The Holy Father Francis "heretic" and "apostate". And if it was a providential “Pied Piper”?

Say the Fathers of The Island of Patmos

THE HOLY FATHER FRANCIS 'Heretic' E 'APOSTATE ". AND IF YOU WERE A PROVIDENTIAL PIPER MAGIC ?

.

There is no historical memory of a Pope who like the ruling has been branded as “heretic” and “apostate” by a number of means insignificant Catholics and not linked solely to areas of “fundamentalists”. Therefore we believe that this new phenomenon merits a clear and honest answer at the theological and ecclesiological, given below by Fathers of The Island Patmos them in two different writings on the sensitive issue.

.

.

I understand well your maneuvering limits, say, however, that "the Holy Father is in a" cage "in which it was put by some obscure characters that surround him and from which unfortunately is not easy to get out ...", It is frankly not credible, considered the personality of the Holy Father, which he has now at his side whom he wanted. Others are marginalized. Or am I wrong?

Licio Zuliani

.

The Reverend Fathers of this island who support this theory [Ed. "The Holy Father is in a" cage "in which it was put by some obscure characters that surround him and from which unfortunately is not easy to get out"], They know not to further aggravate the situation. Make it a disservice which hurts the salvation of souls. The private doctor It is demolishing everything. What a scandal visiting the tomb of Don Milan, even he would like to emulate him by inviting priests to do the same. From 2013 we have such a large amount of objective elements (written, homilies, speeches, video) to define an apostate […]. Dear Fathers of this Island, have charity to say the whole truth is at stake is the salvation of souls that you will answer before the judgment seat of Christ. No one can be sure that the sun is a grain of salt.

Eagle

.

Author
John Cavalcoli, o.p.

.

.

PDF Articles print size

.

.

the late Lucio Battisti [Rieti 1943 – Milan 1998], one of the “sacred monsters” the history of Italian pop music, author of the song Confusion. To listen click on the image

The problem of the Holy Father Francis is a problem essentially moral, that is the question of his moral conduct and his pastoral, not of his doctrine of the Vicar of Christ. On this point we have to listen to good Catholics and not do as Lefebvre and Lutherans, who accuse him of heresy. And this, essentially, that the Father Ariel remembers in his snappy response.

.

The problem of the Holy Father, a common view of the Fathers de The island of Patmos, that this theme devote two different answers, is precisely that of not having a strong personality, but being a person influenced, except to take sometimes authoritarian attitudes, but affect the weak and leave the strong prosper.

.

The Holy Father will find themselves pitted with a very powerful modernist environment, which is what prompted the Supreme Pontiff Benedict XVI to make an act of renunciation. The Pope is surrounded, circumvented and adulated by false friends and traitors. The Church has the enemy at home, It has now reached the highest places: we think of the case of Cardinal Gianfranco Ravasi, for which Masons are our "brothers" [cf. WHO, WHO] or of Cardinal Walter Kasper, for which the dogma is mutable, or General Superior of the Society of Jesus Arturo Sosa [cf. WHO], for which we do not know what Christ has taught, since at that time there were no recorders [cf. WHO], or Archbishop Vincenzo Paglia, devotee of Pannella or Bianchi, for whom homosexuality is a gift from God.

.

Alberto Melloni is instead convinced now that the priesthood is over and that the Pope is on a par with the Patriarch of Constantinople [cf. WHO]. The modernists have penetrated the Pontifical Faculty, in the Roman Curia and in the same Secretary of State. The devil knocks at the Hospice Santa Marta disguised as a Muslim immigrant. The Pope is forced to choose collaborators among those who in fact is found to have around. Deve fare buon viso a cattivo gioco.

.

I modernisti giocano perfidamente la carta della forte capacità che il Papa ha di contatto umano e di comprensione umana, ed avendo in mano i grandi mass-media, diffondono la falsa immagine di un Papa simpaticone, populista e rivoluzionario, “leader della sinistra internazionale” contro Donald Trump, dipinto come odiatore dei poveri immigrati e servo del capitalismo americano, celando alla gente la sua identità di Vicario di Cristo e presentandolo come un modernista o un nuovo Che Guevara. La storia sembra veramente retrocessa al 1968 ed oggi si ha l’impressione di vivere, inside the church, a inizi anni Settanta del Novecento.

.

In questa difficilissima situazione di emergenza, sotto questo assalto di forze diaboliche mai successo nella storia della Chiesa, the Pope has to get by, should be careful at every step he takes, It must somehow adapt to their own situation to protect the role of the Roman Pontiff.

.

The modernists have indeed understood and favor the Pope his excessive affection for the people, organizing popular rallies, about which one can ask is true that success, that is, if it comes from a correct interpretation of the role of the Pope or perhaps rather by his very full of humanity. These crowds, what they see in the Pope? The messenger of the gospel or the large crowds exciting performances of conductor? This doubt success, in our opinion, makes the Pope swayed and yielding to the formidable, wealthy and smart modernist pressure.

.

This unfortunate situation It has dragged on since the time of Paul VI and today is even worse. The fact therefore that the Pope does not have the means to defend themselves and to defend the Church by modernists. The Pope must do, as they say, the best of a bad situation. This is why we do not feel absolutely accuse the Pope of favoring the heretics. And if you accusing us of 'not to say all », some would like us were to say that the Pope is a heretic, or even worse, an apostate, Well cavatevelo well as from the head, because what it would be impossible both as priests and as theologians. Besides the fact that to say this - that accuse the "reigning Pope heresy" or "apostasy" -, would "tell all", as calls for our Player, but saying instead the false.

.

No problem to state which in our opinion, the Holy Father is pliable is too condescending, the too good, as they say, motivated by the desire not to cause further suffering to the Church and not let her suffer more scandals. If in fact he openly revealed the plots of modernists, Church would happen in a bigger mess than it was in 1943 in Italy with the fall of Fascism.

.

In such a dramatic eventuality, the Pope could be tried and deposed and the modernists might be elected an anti-pope, Giovanni XXIV, Behind illuminated proposal Gianfranco Ravasi and Walter Kasper, offesissimi, and Alberto Melloni and Andrea Grillo. The Lefebvrians, for reaction to this intolerable affront, could in turn elect, at the suggestion of Antonio Socci, Don Alexander Minutella and Excellencies Monsignori Marmet Bernard and Richard Williamson, un altro antiPope, Pio XIII, their party. So they would have three Popes, not counting the fourth, Benedict XVI, always it is still alive. Meanwhile, the deposed Francesco I, benefiting from a special pardon, It could devote himself full time to care for the immigrants on the island of Lampedusa. Certain, all it may sound sci-ecclesiology, but we have not so far.

.

Therefore, the faithfuls, not to be scandalized by the Pope and fail him due respect as Vicar of Christ, They have to do this reading of what is happening: we must fight the modernists and defend the Pope, because if in any way the Pope is attacked, explains Father Ariel in its response following commentary: it undermines the stone that holds the whole construction, with consequences not so hard to imagine ...

.

from The Island of Patmos, 26 June 2017

.

.

.

Author
Ariel S. Levi Gualdo

.

.

PDF Articles print size

.

.

an old 45 laps of complex I Chameleons: There is nothing new, a song that today would be fit to play and sing in different cathedrals, instead anthem Here Priest. To listen click on the image

The Fathers de The island of Patmos they are conscious the ecclesial situation and current ecclesiastical and for that you look from going to break up the rock on which Christ built his Church [cf. Mt 13,16-20], they are men of faith. There is not the worst thing that destroy the house on the basis of “because I think”, “because I feel”

.
The mysteries of faith not based on “I think”, “I feel”... two assumptions which give rise to a "faith" emotional, immature and childish, however devoid of a critical perspective related to the action of the Holy Spirit's grace that eventually turned, one snooty weak and timid as Peter, into a martyr and witness of faith.

.

If the reigning Pope is "apostate", as stated in our Player, at the same player should be remembered that Peter, chosen and willed by Christ Himself, It was much worse than Francis I. Also because Peter, act of apostasy from the faith in the incarnate Word of God made her seriously. Instead, Francesco I, He has never publicly denied Christ and before the danger he has not taken flight. But Peter not only denied him publicly, but he did the false swearing and cursing: "Then he began to curse and to swear: "I do not know the man!”» [Mt 26,69-75].

.

We have never denied the defects, the theological deficiencies and ambiguous and confusing ministry of the Holy Father Francis, as do certain fearful ecclesiastical career, improvvisatisi today everyone poor&refugees. We never denied his faults to the same extent that we believe in the Holy Spirit "the Lord and the life, who proceeds from the Father and the Son" [cf. Symbol of faith], sent by Christ to the nascent Church at Pentecost. Therefore we do not exclude that a person limited and ambiguous as the exhibition can be the reigning Pontiff, Also at the end of his life, as happened with Peter, turn into a great confessor and defender of the faith.

.

From this perspective many are sadly lacking, simply because they have no faith in the action of grace, because their faith is played all over Clik of "I like it”, "I do not like”, because they live the Church as a socio-political phenomenon useful as an outlet for arguing in the microcosm of their backyard, where there is only black and white, good and bad, where sentences “that's it“, but not because they set out the objective data or amounts truths of faith, but because it establishes the “I think”, “I feel”, that ends up being the only true and objective, the new dogma tragic being and existence of many men immersed in the world of’iocentrismo and self-referentiality. Lin faith, however, it is another thing: "Faith is the substance of things hoped for, the evidence of things not seen" [EB 11, 1-7].

