Note of clarification on some ambiguous words of the Holy Father: Man needs God, but God does not need man

We help the Holy Father with childlike clarity

NOTE ABOUT SOME clarifying AMBIGUOUS WORDS OF THE HOLY FATHER: MAN OF GOD NEED, BUT GOD HAS NO NEED OF MAN

.

We simply can not even suspect that the Holy Father has heard such things, although its mode of expression has not been the happiest, and would have required, in our opinion, at least some clarification. In addition to, the Holy Father would not hurt to warn against the risk of an interpretation which leads to pantheism and atheism, now widespread.

.

Authors
John Cavalcoli o.p. – Ariel S. Levi Gualdo

.

.

PDF format Print article

.

 

If you were hungry, you would not say it [Will 50,12]

Where were you when I laid the foundations of the earth? [Gb 38,4]

To whom did he consult, because I instruct? [Is 40,14]

 

.

.

Audience 7 June 2017 – to open the video click on the image

general audience 7 June, the Holy Father pronounced the following words:

.

«[…] the gospel of Jesus Christ reveals to us that God can not be without us: He will never be a God "no man"; it is he who can not stay without us, and this is a great mystery! God can not be God without man: great mystery is this! And this certainty is the source of our hope, that we kept in all invocations Our father» [Official text WHO].

.

These words You could at first make us to mind the famous thesis of Hegel: "God without the world is not God". If it really was, it would be very serious statement, fraught with disastrous consequences on the theological and on the moral level, since it is clear that God is completely sufficient in Himself and can well exist without man. And indeed, He, there was already perfect, Blessed and completely alone and the Self, eternity, before He created the world. He is supreme perfection, infinite and absolute. The Nothing can be added. Nothing Short of. The Nothing you can donate. What The gifts we give are the ones who gave us. Since nothing its essence can be completed, even the most sublime creatures. God is Absolutely Necessary, while the man is contingent creature. He is all for Himself; the creatures are nothing in themselves and, all that the creature is, it is from God.

.

He certainly is Love by essence, He gave his Son for our salvation, but always it remains that could have very well not to exercise this love to the world, because, If she wanted to, It might not create it.

.

God created the world out of pure love and an act of perfectly free advice - utmost freedom ―, as the Vatican Council says, it created for pure and selfless love, without being absolutely necessitated by the structure of its essence, as well as instead they operate physical agents subhuman.

.

To think that God, to exist, needs the active contribution or ideal man, because alone can not do it, He leads man to believe they can be essential to God and to shape the essence of God, that God becomes an idol, "Work of human hands' [Will 135, 15], product of human thought, as idealism. Hence the temptation of believing man or a god to identify with God or take God. Or to put it another way: if the man was not there, God would not.

.

In the literature of spirituality of Ashkenazi Jews, some rabbanim [the LORD] They tell us that "God had such a need to be loved and honored, that at some point he decided to create man in his own image and likeness, That the man she loved and to honor '. It is, of course, an expression of the whole poetic. Although as we know, in theology, and especially in the dogmatic theology, the poetic license, however beautiful, and sometimes also effective to make the idea, They may be non-hazardous infrequently, if not explained, but most if not explained well and as such, ie as poetic license.

.

Now, we can not even suspect that the Holy Father has heard such things, although his manner of expression was not the happiest, and would have required, in our opinion, at least some clarification. In addition to, The Holy Father, it would not hurt to warn against the risk of an interpretation which leads to pantheism and atheism, Today both very popular.

.

The Holy Father's words They can then be understood in a mystical-affective-operational sense and also as referring to the mystery, in three ways:

.

first, in a mystical-affective sense: It is like the language of lovers, as when the lover says to his beloved "without you I can not stand '. Or as when one says all'altra or vice versa: "I love you". Word that makes the idea of ​​what it means to expression of deep emotional level, but in theological language has a meaning and above all a "application" very precise, because only God can be the object of adoration, unless otherwise run the serious risk of falling idolatry.

.

Second, in Christ God has in some way to be in need of man. It shows Christ who asks for a drink to the Samaritan [cf. GV 4, 1-26], and even more it shows its request for cooperation all’opera Salvation, although then our clear response is the gift of his mercy.

