The most terrible cancers, and difficult to heal are the diseases that prevent us from being witnesses of Christ [Objection Sadness]

visit the personal blog by Father Ivano

- Health Ministry -

CANCER MORE TERRIBLE AND ARE DIFFICULT TO CURE DISEASES THAT PREVENT TO BE WITNESSES OF CHRIST

[ Objection Sadness ]

.

It always affects of sad to see Christians, He was always struck. Allo stesso modo mi colpisce vedere sacerdoti e religiosi musoni. This is because it is a blatant contradiction in those who should announce the Easter. When he celebrates Mass, when I drive a prayer, or when you simply walk into a church, mi piace soffermarmi ad osservare le persone. I observe that I too, I need encouragement from those who live a strong faith and have an intimate relationship with God. And while often orsservo, here ... long faces!

.

Author
Ivano Liguori, Ofm. Capp.

 

.

.

PDF format Print article

.

.

sad clown …

With this new article darò avvio ad un ciclo di riflessioni sulle malattie spirituali più pericolose per la vita di un cristiano. As always I want to quote the Word of God, taking as inspiration a Gospel passage that I've got to also mention other times in my writings on our Patmos Island:

.

"And here, in that very day two of them were going to a village called Emmaus, at about eleven kilometers from Jerusalem, and they are talking with each other about all that had happened. While they are conversing and debating, Jesus himself drew near and went with them. But their eyes were kept from recognizing him " [cf. LC 24,13-16].

.

In verse 16 it is evident a certain blindness heart and mind, ciò vuol dire che vi è qualcosa in questi due discepoli che gli impedisce di riconoscere il Signore risorto. There are indeed some soul diseases that separate us from Christ and that prevent us from doing our novelty of the Gospel for this to transform our lives and that of others. È quindi in questi termini che desidero present the first spiritual sickness: the sadness.

.

It always affects of sad to see Christians, He was always struck. Allo stesso modo mi colpisce vedere sacerdoti e religiosi musoni. This is because it is a blatant contradiction in those who should announce the Easter. When he celebrates Mass, when I drive a prayer, or when you simply walk into a church, mi piace soffermarmi ad osservare le persone. I observe that I too, I need encouragement from those who live a strong faith and have an intimate relationship with God. And while often orsservo, here ... long faces!

.

sad clown …

Let us first understand a thing: qT his kind of sadness is not given by the reverses of life that inevitably we all find support. The sadness of which I speak, It is mixed with resignation, It is a sadness that is often despair, depression, static, docility which - as we want with mystical masks and sliced ​​air holiness - always emerges afloat.

.

The Christian can only be described if not within the joy, was created for the joy and the same redemption by Christ - albeit accompanied by inevitable tragedy of the Passion - it not ends with Good Friday but with the Sunday of the Resurrection expression of joy that wins over death. The vivid representation of the joy of Christ and the disciples, that the early Christians, It emerges from the Gospel of St. John the Apostle, indicated by the great Fathers of the Church and by the exegetes, also as "The Gospel of joy».

.

The most credible sign of a Christian It should be just what joy, the intimate joy of living for God and his company; the deep joy of being able to present to the Father every moment of our day and be sure to feel loved, included, forgiven and healed intimately. For this mi often like to quote a passage from the homily for Christmas Pope St. Leo the Great says that: «Riconosci o cristiano la tua dignità». That is, we are called to re-know each other again, to become aware of our identity, realize again who we are as believers. Every Christian life - thus the mine and yours - is life in which Christ lives, opera, AMA, Please, hopes, suffer, He relies on Father.

.

sad clown …

The Christian life is a life of communion where the relationship with Jesus is present: here is my dignity, here is my joy! On the contrary, facendo however room for sadness, I put in the shade the presence of Jesus living in me and I go often with only my strength that I check to be inadequate. In addition to, This attitude of spiritual melancholy is reinforced by statements like: "We are born to suffer !», "I'm not worth anything, What can I ever do any good?», "I have zero, God is everything ", "We are in God's hands, we can not do anything ", "I deserve to suffer because of my sins, Dio giustamente mi punisce». All these ways of thought of “Christians”, pose a serious down payment on the joy that God wants for her children, Christ merited for us with his resurrection and that the Holy Spirit constantly pours into our hearts as a free gift.

