"The Holy Spirit and us". There are no longer the bishops and Catholics of the past

- Church news -

"THE HOLY SPIRIT AND US". THERE ARE NO MORE BISHOPS AND CATHOLICS ONCE

.

[…] the time has also come for the faithful to choose what is necessary, crossing the burning coals of modernity and absolute rights assumed to fanaticism against the Church. These rights, even in times of pandemics, they never constitute a remedy for evil, they self-destruct immediately and become secularized and legalized, becoming positive rights that affect the flesh of the weakest and most defenseless and attack that sacramental and liturgical component which has in the Eucharist its apex of necessary faith, celebrated daily.

.

Author
Ivano Liguori, Ofm. Capp.

.

.

PDF format Print article
.

AUDIO READING OF THE ARTICLE

The Fathers de The island of Patmos have inserted in the articles the audio-reading for Readers affected by those disabilities that prevent them from reading and providing a service also to those who being traveling and unable to read can take advantage of the audio-reading

.

.

Note from the director in charge of The island of Patmos published at hours 19.45

the article by Father Ivano Liguori, Ofm. Capp. which follows was published at hours 17,45 of 4 November. A couple of hours after the drafting of Avvenire.it ha cancellato il pezzo al quale il nostro redattore ha fatto richiamo. That article now it is no longer visible. Traces of it remain in the newspaper of the Diocese of Senigallia which I have reported almost entirely [see WHO] Well, all in all, one less amenity on those columns. I regret the fall of the Soviet Union, because if it remained standing, today the director in charge of Future potrebbe essere reclamato a gran voce dalla Duma come direttore della Truth.

Ariel S. Levi Gualdo

 

 

.

.

gift from one of our Neapolitan confreres: «facite ammuina!»

A newspaper that calls itself Catholic, what it should do is first of all to support and accompany the faith of Christians in daily life, preserving the simple ones from stumbling.

.

Without many frills and the inevitable sacristy bigotry, use a charismatic journalistic style capable of instilling trust, so as to read the world in a prophetic way, according to that Kingdom of God which is already present among us (cf.. LC 17,20) and which a believer should recognize from afar.

.

In all probability I am wrong, i am as usual too vintage and too naive for this century, in which being an adult Christian means reforming the unreformable and proposing an alternative God wisely glittering that overlaps the God of Jesus Christ. However, to cost of being repetitive and obnoxious I have to insist on a fact: I always find an evident lack of that beautiful cardinal virtue which is prudence. Virtue that must be asked of the Holy Spirit on a daily basis and that is required not only for a consecrated person in the episcopate and in the priesthood but also for a simple baptized faithful who plays a role within the Church, especially if that role involves information and training.

.

Why do I say this? Vengo subito al punto. I learn from Avvenire [cf.. goods WHO] of an investigation conducted by the Institute IPSOS according to which two thirds of believers would have deemed it necessary to suspend the celebrations with people during the lockdown national between March and May. Apparently, 88% of Christians in our communities have promoted anti-Covid measures in the church.

.

Possible? It would seem so! So according to these data and according to the reading given by Future, the Scream: «Give us back to S. Mass ”is the work of a certain vulgate of kissing fanatics. The stop of the "open door" celebrations sees the full promotion of Popolo of the Parishes. I don't know about you, but I, to read certain things, i'm really bad. In fact, if the solution seemed successful the first time, it will also be in the case of a second lockdown Christmas, as well as rumors rumored these days.

.

And I say this with the deepest concern because, after almost a year of living with Covid, this position can no longer be justified by emotion or surprise. It is clear that it assumes the connotations of a real reasoned choice of field, a precise decision between faith and necessity as I wrote in these columns a few months ago, a choice supported by an interpreted “do-good” right that sees in public safety the suprema lex.

.

To all Catholics who are passionate about law and Cicero, I remember the first for a Catholic Christian suprema lex is, and will always remain, Jesus Christ, foundation and way to reach the salvation of souls. In this regard, I quote and share what Cardinal Sarah thinks:

.

"Earthly existence is important, but much more important is life everlasting: sharing the same life with God for eternity is our goal, our vocation " (cf.. Letter to the Presidents of the Episcopal Conferences on the celebration of the liturgy during and after the Covid-19 pandemic, Let us return with joy to the Eucharist!).

.