.

We never cease to give thanks to the Holy Father Francis for bringing into the open a so thick and numerous army of Christians whose "faith", de facto, It was based on nothing. Indeed, the first blast have fallen, screaming so excited and emotional "heresy!», "apostasy!», and any other kind of anger towards the Chair of Peter. But most of all we thank him for bringing into the open a subject even more serious, that is to say all those cardinals fringes, bishops and priests, besides an army of heretical theologians in the chair for a few decades, that under the pontificates of Paul VI, John Paul II and Benedict XVI, They have long worked with “admirable” patience in obscurity, behind the scenes, playing as long as they could to the transformation dictated by obvious career ambitions, all in accordance with the technique so acute as dangerous modernists, that lacks neither the planning nor patience.

.

No worries, on my part, to provide in this regard examples. Imagine if I, as we urge to do the same Supreme Pontiff [see WHO], I'm afraid to "denounce names and surnames". If anything, the problem is that the Holy Father, beyond his words uttered in predicozzi morning, the complainants with your name if you keep them all around like ivy wrapped around the Chair of Peter, while the few who dared to report the den of snakes around the sacred throne, They are finished as they are finished, to the praise and glory of God. Therefore, the Supreme Pontiff, in addition to being limited it is unfortunately also inconsistent, because it shows that between his preaching to blows slogan Effect to the delight of the secularist press, and his concrete action, there is a mismatch.

.

Exhortation contained in this latest predicozzo morning, I answer thus providing the Holiness of Our Lord Jesus Christ Augustus reigning Pontiff, a high birth name that can apply to many other: Cardinal Gualtiero Bassetti, Archbishop of Perugia and today President of the Italian Episcopal Conference …

.

Cardinal Bassetti, He was able to move forward with that "peasant cunning" which causes it to tell the host that it wishes to hear, up to believe that this simple settler acts as a very faithful servant in the best interests of the landlord and property. Now we will see how he carried out his climbing, as the Successor of Peter seems to enjoy them as much the 'complaints' accompanied by' first and last names "- as well as facts, naturally -, to which he urges us in his predicozzi morning.

.

Gualtiero Bassetti, He entered in thanks Cardinal Silvano Piovanelli, Archbishop of Florence, Finally it favored in its promotion Episcopal. He has never been an eagle theological nor a man of deep culture, which it is not in itself and by itself no problem, indeed quite the opposite, In fact, we know well the enormous damage done under Pope Giovanni Paolo II from the last batches of dire bishops professors. It should therefore be pointed out that today, People of God and ourselves Ministers in sacris We venerate the saints who were people of a theological and cultural limitations sometimes bleak, but this did not affect the heroic nature of their virtues, up to be canonized and declared models of holiness for priests themselves, from our patron, that pace of the Supreme Pontiff and Cardinal Bassetti, remains the Holy Curé of Ars Giovanni Maria Vianney. Even despite, a few days ago, It has assisted the elevation of Don Lorenzo Milani Barbiana Prior to the sublime priestly model for the work of the Holiness of Our Lord Jesus Christ, the reigning Pontiff Augustus, to which Enzo Bianchi and Alberto Melloni on duty told directly or indirectly the two magic words before which Francis I even come to losing my mind, but above all objective spirit: "A true priest of the poor … a priest of the last … a frontier priest lost in existential suburbs …», and the game was made, a Bose heretic praise and politician no less heretical to the Bologna School.

.

The future cardinal bishop and president of C.E.I Gualtiero Bassetti, with certain saints certainly it shares the mediocrity and the limited, not, however, the heroic virtues and the sanctity. And apart from a juvenile “office appointment” to curate, in fact, he has spent his entire priestly life preceding the episcopate of the intricacies of the Florentine Curia: assistant at the Institute, then rector of the minor seminar, then rector of the major seminar, then pro-vicar general … In 1994 he was appointed bishop of the diocese of a small but ancient Tuscan Maremma, Massa Marittima, erected in the fifth century in the corner of that splendid Etruscan land and ruled by the proto-vescovo Cerbone; a particular church in which he, reasonably, he should achieve his 75 years of age.

.

But we know well, but above all we experienced several times bitterly on our priestly skin, both in our capacity as submitted both in our capacity as victims, that while men of God called to tremble if certain tasks, since most are equipped with wisdom, intellect, advice, fortress, science, pity, fear of God, longer feel inadequate, contrary to their mediocre which tend to be cloaked in outward humility and above which the gifts of the Holy Spirit bounce back like rubber balls on a concrete wall, inside themselves they are never happy with what they got undeserved, why try to make up for all their demerits aspiring to get more and more. Here, then, that with all the typical loyalty of the loving and devoted husband, Gualtiero Bassetti leaves only after four years, in 1998, the diocese of Massa Marittima, to become bishop of the Diocese of Arezzo, and for territorial extension and the number of priests is the second largest diocese in Tuscany. Obviously - God forbid! —, these subjects are accustomed contact their bishop's chair to the clergy and faithful with the tear from the eye of Dramatic Art Theater, uttering the fateful words that ... "against my will, beloved sons and daughters beloved, the Holy Father has commanded me, and I obey " …

.

… but also a bride as the Church of Arezzo It was not up to her husband so much, just like those husbands close to sixty years that once piazzatisi well in society as professionals or entrepreneurs and made a nest egg of money, first leaving his wife to struggle with her menopausal problems and take a girl as a girlfriend 25 years that could be their daughter, which it joins them for love, exclusively for deep passion of love. In this case, the devoted husband Gualtiero Bassetti, Arezzo leaves the bride to become Archbishop of Perugia. And, for the second time, repeats the dramatic art representation of rite, with the announcement made by the Arezzo Bishop's chair: "Unfortunately, the Holy Father has commanded me, and I obey ".

.

It's really unusual that over the last two decades, before these commands given by the Holy Father, if anything, he did not even know the existence, the name and geographical location of certain small and medium-sized Italian dioceses, but that even despite commanded and needless to say offered for the third time at a bride groom more “rich” and “bella” … ever, I say never, one of these “faithless husbands” I've answered: "Holy Father, I've already changed two brides, Therefore I beg: let me husband of my wife. Not assigned to me for the third time to a new and larger diocese ". No One faithful husband has instead acted in this way, in a episcopate that seems conducive to divorce and marriage to the second and third most attractive brides. Understandable why: because everyone is the penalty of hard-obedient when it comes to move from a small to a medium diocese, then by an average diocese to a great historical site that benefits the metropolitan pallium. In conclusion, be a little man, first marriage, He had the final blow to marry the daughter of a baron of the province, then his second wife, the daughter of a city Count, It may perhaps be so foolish as to not accept to leave the second to take as a third wife, the daughter of a prince who lives in the capital? In fondo, in pastoral programs of faith - because here is pure faith that it is, mind you! —, must on the one hand to aim higher and higher, the other point to duc in altum, ie take off, Christ teaches us in the Gospel of the miraculous catch, indeed it commands just Himself to Peter: "Put out into the deep" [LC 5,1-11]. However, it remains in doubt: Christ the Lord, to Peter, She made him chief of the fishers of men, or leader of a group of wives of fishermen increasingly high places?

.

By the way is clear, it is legitimate, indeed sometimes desirable that in certain large metropolitan locations are assigned the bishops who have already gained pastoral experience, which in rare cases also it occurred in the past, as well as a bishop, Once elected to a seat, It was immovable until death. But it is, note, very rare cases. For instance, in Italy, where we have over two hundred dioceses, the great locations that may require a bishop with pastoral experience already gained, will be about ten: Palermo, Naples, Florence, Bologna, Genoa, Milan, Turin … And here again I note that while the Diocese of Arezzo, largest and extensive Umbrian Archdiocese, has 245 parishes and a presbytery formed by 270 priests between secular and, the Archdiocese of Perugia has 155 parishes and a clergy composed of 190 priests, between secular and. But it, to Perugia, It is a Metropolitan Archbishop, while that of Arezzo, Although the diocese of major proportions as parishes, clergy and territorial extension, It is a suffragan diocese of the underground headquarters of Florence. And at that Florence, city ​​that the future Cardinal hyper-bergogliano She gave birth, before certain figures it is usual jesting: «Eh, I know you, mask …».

.

Cardinal Gualtiero Bassetti is a paradigm for a reason that now illustrate the end: under the pontificate of Giovanni Paolo II, everyone remembers this character, Massa Marittima before and Arezzo later, as a public defender of family and non-negotiable values. Under the pontificate of Benedict XVI, everyone remembers him in Perugia as a public defender of theological orthodoxy and good liturgy. Under Pope Francis I, all we are seeing, in his new role as President of the Italian Episcopal Conference, like a poor man all, refugees and jus soli. Here, I wondered if by chance, the great fathers of Roman Law, in addition to jus soli, we do not even coined the legal institution of … jus sòla.

.

Maybe, the forked tongue of Pietro Aretino, before which Giovanni Boccaccio was almost a “timida educanda”, he made his debut with some sonnets more or less in this way ... "at least the whores customers Changing Images, but even if he was always there remain, to the contrary of other, that put instead quirks and shapes according to the different needs of their customers novi ".

.

