Writes Cardinal Walter Brandmüller: "The Instrumentum laboris of the Synod panamazzonico is heretical and is an act of apostasy from the Catholic faith"

WRITES THE CARDINAL WALTER Brandmüller: «L’intruments lABORIS DEL SINODO PANAMAZZONICO È ERETICO ED È UN ATTO DI APOSTASIA DALLA FEDE CATTOLICA»

.

[…] you have to say today strongly that the’work tool binding contradicts the teaching of the Church in decisive points and therefore must be regarded as a heretic. Since then that even the fact of divine revelation is here questioned, or misunderstood, You must also talk, in addition, of apostasy.

.

Author:
Cardinale Walter Brandmüller

.

.

PDF Testo del Cardinale Walter Brandmüller formato stampa

 

.

.

Introduction

.

Cardinal Carlo Caffara [1938-2017], one to whom God's mercy has spared on this earth the abomination of desolation …

It can really cause astonishment that, the opposite of previous meetings, this time the Synod of Bishops dealing exclusively with a land region whose population is only half that of Mexico City, namely 4 millions. This is also because of suspicions about the true intentions that you would like to implement surreptitiously. But above all, we must ask what are the concepts of religion, of Christianity and of the Church that they are the basis of 'work tool recently published. Everything will be examined with the support of the individual elements of the text.

.

Because a synod in this region?

.

To begin, the question is why a synod of bishops should deal with subjects, which - as is the case of three-quarters of’work tool – hanno solo marginalmente qualcosa a che fare con i Vangeli e la Chiesa. Obviously, by the Synod of Bishops it is also accomplished an aggressive intrusion into purely mundane affairs of the state and society in Brazil. One wonders: what they have to do ecology, the economy and politics with the mandate and mission of the Church? And especially: which professional competence authorizes a church synod of bishops to issue statements in these fields? If the synod of the bishops really did, this would constitute an encroachment and a clerical presumption, che le autorità statali avrebbero motivo di respingere.

.

Sulle religioni naturali e l’inculturazione

.

Cardinal Carlo Caffara [1938-2017], one to whom God's mercy has spared on this earth the abomination of desolation …

C’è un altro elemento da tenere presente, che si trova in tutto lwork tool: vale a dire la valutazione molto positiva delle religioni naturali, includendo pratiche di guarigione indigene e simili, come anche pratiche e forme di culto mitico-religiose. Nel contesto del richiamo all’armonia con la natura, si parla addirittura del dialogo con gli spiriti (n. 75).

Non è solo l’ideale del “buon selvaggio” outlined by Rousseau and the Enlightenment here it is compared with the decadent European man. This line of thinking goes further, until the twentieth century, when it culminates in idolatry pantheistic nature. Hermann Claudius (1913) he created the anthem of the socialist labor movement “When we walk side by side…”, into a verse of which reads: "Green birches and green seeds, that the old Mother Earth sows generously, with a gesture of supplication so that man becomes her… “. Va notato che questo testo è stato successivamente copiato nel libro dei canti della Gioventù hitleriana, probabilmente perché corrispondeva al mito del “sangue e suolo” nazionalsocialista. Questa prossimità ideologica è da rimarcare. Questo rigetto anti-razionale della culturaoccidentaleche sottolinea l’importanza della ragione è tipico dellwork tool, che parla rispettivamente diMadre Terra” in n. 44 and “grido della terra e dei poveri” nel n.101.

As a result, il territorio – vale a dire le foreste della regione amazzonica – viene addirittura dichiarato essere un locus theologicus, una fonte speciale della divina rivelazione. In esso vi sarebbero i luoghi di un’epifania in cui si manifestano le riserve di vita e di saggezza del pianeta, e che parlano di Dio (n. 19). In addition to, the resulting regression from Logos to the Mythos is raised to the criterion of what’work tool called inculturation of the Church. The result is a natural religion with a Christian mask.

The notion of inculturation is here virtually distorted, since it actually means the opposite of what the international theological commission had presented in 1988 and what had previously taught the decree To nations the Second Vatican Council on the Missionary Activity of the Church.