For this reason this survey appeared in the newspaper of the bishops, it pains me in the double role of priest and Christian, revealing a very specific flaw among Italian Catholic believers that should be cured rather than sponsored.

.

I can only identify myself as a parish priest in the care of souls to the numerous brother priests who have not yet finished explaining to their Pastoral Councils the splendid letter from the Congregation for Divine Worship and the Discipline of the Sacraments which invites us to resume Christian life by starting from the Eucharist celebrated as a community in Dies Domini.

.

How priests will be able to educate their faithful to feed on Jesus the Eucharist and to transmit the truths of the Catholic faith in Sunday ecclesial communion, if these faithful prefer a Creed Smart Working, easily lived from home?

.

How to justify to catechists and families of children and of the boys on a journey of faith that a new one lockdown liturgical / catechetical is not only good and just but it is even desirable, when the National Catechetical Office issued clear guidelines for catechesis in Italy at the time of Covid? Responsible guidelines, prudent and sure but who cannot repudiate and undermine the dutiful kerygmatic announcement that he has in the Gospel of St. Matthew [cf.. Mt 28,19-20] the binding seal of the Savior to the Apostolic College.

.

You will understand well that we are facing a crossroads and between the two, one is true and the other false. Or the Catholics in Italy have conquered in 2020 the Nietzsche trophy and have come to the death of God seen as an unbearable burden in times of pandemic, and then it is good that they officially communicate it to their bishops, beautiful souls of hospitality, so that they take note. Or, if not, bishops should prevent such positions from circulating in their newspaper, which have no other consequence than increasing the consternation and unease of 12% of Catholics who still consider the Holy Mass indispensable.

.

Because the Holy Mass belongs to Christ, not of any "Franceschiello" who with his edict galvanizes sailors to the cry of "Make Ammuina» (confusion).

.

And of ammuina - confusion - in this historical period there is too much of it, inside and outside the Church so much that it needed prudent and wise pastors like the good Bishop Emeritus of Ascoli Piceno, Giovanni D'Ercole [cf.. My previous article, WHO] who had the audacity to affirm that "The Church is not the place of contagion", thus demonstrating a rare balance between pastoral prudence and love of neighbor, all combined with that primacy of obedience to Christ before Caesar.

.

They tell us to obey? Well we will do it and with joy, secondo quanto riportato dal Beato evangelista Luca nel libro degli Atti degli Apostoli. Obey by listening to that apostolic voice that tells us in our days:

.

"We decided, the Holy Spirit and us, not to impose any obligations on you other than these necessary things ... " (At. 15,28)

.

This is what we want to hear, dear fathers bishops. Impose the yoke of necessity on us, we will gladly turn our necks and our backs to the sweet yoke of the Eucharist celebrated as a community on the Lord's day, the only Lord necessary in a Church of fake indispensable.

.

In the same way, the time has also come for the faithful to choose the necessary, crossing the burning coals of modernity and absolute rights, taken to fanaticism against the Church. These rights, even in times of pandemics, they never constitute a remedy for evil, they self-destruct immediately and become secularized and legalized, becoming positive rights that affect the flesh of the weakest and most defenseless and attack that sacramental and liturgical component which has in the Eucharist its apex of necessary faith, celebrated daily.

.

Laconi, 4 November 2020

.

 

Ricordiamo ai Lettori che è in prevendita il libro dei Padri de L’Isola di Patmos, that you can order now and receive it within a few days. Just enter our book shop: WHO.

 

 

 

 

 

 

.

.

.

.

«You will know the truth and the truth will set you free» [GV 8,32],
but bring, spread and defend the truth not only of
risks but also the costs. Help us supporting this Island
with your offers through the secure Paypal system:

PayPal - The quick method, reliable and innovative way to pay and get paid.

or you can use the bank account:

payable to Editions The island of Patmos

WERE GOING: IT 74R0503403259000000301118

CODICE SWIFT: BAPPIT21D21
in this case, send us an email warning, because the bank
It does not provide your email and we could not send you a
thanksgiving [ isoladipatmos@gmail.com ]

Avatar

About isoladipatmos

17 thoughts on ""The Holy Spirit and us". There are no longer the bishops and Catholics of the past

