche da Sant’Agostino è: The devil is the ape of God, il Demonio è la scimmia di Dio], perché egli è il maestro del capovolgimento; anche del capovolgimento della Parola di Dio usata in modo deviante per compiere azioni malvagie. L’uomo Gesù, che grazie a Dio non aveva mai studiato nelle nostre università pontificie e che per indole era politicamente scorretto, la Torah la conosceva meglio del Demonio, quindi replica senza esitare con un’altra citazione biblica: «Non metterai alla prova il Signore Dio tuo» [Dt 6,16]. E da questa frase emerge in modo chiaro un monito: l’uomo Gesù ricorda al Demonio che egli è sì vero uomo, ma anche vero Dio.

.

Infine «Il diavolo si allontanò da lui …» leggiamo sul finire di questa pagina del Vangelo, che si conclude con la frase: «… per ritornare al tempo fissato», ossia per tornare da noi e tra di noi.

.

Satana esiste oggi più di ieri. Non è un’immagine simbolica, non è — come lo definirono alcuni teologi degli anni Settanta, le cui teorie sono purtroppo tutt’oggi usate per formare i nostri futuri preti — «una raffigurazione mitica e allegorica delle antiche paure ancestrali dell’uomo». Satana esiste, è reale e vuole rubarci più che mai la nostra immagine e somiglianza con Dio; vuole rubarci il nostro stupore e il nostro amore di fronte a Dio incarnato morto e risorto, che nella sua unica persona racchiude la perfetta natura umana e la perfetta natura divina, insegnandoci a essere veri uomini per essere veri figli di Dio nel modo in cui Dio ci ha pensati, creati e amati prima ancora dell’inizio dei tempi.

.

From the island of Patmos, 10 March 2019

.

.

.

.
.

And available Book of Masses for the dead of The island of Patmos [see WHO]

.
«You will know the truth and the truth will set you free» [GV 8,32],
but bring, spread and defend the truth not only of
risks but also the costs. Help us supporting this Island
with your offers through the secure Paypal system:



or you can use the bank account:
They were IT 08 (J) 02008 32974 001436620930
in this case, send us an email warning, because the bank
It does not provide your email and we could not send you a
thanksgiving [ isoladipatmos@gmail.com ]

.

.

.

.

.

.

.

Avatar

About isoladipatmos

3 thoughts on "If the demon who dared groped even Christ the Lord is able to take in ambition, We can do what he wants

  1. Caro father Ariel,

    volevo domandare: Satana e l’inferno quando ritornerà Cristo e verrà il giorno del giudizio universale scomparirà per sempre insieme ai dannati. or not? L’eternità dell’inferno è un dogma di fede, in inferno si va in automatico se si muore nel peccato mortale? o ci vuole proprio un ostinazione o disperare della salvezza come Giuda? Poi la figura di giuda è rivalutata dagli gnostici, ma cosa dice la dottrina dei padri della chiesa è in inferno vero? Mi piacerebbe un vostro parere.
    Thank you

    1. Dear Fabio

      oggi le persone, pur avendo a disposizione mezzi elettronici e telematici che se ben usati sono anche delle straordinarie biblioteche, tendono ad andare ad abbeverarsi a scritti a dir poco strampalati in materia di dottrina e di fede, laddove abbonda di tutto: catastrofisti, millenaristi, rispolveratori delle più vecchie eresie, per non parlare dei teologi improvvisati

      Le chiarisco: questo mio lamento non è rivolto a lei ed alla sua domanda del tutto pertinente, è rivolto in generale al pubblico numeroso che ci legge.

      Se lei prende il Catechismo della Chiesa Cattolica, nella parte in cui si parla della Professione di fede e del credo nella vita eterna [see WHO], troverà spiegata in modo dettagliata la dottrina sull’Inferno, that is not “in time” né è destinato un giorno a finire, ma è appunto eterno.

      The hell “in time” o non destinato a essere eterno, è una antica eresia, la cosiddetta ἀποκατάστασις [apokatástasis]. Questa dottrina erronea fu diffusa da Origene il quale sosteneva che alla fine dei tempi sarebbe avvenuto un ristabilimento finale di tutta la creazione con la nascita di uno stato di beatitudine, posto che secondo lui, the end of time, non avrebbero potuto sussistere due regni: quello di Dio e quello del Male, perché tutto si sarebbe infine riconciliato con l’amore. In the year 553 la Chiesa condannò questa dottrina come eretica nel Concilio di Costantinopoli.

