Can a Roman Pontiff legitimately elected and legitimate Successor of the Blessed Apostle Peter to be deprived of the grace of state ?

- Church news -

CAN A Roman Pontiff LEGALLY ELECTED AND LEGITIMATE SUCCESSOR OF BLESSED APOSTLE PETER BE FREE OF STATE OF GRACE ?

.

Dear Readers and numerous: I will never mock you, because "God has entrusted you to me ', and a father can not and should never make fun of the children who demand comfort, help and support in trial, so as not to face the ghosts of the Demons that there circling around, and that scare us a lot in this dark night.

.

Author
Ariel S. Levi Gualdo

.

.

PDF format Print article

 

.

.

the statue of St. Peter the Apostle in the homonymous Vatican Archbasilica

Right now we should treasure the words of Cardinal Charles Journet [1891-1975] who in his work Church of the Incarnate Word explains:

.

"The axiom “where the Pope there is the Church”, so where the Pope acts as Pope and Head of the Church; if not, or The Church is in him, neither he is in the Church ".

.

I'm tired to debate unnecessarily with those who decided and absolutely deny making only vague account the possibility that a Pope can be closed to the grace of the Holy Spirit actions, poured on him with undoubted abundance, but that in him and through him can operate only if he accepts the gifts of grace and puts them to good use. Here, then, that these subjects scrambles their total rejection, and they react to this problem as confirming and supporting of juke box coin the chant ... 'It, But the Pope can never err when judges in the matter of doctrine and faith, it is dogma, dogma, dogma!».

.

Very Serious question: but it is the grace of God that speaks and acts through him, or it is instead he acts irrespective of grace, since it is magically not defeasible in matters of doctrine and faith, It can speak infallibly although closed to the grace and out of the sanctifying grace of God? Because if we are neither before the metaphysical or before the dogmatic, But before the magic. It is in fact the magic that in itself and in itself is totally irrational, while the dogma and dogma are not irrational, They are built on rational principles, for as sure as that the Word became flesh, It has not done thinking vaporous, It became physically and rationally meat.

.

Faced with these closed forms of reasoning which are the consequence of escape from reality by all those who pretend to always have a strong logical answer for everything, unless retreat into four protective formulas when the answers to be given when there are none, I repeat that we are not within either of metaphysics nor in that of the dogmatic, But part of the magic, if not worse Gnosticism. For how can the Holy Spirit, through its thanksgivings, cancel the will or no will of man, that is, his freedom and his free will, for sdoppiarlo to your liking and make it totally necessary unfailing, if its nature was not freely open to God's grace? Because if that happens, in that case God would be in contradiction with the mystery of creation and thus with himself through the Holy Spirit, and in this case our God is a magical God, a Gnostic god. Everything always to return to the great speculative minds that face problems until a few years previously unimaginable, but unfortunately real today, instead of really they close themselves up mirror in the cage of their four dogmatic formulas reiterating firm and immovable before the tragic evidence of the facts: "... it is unfailing, can not err, it is dogma, dogma, dogma!» …

.

… and here it is worth remembering that the dogmas are not cages for men claiming at one point the right not to reason, but they are as deeply reasoned heart of the mystery of faith, at least according to a great teacher of school, Sant'Anselmo d'Aosta, which he states the extent to which "faith requires the intellect and understanding the faith" [Faith seeking understanding. In Prosl., Proemio], and again: "I think to understand, I understand to believe » [I believe in order to understand, I understand that you can trust]. And these two are the main foundations of scholastic philosophy, which never, at its foundation, He has placed the magic.

.

Well I confess that these arguments are tired. I'm tired of those who before a fire in a library of sacred texts destined to be lost forever, They will rush to save the book Iota Romano Amerio and the Holy Gospel burns. Like the rest are a bit 'tired in general, much to ask with some frequency: deserves continue to speculate, analyze and write, or would it be better to shut themselves up for life I have left in a Carthusian monastery with absolute silence vote, dedicating myself to prayer and penance until death? In August, a few days after the completion of my 55th birthday, as time rushes I proposed more than ever to work to good use throughout the life of this time that separates me from death, I intend to waste it or to defend the indefensible or to save the unsalvageable, least of all to expose my human and priestly dignity to public ridicule just to look in the documents of the Supreme Pontiff Francis I that he has never said and written, pulling out all the costs they have the good that if anything there, through interpretative devices that have indeed pathetic, because you can not put your mouth on the good things he did not say after doing the process to its deepest intentions …

.

