Peace in the Church

Theologically

FOR PEACE IN THE CHURCH

Modernists and Lefebvrians are both embroiled in ideology and prisoners of a mentality partial and unilateral. Like Jesus Christ, both the modernist that Lefebvre warns: "He who is not with me, is against me ". But both, for opposite reasons, are outside of the riverbed of sound doctrine, each believes to be the true Catholic and who is not with him, is its dialectical opposite pole […] Now, at the root of these conflicts about the essence of being a Catholic, is still, after fifty years, the very serious question still relevant, namely that of the righteous judgment to be expressed on the Second Vatican Council and its influence in the Church and, consequently, that of a straight application of the Council.

Author John Cavalcoli OP
Author
John Cavalcoli OP

 

The writings of Theologically are in PDF format, Click below to open the article:

John Cavalcoli OP – For peace in the Church


_____________________________________________________________________________________

chandelier Dear readers.

We preferred not to put the articles of Theologically available with the system for a fee because we would like to rely on your good heart. As you know our work is free but the costs of running the site are not few and should be supported. If you want to win approval with the PayPal system even a few Euros will help us to support the operating costs for lighting a candle The island of Patmos.









About isoladipatmos

2 thoughts on "Peace in the Church

  1. Caro padre Giovanni caro padre Ariel, ho appena finito di leggere i vostri due articoli al termine di una giornata molto intensa e devo dirvi (senza essere frainteso perché dico sul serio e non scherzo) che voi riuscireste a scrivere un commento avvincente perfino all’elenco telefonico e a catturare l’attenzione dei lettori. Chirurgica l’analisi del padre Giovanni sulla pace nella Chiesa, lirico il commento del padre Ariel al prologo di efesini. Attendo anche un articolo del padre Livi che certo non tarderà, ho visto che il suo ultimo pezzo è stato riportato anche in francese, congratulations.
    I più sinceri auguri, in solo 4 months, di roba ne avete prodotta!

  2. Dear P. Cavalcoli,
    mi sembra che in ambito progressista il «disprezzo contro coloro che sono preoccupati di fissare l’essenza precisa dell’identità cattolica» derivi da un certo equivoco.
    Noto che oggi si concepisce il non essere d’accordo con una persona con il disprezzo contro quella persona. Quindi non dovremmo disprezzare gli atti di nessuno, né le sue opinioni, perché non possiamo giudicarlo.
    Quando parlo con giovani non cattolici ritengo che questo sia dovuto all’ignoranza di cosa sia il cattolicesimo. Non gliel’ha mai spiegato nessuno, e magari hanno conosciuto dei modernisti che «quelli sì che hanno capito tutto».
    Ma nei modernisti a cosa è dovuto? Secondo me è dovuto alla mancanza di virilità dell’uomo di oggi. Oggi non siamo capaci a confrontarci serenamente con chi la pensa diversamente da noi. Su internet non ci si trattiene dall’insulto. Ritengo che invece un vero uomo sia in grado di dissentire con chi gli sta di fronte con grande sincerità, respect, amore per la verità e amore per l’altra persona.
    La ringrazio per le sue spiegazioni tanto chiare quanto necessarie. Ma come vorrei che non lo fossero!

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

 characters remaining

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.