The falsity of the alleged mutability of the doctrine of Humanae Vitae. About the ideas of Maurizio Chiodi: the Magisterium of the Church is interpreted not a lie

THE SHAM OF THE DOCTRINE OF SUPPOSED mutability HUMAN LIFE. ABOUT THE THESIS OF MAURITIUS NAILS: THE TEACHINGS OF THE CHURCH DOES NOT LIE WITH S'INTERPRETE

.

The incoherent speech, opportunistic and flattering Maurizio Chiodi is part of the intellectual and emotional climate, Revolutionary in the negative, increasing collective excitement and false devotion to the Pope, fomented by the left, which in recent years it is rapidly spreading in the Church, since Eugenio Scalfari, famous interview in the beginning of the pontificate, It launched the successful eulogy Pope revolutionary

.

.

Author
John Cavalcoli, o.p.

.

.

PDF format Print article

 

.

.

the suffered last encyclical of Blessed Pope Paul VI, that never gave the other encyclicals prints over the next nine years of his pontificate.

The New Compass Daily of 2 February brings with comment Renzo Puccetti - "You write prohibited reads lawful: It is the poetry of Nails " [cf. article WHO] ―, some statements of the moralist Maurizio Chiodi on the Pontifical Commission will resume work they consider the encyclical Human life of Blessed Pope Paul VI with a view to its application in the context of contemporary social and ecclesial.

.

As I and the Father Ariel We recently explained, the doctrinal authority of this encyclical must be neither overestimated - as if to make a dogma -, nor underestimated, It considered mutable or, come disse Karl Rahner, even wrong [cf. our previous articles, WHO and WHO]. On the contrary, it is infallible doctrine, that is absolutely true, unchangeable and tamper-proof, although, As he stated by Father Ariel in his recent article, it is not a defined dogma. It is not doctrine defined, yet it is final, to express ourselves with the Apostolic Letter The credit for the defense the Holy Father John Paul II 1998 and quoted in the article of the Father Ariel. Indeed, matter of which is the encyclical of natural ethics, establishing the natural moral law, object of practical reason, law that, applied or put into practice by virtue of prudence, guides action to achieve its natural end last, that is God's greatest man Well.

.

However, as pointed out by the Pope in the same encyclical, the Church has had but from Christ the mandate to reveal to man the way of eternal salvation, so Christian duties are the subject of faith and can be dogmatizzati; but, given that compliance with the supernatural revealed precepts must observe the natural law, the subject of natural reason, The Church also has the right and duty to teach men even the precepts of the natural law, despising them, You can not attain salvation.

.

If the Church wants or so wished, It could elevate even dogmas duties of the natural law, but he does, given that they, by their nature, They are understandable and demonstrable for the simple natural reason. For this reason the Pope justifies the prohibition of contraceptives with rational arguments, acceptable even by unbelievers, provided that reasonable men, Although the Catholic is required to submit to papal prescription with no divine faith, It was defined as a dogma, but with ecclesiastical faith, that befits the doctrine of the Church. However, the refusal of obedience does not constitute veritable heresy, but close to heresy error. He says Paul VI:

.

"No faithful will deny that it is up to the Magisterium of the Church to interpret the natural moral law. It is in fact indisputable, as we have repeatedly stated our Predecessors, that Jesus Christ, communicating to Peter and to the Apostles His divine authority and sending them to teach all nations His commandments, He constituted them as guardians and authentic interpreters of all the moral law, not only that of the evangelical law, but also of the natural, it also expression of the will of God, the faithful fulfillment of which is equally necessary for salvation " [n. 4, see text WHO].

.

Natural law does not permit derogations or exceptions. If there are the conditions of its applicability, not there are cases in which it may be suspended, as it can happen for a custom or a positive standard or conventional, I can admit handouts or suspensions or changes or repeal. If it is inapplicable only because they lack the conditions to be applied, which in certain cases occur.

.

Law enforcement natural resembles the absolute logic subjection of the individual to the species or the particular to the universal. No case can escape or be an exception. It would be absurd to think that there might be a man who is not a rational animal, or it can give the sum of 2+2 that does not face 4. Indeed, the natural law is the law of action of man as such, It equipped with a specific nature, which it is the same in all individuals. If an act of natural law is good, it is always good. If an act is bad compared to the natural law, It is always bad. It can not be that a good act becomes bad or an evil act becomes good. Worshiping God or honor their parents and be honest it is always good. To steal or kill or fornicate is always bad.