How capita, we are talking about people not only lack coherence, but devoid of common sense of the ridiculous, convinced that the People of God may be poor Obtuse formed unable to grasp, understand and analyze. No problem, because they will understand, willy-nilly, you must want to forcibly, When arriving one day a party wall in the square of their cathedral church will feel screaming by a mob angry: "buffoons, buffoons!». And from this eventuality anything but science fiction and remote, Today I say to you - or if you allow me “you a prophet” - that we are not far away. And as, of this, They are also different in their hearts aware episcopetti and cardinaletti, you can well understand why, before moral and social questions of unprecedented severity, They bent his head and fell silent on marriage between same-sex couples, shots on the nth data to the little that remains of the family, the violent ideological forms of an increasingly aggressive secularism towards every Christian sentiment, the dictatorship of gender, by the repressive police actions gaystapo and so, because on one hand they do not have the manly courage, the other live in fear of losing their social and economic power, who soon will lose, because the countdown has started since the beginning of this new millennium, and today we are now running out of the last grains of sand in the hourglass. We want to understand it or not, that soon, in Europe we will be outlawed, while the short-sighted Italian episcopate heats within the dangerous Islamic serpent that tomorrow will put our heads in bell towers instead of the clappers of the bells? It is that the heads will be our, not those of Gualtiero Bassetti and Nunzio Galantino, they will meanwhile emigrated to Switzerland, where they will step forward to speaking concierge on our skin and in our blood, continuing to ensure that Islam is a religion of peace.

.

Or do you think that the Italian episcopate has prostituted up to smooth the hair at that devil incarnate by Marco Pannella for pure Christian charity? Come, mica are children! If he bowed his head before the father of the abortion laws, on civil unions, on gay marriage, and untiring ideologue of homosexual culture, of gender, dell'eutanasia, of genetic testing, of wombs for rent … it was only for a simple reason: a Pope who on the one hand gave rise to his pontificate invoking a poor Church for the poor [cf. WHO], a strong economic crisis, and at the same time a free fall in the course of the credibility of the clergy, beset by moral and economic scandals unprecedented, in such a situation the possessed Marco Pannella would have been enough just half a whistle to mark an unprecedented electoral victory by calling the Italians vote in a referendum popular on the abolition of the Eight Thousand tribute to the Catholic Church; and the first to vote in favor would have been many Catholics. Just so … the Italian episcopate has been sold off as Esau sold off his birthright for a plate of lentils [There 12,50] …

.

… and for the first time, around the Chair of Peter, They were seen circling the henchmen of Satan as Marco Pannella and Emma Bonino, one who still called abortion "great social achievement worthy of a civilized country", while the Pontiff who dreams of a poor Church for the poor, He did not hesitate to accept it repeatedly - something instead repeatedly denied four cardinal pious -, and to call it "a large Italian", together with the communist atheist and anticlerical Giorgio Napolitano [cf. WHO]. And here we note in passing that the great atheist and communist Italian Giorgio Napolitano, He turned in his formal address these words to the Roman Pontiff:

.

"We were struck by the lack of dogmatism, the taking of distances from "positions are not touched by a margin of uncertainty", the reference to the "leave no room for doubt" of its "great leaders of God's people" » [Text of the speech, WHO].

.

Which translated means: Finally, a Pope who does not speak of the dogmas of the faith, or the fact that certain issues are not negotiable by the Catholic morality, as for example, the value and the protection of human life from the moment of conception and so forth. Then it follows a marked speech on relativism, anthropocentrism and so, behind which it is not difficult to identify, for us insiders, the hand of certain theologians, or rather of some theological school known Italian, whose founders attended too politics and political buildings …

.

Of, The poor Church for the poor! Hopefully tomorrow the people there do not take shots with a steel bar in the street, when before long will run out of various scams priests trafficoni that overnight they have set up reception centers for “refugees”, managing one hand large sums of money and on the other by donating a few apartment to the beloved grandchildren. What will happen, the lack of supervision of our "blind guides" [cf. Mt 23,16], when several will be reported Onlus founded by priests for many different purposes benefits, social and welfare, including even a worthy association for the fight against pedophilia, and all species in Southern Italy, when you find that these “pie foundations” They have never submitted a budget, who receive generous funding from various state and European bodies, despite having the Association recommendations “top secret” trained everyone from siblings, sisters, nephews and cousins, none of which has, if anything, a job, but they live as they say on the great big market “charity”? And what will happen when they find out that thanks to “refugees”, different structures of Caritas, especially from Naples down, far from benefiting ninety percent of volunteers free the amor Dei, They have solved certain problems of unemployment, or more easily deficient desire to work, guaranteeing a salary brothers, sisters, grandchildren, cousins, friends and … even “boyfriends” certain priests?

.

Back then the bishops and the cardinals of our discourse in question, It is perhaps best …

.

Even the Cardinal Giuseppe Betori, current Archbishop of Florence, He was under the pontificate of Giovanni Paolo II, from when he was Secretary General of C.E.I. under the presidency of Cardinal Camillo Ruini, a defender of family and non-negotiable values; afterwards, as a diocesan bishop and as a cardinal, under Pope Benedict XVI was a defender of theological orthodoxy and good liturgy. The difference, however, runs between Cardinal Giuseppe Betori and Cardinal Gualtiero Bassetti, is that the first, mindful of what they thought both Giovanni Paolo II and Benedict XVI, and even before them, Paul VI and John XXIII, hath been careful not to beatify Don Lorenzo Milani, indeed said "to me is not holy" [cf. WHO, WHO], and thus he remained in the consciousness itself before the world and history. A completely different pasta Cardinal Gualtiero Bassetti, that does not change the nature, but simply changed customer, he immediately declared suitable "for me is holy", thus showing their miraculous himself in the trend of the times [cf. WHO, see video WHO], the so-called … jus sòla.

.

In conclusion I repeat that the Holy Father Francis we have deep gratitude, because like the Pied Piper of Hamelin has brought into the open these mice; and here let me tell you, this analysis, I did not now, but four years ago, After just three months of his pontificate [see WHO]. And we, after the extraordinary work of the Pied Piper, mice take them all to jump into the river. Because tomorrow, These paralyzed people in this power, certain that this present is a kind of Unmoved Mover that will never, such as lack of an eschatological future perspective because paralyzed in everything at once, immediately, will not in any way be recycled on the new leader wagon, something that we will have to make deep thanks to Pope Francis I, forever. Otherwise, before any attempt to gattopardesco clerical recycling, for us it will be a so-called brainer, remind everyone how they lived and how they acted under this pontificate flattery, in order to obtain ecclesiastical positions and benefits of every kind of merit of the poor, refugees and existential suburbs. Finally it will be our Christian mission “cut off their heads”, from that of Cardinal Gualtiero Bassetti, one of several that, if anything had been erected in the City, should have given the title of cardinals that of the Church of Santa Maria del Chameleon. Why does this man, tomorrow, as evidence amply lived his life, the minimum wind change would not hesitate to go out in public with seven meters magna hood and to declare that the Crusaders saved entire populations from Muslim attacks and therefore are revered as true defenders of the faith. But above, the first change of wind, would not hesitate to declare that should be restored to the healthy and holy old methods of the Inquisition to proceed to burn at the stake Enzo Bianchi and Alberto Melloni.

.

That the Church was holy and prostitute, This affirms the Holy Bishop and dottore Ambrogio, but saying this in his own sermon [chaste whore, in Luke: III, 23], He looked back to the Old Testament literature and particularly the episode of the prostitute Rahab of Jericho who helped the Israelites as a "chaste harlot", that "many lovers to attend the attractions of love but without the contamination of sin '. In opposite way, characters like Gualtiero Bassetti and related, instead they changed the Church in a whore who goes where the wind blows; and this is something else, compared to chaste harlotry. Or in the words of the Rev. Prof. Joseph Ratzinger, this means changing the Holy Church of Christ "in a structure of sin" [cf. Introduction to Christianity, and 1968], pace the pretext of poor, of refugees, existential suburbs and many priests improvised street today, border and the outskirts, to follow along with all the stereotypes of the South American banana republic seventies now in vogue, on which many are doing dazzling and damaging ecclesiastical careers, without the Tenant Augusto Santa Marta is aware of the damage that is favoring, but most of what in the future will have to answer to Christ, he has entrusted his Holy Bride, not an ideal and idealized villas of misery

.

Despite all this, we believe with deep faith and certain that what the Pope Francis I, through the work of the Holy Spirit grace, will end up being, and with the turn out in retrospect a pontificate that as few others have rendered great service and great good for the Church of Christ for his future.

.

In May 2016, when nobody could imagine certain events present, for sincere honesty deemed it appropriate to address these words to the President of the Italian Episcopal Conference, Cardinal Angelo Bagnasco, towards which I was rough in 2013 for the funeral porcine the presbyter Andrea Gallo:

.

"Eminence Father Cardinal, will not be long that we, with a heavy heart and tears in my eyes risogneremo recent times in which we as a reference point and pastoral equilibrium models extraordinary men like her. Tomorrow we will live in your memory and feel dramatically your lack. And those who, like myself, at times they have treated harshly, repent - but if that's why I'm already regretting - of having been strict with you and make your old age less suffering COMING to kiss his hand and telling you with deep devotion that in truth you were authentic Church Fathers; and we'll tell sincere and convinced after trying the worst of it on our skin of priests faithful to the Holy Church of Christ and his teaching is now preparing ' [the full article can be read WHO].

.