… and before the solutions are three all'indifendibile: reproaches and complaints of St. John the Baptist, which as we know He lost his head; the speculative analysis of the situation for what it is, however not for what we would like it; the complete withdrawal from the world and total silence vote for life. There are three different ways, but all effective to operate at its best in this disastrous situation and irreversible. For now I have chosen the first solution, the model Giovanni Battista, but I could also decide to choose the third, with perhaps even more effectively.

.

The problem, It is not in fact slight: how can we, November, interpret the one who should be the guardian and authentic interpreter of the faith? Or just hurts a lot to some minds have to accept and admit that the keeper of the "magical infallibility", for five years now he has shown with its deliberate and unintentional ambiguity about nothing, It blew up in the Church, the theological and moral relativism, together with the confusion and division, as never before he had been seen in the visible Church? Is it possible that among the pundits of the great theology, not only there is one that poses a question, if anything, likely to remain unanswered, ie this: there may be a case in which a Pope, closed to the actions of the sanctifying grace of the Holy Spirit, ends up be deprived of the grace of state that is typical of his high office, if anything, with all the consequences that today we have before, all regardless of his legitimate election and the role he equally legitimately busy?

.

And with this it is obvious, loved ones and many readers: I will never mock you, because "God has entrusted you to me ', and a father can not and should never make fun of the children who demand comfort, help and support in trial, so as not to face the ghosts of the Demons that there circling around, and that scare us a lot in this dark night.

.

Right now our salvation is contained in the theological virtue of hope, on which I wrote abundantly in 2014 [see WHO]. Hope is the great virtue median that binds together faith and charity. And since I have been set up in the service of the People of God and entered the priesthood in the universal fatherhood, this Holy People intend to offer the way of hope, but never the way of illusion, because I am a priest of Christ, not a drug dealer of hallucinogens acids, but mainly because I consider that a Holy People of God, not a people ox which give a pat and aspirin while a terminal cancer corrodes by the time our ecclesial and ecclesiastical body, while the visible Church is already in the antechamber of a morgue reduced for the occasion to a circus of clowns, dancers and dwarfs.

.

You want to know what has always saved my priesthood? Perhaps the school, I have studied and deepened; perhaps metaphysics, I have studied and deepened; perhaps St. Thomas Aquinas, I studied in depth? Well, my priesthood is not saved by these “means” effective, but still means. It was saved from my deep love for the Church, the Mystical Body, of which Christ is the Head and we are living members; It was saved by love for the Church that is born of love divine work of the Divine Heart. It is with this awareness that every day I raise the Body and Blood of Christ on the altar cheering:

.

Per ipsum, And with the, et in ipso

you, God the Father Almighty,

the Holy Spirit,

All glory and honor

forever and ever.

.

Or someone might think I would have given one day of my precious life to this poor whore the visible Church that today we have before, devastating whole operates purely human dwarf, dancers and jesters in the career Court of Miracles big Re Nudo ?

.

the Island of Patmos, 16 December 2018

.

This article is the last part of a revised much more articulate article published 10 September 2018 and you can find in our archives under the title: "Faced with a visible Church suffers from a doctrinal and moral decay irreversible, you must open as soon as the seed bank " [the text is readable WHO]

.
.
«You will know the truth and the truth will set you free» [GV 8,32],
but bring, spread and defend the truth not only of
risks but also the costs. Help us supporting this Island
with your offers through the secure Paypal system:



or you can use the bank account:
They were IT 08 (J) 02008 32974 001436620930
in this case, send us an email warning, because the bank
It does not provide your email and we could not send you a
thanksgiving [ isoladipatmos@gmail.com ]

.

.

.

.

Avatar

About isoladipatmos

18 thoughts on "Can a Roman Pontiff legitimately elected and legitimate Successor of the Blessed Apostle Peter to be deprived of the grace of state ?

    1. No, it's not an answer.
      And’ just a subject matter in a different way, like: seen from the right and seen from the left.
      The dogmatic truths of faith are intangible, while the theological interpretations are different; no theological interpretation, starting from my, You can ever rise to absolute truth and dogma of faith.