      Questa eternità va letta nell’ottica di quella che è la coerenza divina e di quello che è il dono della libertà e del libero arbitrio dato da Dio all’uomo sin dalla sua creazione.

      Anche se usiamo l’espressioneDio manda all’Inferno” the “Dio condanna all’Inferno”, questa espressione rende sicuramente l’idea, ma da un punto di vista dottrinale e teologico è corretta fino ad un certo punto, nel senso che l’uomo, all’Inferno ci si condanna da sé stesso. Sarebbe pertanto più corretto dire che Dio lascia libero l’uomo discegliersi” or “dannarsi” all’inferno, come lasciò i nostri antichi progenitori liberi di far entrare nella scena del mondo e dell’umanità la corruzione attraverso il peccato originale. The hell, anche se per rendere l’idea è raffigurato come luogo, è uno stato dell’anima dovuto alla libera scelta dell’uomo. E in questo stato Dio rispetta per l’eternità sia la decisione dei demoni sia quella degli uomini che non vogliono essere in comunione d’amore con Lui. Questo è l’Inferno che comincia a divenire concreto dentro di noi sin da questa vita terrena.

      Per quanto riguarda Giuda Iscariota il discorso è tutt’altro che semplice e la vicenda non è munita di una risposta sicura. Let me explain: nessuno di noi può conoscere il giudizio dato da Dio ad un’anima, inclusa la Chiesa. Pertanto possiamo ipotizzare o presumere che Giuda sia nell’Inferno per ciò che ha fatto e per come lo ha fatto, però non lo possiamo affermare, perché nessuno può averne la certezza, ciò comporterebbe infatti conoscere il giudizio dato da Dio. Noi abbiamo l’obbligo morale di dire a certi peccatori che con le loro azioni rischiano seriamente l’Inferno, ma nessuno di noi, dopo che costoro saranno morti in stato di peccato mortale, può decretare che siano sicuramente e indubitabilmente all’Inferno.

      A questo mio genere di risposta alcune persone hanno replicato che il tal mistico o la tal mistica ha visto, ha detto ed ha affermato cheA quel punto ho domandato se certe visioni di certi mistici o veggenti sono state per caso inserite dalla Chiesa tra i Vangeli sinottici ed il Vangelo di Giovanni o se sono state elevati a rango di magistero infallibile. Il tutto per tornare al discorso iniziale della gente che si abbevera alle sorgenti internetiche più inquinate

      Noi sappiamo che Giuda è morto impiccato. La scienza ci dimostra che dal momento in cui un uomo si cala un cappio attorno al collo al momento della sua morte possono passare di media dai quattro a cinque minuti. In quattro o cinque minuti, tra l’anima di quel suicida e la grazia di Dio, che cosa può accadere? Qualcuno è forse in grado di conoscere e di stabilire in che modo, God's grace, ha cercato di salvare quell’anima?

      A provare ciò è il fatto che oggi la Chiesa non nega più i funerali alle persone morte suicide. First, perché molti di loro possono avere agito non per voluto e deliberato sprezzo verso la vita ma perché affetti da vari disturbi, incluse le varie e gravi forme depressive, non sempre individuate per tempo; ma soprattutto perché a nessuno è dato sapere se la grazia di Dio è non è intervenuta per salvare quell’anima e per concederle il dono del Purgatorio.

      La grazia di Dio cercherà sempre di salvarci sino all’ultimo respiro di vita, così come certi uomini possono respingere la grazia di Dio sino all’ultimo respiro di vita.

      1. Mi scusi don Ariel, a proposito delle visioni di Fatima, che cosa pensa? Come devono essere intese, dato che non rientrano nella rivelazione? In internet si trova il testo di una richiesta alla Congregazione per la Dottrina della Fede perché chiarisca il contenuto del terzo segreto (questo è il link: http://disputationes-theologicae.blogspot.com/2018/12/segreto-di-fatima.html).
        La ringrazio per l’attenzione e per qualunque chiarimento vorrà fornirmi.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

 characters remaining

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.