I've never jumped on the bandwagon, suffice it to say that I have lived through years of priestly formation in Rome and then another the following years as a priest in the Diocese of the Supreme Pontiff, without ever having seen once closely neither Giovanni Paolo II nor Benedict XVI nor Francis I.. Also because I have never tried to approach them, even when again and again I paid the pontifical liturgical service of Benedict XVI. And why would I? They mention every day the Holy Father in the Mass canon, this thing that just to them and just to me. If anything, I approach those from large wagon fell, ceasing to be the stars of their descent, and today no one seeks them, perhaps not even remember them, since the journalists chasing them like hounds. To those I have always been close, in their solitude and on their way; and that's where born the most beautiful relationships, when the relationship between the one who approaches, and one who can be approached, It is characterized by the total absence of any kind of interest, certainly not by the hope of ending the three candidates for appointment as bishop.

.

Accordingly I conclude: these words written over a year ago to Cardinal Angelo Bagnasco, is there someone who now intends to give me wrong, both before the new Italian episcopate, and before the new presidency of C.E.I, it sounds to me as much as the new president of jus sòla on the bandwagon of the great carnival of Rio de Janeiro?

.

from The Island of Patmos, 26 June 2017

.

.

.

Dear Readers,

The island of Patmos It is filled with the Spirit but does not live by spirit alone, and the maintenance of the site that hosts this observatory, this magazine, It has cost, among other things on the rise. We have always gone ahead thanks to your offers, of which we thank you. The truth I offer it for free with all our heart and our total “peril”, But remember that you work it, wrap it up and spread it, unfortunately coast.

God reward you.

.

.

.

.

.

.

About isoladipatmos

35 thoughts on "The Holy Father Francis "heretic" and "apostate". And if it was a providential “Pied Piper”?

  1. From the premises realistically catastrophic, the conclusion, We should denounce a round and peremptory ” It does not follow”. Unless we put ourselves in a perspective of great faith, and trust ” In hope against hope”.

  2. Caro father Ariel, even if you wanted (I know that yours is a joke) “… unhinge the rock on which Christ built his Church…”, perhaps there you be able?
    And even supposing that it was the will of our Holy Father Francis “… unhinge the rock on which Christ built his Church… “, maybe we succeed?

  3. Father Ariel Caro,

    I share only partially its reflection, I note two things:

    – the comparison between Peter and the Holy Father Francis seems out of place. Sure Peter betrayed Christ, but it was not yet the time of the incident “Head of the Church” given that there was no Church, They had accomplished some key events such as the Resurrection and Pentecost. In fact, Jesus speaks to the future when: “..Thou art Peter and upon this rock I will build my church ..” Mt16,18

    – writes: “…Instead, Francesco I, He has never publicly denied Christ ..” Also on this sentence I have reservations. I invite you to feel the speech to refugees 19 January 2014 which urges Muslims to “move forward with faith(?) received from their fathers “.

    Here there is an explicit denial of Christ as “One True Salvation”, even if in partial form and indirect, still it remains very serious for the Vicar of Christ. If not then I think that you also, Father Ariel, You should use the same terms in front of the pagans without being “serious” problems of conscience.

  4. Dear Fathers,

    In the vortex of the storm, who rules the boat of Peter?

    Perhaps a "Pied Piper": a naive Pope, ably circuit leccacalzini, forse addirittura plagiato … nella gabbia dalla segreteria vaticana.

    Un Papa, molto amato dal mondo, un papa che nei suoi «predicozzi» ha dispensato e dispensa a iosa multiformi offensive definizioni delle pecore del suo (poco amato) gregge (oltre un centinaio secondo chi tiene questo tipo di contabilità…)

    Il collaboratore più affidabile del Papa dovrebbe essere il Card. Müller, prefetto della Congregazione della Dottrina della Fede, cioè custode del Deposit of Faith.

    E’ opinione comune che il Papa incontri difficoltà persino sul piano umano nelle relazioni col cardinale, non si tratta solo di diversità di carattere, of mindset e studi, di conoscenza della Storia della Chiesa. Sembra che lo soffra e ne abbia quasi timore, perché è ancora vissuto come uomo di Benedetto XVI, da cui lo ha ereditato. Un vaticanista qualche giorno fa riferiva che il Papa non ha accolto l’ennesima accorata esortazione del suo fedele collaboratoreche tante umiliazioni ha dovuto subire per certe intemperanze papali, che con encomiabile accortezza ha saputo svolgere il suo delicatissimo incarico, tenendosi spesso in dispartecirca la ormai inderogabile necessità di rispondere ai Dubia; addirittura avrebbe impedito all’obbediente servitoreil vaticanista dice gli avrebbe espressamente proibito – di pronunciarsi ufficialmente a nome della Congregazione.

    Povero card. Müller, a giorniil prossimo 2 luglio scade il mandato quinquennalepoi il Papa finalmente, sarà liberoscegliendosi un collaboratore più malleabile ed ossequientedi volare ancora più alto, senza più timori e remore, per rinnovare finalmente, per lo meno così arriva a scrivere, un giornale argentino:

    https://www.clarin.com/mundo/papa-analiza-cambios-cupula-iglesia-abrir-etapa-renovacion_0_rkZeATqX-.html

    Tante ne abbiamo già viste di simili vicende di uomini e di cose del mondo, tanto appassionanti ma alla fine tutte così terrene …

    Altrettante ne dovremo vivere …

    Vicende e cose per mezzo delle quali siamo messi alla prova e domani quando toccherà a noi: saremo vagliati dal Signore, alcune pecore alla destra … altri i capri alla sinistra …

    Chi regge la barca di Pietro? Perhaps a "Pied Piper", It does not matter.

    Importa restare fedeli.

    Noi abbiamo ricevuto una promessa: Ma Dio aveva altri progetti.

    Noi abbiamo una sola certezza: Nulla è impossibile a Dio.

    Noi umilmente ripetiamo: Fiat voluntas Dei, now and always.

  5. Con tutto il rispetto per l’opinione sul Santo Padre Francesco espressa dai reverendi padri che scrivono su questo sito, e pur non condividendo gli irrispettosi inviti a dichiarare “heretic” and “apostate” the Pope, non posso non dissentire dal vostro ritenerlo semplicemente cedevole e accondiscendente alle pressioni dei modernisti. Molti fedeli (tra i quali io) – e in quanto tali fedeli anche al Santo Padrehanno la percezione che alcune posizioni discutibili assunte dal pontefice non siano conseguenza di accondiscendenza o di cedevolezza alle pressioni moderniste, ma siano un moto proprio del suo animo e che piuttosto alcuni prelati (sottolineo alcuni), in passato ineccepibili sui temi sensibili in questione, si stiano mostrano cedevoli e accondiscendenti al nuovo corso impresso da Francesco e a cui Francesco sembra credere per intimo convincimento e non per compromesso. Mi dispiace contraddirvi, ma per molti non si tratta di un banale “I feel”, “I think”, bensì di una percezione.. ossia non di pensiero astratto, ma di dati oggettivi processati dalla nostra facoltà raziocinante. Condivido d’altronde che non potranno essere le accuse di eresia e apostasia a risolvere

    1. Anche il Papa ha le sue opinioni

      Caro Petrus,

      a qualunque Papa e a qualunque cattolico è consentito avere delle posizioni “discutibili”. Non c’è da allarmarsi né c’è da impressionarsi. L’importante è non mettere in discussione ciò che, per la sua certezza di ragione o di fede, non dev’essere discusso. Esistono invece opinioni legittimamente discutibili. On the contrary, caratteristica propria dell’opinione è quella di essere una proposizione discutibile, a causa della sua inevidenza e mancanza di certezza. Questo discutibile, then, non va respinto, non va soppresso e non va proibito, ma appunto affrontato e discusso, perché dalla discussione e dal confronto può emergere la verità e la certezza.

      Il fenomeno dell’opinare e quindi di formulare una proposizione semplicemente probabile, confutabile, mutevole e discutibile, è un fenomeno normale ed inevitabile della fenomenologia del pensare umano, dovuto in parte alla sua fallibilità, in parte alla sua natura evolutiva. Solo un pensare divino o angelico non conosce l’opinare ed è assoluta certezza ed intuitività. Certain, anche il pensare umano possiede delle certezze assolute di ragione e di fede. Ma pretendere di fare a meno dell’opinione per possedere solo la scienza è un vizio del razionalismo cartesiano, fonte di dogmatismo e di saccenteria.

      A noi piace la certezza e ammiriamo le persone certe di quello che dicono. Ma dobbiamo stare in guardia a non aver fretta di raggiungere la certezza, quando la materia è oscura, intricata o inevidente, per non dar per certo, magari per fare bella figura, quello che non lo è. Ma dobbiamo anche guardarci dal vizio opposto dello scetticismo, per il quale mettiamo in dubbio le verità che non ci piacciono.
      Vice versa, un regolato esercizio dell’opinare è proprio delle persone umili, libere ed intelligenti, pronte a correggersi quando si accorgono di sbagliare. Dubitare di ciò che è dubitabile, discutere di ciò che è discutibile è segno di saggezza e di autentico amore per la verità. Anche un Papa, in quanto uomo fallibile, è soggetto a queste condizioni dell’umano pensare e deve trarne le conseguenze. Nell’opinare, un Papa non fruisce del carisma dell’infallibilità, ma è soggetto come tutti alla possibilità di errare.