.

This shadowy situation è spesso il risultato derivante dalla nostra bassa autostima spirituale e di una pessima o assente formazione spirituale e catechetica. I'll explain …

.

… Spiritual self-esteem is the awareness of the value which every person attaches to itself in relation to the person of God, the attitude that everyone is against it as a loved one, accepted and valued by God. This spiritual self-esteem in part depends on us and our experience of God, in parte dipende da coloro che ci hanno educato alla fede affinché potessimo sentirci cristiani amati e degni di valore. Having a low self-esteem is also the spiritual image of God index that we have cultivated. We can perceive God as an accountant, he who marks his notebook our mistakes and flaws ready to make us pay the bill. We can perceive God as the dictator who deprives us of the joy and only asks us to sacrifices, we can get the idea of ​​God as a symbol of efficiency that wants all perfecting without the possibility of making a mistake or show weakness. Or we tested the idea of ​​God as a con man who promises everything and keeps nothing, or the idea of ​​God's vindictive judge who likes to punish and chastise the man to show his strength.

.

sad clown …

All these images of God They are indicative of pathological way in which Christians perceive ourselves and the way we live style of the Gospel within our religious communities. E cOn these assumptions, you create a serious risk of a problematic spiritual self-esteem.

.

It may happen that as Christians we tend not to look at the positive aspects of our lives, negando o non vedendo il bene che Dio opera in noi. It seems more natural to consider the downsides disconsolate and cry about our miseries. Even some religious education, guided by a false and deviated concept of humility, He has led us to feel guilty every time we talk about our quality and that is beautiful and holy we are living in relationship with God.

.

The acknowledgment of praise, that is, the manifestation of the nice things – e quindi della gioia – che il Signore compie nella mia vita è indispensabile per far tramontare una volta per tutte la tristezza. That's why during the sacramental confession, even before the prosecution of sins, you need to show to the priest, the joyful reality of which I have to give thanks to God.

.

The Holy Scripture and the most authentic Christian anthropology They tell us that man is not a being negative, lost and dejected. There is a deep-rooted optimism that sees positively the man and this derives from union with God who gives beauty, comfort, dignità e fa risplendere continuamente il volto del Figlio su ogni realtà creata. Man is created not only in the good and in the infinite love of God, but is structured as actually very good [cf. GN 1,31] and as a positive reality which has its model in Jesus Lord of the world [cf. With the 1,16-17]. Not even the first disobedience [cf. GN 3] He manages to undermine the respect and the love that God feels for man, so as to continue to evaluate its creature with a personal act of love and care. For this reason, the height of the drama of original sin, man receives also the promise of redemption and he is given a new dress that can give him dignity and value [cf. GN 3,15; 21].

.

sad clown …

In the history of the people of Israel God always helps the man so that nothing detracts from its value, its certainty of being loved. Neither the arrogance of the Pharaoh of Egypt, nor hunger and thirst in the desert, or sickness, l’ostinazione e la mormorazione riescono a convincere Dio a rigettare e disistimare l’uomo creato molto buono. Non sono le cose esterne – buone o cattive – che determinano il nostro valore di cristiani, non è quello che la gente dice di me che mi rende cristiano migliore o peggiore, è il valore che ho per Dio che mi rende amabile.

.

Sulla scia di questo pensiero, lo psicologo James Bugental afferma che la nostra vera identità non sta all’esterno di noi stessi, non deve essere ricercata nelle conferme esterne, nelle sicurezze esterne. La nostra vera identità, il nostro tesoro lo possiamo trovare scavando nel campo della nostra anima, nell’intimo di noi stessi: luogo in cui Dio prende dimora e si rivela nella gioia.

.