  1. “CAN A Roman Pontiff LEGALLY AND ELECTED…”
    But, I wonder, It can be considered “legitimately elected” who was (as publicly stated by Cardinal Daneels, and without subsequent denials) from “St. Gallen Mafia”?

    1. Dear Gaetano,

      Church history is ancient 2000 years and does not end in the course of recent events taken place between the 2005 and the 2018.
      When it normalized to that which was in the course of twenty centuries the history of the Church and the papacy, the so-called “Mafia St. Gallen” It should be included in the list of pious confraternities of charity and mutual aid.
      Otherwise, applicando invece i dubbi da lei espressi e quindi il suo criterio, dovremmo procedere a posteriori a dichiarare retroattivamente invalide le elezioni di almeno la metà dei Sommi Pontefici, several of which risen to the sacred throne through simony, deceit and political blackmail, not to mention many of those pontiffs who made a cardinal beloved nephew was succeeded in turn to his uncle on the Chair of Peter …
      And so on to follow.

      He knows why, Cardinal Vicar of His Holiness for the diocese of Rome, It was commonly called in the current lexicon era er Cardenal grandchild? For the simple fact that for a quite short time, The Popes, they named their own grandson vicar general placing it in that very delicate role, cosiderando species at that time, Rome, It was the capital of the State and the Pontifical vicar general of His Holiness, political and legal, powers had not indifferent.

      Therefore, for those who know the story, both recriminata “Mafia St. Gallen”, when compared to the history of the papacy, It is to be considered in the same way of the Pious Society of the Ladies of Charity of St. Vincent de’ Paoli.

      1. Padre Ariel,
        Anyone who knows the history of the Church can not but agree, and repeat what you have expressed. But in the past it was pure political power games and favoritism, they would never dare to change or overturn the law of the Lord.
        What instead the so-called San Gallo Mafia had every intention of doing, It is not limited to the intrigue of the court.

        1. Chiunque conosce la vera storia del Papato e soprattutto chi crede nel carisma di Pietro, non accetta quanto asserito da Don Ariel. Il gruppo di San Gallo, anche ammesso, come è quasi certo, stando ai nomi di chi vi partecipava, che fosse un gruppo modernista, non ha avuto e non ha alcun potere di «cambiare o stravolgere la legge del Signore», Giacchè, come ha promesso Cristo, portae hell not praevalebunt.

          1. Stimato Padre Cavalcoli,

            Non credo Don Ariel volesse intendere ciò che lei ha inteso, né io ho mai pensato che precedentielezionipapali fossero invalide.
            Tuttavia sappiamo bene che in passato, in some cases, questioni puramente politiche hanno giocato la loro parte. Ciò non toglie merito alle qualità che i pontefici successivamente eletti hanno avuto.

            La differenza che volevo far notare, così come lei ha scritto in un commento successivo, risiede nella vera finalità delle intenzioni del gruppo di San Gallo. Quella è la differenza chiave.
            Ovviamente tutti conosciamo la fine che fa chi vuole far guerra a Dio

      2. C’è una non lieve differenza però: nessuno aveva ancora stabilito che quelle elezioni erano invalide, e i partecipanti con l’eletto Papa tutti scomunicati latae sententiae (ovvero seduta stante). L’ha fatto Giovanni Paolo II nel 1996: non bisognerebbe tenerne conto, from then on? Oppure si fa finta di niente perché è antica divertente usanza, e quindi Wojitila sicuramente scherzava?
        Just saying

        1. È chiaro che le nuove disposizioni date da S.Giovanni II nel 1996 invalidano gli usi precedenti, anche se erano legittimi. Ma appunto perchè le dette disposizioni non valevano prima di quella data, non potrebbero avere un valore retroattivo. Sarebbero invalide quelle elezioni che fossero fatte senza tener conto delle nuove disposizioni di S.Giovanni Paolo II. Ma c’è da pensare che esse, nel conclave del 2013, siano state rispettate.