      Anzi l’opinare è un delicato esercizio del pensiero, che dev’esser regolato oltre che dalle regole della dialettica, che è l’arte del dialogare, dalla virtù morale della modestia o della prudenza. E anche su questo punto un Papa non è al riparo dal peccato: può accogliere, sostenere o lasciarsi sfuggire opinioni imprudenti ed avventare, per cui è tenuto a correggerle. Può essere cocciuto nell’attaccamento ad opinioni errate e respingere la correzione. Può imporre illegittimamente le proprie opinioni.

      Ciò che nel pensare va respinto è l’erroneo e soprattutto ciò che è certamente erroneo, perché ciò che lo è solo probabilmente, ciò che non si è dimostrato essere erroneo, dev’essere lasciato in circolazione, perchè ciò che appare o sembra solo erroneo, ad una maggiore verifica, può risultare vero. Oppure può capitare che ciò che sembra erroneo, ad una più accurata verifica, lo è veramente.

      Se nell’opinare c’è il rischio del dogmatismo o, how do you say, del “fondamentalismo”, dovuto alla presunzione, all’intolleranza ed all’aggressività, c’è anche il rischio opposto di ridurre ogni pensare all’opinare, sicché per una falsa modestia, per opportunismo e con la scusa di evitare il dogmatismo, ogni idea, compresi le verità di fede e i dogmi, diventa discutibile, uncertain, soggettiva, rivedibile e mutevole. È interessante come proprio i teorici del relativismo, trombettieri del “dialogo” e del “rispetto per il diverso”, sono poi i più assolutisti ed intolleranti nei confronti di chi smaschera la loro menzogna.

      Lei ha già capito che un Papa, in quanto infallibile custode della verità di fede, non può cadere in questo difetto. Non può ridurre la fede ad opinione, la verità all’apparenza, il certo all’incerto, l’immutabile al mutevole, l’oggettivo al soggettivo, l’eterno al temporale, l’indiscutibile al discutibile, l’irrinunciabile al rinunciabile, il non negoziabile al barattabile. Egli può avere opinioni discutibili in tutti i campi, esclusa la materia di fede. Non può ridurre la roccia alla sabbia, il robusto al fragile, il corruttibile al corruttibile, egli che è la “pietra” sulla quale Cristo edifica la sua Chiesa.

      Se non ci è lecito dissentire dall’insegnamento dogmatico del Papa, come fanno i modernisti e certi cosiddetti “collaboratori”, ci è invece lecito dissentire da certe sue opinioni, that, come dottore privato in aereo o al twitter possono apparirci discutibili o addirittura erronee.

      È pertanto farneticazione e impostura dei modernisti e stolto allarmismo dei lefevriani la diffusione della calunnia che il Papa non crede al dogma dell’inferno, of original sin, della soddisfazione vicaria di Cristo, del valore sacrificale della Messa, della transustanziazione eucaristica, e che si accinga a permettere la communicatio in sacris con i luterani, a legalizzare il divorzio, la sodomia e gli anticoncezionali, ad autorizzare la Comunione a chi è un in stato di peccato mortale, ad ammettere le donne al sacerdozio ministeriale, mentre considererebbe superata la condanna delle eresie di Lutero pronunciata da Leone X e dal Concilio di Trento.

      The Pope, and then, se non può apportare mutamento al dogma, può fare cambiamenti nelle leggi ecclesiastiche e canoniche, nonché nelle direttive liturgiche e pastorali contingenti, dove egli può cambiare quello che ha fatto il Papa precedente o il Papa successivo può cambiare a sua volta quello che ha fatto il Papa presente. La fedeltà al dogma non è conservatorismo, ma sacro dovere; il mutare il dogma non è progresso, ma eresia. Avanzare nella storia con la Chiesa non è modernismo, ma sacro dovere. Assolutizzare le leggi contingenti della Chiesa non è cattolicesimo, ma ideologia.

      Sarebbe quindi dar prova di indiscreto conservatorismo, se si volesse restare attaccati a norme del Papa precedente, così come è tipico dell’indisciplina e di un falso profetismo modernista disobbedire alle leggi vigenti e presumere arbitrariamente di poter anticipare i tempi prima che il Papa si sia pronunciato.

      Ricordiamoci infine che il modernismo è un’eresia, per cui il sospettare che il Papa ceda al modernismo è come accusarlo di eresia. Quello che si può dire è che ogni tanto gli capita di usare espressioni che sanno di modernismo o di luteranesimo, che possono essere interpretate in senso modernista o luterano o che vengono slealmente interpretate in quel senso.

      Papa Francesco non sostiene mai apertamente degli errori contro la fede, cosa impensabile. However, quello che si può dire è che è troppo preoccupato di non dispiacere ai modernisti e ai luterani, sicché non ricorda mai o quasi mai quelle verità che ad essi non piacciono o che essi trascurano, come per esempio il timor di Dio, l’immutabilità e l’impassibilità divine, la visione beatifica e la vita eterna, il rapporto ragione-fede, il valore dei miracoli, l’opposizione del dogma all’eresia, il primato della contemplazione e dell’amore di Dio sulla misericordia, il valore riparatore della Redenzione e della Messa, la transustanziazione eucaristica, l’autorità del Papa, il primato del Chiesa cattolica sulle altre religioni, la necessità della Chiesa per la salvezza, l’universalità e l’immutabilità dei valori morali, i meriti soprannaturali, i fondamenti metafisici della morale, l’esistenza dei dannati, i castighi divini,

      C’è da osservare ancora che quando il Papa parla, non fa sempre capire se parla autorevolmente o infallibilmente come Papa, ossia come maestro della fede o come dottore privato, come il fallibile uomo Bergoglio. Occorre fare attenzione alla materia che tratta, se di fede o di ragione, ma non è sempre facile. Parla troppo e a braccio, e in tal modo facilmente escono giudizi avventati ed espressioni imprudenti, come quando in aereo, forse sotto l’influsso della stanchezza o preso alla sprovvista, disse che “Lutero era mosso da retta intenzione, non voleva dividere la Chiesa, ma le ha offerto la medicina”.

      È evidente che quando ho detto che il Papa deve rassegnarsi ad accettare e sopportare la pressione modernista e massonica, onde evitare alla Chiesa sofferenze maggiori ed avere un decente spazio di manovra per l’esercizio del suo ministero, non intendevo dire che egli non sia libero di esercitare la sua volontà e che quindi non sia responsabile sia dei lati buoni della sua pastorale, sia dei difetti che gli addebitiamo.

      Dico solo che non dobbiamo estendere tale responsabilità a certe prese di posizione o dichiarazioni scandalose o ereticali di certi suoi collaboratori o millantati “amici”, that, fattisi avanti a forza di raccomandazioni per non dir di peggio, vorrebbero valersi del loro ambiguo rapporto col Papa per far passare le tesi del modernismo o della massoneria.

      I modernisti vorrebbero far passare il Papa come un “rivoluzionario” e un “riformatore”. In realtà sono degli ipocriti adulatori, perché se, veramente volessero la riforma, dovrebbero cominciare col riformare se stessi, cosa della quale non hanno alcuna intenzione, perché essi si considerano le punte avanzate della Chiesa (i sedicenti “progressisti”).

      Il Papa dovrebbe quindi liberarsi da questa palla al piede e sostituirli con pastori buoni, faithful, timorati di Dio, Orthodox, capaci, PII, dotti, zelanti, fervorosi, amanti della Chiesa ed dediti alla salvezza delle anime. Ma non ne ha la forza; troppi sono gli ostacoli. Troppo pochi e troppo deboli sono i buoni, a volte timidi e paurosi. Bisogna allora ricordare serenamente che anche a Papi santi sfuggono di mano certe situazioni o devono adattarsi per evitare il peggio: Gesù stesso non ha avuto un Giuda tra gli apostoli? E non ha dovuto accettarli nella loro ignoranza e rozzezza?

  6. Dopo aver letto questo articolo -come sempre ben fatto- ho riletto i dubia dei cardinali su Amoris Laetitia; Bergoglio non mi pare accetti la possibilità che la comunione ai divorziati civilmente risposati sia una legge ecclesiastica e, anyway, le affermazioni a mio parere non in linea con la dottrina cattolica sono anche altre. Per quale motivo Francesco non chiarisce? Non vuole o non può? Ma come è possibile lasciare che vescovi diano l’autorizzazione a comunicare persone in situazione irregolare senza incorrere nell’ira divina ? E come pretendere che i fedeli se ne stiano zitti? Ammettiamo che la comunione ai divorziati sia una regola ecclesiastica: ma dove è stata cambiata? Se i vescovi tedeschi o argentini o siciliani cominciassero ad ordinare preti sposati o a celebrare la S.Messa con nuovi riti inventati o altro, dovremmo assolvere il papa solo perché è circondato da cattivissimi collaboratoriche si è scelto lui – and, poor thing, non può opporvisi. Pietro harinnegatoCristo sotto minaccia, ma ha peccato gravemente. Quante volte questo (alleged, in my opinion) pontefice ha rinnegato Cristo, non solo nella dottrina, ma nella prassi pastorale e nei rapporti coi vari principi del cattolicesimo?

    1. Caro Physicus,

      Papa Francesco sa benissimo che la norma che concede o proibisce la Comunione a certe persone è una legge ecclesiastica, perché entra nel potere pastorale che Cristo gli ha concesso di amministrare i sacramenti. Now, mentre la legge divina – per esempio l’indissolubilità del matrimonio – è talmente obbligatoria, che vi è vincolato il Papa stesso, on the contrary, per quanto concerne le leggi ecclesiastiche, un Papa può cambiare quello che ha fatto il precedente. Thus, mentre San Giovanni Paolo II proibiva la Comunione ai divorziati risposati, il Papa presente può concederla, mentre un Papa successivo al presente potrebbe reintrodurre la legge di San Giovanni Paolo II.

