love joy. SIAT headphones, however, pay taxes, because the payment of taxes is a real dogma of faith

The joy of love. SIAT HELMETS, BUT PAY TAXES, WHY THE PAYMENT OF FEES AND A TRUE FAITH OF DOGMA

.

It is easy and comfortable to get into other people's finger pointing at sentencing bedrooms as a new dogma of faith "as long as they live as brother and sister '. But you, hypocrites ever, that "strain at a gnat 'in other people's bedrooms and then" you swallow a camel " [cf. Mt 23,24] are you ready to accept, make yours and spread as unquestionable dogma of faith: "Give to Caesar what is Caesar ', then pay taxes without a murmur, especially without azzardarvi to say that are high and that are not right?

.

.

Author Father Ariel
Author
Ariel S. Levi Gualdo

.

.

PDF format Print article

.

.

Father Ariel Caro.

In the Church there has been a proletarian expropriation! In fact, if I understand correctly the words of the player signing his comments to his article as "nonsonobigotto”, a name which is a program, in practice this would happen: Hierarchy betrays, then the people, against all hierarchical idea, the "Holy Spirit" would give rise to pockets of resistance made up of humble canon lawyers and theologians who would know makeshift drown traitors chosen by Christ and with a Bolshevik revolution would report the faith in the Church, indeed rifonderebbero they scratch as they wish, that's God ... Outstanding! We are only at the ideological and theological destruction of the entire Magisterium of the Church, but humble theologians that every day they attack the Pope knows more of the devil, and then ... then, people ahead: to the rescue!

George M. G. Locatelli

.

.

.

Pope signature
The Supreme Pontiff Francis sign the post-synodal exhortation The joy of love

By its question our player hits a problem that has its roots in the late eighties and early nineties that develops within the Church through best of the worst the postcouncil. And when I say best of the worst the postcouncil, I do not mean the Second Vatican Council, anything: I am referring to the fact the worst betrayals who has consumed this great council of the Church on the part of all those who, moving on the pretext of dangerous interpretation of his lyrics and his spirit, they ended up giving life to that Council egomenico of theologians who never was celebrated, and never has been written by the Church Fathers.

.

These people who call teologastri traitors of the council, They have created a great confusion of those in the Church are the functions of the laity participate in the common priesthood of the baptized through the Sacrament of Baptism, and clerics, chosen for the mystery of grace and established through the Sacrament of Orders, and only participates in the ministerial priesthood of Christ, as well as legitimate custodians of teaching, a office that no secular, even a layman awarded a theological doctorate, You can exercise with the authority the A grace with which can and must exercise the coated Priest of function consacration. This enormous confusion created situations today become unmanageable, thanks to cries of "collective trade union" or "leftist collective" summed up in the devastating slogans: "More dialogue, more collegiality, more democracy in the Church ". Cry to which is added as a result the slogan: "More room for the laity in the Church".

.

Based on this premise, to give rise to a situation which today appears now uncontrolled and uncontrollable - as you can ascertain from blog to blog, where the last of the laity who has trawled the Catechism feels a theologian and a canon lawyer superfine, both believed to be in the right to challenge the Roman Pope to the last priest of’orbe catholica – They contributed two factors that have created by joining together the explosive effects that can create the potassium union with sulfur: the fall of the Berlin Wall and the uncontrolled field taking certain lay movements during the pontificate of Giovanni Paolo II, in particular Neocatecumenali and Charismatics.

.

We proceed by order, from the large army of people from the seventies, to follow throughout the course of the eighties, They belonged to the great "messianic church communist". I refer to the children of "imagination to power", the "forbidden to forbid", convinced that the "proletarian paradise" of "Holy Mother Soviet Union "the shine" Red Sunrise ". I am referring to those who, ideological and much more blind the blind man of Jericho [cf. MC 10, 51-52], When the tanks Russians invaded in August 1968 Prague, without saying a speech and, far from condemning that action, they simply move their silent irrepressible need for "messianic ideology" in China slaughterer Mao Zedong. Fallen also the Chinese myth, here they trasmigrare en masse to the exotic Cuban dictator Fidel Castro, turning into a "sweet Christ" that being vile and bloodthirsty Ernesto Guevara, not surprisingly nicknamed by Bolivians the pig [pork], to indicate how dirty outside and inside dirt.

.

NThe novembre the 1989 Communism collapses imploding on itself, historical event sanctioned by the images of the fall of the Berlin Wall. A quel point, this army of ideological orphans home and no longer messiahs, thrown from Europe to China until the Caribbean Cuba, They are found before that their beloved Sigmund Freud would call the "work of mourning". The problem is that these individuals have not mourned, but once again have proceeded - always using a Freudian term - with a translational process. Hence paradoxically, the Catholic Church, until yesterday their bitter enemy, Paul VI with his satirical mocked on the radical left newspaper Evil and with his Giovanni Paolo II charged until just before by the same ideological anachronism and blind anti-communism of captive-reactionary matrix, It has become - and I repeat: paradoxically and not by faith - their point of refuge, their last chance.

.

This barbarian horde former ideologues, They are not entered or returned in the Church through a journey of faith and purification in order thereby to processing, anything! You have entered a straight leg bringing this same if such were, up to create in its interior a very negative transformation process. All under the eyes of the Supreme Pontiff Giovanni Paolo II, which unfortunately, to the test, this problem does not seem to have their own perceived. I doubt that this Holy Pontiff, during certain oceanic its meetings, I've realized that to acclaim him as a leader They were the same until just before, in the usual way but above all with the same spirit, They had hailed the Moscow Soviet, Then Mao Zedong, then Castro and Ernesto Guevara. And if you were to acclaim him not to age the direct protagonists involved, were their children born and raised in this spirit and become the first young and then into adulthood worse than their own parents.

.

these subjects, in need of "strong structures" exercising over them psychological pressure both individual and collective, where they could merge? But it is obvious: such as pigs narrated by the Gospel that are thrown off the cliff [cf. LC 8, 26-37], They converged in the Neocatechumenal and the Charismatic, inside of which there is a leader, strong leadership that puts pressure on the pretext of collettivismo now called communitarianism; or call democracy now participation of the laity, the collegiality.

.

The less vigilant and blind Ecclesiastical Authority, he never wanted to consider how high they were in the orphans disconsolate number grew among the ranks of the Communist Party, or worse, much of Lotta Continua and Proletarian Democracy, today, over sixty, are celebrated and undisputed mega-catechists of the Neocatechumenal Way, which it was far from being truly converted and processed, they just changed the flag and keep the same basic spirit, starting with the repressive spirit and coercion against those who today do not call more like yesterday's "dirty fascists", they call them "closed to the Holy Spirit", or simply "under evil influence". Change the style but the substance remains the same: the demonization and possibly the destruction of anyone who does not think like them. In this regard I refer to the article learned of my clever collaborator Jorge A. Facio Lince on communism Gramscian [cf. WHO].

.

Sorry to really think a connoisseur of communist ideology as the Supreme Pontiff Giovanni Paolo II, no one has ever noticed the dangerous situation that was creating within the Church. But then, i Neocatecumenali, They had adopted styles of behavior that the future Holy Pontiff were particularly dear: first of all the family and children, then the treat sexual morality. This is not caused him to question what the very negative, the ecclesial level, there was in this sect in which, on one side they churn out children and promoted the sexual morality so dear to Giovanni Paolo II, but on the other he created a church within the Church, a community within the ecclesial community, in conclusion: a real para-Catholic sect.

..