.

It must however be noted that moral values They are sorted hierarchically compared to the supreme good or final End, God, and that in the present life, marked by disorder and unrest following on original sin, the affirmation of the superior value often does not take place in harmony with the lower, but at his own expense. We must be ready, as Christ says, with strong language, that must be properly understood, to "hate" him for his soul, to give up an eye or a hand, just to be able to enter the kingdom of heaven. We should fight against the world and win. To save the life, necessary to death. This means, then, that if a value is absolute, no allowances or exceptions, but the fact is that, if this value hinders or impedes an absolutely necessary and vital higher value, it is not to make an exception to the rule, but simply aside to make way for a superior rule.

.

The review of 'Humanae Vitae by the Pontifical Commission [cf. WHO] forms part probably in this order of considerations, but we do not believe to your mind, how does Nails, s'incammini the Church to embrace evolutionary ethic he proposed, which it was already condemned by Pope Pius X in Pascendi Dominici Gregis as completely contrary to reason and faith.

.

Criticism at Nails positions

.

First point. As reported Puccetti, consciousness, according Nails "coincides with the totality of the self (person) - Descartes, the specific self-consciousness - in its value with theoretical and practical ' [cf. WHO].

.

We respond by saying that the consciousness It does not coincide with the totality of the self or the person. Consciousness is reflected act of the intellect, which is the person power. This is spiritual substance, composed of body and soul, whose being exceeds the being of consciousness, that, from what appears from the above, it is only an emanation or act of the person, and therefore part and spiritual manifestation of the person. As for the self, it is the manifestation of the self all'egli, that is the person of whom you speak in declarative sentence, as when, for example, say: Descartes was self-conscious. that see Descartes is the same or better I Descartes as it appeared to Descartes. So the self is not the person, but the appearance of the person intended to herself, in the self-consciousness of the person.

.

But the biggest mistake of Nails, consequence of the previous, It is that he confuses the human with the divine person. In fact not the human person, but God is Self-consciousness subsisting. This is convenient for Nails, because he, to argue that the doctrine of 'Humanae Vitae can change, He would like to substantiate his thesis proposing a concept of person, for which the moral law is not immutably established by a transcendent divine will, to which man must adapt, but it is free expression of the same desire of the human person as self-subsistent, matched to God, and then as a principle of moral law itself, whose content is determined by a transcendent divine will, creative and norm of human nature, but it is the same human subject that determines its nature and, consequently, the law of his act. Instead, the doctrine of natural law contained in Humanae Vitae supposedly the person conceived as the existence of a single human nature, created in God's image, a real substantial entity, whose act, It proposed to the practical reason and implemented by the desire, It is regulated precisely by this practical command of reason, which it is the natural law, known to every man's conscience, and imprinted in human reason from divine Reason.

.

Second point. Puccetti reports that nails writes that "the moral norms are not reducible to rational objectivity, but they ask to be inscribed in the human story, understood as a story of grace and salvation ". Puccetti saying comments that "discreetly poetic Chiodi asserts its subjective view of morality".

.

Big mistake is to Nails, to steal the moral norm to the judgment of reason, to replace the function of reason with the "human story", as if this could be human without the guidance of reason, not realizing that the irrational behavior is not that of man, but the beasts. Vano and senseless, then, in these conditions, keep talking about "thank you" and "salvation", divine gifts, which they are not granted to the beasts, but the animal reasonable.

.

third point. It reports that Puccetti Nails moral norms "guard the good", but states that it is a good "that is given in the experiences of life". False. Moral good, before that in "life experiences", It is offered by God to the practical reason enlightened by faith, starting from sense experience. If then the will puts into practice the good conceived by reason according to the command of virtue, then, but then the subject experiences the good done or loved, accomplished action controlled by the practical reason.

.