  7. Caro don Ariel Stefano,

    leggo che alcuni si scandalizzano e rinfacciano ai benemeriti Padri de The island of Patmos di difendere l’indifendibile, col sostenere il Successore di San Pietro e criticare solo certi suoi collaboratori.

    Ma poiché mala tempora currunt sed peiora parantur [andrà molto peggio prima di andare meglio], occorre apologeticamente essere «prudenti come i serpenti e semplici come colombe» [Mt 10,16], a costo di apparire agli occhi di qualcuno financo come poveri allocchi.

    Ritengo quindi che tu, quale iscritto alla Fe.Ca.Ma.Ca. [Fe.derazione Ca.cciatori Ma.remmani Ca.ttolici], nella tua solerte difesa «armata» [cf Ef 6,16–17] of vigna che la destra del Signore degli eserciti ha piantato [cf Sal 80,15], giustamente ti rifiuti di sparare direttamente sul cinghiale del bosco che la devasta e miri invece a colpire i tanti animali selvatici dai quali è circondato [cf Sal 80,14] the, better, si circonda.

    La fede cattolica nel primato petrino raccomanda tale tattica venatoria per raggiungere il fine prefisso, cioè proteggere il germoglio che il Signore si è coltivato [cf Sal 80,16]: Holy Church, nella quale le anime trovano la propria salvezza eterna, mediante la fede saldamente stabilita sulla roccia che è Pietro apostolo e i suoi legittimi successori.

    Occorre imitare quanto già al tempo dell’Antica Alleanza David fece nei confronti di Saul: «Mi guardi il Signore dal fare simile cosa al mio signore, al consacrato del Signore, dallo stendere la mano su di lui, perché è il consacrato del Signore» [1Re 24,7].

    Otherwise: «Quando sono scosse le fondamenta, il giusto che cosa può fare?» [Will 11, 3], che cosa gli rimarrebbe da fare?

    Dai Santi, come la grande Caterina da Siena, ci viene proprio questo esempio: filiale e incrollabile devozione al Pontefice romano, anche se questi nell’esercizio del munus petrinum sia vittima di se stesso o dia ascolto a cattivi consiglieri o dia cattivi insegnamenti [cf Dante Alighieri, Inferno XXVII, 85–132] e ammonirlo alla bisogna, perché se non se ne pentirà in tempo ne pagherà le conseguenze al giudizio di Dio.

    Solo così si possono poi anche a lui cantar chiare, tutte e forti le critiche per la sua condotta di governo.

    Questa è la vera libertà spirituale che distingue i figli adottivi di Dio dai cortigiani, yesterday, oggi e per sempre «vil razza dannata».

    Uriele

  8. Ho letto solo ora (e sommariamente) questo doppio articolo e mi rendo conto di aver sbagliato a scrivere un commento in calce a un articolo precedente: sarebbe stato più appropriato scriverlo qui, dove il doppio articolo prende spunto da due commenti di lettori che anch’io ho usato come spunto per il mio.
    Avrei potuto così tener conto anche dei chiarimenti ora forniti dai due reverendi autori sull’oggetto del mio commento (a prima vista direi che sia stato chiarito che avevo ben compreso le motivazioni fideistiche della loro ipotesi ma ciò non me la ha resa più convincente).

    Approfitto per segnalare che lateoria del pifferaionon è originale (non che gli autori dei due articoli ne abbiano vantato la primogenitura): personally, non con questo bel nome fiabesco (congratulations! 🙂 ) ma di uguale sostanza, l’avevo per la prima volta letta qualche mese fa in un commento di un lettore su un popolare blog italiano sulla Chiesa.

  9. Dear Fathers,

    ragionare sulla situazione di Santa Madre Chiesa in questo momento è cosa alquanto ardua. Conformarsi alla “massa” che descrive il Santo Padre come un eretico sembra cosa ormai facile, ma ovviamente, senza negare fatti oggettivamente sospetti, è difficile capire cosa succede all’interno del Vaticano.

    Papa Francesco ha manifestato fin da subito l’intenzione di “creare” una Chiesa Cristocentrica che avrebbe dovuto riaccendere la fiamma della Misericordia nel cuore di tutti i Cristiani e magari, pian piano, riavvicinare a Dio qualche pecorella smarrita. Il risultato però fino ad oggi è stato abbastanza deludente, so that, stando agli ultimi dati, l’andamento delle vocazioni sacerdotali è calato e di molto (in 2015 i seminaristi maggiori sono pari a 116.843 Unit, contro i 116.939 of 2014, the 118.251 of 2013, the 120.051 of 2012, the 120.616 of 2011 and the 118.990 of 2010) e soprattutto nell’Europa “Cattolica” (e la cosa mi tocca in prima persona visto che, God willing, vorrei entrare al più presto in seminario). Un incremento sostanziale si è avuto solamente in Africa. Credo che questi siano dati che dovrebbero far riflettere.

    Probabilmente etichettare il Santo Padre come eretico non è del tutto giusto ma forse non è neanche del tutto giusto definirlo un “pifferaio magico”. La verità credo stia in mezzo: Papa Francesco forse è diviso tra l’idea originale di un rinnovamento sano e genuino e l’obbligo di dover sottostare alle continue pressioni di certi elementi sia del clero che non, i quali spingono per un “rimodernamento” neo-protestante che, in my opinion, non può portare a nulla di buono; e questa “resa” papale ci sta avvicinando sempre più ad una veloce, inquietante e totale (visto che ancora può essere definita “parziale”) scristianizzazione che forse nella storia non avrà eguali. Ma come si dice spesso in questi casi, Dio vuole mettere alla prova il Suo popolo e allora bisogna solamente aspettare e vedere l’evolversi della situazione, con la speranza che la mano Divina possa realmente e in maniera tangibile risollevare la Chiesa da un collasso morale e politico importante.

    Certo è che semmai Papa Francesco dovesse apportare nuove modifiche alla Santa Messa o addirittura alterare in maniera blasfema il reale significato della Transustanziazione (cosa di cui ormai si parla con insistenza) well, in quel caso non ci sarebbero più scuse né giustificazioni.

    La cosa che preoccupa ancor di più è questo nuovo medioevo sociale e spirituale che vive oggi l’intera società europea che sicuramente è lo specchio della Chiesa moderna. La rotta sembra ormai segnata e la gente pare sempre di più in balìa di questa ondata primitiva di valori materiali e futili che stanno dando origine ad un mondo puerile, in-sensato e spaventosamente cannibale. Il divismo la fa da padrona e il senso della spiritualità è un concetto talmente astratto che anche per chi ha buona volontà è difficile rimanere in piedi.

    Anche la questione Islam nuoce e non poco a tutti noi. È terribile il fatto che diversi giovani di famiglie dichiaratamente Cristiane, decidono di seguire la “moda” del Corano. Forse qui qualcuno nella sede Vaticana dovrebbe cominciare a riflettere un po’ e capire che in questo momento sono troppe le pecorelle che si sono smarrite e che difficilmente saranno recuperate. Ma come sempre: Fiat volùntas Sua!

    1. Dear Luca,

      grazie per il tuo commento.
      Mi limito a darti un consiglio assolutamente non richiesto, who is this: prima di entrare in un seminario, pensaci bene. E dico pensaci bene perché talvolta, per intraprendere adeguatamente un percorso vocazionale, può essere necessario e opportuno attendere anni, quando il momento storico è così sfavorevole e drammatico.

      L’ho detto e ripetuto più volte, in the past, a diversi ventenni impazienti, che mi rispondevano variamente: « ma io ho la vocazioneio non posso aspettareio devo diventare prete prima possibile …». E quando facevo a loro presente la situazione a dir poco difficile e soprattutto la non garanzia di una formazione cattolica al sacerdozio data da molti seminari, loro rispondevano che«l’importante è raggiungere lo scopo».

      I risultati sono stati poi questi:

      1. some, sono entrati e poi usciti dai seminari in profonda crisi di fede ;

      2. other, hanno deciso di reggere, convinti che «quando poi sarò prete io cambierò le cose», con il risultato che divenuti preti si sono trovati in situazioni talmente ingestibili e soprattutto incancrenite, che dopo soli 6/7 mesi hanno abbandonato il sacerdozio.

      Pero, dovevano «prima possibile», avrebbero «cambiato le cose».

      Tu indichi i dati statistici del calo delle vocazioni, ebbene io ti dico che ci sono dei dati molto più allarmanti, sui quali però nessuno parla, ma te li dico io: è aumentato parecchio il numero degli abbandoni del sacerdozio, nel corso di questi ultimi felici quattro anni. E ad abbandonare il sacerdozio sono stati anche e soprattutto presbìteri con venti/venticinque anni di sacro ministero alle spalle.

      Proprio ieri, leggevo le statistiche di una diocesi della Toscana, dove su sei sacre ordinazioni fatte nel corso degli ultimi sette anni, ben cinque hanno lasciato il sacerdozio.

      Se tu non sei uno di quelli convinti che «quando sarò prete cambierò le cose» e se io posso esserti di qualsiasi utilità, non esitare a scrivermi in privato.

      1. Dearest Father Ariel,

        La ringrazio per le sue delucidazioni, avevo sentito qualcosa in merito ma non credevo che la situazione fosse così seria.
        Con vero piacere La contatterò per poter usufruire dei suoi consigli.