    1. Gentile Fabio,

      che l’espressione “Facite ammuina” sia o meno da considerarsi un fatto storico, ai fini dell’articolo, non appare determinante. Indeed, la citazione è stata scelta a semplice titolo esemplificativo, riportando una nota espressione dialettale, radicata nella cultura partenopea, che esprimere una ben chiara situazione di confusione o per meglio dire di chiasso. E proprio di chiasso non abbiamo bisogno in questo momento nella Chiesa, neanche se il chiasso proviene da un giornale definito “cattolico”, il quale sebbene non venga più comprato da nessunocome da lei precisato – è da considerarsi sempre come la voce dei vescovi italiani. E a questo proposito – mi sia permesso direuna voce chiassosa non più animata dalla Parola di Cristo ma da una parola laicizzata e laicizzante che dovrebbe destare inquietudine. Ogni bene.

    1. Capisco che purtroppo, la emozionalità basata sul “in my view…”, “I think…”, “io sento che…”, sta letteralmente accecando le persone.
      Semmai possa servire a farla ragionare, le copio-incollo il testo tradotto in italiano dalla fedele versione latina del solenne giuramento fatto dal ben poco eroico Arcivescovo Carlo Maria Vigano:

      «Io … alla presenza di … toccando con la mia mano i sacrosanti Vangeli di Dio, prometto di custodire fedelmente il segreto pontificio nelle cause e negli affari che devono essere trattati sotto tale segreto, cosicché in nessun modo, sotto pretesto alcuno, sia di bene maggiore, sia di causa urgentissima e gravissima, mi sarà lecito violare il predetto segreto. Prometto di custodire il segreto, like above, anche dopo la conclusione delle cause e degli affari, per i quali fosse imposto espressamente tale segreto. Qualora in qualche caso mi avvenisse di dubitare dell’obbligo del predetto segreto, mi atterrò all’interpretazione a favore del segreto stesso. Parimenti sono cosciente che il trasgressore di tale segreto commette un peccato grave. Che mi aiuti Dio e mi aiutino questi suoi Santi vangeli che tocco di mia mano»

      detto questo le domando: in your opinion, What does that mean

      «[…] in nessun modo, sotto pretesto alcuno, sia di bene maggiore, sia di causa urgentissima e gravissima, mi sarà lecito violare il predetto segreto»?

      Carlo Maria Viganò ha fatto ciò che avrei fatto io se per malaugurata ipotesi – It is an example, it is clear – avessi violato il sigillo sacramentale riferendo pubblicamente che il Signor Caio, 50 year old, marito e padre di tre figlie, mi ha confessato che ha una irresistibile attrazione verso le prostitute minorenni con le quali più volte ha avuto rapporti sessuali.
      A quel punto io decido di violare il segreto motivando il tutto dicendo che era mia intenzione tutelare le giovani prostitute e svergognare pubblicamente il Signor Caio.

      Questo ha fatto Viganò, quindi la prego, non ce lo porti come modello, questo povero idolo di paglia che molti si sono innalzati sulle ceneri della nostra povera devastata Chiesa.

      1. Viganò, uno che sostiene che Trump deve salvare il mondo dalle tenebre e che Papa Francesco sia un emissario dell’anticristo. Ma come si fa ad andare appresso a questa gente? As? He, don Minutella… Ora arrivano anche i commenti di un certo vice parroco del Savonese contro il Papa che sarebbe un eretico da convertire. Tutti a stracciarsi le vesti per le frasi del Papa sui gay, quando nella chiesa ormai la stragrande maggioranza dei sacerdoti sono gay, (tutto dimostrato, verificato, non ultimo dal giornalista Martel con il suo saggio Sodoma). What then, una delle poche certezze che si hanno oggi è che Papa Francesco non sia omosessuale. Ed è curioso, come scritto dallo stesso Martel, che guarda caso spesso i prelati che attaccano con più veemenza gli omosessuali e le presunte aperture siano proprio quelli omosessuali. I famosirigidi mondani” (conosciuti anche personalmente). Tutti con lo stesso stile. Pizzi, laces, ossessione per la liturgia, spesso quella antica. Custodi della sacra dottrina, finché però non riguarda la loro camera da letto.