Puccetti right in pointing out that so emphasizes Nails, of these experiences, "The subjectivist character, not be pursued as a good in itself, but as well as it is known and esperienziato, everyone does their own experiences " [cf. Pascendi Dominici Gregis, text WHO]. Indeed, the goods held by the natural moral norms is given already by itself and by itself in their intelligibility and universal rationality, abstracting from the experiences of life and above them, which, to be morally good, licit and praiseworthy, They have to compete on those standards, who otherwise would not "standards", ie rules of conduct; must, i.e., be faithful and their practical application in different circumstances and situations of life, after being intellectually conceived and understood in their universality and rationality.

.

In essence, Nails conceives the moral agent which he said is subject to the doctrine of Humanae Vitae as irrational self-consciousness in a "human story, understood as a story of grace and salvation ": a monstrous character, half divine and half animal, as in greek-Roman mythology, except to be subject - do not know how - to a "story or history of grace and salvation", from which it appears that nails do not know or what is the grace, or what is the salvation.

.

Nails seems to be succumbing the moral conception of Humanae Vitae a vision of moral action based on a Cartesian concept of the person as self-consciousness, whose practical dynamism, but, It is not driven, as in Descartes, the rational concept, and then from the universal objective, but from tendenzialità historical and experiential, ie existential and subjective, in the manner of Heidegger, as rightly observes Puccetti. So this is not immutable essence based action, but the self-consciousness to become, Factor in turn becoming and change. What matters is changing and transforming. There is no wonder then nails imagine that the Pope will change the doctrine of Humanae Vitae. But the illusion completely, because the Pope, any Pope, also Bergoglio, referred to as "revolutionary pope", He knows that the natural law is immutable and is not a changeable product of the human will erected to self-consciousness existential. But Nails goes ahead anyway and thus comes to the idea of ​​an ethics without a fixed rule, but radically transforming, existential, experiential and revolutionary, on the type of that of Nietzsche.

.

revolutionary ethic

.

By then understand the root before watching Nails, let's stop on the theme of revolution, Today fashion back even in the teaching of Pope rifermento. The revolution therefore involves the idea of ​​a radical transformation, of a profound change or upheaval. It can be, it is true, subversion, but also renewal. It can lead to destruction, but also conquest. It suggests to violence, but also the regenerative power. However, "Revolution", in the usual sense - face it - especially social, It does not enjoy a good reputation; dice più un male che un bene. Dice novità, che non comporta però solitamente, come forse alcuni intendono, crescita, perfezionamento e progresso nel vero e nel bene già posseduti e conservati, ai quali si conferma la propria fedeltà, che viene così anzi rafforzata e accresciuta, mentre si abbandona il vecchio inutile, ci si libera dal male e si rompe col peccato e la falsità. Ma per lo più la rivoluzione, nella concezione più radicale, consiste nella pretesa arbitraria e nichilistica di voler cancellare o annullare tutto il pensiero e i valori, se fosse possibile, tutto il reale precedenti già stabilmente trovati e fondati, per rifare tutto a proprio arbitrio e di propria volontà: quella che Nietzsche chiamava la «trasvalutazione di tutti i valori», effetto della «volontà di potenza». Il primo atto rivoluzionario dell’uomo, in this sense, è stato il peccato originale.

.

Notiamo allora che la forza velenosa e distruttiva del principio rivoluzionario non sta affatto nell’azione insurrezionale come tale, che in casi eccezionali è giustificata persino da San Tommaso d’Aquino [1] e dal Beato Pontefice Paolo VI [2] e non sta neppure in un radicale rinnovamento o palingenesi del pensiero e della vita, come avviene nella conversione dei grandi peccatori o è avvenuto nel passaggio dall’Antica alla Nuova Alleanza o avverrà alla fine dei tempi col Ritorno di Cristo: quella «ricapitolazione (apokefalàiosis) di tutte le cose», ad opera di Cristo, of which St. Paul speaks [cf. If the 1,10]. For this, nella Bibbia, nella Tradizione, nei Padri, nel Magistero della Chiesa il termine “rivoluzione” non esiste o ha un senso spregiativo di rivolta, sedizione, sommossa, sovversione. Quello che forse più gli si avvicina in senso positivo è quello della metànoia, ossia quel salutare mutamento di pensiero e di condotta, alla luce della Parola di Dio, che viene tradotto col termine conversion, la quale crea il figlio di Dio e l’ «uomo nuovo», risorto con Cristo.

.