It's true, the Neocatechumenal Way were the sacred liturgy Eucharist and what they wanted and how they wanted; made terrible confusion between the common priesthood of the baptized and the ministerial priesthood of Christ, proclaiming from the rooftops that we were all priests; had a parallel catechism and went on a mission for the world to proclaim the "verb sacred"Mr. Kiko Arguello, however ..., They were children and condemned contraception and promoting lax sexual morals. And while this was happening, none of the pundits of the Holy See is asked: but the center, the heart and engine of the life of the Church, Eucharist is scempiata by the officials of the Neocatechumenal up to verge on blasphemy and desecration, or the moral prohibition of the use of birth control pills and condoms? In conclusion: the Word was made flesh, or the Word was made against contraceptives?

.

If the Neocatechumenal Movement, instead promote sexual and family morality, so to speak "more rigid", He had instead promoted a certain laxity, Giovanni Paolo II would not hesitate a moment to declare "outside the law" and to wipe them with a shot of broom. but as, albeit at the cost of their havoc Eucharistic, their immense liturgical abuses and a poorly understood and promoted concept of the priesthood, the Neocatechumenal defended the family and sexual morality, if the past are always smooth, and especially under the long pontificate of Giovanni Paolo II.

.

To anyone who wanted to throw the accusation: "How dare you criticize a saint?». I reply that I have never criticized the supreme magisterium of this Holy Pontiff, I have always promoted and continue to promote it today. And anyone who wants to deepen the doctrinal and theological discourse about the fact that the Saints, although such and as such model of heroic virtue, They are not perfect, You can go to read, in the archive of 'Patmos Island, an old article titled: "The Saints obnoxious, Popes including ' [cf. WHO].

.

The results of this They were the progressive secularization of clerics and the dangerous clericalization lay, with devastating consequences for the pastoral plan. Now I will try to explain with examples: Our churches in the presbytery was restricted from the balustrade, function of which it was to delimit and indicate the status of the so-called space Holy of Holies. In this balustrade the faithful knelt to receive the Holy Eucharist. And what happened at that time not so far away where no one would ever occurred to you to receive the Eucharist sitting in the chair in place according to the arbitrary and disrespectful provisions dictated by the lay lords Kiko Arguello and Carmen Hernandez. After saying this is needed now a premise: no document of Vatican Council II, Starting from The Council He never established that the balustrades, and especially those of monumental historic churches, just as the altars coram Deo [facing east] they were torn down, as they did the priests, or as did the bishops themselves, often perpetrating appalling havoc to the historical and artistic heritage, based on the erroneous principle that the balustrade was a 'former sign of division "between the faithful and the priest. Certain statements and explanations, albeit sometimes coming from bishops and priests, They are false and misleading, place that the balustrade was a sacred sign of respect, and he had a precise theological and pastoral whole function linked to that holy fear of God, of which today no longer speak; and not talk about it anymore since the teologastri They have taken to confuse the awe and fear of the Father. And finally we have passed, both liturgically, in the theological dimension ... the Oedipus complex.

.

The presbytery has thus become the walkway of the laity "Participate" and "active", with an overwhelming and often overwhelming presence of women who assume the rights and prerogatives that do not compete with them in particular as to the lay men.

..

Initially many priests welcomed certain dangerous intrusions that were going to touch the sphere of the liturgy and that pastoral closely linked to the priestly figure. Throw out "finally" to the winds their dignified and austere cassocks, now confused in jeans and sweater as lay people among lay, priests could finally open the doors to all those worst trespassing field of the laity which initially made the freest priests to devote themselves to political activism, the sociological confabulations, the figure of the priest as a man all in the midst of all differences and barriers without ... well: let the priests much more free to make your business.

.

One time, those who went to bring the Eucharist to the sick? Obvious, the pastor. Even the deacon, although he had power, more rigor and the pastor. Today, instead, who goes there? But of course: the "pious women" extraordinary minister of Communion, to which many pastors are forced to ask, please, the key of the tabernacle. And who was the first to teach catechism to children, or if he could not hold all alone catechism classes, to control and instruct catechists? But of course: the pastor. And who were, those who were appointed as catechists? Those in charge were men and women, mostly elderly, recognized models of Christian virtue, often teachers, Catholic teachers and retired teachers who with all their teaching experience held this valuable service in our parishes. Today, whoever happens instead of finding as catechists and I repeat ...: ahead and foremost as "catechists"? But of course, often find females fatal twentysomethings, not infrequently with miniskirt, Hipsters and discovered basin, platform shoes from 15 centimeters to feet and so on. But above, today, pastors teach catechism? Of course not, an average of 9 on 10 they do, because they are engaged in ... - unbelievable, heard! - pastoral activities! In conclusion: They have spread like wildfire and numerous beyond measure and decency pastors who do not have time to bring communion to the sick, They do not have time to confess, least of all to do spiritual direction, They do not have time to teach catechism ... and all because - and again I repeat: heard, heard! - ... because they engaged in pastoral activities. Personally, if you were a bishop - and it goes without saying that my example is a purely academic -, then came to discover that my charge as parish priests not bring the Eucharist to the sick, do not confess, do spiritual direction, do not teach catechism, all because they engaged in pastoral activities ..., esigerei call them and be informed on the spot what are these important pastoral activity of all higher than those who do not perform or worse sometimes delegate to the laity and to the secular; and if you do not give me more than plausible explanations, I think it'll play them as you play bagpipes at Christmas.

.

Most priests have withdrawn from their land to engage in activities far from pastoral, social and political activism to protect the environment, more secular, but mostly secular aggressive, flooded fields that are themselves pastoral land of the priest. It is yesterday, before a qualified theologian, even the priests, sometimes even the bishops themselves did not dare utter a groan, forward the authentic wisdom of a truly wise old theologian, Today however it happens that even the champion of the ignorant of our lay people raise his fist in the air and beat your feet on the ground to move humoral disputes without rhyme or reason to cry … "I do not agree, because I think …», ergo et eziandio "It is right and correct what I think, I feel that I ".

.

All this is a logical consequence that, while the priest in jeans and sweater takes part in the city council meeting where we talk to the refugee problem of environmental pollution or, the pious women go to bring the Eucharist to the sick, teach catechism with no control whatsoever, feature of the parish church as their own terms, establish them Motu Proprio liturgical rules and so on. And if taken before this field the pastor does not adapt, here is that the laity, and in particular secular, make her life miserable and totally unlivable. If then, before pastors similar, come into the parish, the Neocatechumenate, then the priest assumes the role of mere "consecrator of wafers”, and once the Mass has its place of sitting in respectful silence beside the mega-catechist kikiano fell the day before from the scaffolding on which he did all his life a bricklayer, and which he launches one after the other blunders and often real heresy in matters of doctrine and faith, species under the Pneumatology. But woe to tell him anything. First, why do you answer that you are hostile to the Spirit, second, why do you say that what matters is having the Spirit, third, because it is the Spirit who gives the true knowledge, not the study, not the theological culture.

.

This increasingly intolerable arrogance - and I, as a priest, I have never tolerated and I will not tolerate the exercise of my sacred ministry - is a common element is the so-called traditionalists is the so-called progressives. The first, promote collections of referendum signatures against a measure taken personally by the Supreme Pontiff, which as I explained in my previous article is not subject to any human union [cf. WHO]; seconds, drive past balustrades and relegated with a kick in the ass of all the priest, as one among all, They proclaimed - in the name of a never celebrated council and a sick movementism but still tolerated by Giovanni Paolo II - that we are all priests.

.