        1. Si legga questo libro:

          https://www.amazon.it/Satana-fece-trino-individualismo-disubbidienza/dp/8894463206/ref=as_sl_pc_tf_til?tag=isoladipatmos-21&linkCode=w00&linkId=3ca7df3551b5c9143bed1500a68fbd7a&creativeASIN=8894463206

          io certe cose le ho analizzate e raccontante dall’interno, come prete e con cognizione di profonda causa, non sono un laico approssimativo e strafalcione come Martel. Lui fa gossip, io invece faccio testo, con rigore scientifico.

      2. Interessante la sua risposta
        Magari più in là esprimo un commento .
        Detto e premesso che io “ non sragiono “ ( lo deduco dalla sua affermazione ) e non tento di introdurre il “ virus Vigano’’ in questo forum ( come Lei lascia intendere…)
        Ciò che ha espresso il Vigano’ concorda perfettamente con ciò che penso io e che ho maturato nel tempo a prescindere da Vigano’.
        Non è tutto bianco o tutto nero .
        Di Vigano’ posso far mie alcune cose e altre no come di Padre Livio ( ho appena sentito la catechesi mattutina di oggi 9 November: e letteralmente perfetta ) come dei video di Lei caro Don Ariel e di questa rivista on Line che io ritengo buona a tratti ottima come condivido e seguo il Minutella ( mi perdoni la grave mancanza …. ma così è….) .
        Eppure in Vigano ‘ Padre Livio , Don Ariel , Minutella …. non c’è assolutamente uniformità nel discorso che portate avanti … on the contrary…

        Io seguo ascolto con vivo interesse ( addirittura di questo prezioso suo blog ne scarico gli articoli in versione cartacea e li tengo sotto forma di dispensa in libreria ) tutti senza pregiudizi e senza partigianeria da “ fan” per L uno o per L altro e poi faccio sintesi tenendomi ciò che attraverso il mio discernimento ( buono e cattivo che sia ) ritengo buono ( non c entra nulla il “ secondo me…” )
        Sottoponendo il tutto a continua verifica . Le partigianerie da “ fan “ o tutto bianco o tutto nero , non mi piacciono e falsano .
        By the way :

        https://www.marcotosatti.com/2020/11/09/vigano-la-grande-informazione-censura-i-brogli-di-biden/

        Greetings

      3. Ho maturato L idea che questo quadretto descritto in modo chiaro da Cesare Sachetti sia nitidamente veritiero ( non è affatto complottismoper niente) , al netto di Vigano’ o meno , l appello fatto dal medesimo alla preghiera dei cristiani di qualsiasi condizione , age , status sociale , salute o meno , perché il momento è molto serio , cruciale …. è valido ed ora più che mai opportuno

        Quello che sta succedendo è di una gravità inaudita e peggio ancora saranno le conseguenze( sopratutto per i cristianiin particolare i Cattolici : Kamala Harris & company docet; preoccupa meno quel rimbambito/burattino di Biden ).
        Promuoveranno e sponsorizzeranno in tutto L Occidente tutto ciò che è anti cristiano come non è stato mai finora : verranno le precondizioni per accelerare anzi imporre lo spirito anti Cristiano .
        Chiamatelo tempo dell anticristo se volete

  1. estimated P. Ariel,
    in merito alle presunte gravi violazioni dei segreti papali da parte di Mons. Viganò, anche Cristo ha trasgredito la legge (“il sabato è per l’uomo e non l’uomo per il sabato”); il fine del bene della Chiesa (che riguarda la totalità delle persone) è molto più importante della tutela di una minoranza di persone, come nel paragone da Lei riportato che non ritengo equivalente. Ultimamente poi faccio molta fatica a riconoscere come tale l’attuale Papa (nel Credo diciamocredo la Chiesa” do not “The Pope”), oltretutto le dimissioni di Benedetto XVI sembrano essere state forzate e quindi invalide, sarebbe bastato lasciargli la guida spirituale e il resto dell’amministrazione esecutiva affidarlo ad un Collegio di Cardinali. Di una Chiesa succube al mondo e a Satana non so cosa farmene e anch’io ci rimangosolo per i Sacramenticome diceva Don Milani.

    1. How to Claudia,

      l’argomento è molto delicato e il suo paragone evangelico tende più all’emotivo (comprensibilissimo) che all’oggettivo.
      Let me be clear, questo ragionare non è colpa sua, semmai colpa nostra che da troppo tempo abbiamo derogato alla nostra missione fondamentale: guidare e insegnare al Popolo di Dio, in quanto guide e maestri istituiti per Sacramento di grazia.