Invece dobbiamo dire con dispiaciuta franchezza che purtroppo il discorso farneticante, opportunistic and flattering Maurizio Chiodi is part of the intellectual and emotional climate, Revolutionary in the negative, increasing collective excitement and false devotion to the Pope, fomented by the left, which in recent years it is rapidly spreading in the Church, since Eugenio Scalfari, famous interview in the beginning of the pontificate, It launched the successful eulogy Pope revolutionary, [cf. video WHO] appellativo molto imprudente, che il Papa avrebbe dovuto smentire, cosa che purtroppo non ha. Così è accaduto che pochi giorni fa, il mito del Papa rivoluzionario, è stato rilanciato in grande stile addirittura da Antonio Spadaro ne The Catholic Civilization, col presentare il Papa come «il rivoluzionario che sta cambiando il mondo utilizzando il marxismo» [cf. WHO], guarda caso proprio in occasione delle trattative della Santa Sede col governo comunista di Pechino, mentre di rincalzo S.E. Mons. Marcelo Sánchez Sorondo, attuale Cancelliere della Pontificia Accademia delle Scienze e della Pontificia Accademia delle Scienze Sociali, con incredibile sfrontatezza ha osato affermare che il regime cinese è «la migliore attuazione della dottrina sociale della Chiesa e dell’enciclica Laudato sì», suscitando le vive preoccupazioni e proteste di molti in Cina e all’estero, tra i quali spicca per autorevolezza e prestigio internazionale l’anziano e saggio Cardinale Joseph Zen Ze-kiun, coraggioso portavoce e difensore dei cattolici perseguitati in Cina [cf. WHO].

.

Qualificare un Papa come “rivoluzionario”, come fosse un titolo di merito, vuol dire mancare di un sano criterio di giudizio, assumendo una categoria quanto meno profana, del tutto inadatta a far le lodi di un Papa. Sorprende poi ancora di più il fatto che il Papa si lasci tranquillamente qualificare in questo modo, senza almeno ridimensionare tale titolo sconveniente, ma quasi compiacendosene, cosa che non depone certo a favore della sua saggezza.

.

Questa pericolosa infatuazione per la rivoluzione, ben contrastante col misericordismo e pacifismo di Jorge Mario Bergoglio, rischia di evocare tutti i fantasmi del passato: rivoluzione francese, rivoluzione russa, rivoluzione fascista, Spanish revolution, rivoluzione maoista, fino alle innumerevoli rivoluzioni africane e sudamericane, culminanti in quella di Fidel Castro o di August Pinochet.

.

La mentalità sessantottina

.

Lo stesso Sessantotto fu una scriteriata rivoluzione, che introdusse nella Chiesa un principio dissolvente modernistico, sotto false apparenze di progresso e di applicazione del Concilio Vaticano II. Il messaggio del Sessantotto era fondato su di una visione hegeliano-marxista della realtà e dell’agire umano, che dà il primato al mutevole rispetto all’immutabile, esalta il cambiamento contro la fedeltà, il progresso contro la conservazione. Il messaggio del Sessantotto era che occorre «abbandonare le proprie certezze», tutto doveva essere messo in discussione, la libertà permissiva del «vietato vietare», l’immaginazione al posto della ragione mediante «l’immaginazione al potere», l’autoproduzione della cultura attraverso la soppressione dell’insegnante, con conseguente soppressione buonistica dei meriti, sino a giungere al “sei politico” ed al tutti promossi, aprirsi al nuovo rivoluzionario, inteso come rottura con la tradizione e rifiuto dell’immutabile.

.

Tutto muta e Dio stesso muta.

.