That army of canonists and theologians improvised which refers to our astute reader Giorgio M.G. Locatelli, I am the product of an ecclesial and ecclesiastical situation now totally degenerate. They are the product of the sons of “imagination to power” and “forbidden to forbid” that after the fall of the Berlin Wall have never been able to mourn and who have transferred in the Church, via translational process, the worst of their ideologies, the worst of their post-communist messianism. All this with a problem of no small importance: They not converted to Catholicism, but they have tried and still try to convert Catholicism Communist messianic ideology of which were orphaned and from which you have never posted; Ideology transferred to educational level on their children, which are now even worse than their parents. And this damaging and dangerous spirit, He has found its outbreak in certain movements, in a particular way in the Neocatechumenal.

.

The discussion on divorced and remarried concerns all of an underlying problem: sex. For if there had been half a sex, all the pre-synodal and post-synodal controversy there would be no, ever!

.

The problem is that this army of poor deranged and unbalanced, fail to grasp and understand is an essential element of the Christian life is the mystery of salvation: we will be judged by God on charity, indicated no coincidence that the Blessed Apostolo Paolo as the most important of the theological virtues in a passage of the Pauline collection which is the heart of Catholic theology, always known as Hymn to Charity, where it advises us:

.

If I speak in the tongues of men and of angels, but have not love, They are as sounding brass, or a tinkling cymbal. And if I have the gift of prophecy, and understand all mysteries and all knowledge;, and if I have all faith, so as to remove mountains, but have not love, I am nothing. And though I bestow all my goods, and though I give my body to be burned, but have not love, I gain nothing. Love is patient, love is kind; It is not envious, It does not brag, not puffed up, no disrespect, does not seek its own interests, non si adira, ignores the evil received, does not rejoice, but rejoices with the truth. It bears, Love believes, It hopes all things, It endures all things. The charity will never end. Are prophecies; the gift of tongues will cease, and will fade science. We know in part and we prophesy. But when that which is perfect, all imperfect disappears. Quand'ero bambino, I spake as a child, I thought as a child, I reasoned like a child. But, He became a man, what was a child I abandoned. For now we see in a mirror, dimly; but then face to face. Now I know imperfectly, but then shall I know perfectly, as I am known. And now these three remain: faith, hope and charity; but the greatest of these is love! [The Cor 13, 1-13]

.

To those that the Holy Father indicates rightly as modern Pharisees, pelagiani, lovers of legalism, or what I call the moral inhuman and as such can never be moral Catholic, escapes an underlying problem: there are many serious sins, indeed serious, much more serious of sins variously linked to sex or the so-called deadly sin of lust, ranging all penalty from waist up. But for them, instead, there are only the sins ranging from the waist down. We are in fact in front of people with human sexuality have a bad relationship, toward sex instead they have a real obsession.

.

As a single person and constrained by choice of living in chastity, I have been repeatedly attacked by terrible hives every time the Lay Lords, with a nauseating lightness and an intolerable complacency, They pronounced as a dogma of faith the phrase: "The divorced and remarried? As long as they live as brother and sister, because then, in that case, can …". And every time these days feel utter the phrase "like brother and sister ', It melts the adrenaline in the blood, both are mindful as a pastor in the care of souls, as a confessor and spiritual director, many live dramas certain families. But above all, I know, I attend and I have daily reports with divorced and remarried who have guaranteed their children the best Catholic education, within authentic Christian families, in which one of the two spouses is rather divorced and remarried civilly second marriage. A Christian spirit that unfortunately is not however in many so-called regular families in which, when the child comes home from catechism, parents say they enjoy among crabbed and despise the opposite of that which was explained to them in the parish, instructing them since children understand that "the priests and all those around the priests, always tell a lot of bischerate». This sentence quotation marks I was told three years ago, during confession, by a teenager that three days later he received the sacrament of Confirmation in the Cathedral of San Gimignano, at which I was just about to confess the next candidates for Confirmation.

.

All the more reason I priest and shepherd of souls care, for the mystery of grace giver of the Sacraments, I have never allowed and will never allow me to point the finger at certain “irregular couples” saying the self-righteous judgment: "As long as you live as brother and sister ', so I am aware, as a confessor and spiritual director, that the worst sins against charity, vanno quasi tutti e di rigore dalla cintura in su e sono commessi da molte persone che vivono situazioni matrimoniali e familiari di fatto e di diritto del tutto conformi e regolari alle leggi canoniche.

.

La mancanza di delicatezza di questi neo-farisei che sentenziano dall’empireo della loro colossale ignoranza teologica e canonica in nome di una dura legge che è la legge umana loro e non la legge divina di Cristo, è per me fonte di dolore e imbarazzo, specie quand’è unita alla presunzione di reputarsi e di sentirsi per questo dei veri e autentici cattolici, dei difensori dell’unica e vera fede.

.

Ma portiamo adesso la cosa sul piano strettamente teologico. Gli indomiti sostenitori del “dogma” «purché vivano come fratello e sorella», si rifanno ad una dichiarazione del Pontifical Council for Legislative Texts [cf. WHO] che non essendo affatto un atto solenne del magistero infallibile ho per questo discussa e legittimamente confutata nel mio precedente articolo [cf. WHO]. Affermazione nella quale è usata come supporto un’espressione paolina che costituisce una enunciazione di principio generale, rivolta come tale al peccato, genericamente, non invece a un preciso singolo peccato:

.

Therefore everyone who unworthily, eats the bread or drinks the cup of the Lord, It will be guilty of the body and blood of the Lord. Each, therefore, examine himself, and so eat of the bread and drink of the cup; For anyone who eats and drinks without discerning the Lord's body, mangia e beve la propria condanna [1 Color 11, 27-29]

.

Dove, il Beato Apostolo fa espresso riferimento ad adulteri e concubini? Egli si riferisce al peccato, forse potrebbe persino rivolgersi a quei numerosi peccati che vanno dalla cintura in su, posto che per l’Apostolo, la regina delle virtù, è la carità; e la carità è variamente legata anche alla sessualità umana, undoubtedly, ma non certo e non solo alla sessualità umana.

.

Posto che questi difensori della vera e sola verità, per elevare a dottrina immutabile della Chiesa, o meglio di vero e proprio dogma di fede una legge ecclesiastica positiva, usano come supporto una affermazione di principio generale del Beato Apostolo Paolo, ritengo che tutti costoro, vale a dire teologi improvvisati e canonisti dell’ultima ora che di blog in blog stanno dibattendo con spietata durezza di cuore su vicende che toccano un tema molto delicato come la famiglia, offrano adesso una risposta tutta quanta teologica e giuridica alla The question che ora porrò a tutti quanti loro.

.

Adottando il loro stesso principio, farò adesso riferimento non ad una affermazione generica come quella del Beato Apostolo Paolo, ma ad una affermazione chiara e precisa rivolta ad un fatto altrettanto chiaro e preciso, pronunciata non da un Apostolo, ma dal Verbo di Dio Incarnato, da Nostro Signore Gesù Cristo, il quale così si esprime:

.

Allora i farisei, ritiratisi, tennero consiglio per vedere di coglierlo in fallo nei suoi discorsi. Mandarono dunque a lui i propri discepoli, con gli erodiani, a dirgli: «Maestro, sappiamo che sei veritiero e insegni la via di Dio secondo verità e non hai soggezione di nessuno perché non guardi in faccia ad alcuno. Dicci dunque il tuo parere: È lecito o no pagare il tributo a Cesare?». but Jesus, conoscendo la loro malizia, replied: «Ipocriti, perché mi tentate? Mostratemi la moneta del tributo». And they brought him a denarius. He asked them: «Di chi è questa immagine e l’iscrizione?». They answered: «Di Cesare». Then he said to them: «Rendete dunque a Cesare quello che è di Cesare e a Dio quello che è di Dio». A queste parole rimasero sorpresi e, lasciatolo, se ne andarono [Mt 22, 15-22].