      The answer to order:

      Lei cita un passo evangelico tramite il quale Gesù Cristo mette in luce l’elemento della ipocrisia e il culto idolatrico dei precetti creati dagli uomini attorno alla Legge Mosaica. In molti altri passi dei Santi Vangeli, Gesù Cristo mostra non solo rispetto per la Legge, ma insegna quale sia il vero rispetto della Legge dei Santi Patriarchi e Profeti.

      Noi siamo dotati di coscienza e di libero arbitrio in quanto menti pensanti e razionali. La Chiesa ha una complessa serie di leggi che in apparenza, in casi molto particolari, potrebbero apparire in conflitto con la nostra coscienza, con ciò che noi riteniamo bene, ammesso che lo sia. Qualora venisse a crearsi questo conflitto, come si è creato nel povero Arcivescovo Carlo Maria Viganò, che cosa dobbiamo seguire, come vescovi o presbiteri vincolati a precise e solenni promesse: quello che la Chiesa ci indica, o quello che noi riteniamo sia bene? And it is clear, this, non è una questione di stile, di forma o peggio di cervello gettato all’ammasso, ma è proprio una questione di fede. Ovvio che mai, The Church, potrà chiedermi, attraverso la legittima Autorità Ecclesiastica, di compiere azioni contrarie al Deposit of Faith e alla morale cattolica, o dei delitti, ma potrebbe chiedermi di osservare e ubbidire a molte cose sulle quali io non sono d’accordo, o che ritengo persino sbagliate e dannose. In that case, che cosa devo applicare? Applico ilma secondo me … I think that …” oppure mi rimetto in obbedienza alla Chiesa?
      Forse un esempio concreto le chiarirà meglio il tutto: quasi un decennio fa, in modo del tutto ingiusto, mi fu imposto di non scrivere e di non pubblicare. Ma non perché io scrivessi cose false o sconvenienti, anything! Ma perché avevo fustigato a giusta e meritata ragione diversi ecclesiastici, soprattutto la venefica lobby gay. And so, qualche curiale malizioso che si era sentito punto nel vivo, aveva convinto il mio vescovo di allora chequesto prete molestoavrebbe potuto creargli problemi nella sua corsa verso il cardinalato, dato pressoché per certo e sicuro.
      Avrei potuto avere tutte le umane e apparenti ragioni per dire che non ero tenuto a ubbidire a un comando dato da un vescovo ambizioso che, preso in giro da dei curiali e dagli stessi toccato nel suo punto debole, mi aveva dato un comando del tutto ingiusto.
      Invece io ubbidii a quel comando ingiusto e per un anno intero non pubblicai più niente. Quel vescovo non è diventato cardinale, anzi ha fatto numerose figure meschine e infine, il suo ritiro dalla cattedra episcopale, fu salutato da tutto il presbiterio come la sventata fine del governo di unpericolo pubblico”.
      All this to say: io ho il diritto di criticare l’Autorità Ecclesiastica, è la Chiesa stessa che mi concede il diritto all’esercizio del senso critico, anche in modo severo, sempre entro i limiti del consentito. Ciò che però non posso e non devo fare, è disubbidire all’Autorità Ecclesiastica ponendomi come giudice al di sopra di essa. Questo non posso e non devo farlo.
      Disubbidire a un comando, fosse anche ingiusto, per un presbitero è cosa gravissima. Meglio eseguire una cosa sbagliata in ubbidienza all’Autorità Ecclesiastica, che fare la cosa giusta in disubbidienza all’Autorità Ecclesiastica. And then, before God, l’Autorità Ecclesiastica che ha usato la propria potestas per indurre un presbitero a eseguire un ordine ingiusto o sbagliato o lesivo alla sua persona e dignità umana, dovrà seriamente risponderne sino al vero e proprio rischio di finire a patire in eterno all’Inferno.