.

Third, the Holy Father's words are to be understood as referring to the mystery of the Incarnation: God has united Himself in Christ forever man, and nothing will ever separate this union. The union therefore of God with man in Christ, however, is a necessity in fact, not in law. If the concepissimo as a fusion of the two human and divine natures, cadremmo heresy Christological dogma contrary to the distinction of the two natures of the Council of Chalcedon.

.

This awareness, says Pope, God in Christ it is forever linked to man, It is certain for us the source of great confidence in the Father, consolation and hope, which, however, must not exceed in a false certainty to save in each case and without conditions, canceling a holy fear of God, because it always remains in each of us the responsibility to pay or not to so much love, because, if there sottraessimo with sin, It gains nothing the work of redemption. Recall the famous words of Sant'Agostino: "He who created you without you, does not save you without you '.

.

it gives The island of Patmos, 8 June 2017

.

.

.

__________________________________________

Dear Readers,

.

announced after the brackets we will inform the 19 May [see note WHO], we went back to work on The island of Patmos. During their stay at the Convent of Padre Giovanni Cavalcoli we recorded several video lessons currently being assembled, They will soon be published for all of you on our channel.

.

Varazze 2
Fathers de The island of Patmos to work while shooting video made in the Convento San Domenico di Varazze (Savona)

.

.

.

.

.

About isoladipatmos

26 thoughts on "Note of clarification on some ambiguous words of the Holy Father: Man needs God, but God does not need man

  1. thank you note clarifying.
    Actually I also thank you for bringing all the pope's words now read line by line and I come out shocked. The only thought that comes to mind is the lack of language.

    However, what I regret is the almost constant need to clarify the pope's words. Your note does this unhappy task … not because the note is unhappy. On the contrary! it is precious … but because it is neither in heaven or on earth that a pope should always be explained. Is not it time “of just”?
    But the gift of prudence, this stranger?

  2. And’ It was important that you're Fathers intervened to immediately correct and charitably the meaning of that sermon read in S. Peter and not S. Marta (He would do less damage).
    He reiterated again at the end before the Lord's Prayer “….we also think of the Father Our Father, who can not be without us……”, also replacing the verb to be to stay, The meaning varies slightly or that God exists only if there is the man.
    The time that you metabolize all witness to many new online comments on various blogs of Christian faith.
    Too bad that you often experience these events in part because his. We hope that is not emulated by shepherds in homilies.
    Holy night, that the Holy Spirit gifts of the Faithful, Christian and Catholic clarity.

  3. In truth, to scare, and more …
    The popes pass, but often the damage remain, and remain for decades, sometimes for centuries.
    So I'm not scared to certain unhappy outputs, but I'm scared for all bishops newly appointed many priests and that emulate, but worse mimic certain things.
    In a few years the speaker of these ambiguous speeches and unhappy if he returns to the Father's House, While all other, emulators and scimmiottatori, remain ahead of the curve for other decades.
    This what worries me much …

    1. Don Francis, I'm afraid you're not the only one to be concerned.
      Now, create confusion, no damage evident that we can see and that only the blind can not see, but the terrible dilemma: how to repair them after? Someone says (and I will fear), perhaps take decades, if all goes well …

  4. Do not touch me repeat what was said in a commentary two weeks ago: "It seems to me that the – as it were – constant double of the Pope's speeches is due, unwillingly, the immanent mold theology of which yes it is nurtured and in which he wanted to see especially the seemingly compassionate look. "

    The Pope, if he wanted to be poetic but not ambiguous, He could rather be inspired by a magnificent step in a philosopher who had not known the Revelation: “We say, therefore, why the author realized the generation and this universe. He was good, and who is good will never generate any envy about anything: essendone therefore exempt, he wanted everything to be generated, as far as possible, simile of” (Plato, Timeo). And say: God created us because he was good; because it was good wanted us to participate in His life; and its goodness prevented him, as it were, to abandon us when we fell in original sin.

  5. I agree with mystic affective sense, and I am not surprised because in certain pre-conciliar booklets of devotion to Jesus they say things even things “worst” moreover seasoned with melodramatic pathos from nineteenth-century theater …
    … so what the Pope said there is.