Dio non sta immobile lassù, minaccioso di castighi, ma diviene in noi e con noi. Non aggrapparsi a niente perché tutto passa. Niente è stabile, ma tutto diviene. La regola dell’agire è la storia e l’esperienza, è modernità assunta e vissuta, come dice Rahner, «nella sua totalità», senza discussioni e senza critiche alla luce di una verità immutabile, che non esiste. La Chiesa e il mondo si identificano. Tutta l’azione si risolve nel politico, ma nel contempo l’individuo è legge a se stesso. L’agire non dev’essere obbedienza a una legge astratta e immutabile, ma creazione concreta e storica sempre nuova della libertà nell’evolversi delle situazioni. La conseguenza ovvia del tutto fu il rifiuto del Magistero della Chiesa col suo monotono ripetere e proporre sempre le stesse cose, schemi vuoti, noiosi ed ammuffiti del passato, per ascoltare i nuovi profeti, che in realtà non erano altro che eretici e ciarlatani, which, spacciati come interpreti del Concilio, non facevano altro che riproporre sotto una verniciatura linguistica il brodo riscaldato del vecchio modernismo dei tempi di San Pio X, bevuto avidamente dalle folle hegelianamente adoratrici della storia, ma incapaci di apprendere le lezioni della storia. Così è successo che il Sessantotto ha introdotto nella Chiesa la psicosi, per non dire l’ossessione del cambiamento e del ”progresso”, che poi in sostanza, disgiunto dal rispetto per la tradizione sulla quale deve fondarsi, e che deve esplicitare e sviluppare, non è affatto progresso, ma egoismo, skepticism, erotismo, relativism, distruzione e nichilismo.

.

Un patrimonio immenso di cultura teologica faticosamente e diligentemente elaborato dai padri nei secoli passati, da sempre raccomandato dalla Chiesa e dallo stesso Concilio Vaticano II, da conservare e custodire gelosamente e fedelmente e da consegnare alle future generazioni, è così stato dimenticato, dilapidato e rimasto chiuso ed inutilizzato ― quando è andata bene ― nelle biblioteche, a meno che adesso questi nuovi barbari non vogliano distruggere anche le biblioteche per sostituirle con la teologia narrativa di Topolino, Paperino, Pulcinella, i dischi volanti e Babbo Natale.

.

L’affascinante alternativa teologica e spirituale, offerta dal modernismo più aggiornato, col suo sguardo rivolto al futuro della Chiesa, his pungiglione di rinnovata vita cristiana, aperta al soffio dello Spirito, sta offrendo ormai una molteplicità di chances and imputs, dei quali posso citare qui solo alcuni esempi, come il nuovo corso della Congregazione per la dottrina della fede di non condannare più le eresie, ma solo il conservatorismo e la rigidezza; consentire a un luterano l’accesso al pontificato il progetto dei Vescovi italiani di osservare la regola del silenzio, ad imitazione dei Trappisti; l’idea del quotidiano Future di dedicare una rubrica settimanale alla teologia della masturbazione; il progetto dei Gesuiti di sostituire alla Gregoriana al corso ormai vecchio, ripetitivo, stantio, consunto, astratto e superato sulla Trinità, un corso di laurea ben più attuale e coinvolgente di immigratologia; la decisione dei Domenicani di chiedere alla Santa Sede la nomina di Schillbeeckx a Dottore della Chiesa in occasione della prossima chiusura del convento di San Marco a Firenze; il permesso della Congregazione per il Culto Divino dell’uso della bicicletta in chiesa sull’esempio dell’Arcivescovo di Palermo e l’uso delle chiese per il riposo notturno degli omosessuali senza fissa dimora; la sostituzione, nella Messa, to the I believe, assemblaggio incomprensibile di formule astratte e metafisiche, del ben più attraente e significativo Dolce sentire [cf. WHO, WHO]; elevare la pedofilia a libera espressione dell’amore; porre Radio Maria sotto il controllo della Massoneria; la raccomandazione degli studi di S.E. Mons. Angelo Becciu sulla sapienza teologica di Marcione [cf. WHO]; ascoltare al registratore le lezioni di cristologia di Padre, Arturo Sosa [cf. WHO], o quelle di Andrea Grillo sulla ecumenical church [CF. WHO], o quelle del Cardinale Walter Kasper sull’immutabilità del dogma e della morale, oppure le meditazioni sull’Eucaristia mangereccia di Ermes Ronchi [cf. WHO] o sull’Eucaristia erotica di Timothy Radcliffe [cf. WHO, WHO] o sull’Eucaristia del bottone di Manuel Belli, oppure il ciclo di conferenze di S.E Mons Nunzio Galantino su «Lutero, dono dello Spirito Santo» [cf. WHO] o di S.E. Mons. Vincenzo Paglia sulla spiritualità di Marco Pannella [cf. WHO], oppure le lezioni del Cardinale Gianfranco Ravasi sulla massoneria [cf. WHO, WHO] o le profezie di Enzo Bianchi sul carisma dell’omosessualità [cf. WHO, WHO], mentre i nostri politici cattolici dovrebbero fare un viaggio in Cina per constatare de visu la migliore applicazione della dottrina sociale della Chiesa o allearsi col partito della Bonino e della Cirinnà per la riforma dell’istituto familiare.