      – And’ true, nel Credo diciamo dicredere nella Chiesa e non nel Papa”, ma bisogna ricordare che il Romano Pontefice non è il presidente di una democratica repubblica parlamentare, ma il Vicario di Cristo sulla terra, legittimo successore del Beato Apostolo Pietro al quale Cristo Dio ha dato potere di legare e di sciogliere. Attenzione quindi a scindere “Church” and “Pope”, come lei rischia di fare, perché è pericolosissimo. That said: io posso anche affermaree l’ho fatto più di una voltache il Pontefice regnante corre il serio rischio di passare agli annali come uno dei peggiori Sommi Pontefici della storia della Chiesa. Questo lo posso dire, nessuno può impedirmelo. Ciò che non posso fare, né mai farò, è mettere in dubbio la sua legittima autorità e negargli la dovuta obbedienza e il dovuto rispetto. Warning: ubbidire e rispettare non vuol dire stimare. Si può infatti ubbidire e rispettare una persona senza essere ad alcun titolo tenuti a stimarla. La stima, indeed, se il Sommo Pontefice la vuole, se la deve guadagnare, perché non gli è dovuta, ma il rispetto e l’obbedienza sì, quelli gli sono dovuti.

      – About “le dimissione” he said “forzatedi Benedetto XVI e per questonon valide”, lei sta semplicemente affermando che il Venerabile Predecessore del Pontefice regnante è null’altro che un miserabile bugiardo. Le ricordo infatti che Benedetto XVI, on several occasions, ha ribadito la piena e totale libertà del suo atto di rinuncia. Tenga poi conto che un romano Pontefice non si dimette, ma può fare atto di rinuncia. Now, one of two: o Benedetto XVI è appunto un bugiardo, oppure ha firmato l’atto di rinuncia con una rivoltella puntata alla testa. Ma non è vera né l’una né l’altra cosa, ce lo ha detto, spiegato e ribadito Benedetto XVI che in tal senso, o dice il veroe io credo che lo dicao è un bugiardoe io non credo che lo sia -.

      Don Lorenzo Milani io lo considero uno dei vari pessimi maestri del Novecento, ma questa è opinione mia basata su diversi suoi scritti, discorsi e azioni. Imagine, c’è un esercito di cattocomunisti che lo vorrebbe “saint now!”. That said: nella Chiesa non si rimane solo per i Sacramenti, perché i Sacramenti sono quella grazia soprannaturale che santifica un intero percorso di fede, attraverso quell’obbedienza cheper quanto il Milani sragionasse dicendol’obbedienza non è più una virtùrimane sempre una fondamentale virtù.

      Dopo avere risposto alle sue affermazioni ci tengo a chiarirle che quando noi preti incontriamo fedeli che ragionano come lei, la domanda che dovremmo porci, in modo molto serio è molto urgente, sarebbe una sola: se i nostri fedeli ragionano così, dov’è che noi abbiamo sbagliato? Perché una cosa è certa: siamo noi che abbiamo sbagliato. E mi limito a noi preti, sorvolando per pudore sui nostri vescovi capaci a parlare solo di “poor and migrants”, “existential suburbs” and “Church output”, mentre le membra del Popolo di Dio, sempre più smarrite, sono orfane di guide solide e sicure e le nostre chiese sempre più vuote.

      She, cara Claudia, nel suo ragionare sbagliato, non ha una bensì mille giustificazioni. Noi preti, instead, No. Non abbiamo neppure una sola e misera giustificazione.

      Preghi per noi e accetti la mia benedizione.

        1. Dear Stephen,

          chi non mi ha dato una cattedra vescovile, che né in passato né soprattutto in un momento come questo nostro presente avrei assolutamente mai accettato, ha tutta la mia più sincera e profonda gratitudine, perché mi ha salvato dall’Inferno su questa terra all’interno di questa Chiesa. Credo che nel giro massimo di un anno avrei dovuto rinunciare alla cattedra per la guerra all’ultimo sangue che mi avrebbero fatto, ma soprattutto per i problemi insormontabili che mi avrebbero creato buona parte dei miei preti e tutti i vescovi delle diocesi limitrofe che gli avrebbero dato man forte, subissando di proteste la Congregazione per i vescovi, semplicemente perché sarei stato colpevole di essere un vescovo cattolico.

        2. Nella mia diocesi a uno come Padre Ariel, on 90 preti che siamo: 20 (10 dei più giovani e 10 dei più vecchi) lo avrebbero portato sulla vecchia sedia gestatoria, e non gli avrebbero baciata solo la mano, ma anche la scarpa, e lo avrebbero anche proposto già in vita come santo patrono della diocesi, others 70 preti gli avrebbero versato il cianuro dentro l’ampolla del vino per la santa messa.