    The important thing is to always keep in mind that the Catholic essence of Is is right to believe in the Holy Father figure because it is our faith to be structured so. In fact the theory of “Pope heretic”, ie heresy that afflict from time to time the Popes of history as a common cold is, as explained by the Fathers of the Island, as well as a big nonsense heresy that has little Catholic because it undermines the foundations of our doctrine. Lift up your hearts so healthy and trust in Christ.

    1. because in certain pre-conciliar booklets of devotion to Jesus they say things even things "worse" plus seasoned with melodramatic pathos from nineteenth-century theater ...

      Maybe yes, but instead of remaining vague, do some examples? Because I actually saw attacks on these booklets of devotion do not have much foundation.

      ... so what the Pope said there is.
      Hardly: because maybe in the devotional booklets there will be something a little strict, but there were popes and bishops who spoke clearly. What we are talking about is yet another episode in a long series, “seasoned” senseless obvious bishops and priests who revel in various parts of the world. Comment by Don Paolo below shows the situation well.

  6. Simply said, and … immediately made !
    This morning I went to the Curia and then I went as usual to pay a visit to SS. Sacramento in the cathedral where he was ordained years ago. It was on the celebration of the Mass, from the chapel of SS. Sacramento have been achieved by these words spoken by the pastor during his reflection to the Gospel with its own booster hearing on 7 June, because now, a lot of, in their homilies, They are only able to say … “as Pope Francis …”, making often tell Francis what Francis did not say, But it also said that he often, done beautifully misunderstanding in every way.
    I am modestly specializes in patristic, and, often, when I preach, I happen to say … “as said S. Augustine, S. Atanasio, S. Ambrogio, S. Girolamo …”
    But I am “old”, although I 37 year old.
    And the words that reached me were verbatim the following: ” … We can therefore say that man created God, that God created man” (!?).
    All this under the bishop's throne, Bishop who calls once a year to make us a lecture Enzo Bianchi, and when does the meeting of the clergy, He speaks only of refugees and immigrants.
    It omits to say which is my home diocese.

    Don Paul

  7. … in Naples we are collecting signatures to open the diocesan phase of the beatification process of Hegel, with deep and heartfelt prayer already prepared for the Congregation for the Causes of Saints, to proclaim “doctor of the church”. All for the sake of consistency, only consistency …

    1. Dear Brother,

      I think you also have success in this collection of signatures, at the bottom there are already numerous miracles ascertained, do you mention only a few :

      1. the unorthodox Christology of Cardinal Walter Kasper ;
      2. the appointment of a person as the Archbishop Vincenzo Paglia to the Pontifical Academy for Life ;
      3. General Superior of the Society of Jesus, Arturo Sosa, for friends now “Sosa fiasco“, that after having said that we do not know what Christ really said because at that time we had no recorders, has enlightened us that the Devil, in which he said for centuries the faithful have scared, It is a metaphor …

      And numerous other confirmed miracles that would be really long to list.

      P.S.

      As for the miracle Vincenzo Paglia, known lover of the new direction of the Church poor for the poor, I limit myself only to remember that with sensitive pastoral care, at the time so he impoverished his diocese and filled to such debt point, that to cover all, even the Vatican Bank had to intervene with a multi-million euro.
      And for all this, to him as to others, It was given deserved reward …

  8. In the last seconds of the video the Pope recites the Lord's Prayer and misses ” Your Kingdom” that says “come…” then he pauses and passes to “Thy will be done”. But it has to veni '? Boh!
    Then the minute 2,50 when he says “the mystery of God that always fascinates us, It makes us feel small, But there is no fear, But it does not cast out, we fear not” piglia one scapellotto from the raised white cape from the wind… it's a sign?

  9. Reverend Padri, shame that your note is not countersigned by the Pope and that you do not have any official position in the Vatican curia, what you say might have much more credibility. Your latest attempt is highly offensive to those who are on this side: Perhaps you are convinced that "the other side of the counter" are all "idiots" (in no way offensive, but with severe disabilities encefaliche). Your latest attempt to cover an elephant with a handkerchief is blasphemy against reason. Poor St. Thomas Aquinas!! Your ministry is for the salvation of souls or to help ruin?
    Poor Papa was the victim of yet another speech written by someone who holds him captive. Your interpretation would need other interpretations, subsequent interpretations of further interpretations again and so on until infinity. WE ARE THE CATASTROPHE AND THE TITANIC SINKS WHILE WE HAVE FUN DANCING.