        Luca

  10. un sacerdote con un talento per la scrittura unico. Spesso molto lungo, ma mai banale e sempre preciso nelle sue argomentazioni. Oggi propone questa lettura che merita tutti i circa 20 minuti necessari per leggere attentamente la sua lucida e tagliente analisi della attuale situazione ecclesiale.
    Un carissimo saluto a tutti, e non perdiamo la speranza uniti nella preghiera

  11. Dear Fathers, l’ipotesi delPifferaio di Hamelinè suggestiva, più arduo sarebbe convertirla in tesi dimostrabile. In ogni caso si tratta di una favola, leggenda bene che vada. Se poi lo vogliamo anche definireMagico”, la situazione non può che peggiorare… But it, I repeat, capisco bene che state facendo il massimo, il Padre Cavalcoli ha già recentemente subito ingiustamente il suo (stavo per scrivere che ha già pagato, ma pagato che? di aver detto la verità).
    Fair Enough: faith, preghiera e speranza.
    With estimates
    Licio

    1. Dear Licio,

      e quello che ho pagato io, grazie a Dio non è pubblico, ma è rimasto, anche per mia decisa volontà, racchiuso nelle sfere del povero e piccolo mondo ecclesiastico.
      In conclusion, as they say “non ci siamo fatti mancare niente”.
      Ma il servizio alla verità e la salvezza dell’anima, ha un proprio ragionevole prezzo da pagare, che è però poco o niente, dinanzi alla salvezza eterna.

  12. Well, Massa Marittima era una diocesi difficile anche negli anni Quaranta, figuriamoci che sarà diventata in tempi più vicini a noi.
    Circa l’omelia di papa Francesco citata, è commovente come egli eviti di citare ilme ne frego”, espressione originariamente volgare e sconcia anche se ormai non se ne rende conto più nessuno o quasi. Tuttavia sia lui (che di queste cose non sa niente, gliele hanno raccontate altri, it's obvious) sia don Milani stesso non ci hanno capito niente: the “me ne fregofascista non erame ne frego degli altri”, but “me ne frego della morte”, con riferimento agli arditi della Grande Guerra. A suo modo anche il regime fascista aveva un notorio afflato “social”, che terminò appunto con la Repubblica Sociale Italiana. Di più: Mussolini era di estrazione poverissima e ricordò sempre con indignazione gli anni da bambino al convitto salesiano dove gli facevano trovare i vermi nella minestra mentre i convittori di famiglie benestanti mangiavano come si deve. Non basta dunque dire di amare i poveri per vantare meriti.

  13. Invece temo proprio che le Onlus non verranno mai linciate. In Italia è ormai radicata la convinzione che tutti abbiano diritto a soldi pubblici per campare, indipendentemente dal fatto che tali soldi vadano a retribuire un lavoro vero. And’ lo stesso meccanismo per cui le scuole non bocciano più nessuno, sperando così di mantenere iscrizioni ecattedre”.

  14. In queste ore si sta per compiere l’infanticidio del piccolo Charlie. La Chiesa è totalmente silente. Compreso il Santo Padre. È impossibile che non sappia la notizia e c’è anche una supplica di fedeli perché parli pubblicamente del caso. Non mi viene in mente nessun motivo razionale per cui potrebbe dover starsene zitto. È sempre stato zitto anche nel caso di Asia Bibi, e in quella circostanza si poteva pensare a motivi diplomatici. Non sussistono nel caso della Gran Bretagna. È difficile pensare che i collaboratori gli impediscano di fare qualcosa; è inevitabile supporre piuttosto che la cosa non gli interessi. D’altronde di lui conosciamo solo due espressioni facciali: sghignazzante o truce (quando pontifica contro i rigidi o non si accorge di essere inquadrato). GPII rideva, gioiva, era severo, ma anche soffriva, si vedeva chiaramente che era compartecipe delle sofferenze di Cristo e degli altri. Onestamente l'”love” per le anime di questo pontificato appare più un freddo trattato di sociologia, stile marxista, dove esistonoclassi” social (come p.es. the “scarti”), ma non i singoli come Charlie e i suoi genitori.

  15. Oggi è la Solennità dei Santi Pietro e Paolo Apostoli. Ricordo a tutti, in primis ai Padri dell’Isola, che Papa Francesco, come ogni papa, è dotato del petrinocarisma di verità e di FEDE CHE NON VIENE MAI MENO” [“fidei numquam deficientis”, Pastor Aeternus, IV (Denzinger 3071)], ossia è dottrina definitiva e fatto dogmatico che Papa Francesco è indefettibile nella fede: per quanto possa peccare ed errare, non potrà mai cadere in eresia né tantomeno in apostasia (né ovviamente in scisma, dato che nessuno può insubordinarsi a se stesso). Non è lui a dover rimanere in comunione con noialtri, ma noialtri con lui. Questo i Padri dovrebbero insegnarlo di più e meglio, confutando con logica implacabile ogni posizione avversa (inclusi quei commenti che sul punto sono incerti, quando non di avviso contrario), e dovrebbero ricordarlo al Card. Caffara, richiamando lui e gli altri 3 al loro grave dovere di professare pubblicamente l’indefettibilità del Papa, per essere fino in fondo leali verso la sua augusta persona e franchi verso tutta la Chiesa, in un momento in cui guardano a loro molti che palesemente non credono a questa verità assolutamente vincolante per chi si professa

    1. La ringraziamo per la sua dotta lezione e le garantiamo che ci rimetteremo quanto prima a studiare tutti e due i trattati basilari della teologia dogmatica, ed il primo dei due che si rimetterà a studiarli come un seminaretto, sarà l’accademico pontificio Giovanni Cavalcoli.

      Se lei avesse letto tutto ciò che noi abbiamo scritto nel corso di questi ultimi due anni e mezzo, in difesa del ministero petrino ed anche in difesa del Pontefice regnante che ne è legittimo depositario, non ci avrebbe inviato questo “predicozzo” che qualifica lei e non certo noi.

      E adesso si faccia un bel giro istruttivo nell’archivio de The island of Patmos, prima di scriverci altre ulteriori ed eventuali fesserie, che proprio non le fanno onore.

    2. Se i Padri non lo ritengono inopportuno, avrei una domanda per Maurilio.

      She, Maurilio, rimprovera il card. Caffara, evidentemente per i dubia. Mi spiega dov’è il problema? La modalità operativa dei dubia è una prassi tradizionale della Chiesa. Da quando in qua viene interpretata come una contestazione al Papa? Forse ritiene che siano inutili, perché la posizione del Papa è chiara? Ma allora come spiega che vari vescovi ed intere conferenze episcopali abbiano esplicitamente preso posizioni opposte? Se lei attraversa un ponte sull’Oder, confine tra Germania e Polonia, da una parte certe cose sono lecite e dall’altra no. Ritiene che sia normale? Nella mia ignoranza, mi pare che nel Canone di S. Vincenzo di Lerin ci sia scrittoubique”. E credo che sia ancora valido il principio di non contraddizione. Non è solo questione di divorziati: ci sono vescovi, che sulla base delle loro interpretazioni della Amoris Laetitia, danno la Comunione anche agli omosessuali, let's say so, “nell’esercizio delle loro funzioni”. Lei non crede che sia necessario un chiarimento?

  16. Per capire come colui che, per opposti motivi, da destra e da sinistra, viene dipinto come una specie disubcomandante Bergoglio”, sia in realtà intimamente lontano da ogni modernismo, basterebbe leggere questi suoi due interventi recenti:
    http://www.famigliacristiana.it/articolo/il-papa-se-il-matrimonio-non-e-per-sempre-e-meglio-non-sposarsi/393940.aspx
    https://www.avvenire.it/papa/pagine/santi-pietro-e-paolo
    Sono discorsi inattuali, coraggiosi, vigorosi, non di facciata. Nonostante i suoi limiti culturali e le sue fissazioni piùperonisteche cristiane per i poveri, è strano che la sua stessa tempra non gli abbia ancora rivelato quanto essa sia diversa da quella di coloro di cui si circonda.

    1. Per quello che ne so io, correggimi se sbaglio, che il matrimonio sia indissolubile l’ha detto Cristo: are perhaps “discorsi inattuali, coraggiosi, vigorosi, non di facciataripetere quanto affermato nei Vangeli o è ilminimo sindacaleche ci si può aspettare dal successore di Pietro?

      1. Il Santo Padre ha ribadito in tutti i modi la indissolubilità del matrimonio e la sua natura sacramentale.
        Ciò che proprio non si riesce a far capire a molte persone e che molte persone si ostinano a non capire e se gli viene spiegato con tutti i criteri teologici del caso a quel punto rifiutano la spiegazione, è che laindissolubilità del matrimonio” the A “comunione ai divorziati risposatisono due temi e problemi diversi.

        Abbiamo spiegato in tutti i modi e con tutti i criteri dottrinali, ma a quanto pare inutilmente, che la proibizione della Comunione ai divorziati risposati non è un dogma della fede cattolica ma una disciplina ecclesiastica, nata dalla prudenza e dalla sapienza pastorale della Chiesa; disciplina che ci auspichiamo venga mantenuta, soprattutto oggi. Non possiamo però negare che il Sommo Pontefice, if you would, avrebbe piena e legittima facoltà di mutare questa disciplina, senza che nessuno possa urlare all’eresia, all’apostasia, alla violazione del dogma di fede.
        La disciplina non l’ha affatto mutata, anzi di fatto la Amoris Laetitia riconferma la disciplina di San Giovanni Paolo II, but, alcune espressioni ambigue, hanno aperto le porte sulla situazione di confusione che oggi abbiamo sotto gli occhi.