.

Simply said,: se l’Apostolo Paolo non afferma che concubini e adulteri non devono accedere all’Eucaristia, unless they live like brother and sister, in questo chiaro e preciso brano del Vangelo il Verbo di Dio risponde affermando che a Cesare vanno pagate le tasse, il che implica un chiaro monito: non è lecito non pagare le tasse.

.

Expensesunque abbia studiato la Sacra Scrittura con tutto ciò ch’essa comporta in conoscenze antropologiche e storiche, sa che cosa volesse dire pagare le tasse nell’antica Giudea. Tra le province romane la Giudea era la più tartassata, i tributi erano altissimi; e coloro che non pagavano i tributi, a volte dovevano soggiacere a delle pene che non andavano per il sottile. Nell’ipotesi migliore gli evasori erano fustigati a sangue, altre pagavano direttamente con la vita, ed al fine “pedagogico” di spaventare gli altri evasori erano condannati di tanto in tanto alla pena della crocifissione.

.

Nell’antica Giudea, non arrivavano gli agenti della Guardia di Finanza per stilar verbali e fare multe che spesso, ai giorni nostri, più sono alte e più non vengono pagate. Tutti conosciamo evasori condannati ma da subito a piede libero che ci sfrecciano accanto con le loro autovetture da centomila euro. Ma in Giudea non era così: le tasse non solo erano alte, erano proprio inique; non a caso i giudei chiamavano i romani “affamatori del Popolo”.

.

Now you understand, amanti della morale dura e pura, inamovibili elargitori di sentenze persino verso gli atti dottrinari del Romano Pontefice, nonché assertori del dogma di fede «purché vivano come fratello e sorella», che dinanzi al monito «date a Cesare quel che è di Cesare», noi siamo di fronte ad una vera e propria espressione dogmatica della fede perenne e immutabile, legge divina allo stato puro, non certo di fronte ad una norma di principio riguardante il peccato espressa in linea generale da un Apostolo, perché qui siamo di fronte ad un dogma chiaro e preciso che non ammette discussioni, ed il dogma è il seguente: «Pagare le tasse allo Stato».

.

Già sento a distanza le vostre voci, cari teologi improvvisati e canonisti inamovibili sulla pelle degli altri, ed assieme alle vostre voci odo tutte le vostre ragioni e giustificazioni, che a una a una posso anticiparvi: «Non si possono pagare le tasse a uno Stato la cui tassazione in certi settori arriva al 50%, perché quelle non sono tasse, quello è un furto … è una rapina, come ebbe a dire il Servo di Dio Silvio Berlusconi, per gli amici bunga-bunga, quand’era presidente del consiglio dei ministri». Per seguire poi con la giustificazione basata sul principio che “l’altro e peggiore”, always and rigor, quindi avanti con la litania circa il fatto che «con le tasse noi siamo obbligati a pagare stipendi e pensioni d’oro ai politici … i loro privilegi … le loro auto blu … mentre i poveri pensionati con le pensioni minime muoiono di fame … mentre le famiglie oneste hanno difficoltà a pagare le bollette della luce e del gas …». Ovviamente nessuno di voi, guarderà al positivo delle tasse, per esempio il servizio sanitario nazionale gratuito per tutti, le scuole gratuite per tutti, numerose garanzie di assistenza e via dicendo … no. Dovendovi giustificare elencherete solo le cose negative e se proprio dovrete ammettere che il diritto alla salute e allo studio è gratuito e garantito a tutti, a quel punto seguiterete a giustificarvi dicendo: "And, però la sanità nazionale fa schifo e le scuole pure» … Eh, quanto vi conosco bene, farisei di ieri e di oggi!

.

Signori miei: il dogma è dogma e Cristo Dio è chiaro, preciso e deciso nel dire che a Cesare, le tasse, si pagano e basta. Cristo sapeva benissimo come i maggiorenti del potere romano in Giudea gozzovigliassero e si dessero alla bella vita, mentre i poveri giudei erano spesso affamati; il Verbo di Dio lo sapeva, ma pur sapendolo proclamò questo dogma di fede: «Pagare le tasse allo Stato». E questo dogma è legge divina perenne e immutabile.

.

A questa banda di ipocriti, che dietro il paravento di un non meglio precisato cattolicesimo svuotato di carità e infarcito dei peggiori legalismi, stanno rendendo così pessimo servizio alla Chiesa e alla fede, replico quindi con le stesse parole di Cristo Dio:

.

Così avete annullato la parola di Dio in nome della vostra tradizione. Hypocrites! Well did Isaiah prophesy of you, saying: 'This people honors me with their lips, but their heart is far from me. In vain do they worship me, teaching for doctrines the commandments of men " [cf. Mt 15, 5-9].

.

È facile e comodo entrare nelle camere da letto altrui col dito puntato a sentenziare come nuovo dogma di fede «purché vivano come fratello e sorella». But you, hypocrites ever, that "strain at a gnat 'in other people's bedrooms and then" you swallow a camel " [cf. Mt 23,24], are you ready to accept, make yours and spread as unquestionable dogma of faith: "Give to Caesar what is Caesar ', then pay taxes without a murmur, especially without azzardarvi to say that are high and that are not right?

.

For you see, per me, moralmente parlando, one “zealous” cattolico regolarmente sposato con sua moglie, che non usa mezzi contraccettivi e che si attiene alle prescrizione della morale sessuale, il quale fa poi lavorare in nero nella propria azienda venti lavoratori sottopagati, gran parte dei quali giovani che non possono sposarsi e mettere su famiglia, perché non sanno se il mese successivo avranno ancora il lavoro … per me, moralmente parlando, questo grandissimo peccatore commette un peccato molto peggiore di una coppia di coniugi irregolari che non vivono come fratello e sorella, che vivono una situazione indubbiamente irregolare, ma che all’interno della loropeccaminosacamera da letto non giocano affatto per i propri scopi di lucro e di egoismo sulla vita altrui sfruttando nel peggiore dei modi il bisogno di lavoro di venti persone, con tutti i relativi disagi estesi anche alle famiglie di questi venti lavoratori.

.

E chi ha questioni da sollevare su di me, sia come presbìtero sia come teologo, prenda e mandi pure questo mio testo alla Congregazione per la dottrina della fede, affinché sia da essa esaminata la sua ortodossia teologica e la sua piena conformità alla morale cattolica. E se in questo mio parlare vi fossero errori dottrinari presentati e diffusi da un presbìtero chiamato a custodire e diffondere la fede nel Popolo di Dio ed a tutelare e salvaguardare il patrimonio morale della Chiesa, state certi che quel Dicastero non mancherà di chiedere al mio vescovo che provveda a chiudermi la bocca e ad irrogarmi, se il caso lo richiede, tutte le meritate sanzioni canoniche, anche perché ho dissertato su quello che per molti rappresenta l’origine e il centro dell’intero mistero del male: il sesso e la sessualità umana. Not for nothing, the Blessed Apostle Paul, in un passo dell’epistolario paolino che è il cuore della teologia cattolica, always known as Inno alla Continenza Sessuale, ci raccomanda:

.

And now these three remain: faith, la speranza e la continenza sessuale; ma di tutte più grande è la continenza sessuale! Nella quale tutti vivranno come fratelli e sorelle, pure se ciò dovesse comportare l’estinzione della specie umana. Ma la “morale” dei moralisti disumani sarà salva, e la loro idea di sesso angelico non avrà mai fine.