È in questo sacrario che posso trovare l’immagine originaria che Dio ha pensato per me, la parola originaria che Dio ha pronunciata nel crearmi e che è capace di dare senso e gioia a tutta una vita, anche a quella più rovinata e apparentemente inutile.

.

[fine della Iª meditation]

.

Cagliari, 20 January 2019

.

.

Ridi, pagliaccio !

.

.

«You will know the truth and the truth will set you free» [GV 8,32],
but bring, spread and defend the truth not only of
risks but also the costs. Help us supporting this Island
with your offers through the secure Paypal system:



or you can use the bank account:
They were IT 08 (J) 02008 32974 001436620930
in this case, send us an email warning, because the bank
It does not provide your email and we could not send you a
thanksgiving [ isoladipatmos@gmail.com ]

.

 

.

.

.

Avatar

About isoladipatmos

7 thoughts on "The most terrible cancers, and difficult to heal are the diseases that prevent us from being witnesses of Christ [Objection Sadness]

  1. [Sulla tristezza] Io sono fra i più immuni da tale passione. E non mi piace né la stimo, benché il mondo, quasi per partito preso, abbia preso a onorarla di particolare favore. Ne vengono adornate la saggezza, the virtue, consciousness: sciocco e mostruoso ornamento. Gli Italiani, con scelta più acconcia, hanno battezzato col suo nome la malvagità. Giacché è una qualità sempre nociva, sempre folle. And, in quanto sempre vile e bassa, gli stoici vietano ai loro saggi di provarla. (Michel de Montaigne, Saggi, Libro I, Cap. (II))

  2. Invece io, ma devo confessare che non ho letto tutto l’articolo, non sopporto la perenne letizia che mi mostrano alcune persone assidue frequentatrici di parrocchia…. sarà invidia per la loro capacità di nascondere preoccupazioni e problemi? L’enorme carico di sofferenza che opprime l’intera Creazione e che sta diventando insostenibile, qualora vi si ponga pensiero, non può lasciare indifferenti elieti” , malgrado la fiducia nella Salvezza sia salda e certa.

    1. Carissima Ornella, pace a te!

      Con il tuo commento mi dai modo di chiarire alcune problematiche che la tua risposta ha suscitato.
      Per questo ti ringrazio.

      Quando ti riferisci alla «perenne letizia» sul volto di alcuni frequentatori della parrocchia, lasci anche intendere un mal celato senso di sopportazione verso l’atteggiamento di questi fratelli cristiani.

      Sicuramente questo ti crea disagio o forse – come noti anche tu – una sorta di invidia per la capacità di nascondere i problemi.

      first of all, la gioia di questi fratelli potrebbe essere effettivamente non autentica e il loro sorriso artificioso, utile solo come palliativo davanti ai disagi della vita. Ma questo non ci è dato saperlo, perciò sospendiamo il giudizio per amore di carità.

      In psicologica è stato classificato un modo di sorridere denominato sorriso Pan Am, in riferimento alle assistenti di volo della nota compagnia americana ormai non più in servizio. These hostess of Pan American, si esercitavano per sfoderare un sorriso di cortesia da usare con nonchalance davanti ai viaggiatori.

      Di fatto – questa comunicazione non verbale – non trasmetteva empatia e interessamento verso il viaggiatore ma solo sterile formalità.

      Fatta questa premessa, ti devo dare ragione, in alcuni casi si utilizza questa tipologia di sorriso senza trasmettere nulla: né un calore umano, né una seria esperienza di fede.

      La Lettera ai Filippesi [cf. Within 4,5] ricorda ai cristiani di essere sempre affabili, ma si premura di specificare che la fonte di questa letizia è la vicinanza del Signore.

      Come potrai leggere dal mio articolo, la gioia cristiana è anzitutto la certezza di una presenza.
      La letizia del cristiano non è sentimentalismo o peggio formalismo, è l’opzione fondamentale nello scegliere Cristo quotidianamente. La gioia nasce da una decisione per Gesù, significa accettarlo nella vita come Signore e salvatore.