.

Abolition of celibacy and the introduction of women priests

.

Cardinal Carlo Caffara [1938-2017], one to whom God's mercy has spared on this earth the abomination of desolation …

It is impossible to hide this “synod” It is particularly suited to implement two projects among the most loved ones who have not as yet been implemented: namely the abolition of celibacy and the introduction of a female priesthood, beginning with women deacons. In any case it is "taking into account the central role that women now play in the Amazon Church" (n. 129 a3). And likewise, it is "open new spaces to recreate appropriate ministries in this historic moment. It's time to listen to the voice of the Amazon… “ (n. 43).

Ma qui si omette il fatto che, da ultimo, anche Giovanni Paolo II ha affermato con la massima autorità magisteriale che non è nel potere della Chiesa amministrare il sacramento dell’ordine alle donne. Indeed, in duemila anni, la Chiesa non ha mai amministrato il sacramento dell’ordine a una donna. La richiesta che si colloca in diretta opposizione a questo fatto mostra che la parola “Church” viene ora utilizzata esclusivamente come termine sociologico da parte degli autori dellwork tool, implicitly denying the sacramental-hierarchical nature of the Church.

.

The denial of the sacramental-hierarchical nature of the Church

.

Cardinal Carlo Caffara [1938-1917], one to whom God's mercy has spared on this earth the abomination of desolation: the coffin containing the coffin during the funeral Mass in the Metropolitan Cathedral of the Bologna 9 September 2017.

Similarly - albeit with rather expressions of passage - the n. 127 It contains a direct attack on the hierarchical and sacramental constitution of the Church, When it is asked whether it would be appropriate to “reconsider the idea that the exercise of jurisdiction (power steering) It must be connected in all areas (sacramental, judicial, administrative) and permanently to the sacrament of the order ". It is a vision so wrong that comes later in the n. 129 the demand for creating new offices that meet the needs of the Amazonian peoples.

However it is the area of ​​liturgy, cult, one in which the ideology of inculturation falsely understood finds its expression in a particularly spectacular way. who, some forms of natural religions are taken positively. L'Instrument labor (n. 126 and) We do not hesitate to ask for the "poor and simple people” can express “their (!) faith through images, symbols, traditions, rituals and other sacraments (!!)”.

This definitely does not meet the precepts of the Constitution The Council, nor those of the decree To nations sull’attività missionaria della Chiesa, and it shows a purely horizontal understanding of the liturgy.

.

Conclusion

.

Cardinal Carlo Caffara [1938-2017], one to whom God's mercy has spared on this earth the abomination of desolation: the coffin containing the coffin during the funeral Mass in the Metropolitan Cathedral of the Bologna 9 September 2017: the last farewell of priests.

In sum: l’work tool loads the synod of bishops, and ultimately the pope of a serious breach of Deposit of Faith, che significa come conseguenza la autodistruzione della Chiesa o il cambiamento del Corpus Christi mysticum in a ONG secolare con un compito ecologico sociale psicologico.

Dopo queste osservazioni, of course, si aprono delle domande: si può qui rinvenire, specialmente riguardo alla struttura sacramentale-gerarchica della Chiesa, una rottura decisiva con la Tradizione apostolica in quanto costitutiva per la Chiesa, o piuttosto gli autori hanno una nozione dello sviluppo della dottrina che viene sostenuta teologicamente al fine di giustificare le rotture sopra menzionate?

Questo sembra essere davvero il caso. Stiamo assistendo a una nuova forma del Modernismo classico dell’inizio del XX secolo. At the time,, si è cominciato con un approccio decisamente evolutivo e poi si è sostenuta l’idea che, nel corso del continuo sviluppo dell’uomo a gradi più alti, devono essere trovati di conseguenza anche livelli più elevati di coscienza e di cultura, per cui può risultare che quello che era falso ieri può essere vero oggi. Questa dinamica evolutiva è applicata anche alla religione, cioè alla coscienza religiosa con le sue manifestazioni nella dottrina, nel culto e naturalmente anche nella morale.

that my, then, si presuppone una comprensione dello sviluppo del dogma che è nettamente opposta alla genuina comprensione cattolica. Quest’ultima comprende lo sviluppo del dogma e della Chiesa non come un cambiamento, but, rather, come uno sviluppo organico di un soggetto che rimane fedele alla propria identità.