      3. L’affermazione di Don Ariel che «dovremmo procedere a posteriori a dichiarare retroattivamente invalide le elezioni di almeno la metà dei Sommi Pontefici» è storicamente infondata, mina la credibilità ed autorevolezza del Magistero pontificio e crea vuoti giuridici inammissibili nella successione apostolica, che ne spezzerebbe la continuità, tutto ciò contro la fiducia di fede che il cattolico ha nell’autorevolezza dottrinale e morale della serie ininterrotta dei Papi, garantita dallo Spirito Santo e storicamente dimostrata, da S.Pietro a Papa Francesco.
        Quanto al gruppo modernista di San Gallo, è possibile che esso abbia violato le norme canoniche concernenti la discussione circa colui che poteva essere il miglior candidato all’elezione del nuovo Papa. Ma un conto è la validità dell’elezione di un Papa e un conto sono le norme che ne regolano il procedimento.
        Quello che è storicamente dimostrato, as far as possible, e che si deve credere con certezza proxima fidei, è che tutti i Papi elencati nell’Annuario Pontificio da S.Pietro a Papa Francesco sono stati legittimamente eletti e quindi sono validi, per quanto siano stati differenti nel corso dei secoli, i procedimenti e

        1. Dear Father John,

          se non fosse divertente sarebbe davvero tragico il fatto che tu non ti prenda neppure cura di leggere ciò che ho risposto al Lettore, dando alle mie parole un senso totalmente distorto e avulso dal loro significato, sino ad attribuirmi cose che non ho mai scritto, basta solo leggere sopra la mia risposta incriminata, quella data a Gaetano, perché lo sforzo è davvero minimo.

          All, moreover, scritto e inviato da te il 25 December, nella Natività del Signore, giorno nel quale i sacerdoti ed i religiosi dovrebbero essere affaccendati in ben altre cose, per esempio a spiegare ai fedeli il mistero dell’incarnazione del Verbo, come è stato fatto con tre diverse omelie anche sulle colonne de The island of Patmos; dei testi che hanno edificato molto di più il Popolo di Dio di quanto non lo edifichino invece delle questioni di lana caprina.

          In conclusion, hai scelto proprio il giorno di Natale per prendere dieci righe, non capire quello che in esse era stato scritto attraverso l’uso di un evidente paradosso che tutti hanno perfettamente compreso, fuorché tu, per fare infine un regalo del genere ad un confratello che in quattro anni di lavoro su queste colonne si è solo adoperato a valorizzare al massimo il tuo lavoro ed i tuoi scritti. To this, if you want, puoi aggiungere anche il fatto che quando nel 2016 sei stato coinvolto in spiacevoli questioni e duramente attaccato, ad esempio per il programma radiofonico su Radio Maria, quando su di te si scatenò l’ira per una tua affermazione sui divine punishment fatta a pochi giorni di distanza dal terremoto nel reatino, dinanzi ad una nutrita serie di cosiddetti pezzi da novanta della Curia Romana e dell’Episcopato italiano che ti attaccarono e che ti smentirono pubblicamente, noi non ci mettemmo la coda tra le gambe dinanzi a cotanti potenti, né dicemmo «il Cavalcoli? Ma noi non lo conosciamo mica!» … anything, noi ti difendemmo a spada tratta, non ti voltammo le spalle, né ti criticammo né ti attaccammo duramente, puntando i piedi come invece hai fatto tu in questo caso affinché questo tuo commento davvero infelice fosse assolutamente pubblicato a tutti i costi. E ti ricordo pure che io ti difesi a mio totale rischio e pericolo. O forse dimentichi quel che in seguito ho pagato io, in salatissimo prezzo, per avere preso di petto l’allora sostituto alla Segreteria di Stato, che ti smentì con argomenti teologicamente inopportuni, sino a ricorrere alla vecchia eresia marcionita, ed al quale per questo motivo io detti pubblicamente dell«asino teologico» e del «pigmeo»? O pensi forse che l’ex sostituto ed attuale Cardinale Angelo Becciu nonché attuale Prefetto della Congregazione delle cause dei Santi, per quell«asino» e per quel «pigmeo» usati in tua somma difesa, me l’abbia fatta passare liscia?