    1. Dear reader,

      November, Dio blessing, we do not have "No official position in the Vatican curia", not because we are bad, but precisely because we are good.
      official appointments – to which we have never aspired – They are now generously dished out to pernicious as heterodox Father Raniero Cantalamessa, as Cardinal Gianfranco Ravasi, as Enzo Bianchi running in cathedral cathedral to utter heresies after being appointed consultor of the Pontifical Council.

      But … mi tip, for her, a 'Official business', Is it synonymous with theological orthodoxy and defense guarantee the deposit of faith?

      Having said that I continue now responding to this statement: "Poor Papa was the victim of yet another speech written by someone who holds him captive".
      My answer is as follows: She believes that if someone, a holy fox as John Paul II or a fine theologian like Benedict XVI, He had written similar things in a speech, them would read?
      Face this question and to give only the answer.

      Finally I reject indignantly, on behalf of the Father in my name and Giovanni Cavalcoli, the paradigm of the sinking of the Titanic, because both of us, for years and years, through our books, written, homilies, conferences, we are screaming loudly "Iceberg, iceberg!».
      Therefore, instead of doing schoolmaster foolish with us, be angry with those who are pushing the ship on a collision course toward the iceberg, because we are always the ones who scream the danger, and if necessary we also yelled in the direction of Domus Sanctae Martha, but instead to dance, even within the halls of Domus Sanctae Martha, are other, from all those heretics titrated to which she gives high dignity and credibility not because orthodox and faithful to the deposit of faith, but why charge titrated.
      It documents what he is doing to the Pontifical Academy for Life, Archbishop Vincenzo Paglia, Then write to us and above all show us that, be “charge titrated” It is synonymous with the defense of the doctrine and faith.

      And may God bless you !

      1. Reverend Padri,

        if the Pope has spoken badly or its language was not sufficiently clear, or else, It should be the one to correct or remedy the damage, intentionally or unintentionally done; directly or by means of its employees (curia), certainly not that you are not the perpetrator. Who has to repair damaged, no other.

        "Official posts - to which we have never aspired - are now generously dished out to pernicious as heterodox Father Raniero Cantalamessa, as Cardinal Gianfranco Ravasi, come Enzo Bianchi che gira di cattedrale in cattedrale a proferire eresie dopo essere stato nominato consultore di un Pontificio consiglio».

        Vi siete mai chiesti chi li ha elargiti questi incarichi?

        Chi ha il potere di allontanare questi pericolosi eterodossi?
        Con quale autorizzazione il Bianchi gira le cattedrali?
        Non vorrei essere nei panni di quel Vescovo che gli si oppone!

        Colui che ha il potere immediato e assoluto su tutta la Chiesa terrestre è il PAPA!!!! Chi ha avviato il processo selvaggio di sostituzione a tutti i livelli degli ortodossi con i cosiddetti eterodossi, commissariamenti di istituti religiosi, defenestramenti vari?
        Chi è

        1. Caro Aquila,

          Le sue righe sono un susseguirsi di involontarie contraddizioni in termini, cercherò di aiutarla a capire quali:

          «se il Papa si è espresso male o il suo linguaggio non è stato sufficientemente chiaro o altro, It should be the one to correct or remedy the damage, intentionally or unintentionally done; directly or by means of its employees (curia), non certo voi che non siete gli autori del danno».

          Well, suppongo che lei, come tutti noi, sia stato battezzato.
          Applicando al Sacramento del battesimo, ma soprattutto al mistero del peccato originale, questa sua logica, noi potremmo ragionevolmente affermare che avrebbero dovuto essere Adamo ed Eva a porre rimedio al danno compiuto, non certo noi, che non ne siamo responsabili.
          Why Is That, come di certo lei saprà, noi non siamo colpevoli e responsabile del peccato commesso da Adamo ed Eva; lo hanno commesso loro, non noi. Allora come mai, all, siamo nati con la macchia di un peccato che nessuno di noi ha commesso, ma che pur malgrado su tutta l’umanità è stato trasferito, non come peccato clerk ma come peccato contract?