 

.

.

.

.

.

.

.

About isoladipatmos

39 thoughts on "love joy. SIAT headphones, however, pay taxes, because the payment of taxes is a real dogma of faith

  1. Volevo solo esprimere il fatto che mi trovo a ridere di gusto sulle mie miserie leggendo i testi di padre Ariel .
    Posso solo dire che ho sbagliato nel poter giudicare questioni teologiche da profano. Mi accorgo di saperne molto poco per non dire niente. Così le sue sferzate mi fanno ridere ed il ridere mi fa molto bene perché é come vedere sorridere il Signore sui miei limiti.

    Mi viene voglia di abbracciarvi (io giocherei allegramente a pallone con voi) e vi invito a continuare a prenderci a legnate per il nostro bene!

    Con viva stima

    Alexander

  2. Guardi come ha ridotto il suo cervello la pratica sessuale che lei attivamente compie e che l’ha portata a scrivere tutte queste scemenze ed eresie in merito alla “rule” che persua bontàe quella del Cavalcoli chiamatenorma ecclesiasticariferita al “brother and sister”. Ma lei lo sà che San Paolo cita ifornicatoriquali una delle categorie che non entreranno nel Regno dei Cieli e secondo lei, perchè i divorziati risposati devono vivere, da quella che lei in modo blasfemo irride, it gives “brother and sister” se non per evitare di entrare tra ifornicatori”?

    1. E secondo San Paolo, i duri di cuore chiusi alla grazia di Dio e sprezzanti la carità cristiana, entreranno invece nel Regno dei Cieli?

  3. E chi sono iduri di cuoresecondo San Paolo? She, come bergoglio, hanno scambiato iduri di cuorecon quelli che rispettano e seguono i Comandamenti di Dio ed avete “cleared through customs” i peccatori che i Comandamenti di Dio li tragrediscono. And’ un’inversione diabolica per cui chiamate “the Pharisees” coloro che seguono la Legge di Dio.

    1. Themselves. Bazzorini.

      Lei si ostina a lanciare invettive, but at the same time si ostina a non rispondere assolutamente alla questione teologica ben precisa che in questo articolo è stata sollevata: She, riconosce che «pagare le tasse allo Stato», è un dogma di fede, in quanto legge divina perenne e immutabile enunciata personalmente dal Verbo di Dio Incarnato?

      A questo deve rispondere, se vuole interloquire: deve rispondere a questa precisa questione di alta teologia dogmatica.

      Thanks!

      1. Pagare le tasse allo statonon solo non è un dogma di fede ma attualmente è ingiusto pagarle in quanto sono enormemente elevate e stanno distruggendo l’economia per un piano studiato a tavolino dalla massoneria e dai banchieri centrali in favore della finanza internazionale guidati da ebrei come lei.

        1. Themselves. Bazzorini.

          Prendiamo atto, a conclusione di quanto ella ha scritto, che Cristo si è sbagliato, ed ha dato un comando iniquo poi riportato nel Vangelo [Mt 22, 15-22]

          1. Cristo non si è sbagliato ma ora Cesare stà prendendo molto di più di ciò che gli è dovuto, Chiaro ora?

          2. Excuse me …

            Lei mi sta forse dicendo che l’attuale Cesare è peggio di quello che ieri, nella Giudea, condannava alla fustigazione chi non pagava le tasse, o che a scopo persuasivo condannava alla crocifissione gli evasori per far capire a tutti gli altri che era bene non pensassero neppure di non versare tributi a Cesare? E le risulta forse che l’attuale Cesare, a coloro che non pagano i tributi, tolga i figli e le figlie per venderli al mercato degli schiavi come risarcimento per i tributi non pagati?
            Themselves. Bazzorini, se lei non fosse ridicolo, sarebbe veramente comico.

          3. ed inoltre veda di non fare ilfurbovisto che dovrebbe sapere meglio di mè che i dogmi di fede sono fondati su Verità Divine e Leggi Divine e non su leggi umane come può essere quella di pagare le tasse.

            ____________

            A chiusura di discussione: la Redazione dell’Isola di Patmos prende atto che il Verbo di Dio non aveva chiara la distinzione tra leggi divine e leggi umane. Therefore, ciò che della Sua parola ci fa comodo è “divine law”, ciò che invece non ci fa comodo è “human law”.

          4. Caro il mio dottore della legge Gianluca Bazzorini, uno dei comandamenti è non rubare, e se qualcuno non paga le tasse ruba, allo Stato e a chi le tasse non può evaderle, e questo lo dice un imprenditore (ho un’azienda di famiglia) non un dipendente in preda al rosico.

            Purtroppo lei, da buon dottore della legge, si occupa del peccato della mutandto, ma è disposto ad accondiscendere verso peccati ben più gravi contro il prossimo e contro la Carità di due persone adulte e consenzienti che fanno l’amore.

            Bene ha fatto padre Ariel a mettere alla berlina lei e quelli come lei. La cosa divertente è che magari sareste disposti, mentre giustificate il non pagare le tasse (che è la violazione del comandamento non rubare) a schierarvi a favore di persone di questo tipo http://www.ilsecoloxix.it/p/italia/2014/06/23/ARVJQIs-convivere_novarese_uccidere.shtml

            Di gente come voi si può solo avere compassione.
            Greetings.

            Good day.

  4. Rev.mo e caro Ariel.

    So di poter contare sulla Tua riservatezza e su quella dell’insigne teologo domenicano Padre Giovanni Cavalcoli.

    Non è un mistero che i Vostri scritti abbiano circolato nell’aula durante l’ultimo Sinodo sulla famiglia, in particolare l’intervista riportata su Avvenire di Padre Cavalcoli, e non è un mistero che, per diversi di noi Padri sinodali, siano stati anche spunto di serie e di profonde riflessioni.

    Puoi stare certo (ma questo lo sai!) che nessuno ti chiamerà a dar conto alla Congregazione per la dottrina della fede, in specie per ciò che, in modo sapiente, hai scritto in quest’ultimo articolo.

    Il Padre Cavalcoli, e Tu stesso, avreste dovuto essere in quella nostra assemblea, forse più e forse meglio di altre persone invitate

    Puoi, se Vuoi, pubblicare questo mio commento. Non che io abbia problemi a firmarlo, ma Ti chiedo di omettere il mio nome per un solo motivo: evitare che esso possa essere unicamente oggetto di inutili polemiche, rigorosamente fuori contesto e fuori tema, che non servono assolutamente a niente, perché non servono a capire e non servono a chiarire.

    Ti benedico di cuore.

  5. Ecco che cosa è accaduto
    … my mother (maledetto il giorno che le ho insegnato a usare internet e che per il suo compleanno le ho regalo un ipad!), appena terminata la Messa si è precipitata in sacrestia. My mother, tu l’hai conosciuta, è una donna semplice, una napoletana del popolo tutta cuore, con un cervello che funziona a economia, per evitare che si consumi troppo.
    E questa mattina aveva la faccia sconvolta come quando mi venne a dire: “Si è dimesso il papa!”.
    And then, after, le chiesi scusa, but, at the moment, arrabbiatissimo, le risposi: “possibile che tu non ne capisca mai una giusta?”.
    E con la solita faccia di quel 2013 my says (questa volta con l’ipad acceso in mano): “il tuo amico, Father Ariel, ha dichiarato un nuovo dogma di fede”.
    … “dammi qua!”. E le ho strappato l’ipad di mano.
    Quando mi sono messo a leggere e a ridere, e a ridere, e a rideremia madre ha detto: “ma allora è un dogma scherzoso?”.
    Le ho risposto: “Mother, è scherzoso, ma credimi, è geniale, veramente geniale”.