Questo è ciò che i Concili Vaticani I e II ci insegnano nelle loro costituzioni the son of God, Lumen Gentium and Dei Verbum.

Dunque si deve dire oggi con forza che lwork tool binding contradicts the teaching of the Church in decisive points and therefore must be regarded as a heretic. Since then that even the fact of divine revelation is here questioned, or misunderstood, You must also talk, in addition, of apostasy.

Ciò è ancor più giustificato alla luce del fatto che lwork tool uses a purely immanent notion of religion and religion as it results in the form of man's personal expression of spiritual experience. The use of words and Christian notions can not hide that they are simply used as empty words, regardless of their original meaning.

l’work tool for the Amazon Synod is an attack on the foundations of the faith, in a way that was not previously thought possible. And so it must be rejected with the utmost firmness.

..

Rome, 27 June 2019

.

.

It is now available the first book of Editions The island of Patmos, visit our store page WHO

.

.

«You will know the truth and the truth will set you free» [GV 8,32],
but bring, spread and defend the truth not only of
risks but also the costs. Help us supporting this Island
with your offers through the secure Paypal system:









or you can use the bank account:

payable to Editions The island of Patmos

IBAN IT 74R0503403259000000301118
in this case, send us an email warning, because the bank
It does not provide your email and we could not send you a
thanksgiving [ isoladipatmos@gmail.com ]

.





Avatar

About isoladipatmos

21 thoughts on "Writes Cardinal Walter Brandmüller: "The Instrumentum laboris of the Synod panamazzonico is heretical and is an act of apostasy from the Catholic faith"

  1. caro padre Ariel
    I would like to ask
    il codice di diritto canonico riporta

    “Can. 1364 – § 1. L’apostata, l’eretico e lo scismatico incorrono nella scomunica latae sententiae, fermo restando il disposto del can. 194, § 1, n. 2; il chierico inoltre può essere punito con le pene di cui nel can. 1336, § 1, NN. 1, 2 and 3.
    §2. Se lo richieda la prolungata contumacia o la gravità dello scandalo, possono essere aggiunte altre pene, non esclusa la dimissione dallo stato clericale.

    ma per questi signori che hanno proposto questo “work tool” è valido oppure no? Ci vuole sempre un processo canonico, ma poi i fedeli quando i pastori fanno apostasia devono sempre ubbidienza? Quale fiducia possono riporre in chi distrugge la fede cattolica, Thank you

    1. Dear Fabio,

      in numerosi miei scritti, da due anni a questa parte, lamento, spiego e dimostro che non solo tutte le fondamentali leggi canoniche sono disattese, ma se dinanzi a gravi illeciti o ingiustizie uno ne chiede l’applicazione, il risultato è che colui che le vìola viene protetto, chi ne reclama l’applicazione finisce punito.
      Therefore, rivolgersi in questo momento al Supremo Tribunale della Segnatura Apostolica, od alla Congregazione per la dottrina della fede competente per i delitti contro la fede, sarebbe come rivolgersi a un tribunale sovietico dell’epoca stalinista per denunciare le deportazioni nei gulag dei dissidenti politici, chiedendo la condanna di chi li ha deportati e la loro immediata liberazione.

      Non è che tutto stia crollando bensì peggio: tutto è ormai crollato.
      Forse tra non molto scopriremo quali erano, dietro tutto questo, i progetti di Dio.

      1. dear father Ariel

        non mi ha risposto, il fedele quando nota che come dice leitutto è ormai crollatocosa deve fare, deve obbedienza? Deve resistere? In che comodo? E quando un papa chiaramente devia dal suo ufficio, che è quello di custodire il deposito della fede e della tradizione? Deve considerarlo papa? L’eresia non fa perdere l’ufficio in senso automatico? La confusione, l’ambiguità non viene dal maligno?