          She writes:

          «Chi ha danneggiato deve riparare, non altri».

          Soon said: avrebbero quindi dovuto essere battezzati solo Adamo ed Eva che commisero il peccato originale, che cosa c’entra l’intera umanità? Perché i loro figli, che non hanno commesso questo peccato, lo hanno contract?
          La verità è che esistono vari peccati che, a loro modo come accadde con il peccato originale, il quale costituisce l’origine e l’inizio del peccato, possono alterare il cosiddetto equilibrio perfetto del creato e delle varie cose create o volute da Dio, inclusa la Chiesa, which once, Benedict XVI, paragonò non a caso ad una «struttura di peccato».

          Lei prosegue affermando:

          «Vi siete mai chiesti chi li ha elargiti questi incarichi? Chi ha il potere di allontanare questi pericolosi eterodossi? Con quale autorizzazione il Bianchi gira le cattedrali? Non vorrei essere nei panni di quel Vescovo che gli si oppone! Colui che ha il potere immediato e assoluto su tutta la Chiesa terrestre è il PAPA!!!!»

          Le rispondo dicendole che i vescovi che non si oppongono, non sono affatto delle vittime, come lei potrebbe quasi lasciar intendere, ma sono degli autentici carnefici della Chiesa, sono dei pavidi e spesso pure degli indignitosi leccapiedi. Having said that I add, ovviamente per esempio puramente accademico, che se i Padri de The island of Patmos fossero vescovi di due rispettive diocesi, potrebbe stare certo che alle loro diocesi, il Bianchi, non si avvicinerebbe neppure da lontano. E se dall’alto, someone, tentasse di obbligarci a farlo pontificare nelle nostre cattedrali, noi risponderemo comunicando alla Santa Sede la nostra immediata rinuncia al governo della diocesi, pur di non accettare supini e passivi che un eretico enunci eresie all’ombra delle nostre cattedre episcopali dinanzi ai nostri fedeli ed ai nostri presbìteri. Il tutto per ribadire che molti vescovi non sono affatto vittime, ma degli omissivi carnefici che per le loro pavide omissioni dovranno rispondere al giudizio di Dio, che per loro e su di loro sarà particolarmente severo, con buona pace per laspirina misericordista.

          Lei è però così preso da sacro fuoco al punto da non rendersi forse conto che si sta facendo delle domande che già contengono le risposte. Infatti il potere di impedire tutto questo ce l’ha, come lei stesso scrive:

          «Colui che ha il potere immediato e assoluto su tutta la Chiesa terrestre».

          E se questo potere, che a lui perviene da Cristo Dio, non lo esercita, o nel caso in cui lo esercitasse male, o qualora peggio lo lasciasse esercitare ad altri, noi dovremmo forse stare zitti? Il Beato Apostolo Paolo non è stato zitto, dinanzi al Beato Apostolo Pietro che stava cadendo in errore, peraltro attraverso un fare del tutto ambiguo [Maybe 2,1-2.7-14]. E secoli dopo, il Santo Vescovo e dottore della Chiesa Ambrogio, in una precisa occasione inviò per i suoi messi questo messaggio al Sommo Pontefice: «Dite al Papa che per me, dopo Gesù, non c’è che lui. E che la testa che Dio ci ha dato noi la useremo non solo per metterci un cappello».

          Lei conclude infine:

          «Chi ha avviato il processo selvaggio di sostituzione a tutti i livelli degli ortodossi con i cosiddetti eterodossi, commissariamenti di istituti religiosi, defenestramenti vari?».

          My dear, ma nella sua domanda c’è già la risposta, if law, la testa, non la usa semplicemente per metterci sopra un cappello. E io sono sicuro che la testa lei la usa per ragionare, è che a volte, il sacro fuoco della passione, assieme al dolore, ce lo possono impedire, ma la prego di stare sereno, perché è un’esperienza passeggera che abbiamo fatto tutti, perché è anche e soprattutto a questo modo, che si cresce veramente nella fede.