.

Quel che invece oggi occorre con urgenza indilazionabile è smetterla una buona volta con questa unilaterale, faziosa, false, gretta, bolsa e dannosa retorica del ”progresso” e decidersi vigorosamente ad attuare un vero progresso, che ― come ci ricorda per esempio il teologo domenicano Servo di Dio Tomas Tyn ― non può che essere in armonia con la conservazione e il recupero dei valori immutabili, stabili e perenni, anzi eterni, che sono alla base della civiltà e del cristianesimo e che fondano un vero progresso, che non ci faccia ricadere nella barbarie.

.

Non si tratta di tornare a ciò che è stato superato ed è ormai inutile, dead, inservibile o dannoso. Si tratta di ricostruire ciò che di valido è stato distrutto, di recuperare preziosi valori, ancora utili o sempre utili, che sono stati dimenticati. Con Cartesio ci si è illusi di rifare le fondamenta del pensiero già gettate dalla Bibbia e da Aristotele. Ma questo è illusione e stoltezza, perché le fondamenta non sono dedotte, ma sono date. Su quelle si costruisce. È inevitabile usarle, anche se le si vuol distruggere. Saggezza vuole che le si usi semplicemente senza dubitare. Sono il modernista e il rivoluzionario che retrocedono e regrediscono, fino a tornare alla barbarie, proprio perché il nuovo che propongono è distruzione dell’antico da conservare. Chi invece si chiude a ciò che è autenticamente nuovo e avanzato, non ha ragione di appellarsi alla tradizione o all’immutabile, perché il nuovo autentico e benefico non è altro che conferma e sviluppo dell’antico. È chiaro d’altra parte che bisogna sapere che cosa può mutare e che cosa no. Si può anche ammettere, essendo benevoli nel linguaggio, una novità rivoluzionaria; ma quando ci viene annunciata, occorre verificare se si tratta di una novità autentica o è una bufala, confrontando l’enunciato col sapere certo e incorruttibile che abbiamo già acquisito.

.

Una novità che contraddicesse anche duemila anni di credenza o pratica cristiana, non necessariamente è eretica o da respingere. Occorre verificare se essa si riferisce o no a valori umani o cristiani che possono mutare o cessare. Mentre le leggi naturali e divine non possono mutare, ma solo esser meglio conosciute ed applicate, le leggi positive e canoniche della Chiesa possono mutare per disposizione del Sommo Pontefice, anche fossero in vigore da duemila anni. Ma anche in tal caso sarebbe sconveniente parlare di un Papa “rivoluzionario”, ma tutt’al più riformatore o innovatore. Se poi ci si immagina che un Papa “rivoluzionario” possa mutare la legge naturale o divina, come per esempio dichiarare non più valida la dottrina della Humanae Vitae, vuol dire che si ha perso il senno.

.

Thus, il fatto che per duemila anni la Chiesa non abbia permesso alle donne di distribuire la Comunione o di leggere le Letture della Messa, non ha impedito alla Chiesa di dare oggi alla donna questo permesso, perché si tratta di un campo ― la power of the keys ―, nel quale Chiesa può liberamente legiferare come meglio crede. Non è la durata temporale che fa l’autorità della tradizione, ma la sua fondatezza dogmatica o meno. Il permesso alla donna di dare la Comunione o di leggere alla Messa è Tradizione, anche se ha solo trent’anni di vita. Invece la tesi della mutabilità della legge naturale sostenuta da Chiodi è assolutamente inaccettabile non tanto perché contraddice a duemila anni di insegnamento della Chiesa, ma per il fatto che è filosoficamente errata e quindi prossima all’eresia.

.