        1. vede, the thing is very simple: il Romano Pontefice non è giudicabile da alcuna autorità umana, né ecclesiastica né laica, perché non può essere sottoposto ad alcun giudizio umano in quanto non esiste autorità superiore alla sua che possa giudicarlo.
          Tant’è che verso le sentenze o le decisioni date personalmente o approvate dal Romano Pontefice, non può essere presentato alcun appello [can. 333 § 3].
          Quella del cosiddettopapa apostataè solo una pura ipotesi, una speculazione accademica, perché mai nella storia della Chiesa si è verificato il caso di un pontefice caduto in apostasia.

          L’eresia implica che qualcuno la giudichi e la riconosca come tale e che poi condanni l’eretico, ma se l’ereticosempre per ipotesi accademicafosse un Romano Pontefice, lì subentrerebbe un non lieve problema: first, nessuno lo può giudicare; second, nessuno lo può deporre.

          Instead, se un giorno la Chiesa fosse trasformata in una repubblica parlamentare, at that point, verso il Presidente elettivo della Chiesa Cattolica il cui mandato è dato e tolto dagli elettori attraverso il meccanismo delle libere elezioni, si potrebbe avviare la procedura di impeachment per poterlo così destituire, processare e condannare.

          Cosa non possibile però da farsi col Romano Pontefice, detentore di una potestas che a lui perviene direttamente da Dio e che per tanto può essere giudicato solo da Dio.

          Non è poi così difficile da comprendere.

          1. Invece è difficilissimo da comprendere. Indeed, se io non posso essere in comunione col papa, perché questi mi insegna l’errore in materia di fede e di morale, non implica questo fatto la fine della Chiesa e, consequently, della stessa fede cattolica che si fonda sulla continuità del magistero? Dov’è la Chiesa una volta che il papa non è più obbedibile? Dov’è la sua indeffetibilità? Ho scritto una correzione al mio commento che non è stata pubblicata nella quale dicevo che il fatto che la Chiesacambiil suo annuncio è il punctum stantis aut cadentis Ecclesiae. Occorre aggiungere Catholicae. Indeed, resterebbe la possibilità di andare avanti senza gerarchia, diventando protestanti oppure di costituire Chiese autocefale, come gli ortodossi. Queste cose te le scrivo da prete, perché ti assicuro che il desiderio di prendere la porta e andarmene, ancorché alla soglia dei cinquant’anni, è molto forte. Era già difficile prima, ora sta diventando impossibile.

  2. Grandissimo. Ce n’era di più, di uomini con gli attributi come lui, e gli altri tre, e la Chiesa non sarebbe ridotta in questo stato miserando. But, evidently, c’è un disegno provvidenziale, in questi avvenimenti apparentemente indecifrabili

  3. attenzione la data di morte del Card. Caffarra è sbagliata 1938-1917!!! presumo che sia 2017

  4. A mio umile parere, mi sembra che qui il problema sia di prospettiva. Che la natura assurga ad uno dei luoghi privilegiati di manifestazione di Dio, lo insegna S. Paolo nella Lettera ai Romani, laddove mette in evidenza che i pagani sono inescusabili per la loro ignoranza di Dio, as “… ciò che di Dio si può conoscere è loro manifesto; Dio stesso lo ha loro manifestato. [20]Indeed, dalla creazione del mondo in poi, le sue perfezioni invisibili possono essere contemplate con l’intelletto nelle opere da lui compiute …” (RM 1. 19-20); senza contare l’importanza che il mondo naturale ha in grandi santi come S. Francesco o S. Ildegarda di Bingen. Anche sull’integrazione di simboli non cristiani nel cristianesimo, ciò è sempre avvenuto (pensiamo all’albero di natale, by it.). Ovvio che il discorso cambia se si usa l’esaltazione della natura o di religioni indigene per opporle alla cultura occidentale cristiana, nel solco di quella distruzione della nostra identità, appunto culturale, oggi in atto. In quel caso bene ha fatto il Card. Müller ad esprimere la sua critica, but, in my opinion, sarebbe stata più efficace se avesse distinto i due piani.