      2. Caro Aquila,

        mi associo al Padre Ariel nel risponderLe. Da sempre capita che certi interventi dei Sommi Pontefici contengano espressioni che possono essere intese in senso eterodosso. Un Papa può precisare il significato di certe sue espressioni o correggere cattive interpretazioni in casi particolarmente gravi, come quando per esempio Papa Alessandro VII precisò nel 1656 che la condanna delle proposizioni gianseniste fatta dal suo Predecessore Innocenzo X si riferiva al senso inteso dal loro autore, contro un’interpretazione che voleva difendere Giansenio, o come quando il Beato Pio IX chiarì nei confronti dei patrioti italiani che il suo amore per l’Italia non dovevano intenderlo come volontà di muover guerra all’Austria o come quando Papa Benedetto XVI precisò che la condanna degli errori della teologia della liberazione non esclude l’esistenza in essa di aspetti positivi.

        Ora però il compito di fare questi interventi di chiarimento atti a dissipare equivoci o fraintendimenti nei casi ordinari non spetta al Papa, ma ai teologi. Si suppone infatti che il Papa, as teacher of the faith, insegni sempre la verità del Vangelo, whereby, se qualcuno interpreta certe sue parole come fossero contrarie al Vangelo, egli in linea di principio non è tenuto a lamentarsi di essere stato frainteso e quindi a confutare la cattiva interpretazione.

        The fact, therefore, che un Papa si esprima in un modo tale, per cui può essere frainteso, non va inteso come un suo atto tale da recar danno ai fedeli, sì che poi il Papa sia tenuto a riparare il danno. Il danno possono riceverlo coloro che fraintendono le parole del Papa, ma non è pensabile che un Papa, nell’esercizio del suo ufficio di maestro della fede, possa obbiettivamente danneggiare i fedeli, così da indurli o tentarli al peccato di eresia.

        La domanda che ci dobbiamo porre non è chi assegna gli incarichi più elevati alla Santa Sede o negli istituti accademici o dirigenziali o direttivi di maggior rilievo della Chiesa, giacché qui la risposta è evidente; ma è come sia possibile o in base a quali sollecitazioni o maneggi o raccomandazioni o informazioni o influssi o pressioni o condizionamenti ideologici, politici o economici succede che accedano a posti di così alta responsabilità e così vicini al Papa personaggi, which, invece di brillare e distinguersi in tutta la Chiesa per un’esemplare purezza dottrinale, prudenza e sapienza teologica, perfetta ortodossia e fedeltà inconcussa al Magistero autentico del Sommo Pontefice ed alla Tradizione della Chiesa, mostrano nel campo della dottrina della fede impressionanti lacune, posizioni contrastanti col Magistero pontificio, giudizi falsi in teologia e in filosofia, tesi eterodosse, temerarie, sconsiderate, scandalose e male sonanti.

        Lei obietta: colui che ha il potere immediato e assoluto su tutta la Chiesa terrestre è il Papa. Indubbiamente il Papa, per diritto divino, ha sulla terra, in ordine alla conoscenza di fede ed alla salvezza delle anime, autorità piena, absolute, immediata e diretta su ciascun fedele di ogni condizione, ordine e grado. Ma questa autorità va esercitata. E per esercitarla convenientemente ed efficacemente, occorrono molte condizioni, che sono le seguenti:

        – occorre che il Papa sia acuto di intelligenza, avveduto, benintenzionato, diligent, prudent, perspicace, lungimirante, di ampie vedute, brave, mite, energico, disinterested, equanime, imparziale, amante della giustizia, zealous, bene informato, libero nelle sue scelte, non suggestionabile, non facile a credere, non diffidente, capace di valutare qualità e difetti di ciascuno.

        In addition to this, ogni Papa deve, per forza di cose, almeno agli inizi, accettare l’eredità morale e l’ambiente umano di curia che gli lascia il suo Predecessore. Anche avendo intenzioni riformatrici, deve sempre fare i conti col materiale umano, che Dio gli mette a disposizione. Oltre a ciò è molto raro che un Papa abbia tutte quelle qualità elencate sopra. Ma se non le ha, magari non per colpa sua, è chiaro allora che il governo della Chiesa ne risente in varia misura, sicchè a quegli alti posti possono accedere degli indegni.