    1. Con un figlio prete come te, la mia povera mamma, che da anni è ormai in paradiso, avrebbe riso persino quando ormai, sofferente per la malattia fisica, recitava il rosario.
      Ma hai detto tutto quello che andava dettoè scherzoso ma veramente geniale”.
      You are right, veramente geniale.

      1. Granted: quando leggo certi articoli, spero anzitutto di trovare un commento di don Ciro.
        E premesso questo vi dico solidale e concorde: un indubbio colpo di genio, dinanzi al quale le possibilità non sono molte: o tacere, o andare a spaccarsi la testa sul muro.

    2. Cari Confratelli,

      grazie per i vostri eccessi di generosità.
      Ciò che don Ciro non vi ha raccontato è il fatto che sua madre è tale e quale a lui, nel senso che è una fabbrica inesauribile di battute ad alto concentrato di umorismo.

      Ciò che ricordo e che adesso condivido con voi, fu quella mattina del fatidico febbraio 2013, in cui anch’io ricevetti una telefonata da mia madre. Avevo appena accompagnato Jorge, il mio collaboratore, davanti ai cancelli della Lateranense, dove zelante e soprattutto penitente il giovane stava ultimando gli studi teologici, per poi uscire da quel cancello e non rientrarvi mai più.

      Rispondo in macchina (ovviamente in viva-voce!) a mia madre, che senza dirmi ne buongiorno ne altro, mi intima: «Dove sei?». Domanda peraltro non da lei, che mai si permetterebbe di domandarmi dove sono, o meno che mai che cosa sto facendo
      «sono in macchina».
      Ribatte lei: «allora prova ad accendere la radio, qualsiasi, perché tanto ne stanno parlando tutti, radio, televisioni …»
      Domando: «Va bene, ma dimmi che cosa è successo»?
      And she: «Si è dimesso Benedetto XVI».
      Rimango un attimo ammutolito e le rispondo: «Dimmi un po’, dopo tanti anni che hai smesso, per caso hai ricominciato a fumare, buttandoti direttamente al crack anziché alle sigarette?».

      Non dimenticherò mai quella telefonata dietro a San Giovanni in Laterano, quando nel febbraio del 2013 detti della drogata a mia madre.

      1. Io ero invece in montagna con gli scouts, quando mi telefonò mia madre concitata, annunciandomi il fatto. Siccome mia madre soffre di un brutto diabete, in tono perentorio le dissi: misurati immediatamente la glicemia!
        Here, io credo che se ci mettiamo a fare un’indagine, scopriamo chissà quanti preti che, raggiunti dalle loro madri per telefono, hanno dato alle poverette più o meno delle allucinate.

  6. Anche a me fanno molto ridere certe espressioni dei suoi articoli, caro P. Ariel. Grazie perché ci aiuta a riflettere e a tenere il baricentro dritto, un grazie sincero!
    Manuel

  7. «“La mancanza di delicatezza di questi neo-farisei che sentenziano dall’empireo della loro colossale ignoranza teologica e canonica in nome di una dura legge che è la legge umana loro e non la legge divina di Cristo, è per me fonte di dolore e imbarazzo, specie quand’è unita alla presunzione di reputarsi e di sentirsi per questo dei veri e autentici cattolici, dei difensori dell’unica e vera fede»

    Mi scusi ma è stato proprio il Verbo di Dio Incarnato ad affermare: “ciò che Iddio ha congiunto l’uomo non separi” (Mt 19,5-6); “Chiunque ripudia la propria moglie e ne prende un’altra, commits adultery; e chiunque, prende quella che è stata ripudiata dal marito, commette adulterio” (LC 16, 18); e l’Apostolo Paolo così si esprime: “ai coniugati, ordino, not me, ma il Signore, che la moglie non si separi dal marito, e qualora si sia separata, rimanga senza rimaritarsi, o si ricongiunga con suo marito” (1Color 7,10-11). Dunque che l’adulterio e gli atti sessuali compiuti fuori da un valido matrimonio costituiscano peccato grave è di Rivelazione Divina, essendo essi condannati sia nell’Antico che nel Nuovo Testamento per bocca dello stesso Verbo di Dio Incarnato. A questo proposito i neo-farisei sono proprio quelli che oggi come ai tempi di Gesù inventano eccezioni alla regola, ritenendosi probabilmente più buoni e misericordiosi di Cristo stesso che all’adultera disse “va e non peccare più”. Non capisco poi perché mettere in contrasto il sesto e il settimo comandamento: sia l’uno che l’altro dovrebbero essere rispettati. Non è che perché uno afferma di non pagare le tasse allora l’adulterio diventa lecito e cessa di essere un peccato grave. Concludo con una frase di un grande e coraggioso Vescovo cattolico: “Ammettere le coppie in «unione irregolare» alla santa Comunione, permettendo loro di praticare gli atti riservati ai coniugi del matrimonio valido, equivarrebbe all’usurpazione di un potere, che però non compete ad alcuna autorità umana, perché si tratterebbe qui di una pretesa di correggere la stessa Parola di Dio.” A questo link il testo completo dell’intervento di S.E Mons. Athanasius Schneider sull’Esortazione Apostolica Amoris Laetizia (da leggere e meditare)
    http://www.corrispondenzaromana.it/amoris-laetitia-chiarire-per-evitare-una-confusione-generale/

    1. La ringrazio per la sua dotta disquisizione e la ringrazio per avere citato quel sant’uomo del Vescovo Athanasius Schneider, che è Vescovo in quanto in comunione con il Vescovo di Roma, non certo in comunione con se stesso, vale a dire quanto basta per evitare che qualsiasi cattolico possa usare, in modo diretto o indiretto le espressioni di un Vescovo per anteporle a quelle del Vescovo di Roma.

      Now, siccome lei sta commentando un mio articolo nel quale io procedo inizialmente con una analisi storico-sociale-ecclesiale, per seguire con una questione teologica, se vuole commentare questo articolo deve entrare nel merito dello stesso. Se poi vuole usare un articolo per esprimere le sue opinioni, questa è altra cosa.

      La questione che io sollevo, proprio basandomi sull’impianto di ragioni da lei testé addotte, It is the following: “Pagare le tasse allo Stato è una legge positiva divina data dal Verbo di Dio incarnato. Therefore, pagare le tasse allo Stato, è un dogma della fede cattolica”.

      Questa la questione che io ho sollevato, questa è la questione alla quale lei dovrebbe dare risposta usando lo stesso metro di ragioni che usa per dichiarare che è “divine law” il fatto che i divorziati risposati, etc. … etc. …

      In caso contrario rischia solo di parlarsi addosso da se stesso.

      1. Pagare le tasse allo Statoè legge positiva UMANA che Cristo riprende nel brano citato dal Vangelo; “Vivere come fratello e sorellaè Legge Positiva DIVINA discendente dal Comandamento Divino di non fornicare. Il Vescovo Mons Shneider è Vescovo in quanto in Comunione con il Papa Benedetto XVI.

        1. Dear Mr. Bazzorini.

          Le prime due righe le ha scritte il suo “theologian” di fiducia, mentre la seguente invettiva, quella riguardo il Vescovo Athanasius Schneider in comunione con Benedetto XVI, quella l’ha scritta lei.