    1. Grazie per la pubblicazione di questo coraggioso intervento. Devo confessare che il giorno che ho letto dell’instrumentum laboris non ho dormito. It's right Don Ariel: tutto è oramai crollato. È di qualche giorno fa la notizia della riunione carbonara tra Kasper, Baldisseri, Hummes e altri prelati e teologi di area tedesca per decidere come meglio farci ingoiare la loro idea di neochiesa. Non ci resta che pregare tanto e testimoniare il nostro dissenso a questo sfacelo. Mi permetto di girare una petizione in favore del Cardinale Brandmuller. Fose non servirà a molto, perché il film lo abbiamo già visto con il sinodo sulla famiglia, ma almeno non stiamo zitti. https://lifepetitions.com/petition/support-cardinal-who-is-condemning-amazon-synod-working-doc-as-apostasy?utm_source=LifeSiteNews.com&utm_campaign=852d4ae9e5-SUPPORT_BRANDMULLER_06_27_19&utm_medium=email&utm_term=0_12387f0e3e-852d4ae9e5-402186749

  5. Come è possibile partorire qualcosa come lo “work tool” above?
    Semplicemente usando la stessa tecnica utilizzata in AL:
    Si tratta la Rivelazione, la legge divina e la legge naturale come se fossero la stessa cosa;
    Si ribadisce quanto afferma San Tommaso riguardo alla legge naturale;
    Si conclude che la rivelazione non è immutabile ma che è mutevole in quanto deve essere subordinata ai casi concreti.
    In pratica si definisce ora la “Mercy” come la ricerca di una mediazione tra la legge divina ed i comportamenti umani ad essa non conformi, e più non l’abbraccio del Padre a chi si ripropone, col cuore sincero, di ritornare concretamente a Lui.

  6. Cosa intende il cardinale con l’espressione “in a way that was not previously thought possible”? Che non si riteneva possibile che un simile attacco arrivasse dall’interno della Chiesa visibile?

  7. Dear don Ariel,
    ricordo la tua polemica a distanza con padre Cavalcoli sulla chiusura del papa alle ispirazioni dello Spirito Santo.
    Cavalcoli sosteneva una sorta di inerranza del pontefice, che faceva anche un posorridere, perché concepita in maniera, in my opinion, a powder’ meccanica: una volta divenuto papa, il cardinale eletto non può insegnare l’errore, pena il venir meno della promessa di Cristo a Pietro.

    Now, al di là del modo di spiegarla, la tesi di padre Cavalcoli è perfettamente in linea con quanto i fedeli cattolici hanno creduto fino a ieri: ossia l’importante è essere in comunione con il Romano Pontefice.

    Cavalcoli se la cavava dicendo che le parole del papa dovevano essere opportunamente interpretate, che è come dire che il quattro, when you need, lo facciamo diventare cinque.

    Indeed, il problema teologico insoluto è questo: come è possibile essere in comunione con un pontefice che insegna l’errore in testi ufficiali? Certain, non è magistero solenne, ma è magistero. Come è possibile che Dio permetta questo?

    Qui non è in questione la vita morale del papa o le sue idee personali, ma l’insegnamento della dottrina. Se il garante non garantisce, chi ci garantisce?

    _____

    aggiunta successiva:

    Mi sono espresso in modo poco chiaro. In realtà la penso come padre Cavalcoli, ossia ritengo che la dottrina cattolica impedisca di pensare che il papa possa insegnare l’errore anche nel magistero ordinario, nel senso che Dio, nella sua onnipotenza e nella sua provvidenza, può impedire che ciò accada, al limite intervenendo anche dall’esterno (impedimenti, malattie, morte ecc.). Ciò che mi sembra semplicistico nel ragionamento di Cavalcoli è che non tiene conto dell’adagio latino, ossia che “contra factum non datur argumentum”. Se il papa insegna l’errore (ad esempio su aspetti morali) o se un domani lo insegnerà su questioni sacramentali non ci sarà da aggiustare un bel niente, ma da prendere atto, con sgomento, che forse qualcosa nella fede cattolica. Are, indeed, la continuità nel proporre la fede non è più il carattere distintivo della Chiesa cattolica e del suo Magistero, to whom shall we go? Anche perché qui non stiamo parlando di questioni ancora aperte, ma di dottrine definite che vengono messe in discussione.
    Credo che questo sia il punctum stantis aut cadentis Ecclesiae e con essa anche fidei.