        Se il suo Predecessore gli lascia buoni collaboratori, il suo compito sarà facile; se invece l’ambiente è corrotto, si trova tra collaboratori che gli fanno resistenza, lo adulano ma poi fanno i loro comodi, lo ingannano, fingono di obbedirgli ma poi fanno alla rovescia, gli raccomandano persone non raccomandabili, gli danno cattivi consigli, lo spaventano con timori inconsistenti, Lei capisce che cosa può ridursi il potere effettivo di un Papa, fosse egli anche un Santo.

        Quindi non si meravigli di quello che sta succedendo e dei guai che stiamo denunciando. Il nostro è un aiuto che stiamo dando al Santo Padre, perché si liberi dalla zavorra e, forte del carisma petrino, servant of the servants of God, possa guidare liberamente la Chiesa verso le sempre nuove mete che gli addita lo Spirito Santo.

    2. Gentile Aquila ,

      nella «curia vaticana» (che si chiama curia romana o uffici della Santa Sede), ci lavoro da vent’anni, e non a livello di usciere o di minutante, ma sul mio incarico e ruolo sorvolo.

      Posso e devo dirle che in numerosi dei nostri uffici mancano proprio persone come i Padri di questa isola, che per il loro bene è meglio rimangano su questa isola, because today, presso la «curia vaticana», si troverebbero costretti per obbligo di coscienza ad accusare di gravi eresie e immoralità non pochi «incaricati ufficiali». Per il loro bene ed il bene che con le loro analisi e denunce fanno anche a noi, è bene seguitino a lavorare da fuori, come stanno facendo.

      Per ragioni di ufficio ebbi la sventura di seguire il dolorosissimo caso di mons. Charamsa, che presso la «curia vaticana» aveva due incarichi di rilievo presso la Congregazione per la dottrina della fede e presso la Commissione teologica internazionale, ed era anche professore presso due università pontificie.

      La notizia di Charamsa ha fatto purtroppo il giro del mondo, e forse anche lei è informato sul fatto che questo soggetto con duplici «incarichi ufficiali» nella da lei detta «curia vaticana», ha dichiarato il proprio amore per un uomo con il quale oggi convive nei paesi baschi.

      Mi fermo a questo solo esempio per affermar sul finire che difficilmente, gli idioti, sono disposti a rendersi conto delle clamorose idiozie che spesso dicono, scrivono e diffondono.

      Non ho altro da aggiungere e commentare, se non il fatto che nella «curia vaticana», L’Isola di Patmos è uno dei siti più monitorati, followed, letti, e soprattutto apprezzati, almeno da quello che vedo io

      Letter Signed

  10. un uomo, coperto il volto da un passamontagna, armato e avvolto in un a cintura esplosiva, sta per introdursi in una cattedrale gremita di fedeli. un carabiniere lo vede e pensa ai motivi per cui si può usare un passamontagna, si chiede se le armi siano cariche e ai possibili generici usi che se ne possono fare, se la cintura sia fatta di polvere pirica o di nitroglicerina e se è certo l’uso che l’uomo in questione ne può fare

    I pensieri, the words, le opere, le omissioni del papa sono ormai uno spunto per infinite dotte disquisizioni o per interventi inefficaci di indotti webeti, like me, quisque de fidelibus, che molto prosaicamente vedono la Santa Chiesa minata alle fondamenta.

    Mary, Mater Ecclesiae, Pray for us !

    1. The problem, carissimo Giovanni, in maniera elementare è che i finissimi teologi, cercano con rispettoso linguaggio di indicare allAugusto (?) come procedere al fine di evitare la Babele delle lingue, non volendo capire che lAugusto, alla maniera del Marchese del Grillo, non tiene conto né di dottrina, né di Tradizione.

      Alla Corte dellOspizio dei non vedenti Santa Marta tutto si ricrea al fine di tutto distruggere. Come mi disse nei giorni scorsi a Trastevere un impaurito suddito: «… è già grazia che non faccia nascere il bambinello a Buenos Aires».