          Mi faccia capire, o comunque chieda al suo “theologian” di fiducia quanto segue: come mai quando si tratta di malversazioni legate ai soldi, con tutto l’egoismo, the Superbia, l’invidia e l’avarizia che spesso e quasi sempre ad esse è legata, il massimo che si riesce a strapparvi è unlegge positiva umana, pure se ricorronoad eccezione della lussuriatutti quanti i peccati capitali?

          Se uno non paga la giusta mercede all’operaio, è noto e risaputo che commette un peccato reputato a tal punto grave da essere definito dalla dottrina sociale della Chiesa come uno dei peccati gravissimi chegridano vendetta al cospetto di Dio”.

          Ma nulla da farelegge positiva umana.

          But it, se si parla di sesso e di sessualità umana, allora lì entra in gioco la divine law.
          Riferisca allora al suo “theologian”, visto ormai questo nostro parlare per interposta persona, che il Verbo di Dio non si è incarnato e non è morto sulla croce unicamente per redimere:

          1. gli adolescenti che colti da tempeste ormonali si masturbano;
          2. i giovani che hanno rapporti sessuali prima del matrimonio;
          3. i coniugi che usano contraccettivi e pillole anticoncezionali;
          4. i divorziati risposati.

          mentre tutto il resto sono faccende legate alla legge positiva umana.

          E quando Cristo tornerà nella gloria per giudicare i vivi e i morti, non giudicherà:

          1. gli adolescenti che colti da tempeste ormonali si masturbano;
          2. i giovani che hanno rapporti sessuali prima del matrimonio;
          3. i coniugi che usano contraccettivi e pillole anticoncezionali;
          4. i divorziati risposati.

          E tanto meno, Dominiddio, si farà tenere la contabilità delle anime da spedire all’Inferno da coloro che hanno sfruttato il prossimo, che si sono arricchiti sui bisogni altrui, che hanno umiliato e sottopagato i lavoratori e costretto alla sofferenza e al disagio i loro figli e le loro intere famiglie, ai quali dubito conferirà il premio della beatitudine essendo essi venuti solamente meno ad alcunequisquilielegate puramente alla legge positiva umana.

          Le ricordo che i peccati capitali sono sette, ed al primo posto, come regina e auriga di tutti i vizi capitali, non c’è la lussuria, ma c’è la superbia, da sempre considerato il peggiore, il più temibile tra i peccati capitali, il più difficile in assoluto da guarire.

          Se lei si prende cura di studiarsi i trattati di morale ma soprattutto la letteratura dei Santi Padri della Chiesa, apprenderà e scoprirà che è la superbia a rendere totalmente ciechi, not lust. And’ altresì noto e risaputo da sempre che è molto più facile recuperare un lussurioso che un superbo.

          Per questo è difficile recuperare lei, Themselves. Bazzorini, because “unfortunately”, She, non è un lussurioso.

          1. Consiglio non richiesto: se non riesce a far tesoro di quel che padre Ariel le ha detto e spiegato, almeno ci rifletta con cura.
            Lei mostra livore, sprezzo e odio in ogni sua riga. Non è, this, un giudizio temerario nei confronti suoi, ma solo una presa d’atto basata su ciò che lei scrive.
            Lasci stare i divorziati risposati e le loro situazioni di irregolarità e di peccato, perché il suo manifesto peccato di odio, riversato a piene mani sul Papa e su due degni sacerdoti come Cavalcoli e Levi di Gualdo, è peggiore di qualsiasi adulterio. Lei palesa in pubblico peccati più gravi dell’adulterio, pur vantando di fare battaglie contro il peccato altrui.
            Ma da un confessore lei c’è mai andato?

            father Andrea

          2. Perchè allarga il discorso ad altri peccati che io non ho preso in considerazione in quanto ho risposto solo ed unicamente a ciò da lei richiestomi, namely “Non pagare le tasse”?
            Cosa è questa, la sua nuova tattica dialettica? Perchè lei vuole che ilpagamento delle tassesia elevato a dogma di fede? Cosa c’entra ilpagamento delle tasse” with the “vivere da fratello e sorella”? Dovrebbe sapere che ilvivere da fratello e sorellariguarda la natura umana così come è stata decretata da Dio e quindi è legge Divina immodificabile, le risulta che il pagamento delle tasse rientri tra gli aspetti costitutivi della natura umana?

          3. Themselves. Bazzorini.

            first of all, lei si è messo a disquisire con commenti a un mio articolo nel quale io sollevo una fantastica The question dogmatica, giocata su quella che i greci chiamavano iperbole. Pertanto è ovvio, che trattassi il tema delle tasse, fa strutturalmente parte dell’articolo in questione.

            Le confermo che il suo anziano teologo non conosce, oltre alla teologia, neppure il Catechismo della Chiesa Cattolica, I'll explain why:

            «Non rubare» con tutto ciò che questo comando imperativo comporta sul piano della dottrina della fede, è un comando dato da Dio, unless, trattandosi di soldi, lei e il suo teologo non concordiate che il Patriarca Mosè, quando s’è trattato di scrivere «non desiderare la donna d’altri"The"non commettere adulterio», ha capito bene, mentre quando il Creatore gli ha detto «non rubare», ha capito male.

            The questio è pertanto semplice: nel Decalogo, vi sono comandi imperativi legati alla divine law e comandi riconducibili invece solo alla human law?

            Moreover, in my article, io faccio un riferimento preciso alle tasse, cosa che può comportare in sé e di per sé, moralmente parlando, un rubare peggiore di altri generi di furti. Indeed, chi non paga le tasse, non è che sottrae i soldi allo Stato, od ai politici brutti, Dirty and Bad … No, No! Chi non paga le tasse deruba la collettività nazionale intera. Con buona pace degli evasorileggasi ladriche si giustificano dando a credere che loro, non pagando le tasse, non danno soldi allo Stato, o ai politici.

  8. Rev. Father,
    richiamo la Vostra attenzione, Sua e di padre Cavalcoli, su questo articolo:
    http://www.corrispondenzaromana.it/amoris-laetitia-chiarire-per-evitare-una-confusione-generale/
    Il paradosso delle interpretazioni contraddittorie di «Amoris laetitia» secondo
    Mons. Schneider. Poiché troppianche altolocatiinterpretanopro domo propria”.
    And’ proprio così difficile, nei documenti papali, usare il linguaggio evangelico dei piccoli e dei semplici? Non dovrebbe intervenire la Congregazione preposta alla custodia della Dottrina?

    1. Dear Ettore.

      Grazie per la sua segnalazione e il suo quesito a dir poco pertinente.
      Come forse lei ricorderà, at first, poco dopo l’uscita del testo di questa esortazione apostolica post-sinodale, io me ne uscii con un articolo nel quale lamentavo la sua lunghezza, il suo linguaggio a tratti ambiguo, l’eccessivo indugiare sul sociologico e sullo psicologico, etc. … in conclusion, criticai l’impianto strutturale linguistico, seeing, un documento pontificio, è un documento che comunica e che deve comunicare, non è un insieme di opinioni o di trattati di sociologia, etc. …

      But she, da acuto osservatore qual è, avrà invece notato che in quel mio primo articolo, non toccavo, anzi non sfioravo neppure lontanamente la dottrina, perché questa è altra cosa. E quando infatti si è trattato di entrare nello stretto merito dottrinario, io ho scritto e affermato, in altri due successivi articoli, che i documenti pontifici si applicano e basta, not discussed, tanto meno si contestano.

      Il problema iniziale, quello della lunghezza a tratti logorroica e dello stile di linguaggio non felice, può indurre molti a fare pericolosi taglia e cuci tirando fuori dal documento ciò che esso dottrinalmente non contiene affatto.