    1. Chiedo scusa se mi permetto di esprimermi in merito:
      Ci garantisce, nello Spirito, prayer, Scripture and Tradition: the “Pietranon insegna alcuna nuova dottrina ma, se ravveduta, conferma e chiarisce l’unica dottrina rivelata da Cristo.

      1. La Rivelazione è consegnata alla Chiesa e alla sua mediazione. Se crolla la Chiesa, crolla anche tutto il resto. Non può esistere una Rivelazione senza Chiesa, pena cadere nel protestantesimo, che riduce la Chiesa a comunità in cui ciascuno riceve ed interpreta a modo suo e neppure può esistere una Chiesa senza Pietro a meno di non diventare ortodossi: tante Chiese autocefale. La credibilità della Chiesa fino a Benedetto XVI si è fondata sulla continuità nel Magistero. Se questa continuità si spezza, in che senso si potrà parlare ancora di Chiesa cattolica e soprattutto in che senso potremo dire che la Chiesa cattolica è la vera Chiesa di Cristo?

        1. La Rivelazione, you see Dei Verbum, fu completata da Cristo (DV 4) e venne affidata alla Chiesa affinchérimanesse per sempre integra e venisse trasmesso a tutte le generazioni” (DV 7).

          However, “per ricavare con esattezza il senso dei sacri testi, care must be taken with no less diligence the content and unity of the whole Scripture, taking due account of the living tradition of the whole Church and the analogy of faith” (DV 12).

          Of this, unfortunately, the current Pope does not take any account and then, that expresses, are just his personal and not the authentic Magisterium.

          One example from recent the living: at the end of CV 12 states that “Jesus praises the young sinner who takes the good way most of those who believe to be true but does not live the spirit of love and mercy.”

          However, if you go to read the Gospel parable, the “young sinner” It is not praised in any way, and the brother who “He had an old heart and let greed possess, dall’egoismo e dall’invidia”, viene ricordato che tutta l’eredità paterna è esclusivamente sua e non del fratello minore.

  8. Mi sono espresso in modo poco chiaro. In realtà la penso come padre Cavalcoli, ossia ritengo che la dottrina cattolica impedisca di pensare che il papa possa insegnare l’errore anche nel magistero ordinario, nel senso che Dio, nella sua onnipotenza e nella sua provvidenza, può impedire che ciò accada, al limite intervenendo anche dall’esterno (impedimenti, malattie, morte ecc.). Ciò che mi sembra semplicistico nel ragionamento di Cavalcoli è che non tiene conto dell’adagio latino, ossia checontra factum non datur argumentum”. Se il papa insegna l’errore (ad esempio su aspetti morali) o se un domani lo insegnerà su questioni sacramentali non ci sarà da aggiustare un bel niente, ma da prendere atto, con sgomento, che forse qualcosa nella fede cattolica. Are, indeed, la continuità nel proporre la fede non è più il carattere distintivo della Chiesa cattolica e del suo Magistero, to whom shall we go? Anche perché qui non stiamo parlando di questioni ancora aperte, ma di dottrine definite che vengono messe in discussione.
    Credo che questo sia il punctum stantis aut cadentis Ecclesiae e con essa anche fidei.

  9. Father Ariel Caro, fin quando ci saranno sacerdoti come lei (and many others) la Chiesa non crollerà mai!
    Per il resto provo profondo dolore per quanto sta accadendo ma non posso non confidare nella Provvidenza Divina.
    Una volta mi fu detto cheil mondo è fondamentalmente buonoperché fatto di una bontà perfetta che nessuna azione umana avrebbe mai potuto minare.
    Grazie per il suo articolo.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

 characters remaining

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.