          Comunque ti ringrazio per la tua manifesta e pubblica riconoscenza e soprattutto per il tuo regalo di Natale. Repeatedly, diversi tuoi confratelli domenicani, portandomi l’esempio di come ti sei ostinato a dare nel corso del tempo dell’eretico al tuo confratello domenicano Giuseppe Barzaghi malgrado le proibizioni e le censure in tal senso dei tuoi superiori, mi avevano spiegato quali sono i tuoi atteggiamenti e che d’improvviso prendi due parole, le stravolgi e poi ci costruisci sopra quel che non esiste; ed una volta fatto questo, non c’è verso di farti sentire ragioni. Unfortunately,, io non gli avevo mai creduto, ed ho sempre protetto te. Noto invece oggie lo noto a mie amare speseche invece avevano ragione loro, devo ammetterlo.

          I repeat: attribuirmi di avere affermato che la metà delle elezioni al sacro soglio sarebbero invalide, quindi pretendere di smentire quello che mai io ho affermato, creando questioni su qualche cosa che proprio non esiste, dopo avere frainteso un paradosso ed una iperbole che tutti hanno perfettamente compresa, se non fosse in sé e di per sé comico, it would be tragic.

          Unfortunately,, questi nostri, sono tempi di grandi tragedie ecclesiali, dalle quali nessuno di noi è purtroppo esente, compresi certi regali di Natale da parte di chi mai ti saresti aspettato.

  2. Mafia St. Gallen? o gruppo di San Gallo? non era una società segreta (come la mafia) e vi partecipava anche il card. Martini

    1. Non era affatto una «società segreta» tipo mafia. Sarebbe offensivo il crederlo. However, fu effettivamente un gruppo di Cardinali rahneriani, that, lavorarono segretamente, senza il permesso di S.Giovanni Paolo II, per elevare il rahnerismo al rango di dottrina ufficiale della Chiesa, al posto di quella di San Tommaso d’Aquino.

  3. caro padre ARIEL

    vorrei domandarle il pensiero di rahner è eretico si o no ?
    i gesuiti sono eretici si o no?
    Thank you

    1. Dear Fabio,

      anzitutto premetto che non le rispondo esprimendo opinioni personali, ma le rispondo basandomi su dati di fatto storici, non passibili di facile smentita, a prescindere dal profondo dolore che può arrecare al mio animo cattolico e sacerdotale dover ammettere certe verità; ma nascondere la verità, o alterarla, sarebbe grave dinanzi a Dio e dinanzi alle membra vive del suo Popolo Santo, che non è composto da poveri beoti, come a volte pare che taluni credano.
      Therefore, dinanzi alle verità dolorose due sono le soluzioni: o tacere e rinchiudersi nel silenzio della preghiera e della penitenza, oppure dire ciò che è vero e ciò che è falso a livello rigorosamente oggettivo, non a livello soggettivo, al fine primo e ultimo di esorcizzare le nostre paure ed i nostri disagi, negando di fatto la palese verità oggettiva.

      La teologia di Karl Rahner è molto insidiosa e con degli elementi non indifferenti di eterodossia. Più pericoloso di ciò che lui ha detto e scritto, il vero pericoloe tale poi si è rivelatoè stato ciò che sul suo dire e sul suo scrivere spesso ambiguo e ambivalente è stato poi elaborato in seguito.

      Quando si lanciano sul terreno certi semi, accade poi, unavoidably, che i frutti generati siano pessimi, col risultato che dal pensiero eterodosso ed a tratti molto confuso di Rahner, si giunga alla formulazione di vere e proprie eresie, alle quali è giunto per primo avanti a tutti in ordine di serie il suo allievo prediletto, il più curato e anche il più talentato dei suoi allievi a livello speculativo, Reverend Prof. Hans Küng, il quale partì mettendo in discussione con un suo saggio edito a inizi anni Settanta il dogma della infallibilità pontificia.

      Come spesso ho inutilmente lamentato a diversi teologi, prendersela con Rahner, con i suoi allievi e con i frutti da tutti costoro prodotti, rasenta a tratti l’irrazionale, visto e considerato che Rahner e la sua teologia sono passati indenni attraverso ben quattro pontificati:

      1. il pontificato di Giovanni XXIII, oggi canonizzato;
      2. il pontificato di Paolo VI, oggi canonizzato;
      3. il pontificato di Giovanni Paolo II, oggi canonizzato;

      e sono altresì passati indenni:

      1. dalla Congregazione per la dottrina della fede presieduta per oltre un ventennio dal Cardinale Joseph Ratzinger, che Karl Rahner lo conosceva bene ed a fondo ed altrettanto conosceva la sua insidiosa teologia;
      2. dal pontificato di Benedetto XVI.