Unfortunately,, instead, la mentalità sessantottina si riscontra nella pastorale del Papa attuale. Si spiega allora come di recente egli abbia potuto fare un elogio estremamente imprudente del Sessantotto. E il quotidiano Future, di rincalzo, nel numero del 14 February, Pag. 21, ha avuto l’infelice idea di rievocare la simpatia per il Sessantotto che aveva il Cardinale Carlo Maria Martini, elogiandolo con queste parole: «L’Arcivescovo di Milano non si riferiva a valori o a princìpi, ma a pungiglioni nella carne del secolo» [cf. WHO], senza rendersi conto, l’infelice quotidiano, della pessima metafora adottata, as, in truth, sono proprio i valori universali e perenni e i princìpi evidenti, incontrovertibili ed immutabili, quelli che muovono l’intelligenza e la volontà alla verità e al bene, mentre i pungiglioni servono a smuovere la cocciutaggine dei somari. And, se vogliamo, il Sessantotto è stato effettivamente un “pungiglione nella carne del secolo”, but, ben lungi da averlo beneficato, lo ha illuso, straziato e corrotto con la prospettiva di un falso rinnovamento, che finisce nel nichilismo.

.

È sorprendente e doloroso constatare come ancor oggi, dopo ben cinquant’anni, nel corso dei quali sono apparsi i frutti amari di questa rivoluzione, vi sia ancora chi si ostina ciecamente a percorrere una strada senza sbocco, anziché correggere la rotta e imboccare la via della vera attuazione del Concilio, rettamente interpretato e libero dall’ipoteca modernista, che è basata sulla falsa ed hegeliana contrapposizione fra essere e divenire, conservazione e progresso, tempo ed eternità. La vera attuazione del Concilio comporta, instead, la sapiente congiunzione di essenza ed esistenza, conservazione e progresso, fermezza e duttilità, astratto e concreto, stabilità e slancio, rinnovamento e fedeltà, metafisica e storia, movimento e saldezza, permanenza e sviluppo, identità e crescita.

.

La forza sovversiva neomodernista, apparentemente affidabile ed innovatrice, ma in realtà illusoria e distruttiva, traeva origine ― come traspare dalle parole stesse di Chiodi ― dallo spirito cartesiano e luterano, maturato nell’hegelismo e nel marxismo, ed iniziò da allora con ferrea determinazione e crescente successo, non ostacolato da un episcopato dormiente, una scalata al potere ecclesiastico, that, iniziato negli ambienti operai e studenteschi, tra i teologi e gli intellettuali e nel basso clero, in anni recenti ha contaminato gli stessi vescovi, fino a giungere ai cardinali, agli stessi ambienti della Santa Sede e degli istituti accademici pontifici, senza che il Papato, benchè retto da degnissimi Pontefici, sia riuscito a fermare questa marea montante per mancanza di una sufficiente collaborazione da parte dell’episcopato.

.

Il compito che oggi si impone per la Chiesa e il Santo Padre, è quello di conservare e sviluppare sia i buoni frutti del Concilio, sia di correggere le persistenti sue cattive interpretazioni e sia di recuperare i valori dimenticati. Lasciamo stare la rivoluzione. E’ sufficiente la “metànoia”, la conversione e la penitenza, moti dello spirito e della vita, sostenuti dalla grazia, ben più intelligenti, radicali e salutari della rivoluzione, giacchè questa si limita, quando va bene e non combina guai, ad operare in questa vita mortale, mentre quella opera in vista della vita eterna.

.

Nessuno v’inganni con argomenti seducenti [With the 2,4]. La tua gente riedificherà antiche rovine, ricostruirai le fondamenta di epoche lontane [Is 58,12].

Varazze, 27 February 2018

.

_______________

NOTE

[1] QUESTION, II-II, q.42, a.2, 3m.

[2] CF. S.S. Paul VI, Encyclical Populorum progressio of 1967, n.31.

.

.

.

«You will know the truth and the truth will set you free» [GV 8,32],
but bring, spread and defend the truth not only of
risks but also the costs. Help us supporting this Island
with your offers through the secure Paypal system:



or you can use the bank account:
They were IT 08 (J) 02008 32974 001436620930
in this case, send us an email warning, because the bank
It does not provide your email and we could not send you a
thanksgiving [ isoladipatmos@gmail.com ]

.

.

AVAILABLE THE BOOK OF MASS DE THE ISLAND OF PATMOS, SEE WHO

.

.

.

About isoladipatmos

Leave a Reply