        Ogni volta che abbiamo spiegato tutto questo, ci sono giunti numerosi messaggi di persone che ci spiegavano la loro confusa idea di teologia dogmatica e di dogmatica sacramentaria, dicendoci in modo più o meno esplicito o implicito che noi avevamosbagliato mestiere”, perché le cose stavano in verità come sostenevano loro, ed il tutto anche se buona parte di queste persone sarebbero cadute come pere dinanzi alle domande più elementari del Catechismo di San Pio X sulla dottrina cattolica predisposte per la preparazione dei bambini alla Prima Comunione.

        Il problema è che un numero sempre più alto di persone si rifiuta di ascoltare e se vengono date loro spiegazioni, reagiscono o talvolta aggrediscono dicendo: «no, è come dico io».

        Therefore, se da una parte il Cardinale Walter Kasper sostiene laevoluzione” Dogma, other, c’è un ben più pericoloso esercito diteologi praticoni” or “teologi-fai-da-teche dopo avere beccato come uccellini da un blog all’altro, si inventano dogmi che non esistono e si arrabbiano pure se due teologi dogmatici dicono loro che il dogma di fede sul no alla Comunione ai divorziati risposati does not exist.

        1. Cavalcoli e Levi di Gualdo appartengono alla categoria più raffinata e più pericolosa della corrente modernista: criticano e condannano il modernismo, ma al tempo stesso ne sposano diversi dei fondamentali errori.
          Se Cristo ha dichiarato dogmaticamente indissolubile il matrimonio, di conseguenza il divieto della Comunione ai divorziati risposati è vincolato a un dogma, quindi questa proibizione è un dogma di conseguenza, e chi dice il contrario nega una verità dogmatica.

          1. Non tutti i divorziati risposati vivono in peccato
            Non tutti i coniugati regolari vivono in stato di grazia
            Il Magistero insegna che è conveniente e salutare accostarsi all’Eucarestia in stato di grazia o di peccato?

          2. Dear Andrea,

            il divieto della Comunione ai divorziati risposati è certamente un’applicazione pratica del dogma dell’indissolubilità del matrimonio, ma il dogma potrebbe essere rispettato anche se il Papa concedesse la Comunione in certi casi. E questo perché il divieto della Comunione non discende necessariamente da un dogma morale come un’unica conseguenza logica discende da un dogma speculativo, ma come un’applicazione contingente e quindi variabile e mutevole discende da un principio morale universale.

            Facciamo un esempio di entrambi i casi. Dal dogma della transustanziazione, dogma speculativo, si deduce necessariamente una e una sola conseguenza, e cioè che sotto le specie eucaristiche Cristo è realmente presente. For this, il negare questa conseguenza comporta necessariamente la negazione del dogma. Non così avviene quando si tratta di applicare princìpi o dogmi pratici. In this case, da un unico principio si possono dedurre conseguenze anche opposte.

            For instance, il comandamento del rispetto della vita può richiedere in certi casi il curare il malato e in altri la pena di morte per il criminale. Un caso simile è quello della questione della Comunione ai divorziati risposati, a proposito del quale, fermo restando il valore assoluto dell’indissolubilità del matrimonio, dogma morale, il Papa dimostra nell’love joy che in certi casi non si può escludere che il loro accesso ai Sacramenti possa essere un modo col quale essi rendono omaggio alla dignità del matrimonio, non certo in quanto lo vivono, dato il loro stato concubinario o unione “irregolare”, ma in quanto il loro amore, per quanto difettoso e incline al peccato e non esente dal peccato, however, può essere sostenuto, almeno ad intervalli, da quella grazia, che raggiunge la sua pienezza nel matrimonio.

          3. A questo proposito faccio notare che nella FC al n. 84 it is read: “La Chiesa, however, It reiterates its practices, based on Sacred Scripture, of not admitting to Eucharistic Communion divorced and remarried. They are unable to be admitted thereto, since their state and their condition of life objectively contradict that union of love between Christ and the Church, signified and effected by the Eucharist. There is another special pastoral reason: if these people were admitted to the Eucharist, i fedeli rimarrebbero indotti in errore e confusione circa la dottrina della Chiesa sull’indissolubilità del matrimonio.”
            E rimarco questo: 1) the emphasis placed on "practice" at the beginning; 2) The "special pastoral reason" alleged: now, this peculiar reason is based on reasons of expediency (the confusing ...), but the presence of this reason of opportunity would be absurd, e essa sì dottrinalmente confusionaria e fuorviante, se la non ammissione alla comunione, come dice p. Cavalcoli, “discendesse necessariamente da un dogma morale come un’unica conseguenza logica discende da un dogma speculativo.

            That said, io penso che “progressisti” in buona fede (e non credo siano mica tanti…) che mirano alla modifica della disciplina in questa materia vadano ad infilarsi in un ginepraio inestricabile. Anyhow, bisognerebbe mettere efficacemente in chiaro il quadro dottrinale che fa da sfondo a quest’allentamento misericordioso della “legge positiva” della Chiesa, in modo tale che la chiarezza faccia, pedagogicamente, contrappeso al perdono, e ne sia al tempo stesso il presupposto. Si sta muovendo in questa direzione la Chiesa? Per niente, I think, col rischio di trasformare l’incontro con la “gente” in quello con lo spirito del mondo.

        2. Non è necessario che si proclami un dogma per sapere che la Comunione non è possibile concederla ai divorziati risposati. Da quando in quà bisogna far presente a due Sacerdoti, benchè sostanzialmente modernisti come Padre Ariel e Padre Cavalcoli, che non è possibile accostarsi alla S Comunione in peccato mortale, non è cosa che sanno persino i bambini al Catechismo? Come è possibile che due come loro che si ritengono teologi mettano in dubbio questa basilare ed elementare Verità?. And’ veramente assurdo ciò che dicono in merito a questa questione. Sò già che mi risponderanno chenon è sempre detto che i divorziati risposati siano in peccato mortalee qui raggiungiamo il non plus ultra delle eresie non contenti della già precedente menzionata.

          1. Dear Suresh Babu,

            come fa Lei a sapere che i divorziati risposati siano sempre in stato di peccato mortale? Il fatto che essi si trovino in uno stato irregolare non ci autorizza a pronunciare quel giudizio, che non può che essere temerario, dato che noi, per poterlo formare con fondatezza o cognizione di causa, dovremmo essere in grado di monitorare i moti intimi della loro coscienza giorno e notte, 24 ore su 24, cosa evidentemente possibile solo a Dio che scruta i cuori e agli interessati.

            Il loro stato irregolare è certamente riprovevole e scandaloso, è una condizione di vita assai pericolosa per la loro anima, costituisce una tentazione continua al peccato; ma dir questo e dire che sono sempre in colpa, ci corre e non è lecito farlo, giacché il passare dalla tendenza al peccato o dal poter peccare all’atto del peccato dipende dl libero arbitrio, dei cui atti noi siamo padroni, libero arbitrio che può sempre rifiutarsi di peccare, as well as, se cade, può subito pentirsi, rialzarsi e chiedere perdono a Dio; può quindi sempre recuperare la grazia perduta ed ottenere il perdono richiesto, anche senza la confessione.

            Per questo il Santo Padre nell’love joy, pur riconoscendo l’evidente grave malizia dell’adulterio, ci ricorda che la misericordia di Dio è sempre alla ricerca dei peccatori per indurli al pentimento, per cui non è impossibile che i divorziati risposati, ad intervalli tra un peccato e l’altro, siano in grazia, per cui in linea di principio, una volta che il Papa lo concedesse (note 351), potrebbero essere ammessi alla Comunione.

      2. Metti insieme contenuto e tono e vedrai che nella Chiesa di oggi sono esattamente quello che ho detto: discorsi inattuali. In addition to, vi è una bella differenza tra ripetere come un pappagallo o un notaiociò che ha detto Cristoe ribadirlo indirettamente con una visione della vita (e in questo caso particolare del matrimonio) che suona autentica e non presa a prestito. Che poi quando si tratta di stendere encicliche il Papa si faccia irretire nello stile sfatto, logorroico e ambiguo di certa teologia contemporanea nel cuigrigiorevede un’indizio di misericordia, o non sappia dominare intellettualmente la materia di cui tratta; o che quando parla a braccio gli escano fuori parole variamente interpretabili; quella è un’altra faccenda.

  17. Dear Andrea,

    le spiego la differenza che corre tra il Padre Giovanni Cavalcoli e me, ed uno specialista in chirurgia toracica.

    Se lei si presentasse da un chirurgo e, senza conoscere i rudimenti della anatomia umana e della medicina interna, gli spiegasse anzitutto la sua originale idea di anatomia, poi appresso in che modo egli deve eseguire un intervento chirurgico per un trapianto di polmone, these … s’incazzerebbe come una iena e la farebbe correre fuori dall’ospedale.

    Father John and I, pur nella stessa situazione, do not c’incazziamo e neppure facciamo correre chicchessiafuori dall’ospedale”, perché abbiamo il cosiddetto … “dovere d’ufficiodella carità cristiana con tutti i relativiobblighi di deontologia professionale“.

Leave a Reply