      A questo punto io le dico: chiunque scrive libri, articoli e tiene conferenze sul pericolo della teologia rahneriana, senza tenere conto del dato di fatto che ben quattro Pontefici, tra i quali tre santi, hanno omesso di:

      1. vigilare sulla dottrina della fede;
      2. difendere la verità dall’errore;
      3. confermare i fratelli nella verità della vera fede;

      hanno commesso in tal senso gravi e grossolani errori.

      E affermando questo, tutt’altro che a cuor leggero, mi baso su dati di fatto storici, palesi ed evidenti, negabili solo da chi pretende di calare la scure su Rahner ma sorvolare totalmente su chi ha la responsabilità storica, teologica e pastorale di avere permesso il suo sviluppo e la sua diffusione.

      Il tutto a conferma del fatto che i Pontefici, santi inclusi, sono defettibili e possono commettere gravi errori, fatta eccezione quando si esprimono infallibilmente su questioni di dottrina e di fede, secondo quelli che sono i rigidi schemi sanciti dalla costituzione dogmatica The eternal shepherd del Concilio Vaticano I e dal successivo documento To defend the faith promulgato da Giovanni Paolo II.

      I Pontefici, santi inclusi, sono infallibili limitatamente alle materie di dottrina e di fede, ma non sono indefettibili, on the contrary: il loro gravoso ufficio può portarli a compiere errori e danni molto più gravi di quelli che mai potrebbe compiere un qualsiasi Vescovo o Presbìtero.

      Per quanto riguarda i Gesuiti: la Chiesa deve molta gratitudine a Sant’Ignazio di Loyola ed alla vecchia Compagnia di Gesù, morta definitivamente tra la metà e la fine degli anni Sessanta.
      Quella che oggi abbiamo sotto gli occhi è altra cosa.
      Affermare però chei gesuiti sono ereticisarebbe azzardato e ingeneroso. Possiamo dire che al loro interno c’è sicuramente un esercito di eretici, ma non possiamo affermare che tutti siano eretici, anche se da un albero ormai marcio non possono nascere frutti sani, a partire dal loro attuale Preposito Generale, lanciatosi ripetutamente in affermazioni infelici e fuorvianti a livello dottrinale.

  4. Thanks, Padre Ariel, per quanto scrive! But it, Le dico francamente che non mi stupisce che continui a ricevere obiezioni basate sull’infallibilità papale: it's difficult, per noi laici, comprendere quello che sta succedendo e trovare il giusto equilibrio fra capire gli errori del regnante Pontefice e non perdere la fede nel cattolicesimo che ha fra i suoi fondamenti l’obbedienza al Papa… Often, parlando con tanti buoni cattolici, mi sento dire che certe cose non dovremmo dirle fuori dai nostri ambiti, because, substantially, i panni sporchi si lavano in famiglia e non bisogna dare argomenti ai detrattori della Chiesa…. Non sono d’accordo, ma non posso negare di venire messo in difficoltà da siffatte affermazioni….
    Spero non voglia fare il Certosino: personally, ho bisogno della Sua chiarezza.
    A curiosity: in che giorno di agosto fa gli anni? Io il 15 (ma ho un anno meno di Lei).

  5. Grazie di questo articolo!
    Per quanto riguarda chi le oppone l’infallibilità papale, devo però confessare che lo capisco: it's difficult, per chi vuole restare fedele alla Chiesa di Roma, accettare che il Papa possa gestire male la Chiesa (benché sia successo già in passato). Si teme di essere in errore quanto si è in contraddizione. And’ difficile per un laico, che non ha la vostra stessa preparazione teologica: si tratta di stare in equilibrio fra la fedeltà al Papa e il vedere che certe volte il Vangelo va da un’altra parte (o almeno così pare)…
    Spero che la scelta certosina non prevalga: personally, ho bisogno di leggerLa!
    A curiosity: sono nato il 15 August, lei in che giorno di agosto?

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

 characters remaining

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.