      San Giacomo nella sua lettera [cf. GC 1,2-3] ci dice come la letizia è perfetta quando sperimenta dei momenti di verifica, specie nelle difficoltà. Questo non significa che la sofferenza e l’avversità portino la gioia. However, quando davanti a una prova sappiamo che la nostra vita è ben radicata in Cristo, nessuno può strapparci dalle sue mani [cf. RM 8,35-37] e questo significa mettere in gioco la fede, che agisce anche attraverso i nostri sentimenti mantenendoci sereni.
      Questa tipologia di letizia perfetta la vediamo nella beata Vergine Maria, che davanti alla passione di Gesù – pur soffrendo – non ha mai perso la gioia, non ha mai recriminato contro Dio per l’ingiusta sorte del figlio. Stessa gioia la troviamo nei martiri, che hanno affrontato la morte consapevoli di essere vittoriosi davanti al male.

      La gioia cristiana è un dono della fede frutto dell’azione dello Spirito Santo [cf. Maybe 5,22] e la sua perfezione non dipende solo dalle nostre disposizioni ma anzitutto dalla presenza di Cristo che vive in noi.

      Forse davanti alla difficoltà di gioire di molto uomini – non sono tanto le motivazioni a mancare – quanto la fede, ragione più che sufficiente per restare nella tristezza.

      Ti benedico.

      1. Aggiungo che S. Paul (2 Corinthians, 7, 10) fa lo stesso ragionamento riguardo allatristezza”, per quanto riguarda la sfera del peccato nel caso in questione, ma che si può allargare per analogia al complesso della vita spirituale: “Poiché, la tristezza secondo Dio produce un ravvedimento che mena alla salvezza, e del quale non c’è mai da pentirsi; ma la tristezza secondo il mondo produce la morte. ” Quindi nellatristezza secondo Dioc’è sempre un fondo di lietezza.

      2. Caro Padre Ivano,

        complimenti per i tuoi articoli (e per quelli dei padri Paolo e Gabriele), questa Isola felice sta diventando sempre più un solido approdo per i cattolici internauti e anche per noi preti.
        Da prete quarantenne a prete quarantenne tale tu sei, ti confido che 4 anni fa sono stato ricoverato per 10 giorni in un certo ospedale di Roma, dove prestavano servizio cinque giovani sacerdoti non italiani (ma questo è irrilevante), che non sono mai passati una volta a salutarmi, pure se gli era stato segnalato dal personale medico che in quel reparto c’era un prete ricoverato.
        Celebravano la Messa nella cappella dell’ospedale, passavano un podi tempo al bar dell’ospedale, e poi sparivano.
        While, tre o quattro suore non italiane (ma questo è irrilevante) giravano per i reparti a portare le sante comunioni come delle pubblicitarie che ti danno per strada dei volantini di reclame.
        Ho sofferto molto più di questo e per questo che per gli interventi ortopedici.
        Venne padre Ariel di domenica e celebrò la Messa nella mia camera di ospedale, senza mai avere preso da quell’ente ospedaliero un centesimo in stipendio, come invece prendevano quei preti non italiani (ma questo è irrilevante, che non fossero italiani).
        La prossima volta mi faccio ricoverare nel tuo ospedale di Cagliari !

        Don Ciro
        dalla ridente Napoli, dove si ride in tutti i sensi
        soprattutto a livello ecclesiale ed ecclesiastico

      3. Gentilissimo padre Ivano, ringrazio vivamente per la esaustiva risposta che mi ha dedicato. Indubbiamente la Fede e la preghiera sono sostegno e sollievo nelle avversità, ma rimango dell’opinione che il mostrarsi sempre gioiosi sia anche una dote di carattere: ci sono tra noi persone estroverse, e altre più pensose. Sarà che stiamo attraversando un momento molto difficile, sia nell’ambito familiare chemondiale”, I dare say. Whereby, note, vedersi circondati da sorrisi Pan Am, o che sembrano tali, It does not help, ma acuisce il disagio.
        Conservo nel cuore la Sua benedizione.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

 characters remaining

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.