      E con questo mi volle far percepire che aria tira allOspizio

  11. Caro Father,

    sai bene che ti stimo anche quando usi toni acri a primo impatto. But, da teologo a teologo, se dovessimo fare note chiarificatrici ogni volta avremmo già scritto più di un paio di libri. Lo dico con dolorenon è questione di modi infelici ma dopo anni è evidente che il papa voglia dire proprio quello che afferma. Così come affermò da cardinale nel 2005 che la corruzione è il peccato che Dio non perdona (in “Pecado y corrupcion“, Buenos Aires 2005) e altre sciocchezze (tali sono).

    Manteniamo salda la fede. Io consiglio a tutti di leggere sempre il Catechismo insieme alla Parola di Dio. Il caos purtroppo sta dilagando.

    Preghiamo tantoperché se alcune cose il Papa le avesse dette ex cathedra sarebbe condannabile di eresiacome quando affermò che l’anima si dissolve e poi arriva a Dio o che Dio non giudica e molto altroforse stiamo davvero vivendo la profezia che Guitton fece a Paolo VI: «verrà il breve periodo che il gregge guiderà il proprio pastore».
    will not prevail … some … ma lo stesso Gesù, nostro amato Signore, ci chiese pure se avrebbe ancora trovato la fede quando sarebbe ritornato sulla terra

    Il Signore nostro rimanga paziente e non ci faccia mai mancare lo Spirito Santo.

  12. Sembra di assistere a una paradossale commedia, nella quale protagonisti in veste di Papa o di Vescovo, palesemente ignari del catechismo, catechizzano battezzati ai quali la dottrina non è stata mai insegnata.

    1. Toni Caro,

      se le dessi tortocosa che non farei mai -, sarei a dir poco dissociato dal reale, se non peggio intellettualmente disonesto.

      And’ sempre più vicino il giorno in cui, le membra vive del buon Popolo di Dio, dovranno proteggere i propri pastori dai loro errori.

      1. Per completezza vorrei far notare che, ideatore e regista della brillante commedia in corso, sembra sia quel tale dimenticato dai più che, pur non essendo un fumatore, si porta dietro un’inconfondibile nuvoletta di acre fumo nero

  13. … … … Dio si è fatto diavolo… nella Chiesa taluni ritenevano che gli schiavi non avessero l’anima… Dio non può essere Dio senza l’uomo…
    It's not that, for case, il verbo “πατάσσω (patassô)” usato nella frase “Percuoterò (πατάξω) il pastore e saranno disperse (διασκορπισθήσονται) le pecore del gregge”, stia metaforicamente a significare che il pastore sarà “percosso, colpito, afflitto” nel suo modo di esprimersi a parole al fine di essere frainteso cosicché siano vagliate (διασκορπίζω = disperdere, vagliare, gettare il grano nell’aria per separarlo dalla pula) le pecore del gregge?

  14. Come sempre vi ringrazio dal profondo del cuore per il servizio che svolgete per tutti noi poveri fedeli!!!

    Vorrei chiedervi un’altra chiarificazione: tra tutte le varie uscite infelici come quella qui sopra, forse quella che mi aveva inquietato di più è stataanche dentro la Santissima Trinità stanno tutti litigando a porte chiuse, mentre fuori l’immagine è di unità”, per spiegare l’UNITANELLA DIFFERENZA o DIVERSITARICONCILIATA….questa interpretazione mi dà i brividi!

    Se davvero fosse così il Paradiso non sarebbe altro che un grandecaos riconciliato” (?!?!) dove tutti continueremmo a litigare e a fare la pacein eterno?! I beg you, ditemi che non è così!!!

    Fortunatamente quando penso all’InnoO Trinità Beata, Oceano di Pace…” mi sento nuovamente consolato e cresce in me la Speranza che la Trinità ci attenda nella Pace e nella Gioia Eterna dovenon ci sarà più la morte, né lutto, né lamento, né affanno,perché le cose di prima sono passate” (AP 21,4)

    Tuttavia mi chiedocome è possibile continuare a proiettare su Dio le nostre miserie umane senza renderci conto che è proprio la Sua Santità e perfezione che ci guarisce e libera da ogni male

Leave a Reply