      1. Gentile Padre Ivano,

        credo che il tema da lei trattato in questo intervento sia molto importante. Mi rendo conto che molto spesso proprio il temasabato per l’uomo” the “l’uomo per il sabatomi crea molta confusione se provo ad estenderlo al di fuori del caso specifico del sabato per gli ebrei. Sono anche spesso confuso dal tema della coscienza versus obbedienza all’autorita’, e il concetto diprimato della coscienzami tormenta non poco perchespesso non riesco bene a capire se dei pensieri che ho vengono dalla mia coscienza (e se quindi devo darne importanza primaria) o se invece sono altro e quindi da ignorare per quanto possibile (ma allo stesso tempo ho paura ad ignorarli nel caso siano la coscienza e sarebbe peccato andarci contro)… e in fin dei conti, therefore, come riconoscere la vera voce di Dio dentro di noi. Credo che questo tema sia molto importante, e le vorrei chiedere gentilmente se potrascrivere in futuro un articolo ancora piudettagliato di questa sua risposta, come una forma di catechiesi su un argomento su cui credo non essere l’unico ad avere le idee un po’ confuse, e che allo stesso tempo credo sia di fondamentale importanza.
        La ringrazio per questa sua risposta a Claudia, e in anticipo per un eventuale approfondimento su questo tema.

  2. Reverend Father Ivano,

    condivido con lei che vi è una scelta precisa da parte di gran parte dell’episcopato di far intendere alla gente che i Sacramenti, e in particolare il Sacrificio Eucaristico, non sono il cuore pulsante della nostra vita di fede, con tanti saluti al ‘liturgia culmen et fonspromosso dal Concilio
    l’ho notato anche da una recente intervista del Santo Padre Francesco ( https://www.adnkronos.com/fatti/cronaca/2020/10/30/papa-francesco-all-adnkronos-covid-corruzione-benedetto_chrA2saxr5INZHQvsZT44N.html?refresh_ce ), di cui riporto un passo che personalmente mi ha scandalizzato più delle affermazioni pontificali su gay e simili

    Non voglio entrare nelle decisioni politiche del governo italiano ma le racconto una storia che mi ha dato un dispiacere: ho saputo di un vescovo che ha affermato che con questa pandemia la gente si èdisabituata– ha detto proprio cosìad andare in chiesa, che non tornerà più a inginocchiarsi davanti a un crocifisso o a ricevere il corpo di Cristo. Io dico che se questagente”, come la chiama il vescovo, veniva in chiesa per abitudine allora è meglio che resti pure a casa. And’ lo Spirito Santo che chiama la gente. Forse dopo questa dura prova, con queste nuove difficoltà, con la sofferenza che entra nelle case, i fedeli saranno più veri, più autentici, Believe me, sarà così

    i.e., praticamente il Papa ha dato il via libera a violare il precetto domenicale a tutti i fedeli ‘non veri, non autentici’. di fatto è anche una negazione dei sacramenti come medicina per l’uomo malato

    1. Il Papa non ha dato il via libera a niente, ha detto solo che non si va a messa la domenicaper abitudine”. O perchési è sempre fatto così”. Ha perfettamente ragione a dire che di fedeli così oggi non ne ha bisogno la chiesa. Questo Papa a mio avviso scandalizza non perché parla in maniera confusa, ma perché parla in maniera reale, senza troppi giri di parole.

      1. ma una persona è meglio che vada in chiesa per abitudine o non ci vada per niente?
        nel primo caso una persona può venir stimolata dalla Parola di Dio, dalla predica, dalla liturgia e passare da una relazione fredda con Dio a una più vera e piena. è vero che Dio può dare quando e come vuole la grazia della conversione, ma più buone occasioni buone ci sono meglio è
        nel secondo caso invece restandosene a casa cosa finisce a fare? finisce a guardarsi pornazzi!
        con la storia del ‘meglio pochi ma buonirischiamo veramente di far morire la vita delle nostre comunità, e finiremo a rinchiuderci in un elitismo dannoso per noi e spiacente a Dio
        poi papa Francesco non aveva detto che la Chiesa è un ‘ospedale da campoper curare le ferite dell’umanità? e il ‘fedele per abitudinenon è uno di questi malati? e noi lo vogliamo buttare fuori

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

 characters remaining

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.