      This is why, assieme a lei, mi auspico che quanto prima, il competente dicastero, che è la Congregazione per la dottrina della fede, diffonda un documento di una pagina e mezzo precisando in un semplice ed elementare schema quella che è la dottrina contenuta in questo documento e le dottrine già vigenti che questo documento conferma e integra.

      E ancora ribadisco: da subito ho manifestato che la lunghezza, lo stile logorroico e a tratti contorto di quel documento non mi piaceva. Altra cosa, instead, è la dottrina che quel documento contiene.

      1. Scusi eh, Dr.. rev Ariel Gualdo, io non sono addetto ai lavori, ma di cosa sta parlando?Se sappiamo tutti ,correct me if I'm wrong, che il Papa con questo Documento non parla ex cathedra e non cambia nulla sulla dottrina, ma si focalizza sulla pastorale?Quale Dottrina?Lei parla molto, ma poi fa una confusione notevole, altrocheparlarsi addosso e girare intorno al proprio ombelico. meno male che non avendoli, non le ho dato denari a sostegno del blog.Cosialmeno mi daingiustamente dell’avaro e mi crea un merito per il Paradiso.Ma io la prevengo,sperando che rinunciare a un merito ne crei uno maggiore ,Che ne dice?Mi potrebbe illuminare,Please ?

        1. Well.

          Allora prendiamo attoe di ciò tutti quanti la ringraziamoche se non c’è da parte del Sommo Pontefice un pronunciamento infallibile ex cathedra, tutte quante le direttive pastorali, le discipline, le esortazioni e le dichiarazioni, non hanno alcun genere di valore, meno che mai vincolante per i vescovi, Priests, deacons, the faithfuls.

          Thanks.

  9. Testo approfondito e condivisibile, qualche nota marginale:
    bunga è il nome di una antica tribù del Congo nord ovest, dove uno dei nomi di Dio è Kunji, sino a qualche anno fa presente in Tibet come frequente interiezione, vedasi Folco Maraini, e nel nome di uno dei monti sacri in Asia, Hunzakunjila storia attribuita a Berlusconi è un falso
    Pelagio era contro la predestinazione e Agostino organizzò un concilio via il suo segretario OrosioAgostino approva la tortura dei sospettati di frequentare luoghi pagani, dichiara che la penetrazione è conseguenza del peccato originale e che il piacere è stato dato come tentazione da rifiutare
    mi chiedo da un podi tempo quale percentuale di cristiani abbia mai letto il vangelo.. più dell’uno per mille?. una pia donna che porta la comunione non voleva credermi quando dissi che Gesù era ebreo. Ma quando mai un prete dice di leggere il Vangelo?

  10. Caro father Ariel,
    premesso che non sono un teologo e anzi, sono ancora parecchio ignorante, ma cerco di mettere sempre al primo posto la ragione, io non sono d’accordo su alcune cose che ha scritto (in questo ed in altri articoli), in particolare riguardo alla comunione ai divorziati risposati che non vivono come “brother and sister”. Tra l’altro mi pare di aver capito dai suoi scritti, che il Santo Padre non l’ha approvata; sebbene leggendo l’esortazione apostolica mi pareva di leggere (sempre in modo ambiguo) the opposite. Di questo quindi sono contento.

    Ed è giusto che lei si sia soffermato sul fatto che, sebbene l’adulterio e la fornicazione siano dei peccati gravi, esistono anche peccati molto più gravi.

    Detto ciò la devo ringraziare sinceramente perché i Suoi scritti, come quelli del padre Cavalcoli, sono comunque illuminanti e, questi sì illuminati dallo Spirito, mettono quei seri dubbi che fanno bene alla fede e alla ragione e possono rimettere sulla retta via, in particolare in momenti come questo dove il torbido e la nebbia sono molto fitti.

    Gianluca M.

  11. Buongiorno Reverendo P. Ariel,

    sono un laico che ha già commentato su questo sito. Stando ai suoi scritti esiste una parte di cattolici che è ortodossa per quanto riguarda la morale sessuale ma lassista per il resto.

    Appoggiarsi a questo per condannare le loro posizioni in morale sessuale è scorretto. Se non pagano le tasse cambia forse il valore di verità delle proposizioni che enunciano? Io ad esempio sono peccatore e dico che i precetti di Dio vanno osservati tutti.

    Ci sono dei separati e riaccompagnati che danno una buona educazione ai loro figli? Well, quando fanno questo fanno bene, ma fanno male a vivere da separati e riaccompagnati. Ci sono delle persone con una vita sessuale ordinata che insegnano ai figli a disprezzare i ministri di Dio? Well, per la prima cosa fanno bene, per la seconda no.

    Le tasse vanno pagate, non bisogna avere rapporti fuori dal matrimonio, e dubito che vada bene vivere da fratello e sorella.

    1. …e dubito che vada bene vivere da fratello e sorella.

      Giusto per evitare fraintendimenti, volevo dire che dubito della liceità del vivere come fratello e sorella.

  12. Una riflessione autocritica. Emilio qui sopra parla del prete. Quando mai io cristiano conformo il mio agire agli insegnamentiriportati nel Vangeloche Gesù ha rivolto a me e a tutti coloro che dichiariamo di credere in Lui e che dovremmo SEMPRE praticare?
    Mi sovvengono alcuni passi di Luca, 6 (discorso della pianura)
    «Siate misericordiosi come il Padre vostro è misericordioso» (6,36).
    «Non giudicate e non sarete giudicati; non condannate e non sarete condannati; perdonate e sarete perdonati!» (6,37).
    Vorrei dire (e pretenderei di imporre) la mia interpretazione sulla quaestio divorziati risposati, Ecco Gesù mi domanda : “Hector! Perchè guardi la pagliuzza (sin) che è nell’occhio del tuo fratello (divorced remarry) e non ti accorgi della trave (ogni genere di peccato) che è nel tuo occhio?” (6,41) “Come puoi dire al tuo fratello: Permetti che tolga la pagliuzza che è nel tuo occhio, e tu non vedi la trave che è nel tuo? Ipocrita, togli prima la trave dal tuo occhio e allora potrai vederci bene nel togliere la pagliuzza dall’occhio del tuo fratello. “(6,42)

    Ipocrita! Colto in flagranza, taccio,

  13. Poichè nel Decalogo c’è scritto anche di non fornicare, cosa che nel caso dei divorziati risposati avviene in abbondanza a meno che non vivano da fratello e sorella, è naturale conseguenza che i succitati soggetti non accedano alla Comunione in quanto sono in stato di peccato mortale. Quello che mi sfugge è perchè lei, Cavalcoli, Bergoglio e ….compagnia cantante vogliano farli accedere a questo Sacramento contribuendo così ad una profanazione, rischiando la perdita delle anime cheimprudentementeseguano questi falsi maestri….,..e falsi pastori oltre alla morte eterna sua e dei suoi compagni di…..”cantanti”. Semplice no?

  14. Grazie per questa ottima riflessione, Don Ariel. Schietta, need, condivisibile quasi alla virgola.

    Colgo l’occasione per segnalare un’altra forma di grave corruzione morale su cui si tende oltremodo a sorvolare, also (se non soprattutto) negli ambienti ecclesiastici: quella del dipendente pubblico il quale abbia ottenuto un posto di lavorodi fatto una posizione di rendita vitaliziaper via fraudolenta, cioè attraverso un concorso vinto grazie a raccomandazione, cooptazione o nepotismo. È una prassi che, al pari di quella dell’evasione fiscale (e forse persino di più), meriterebbe dure parole di condanna, poiché in molti casi si traduce in un vero e proprio furto dell’esistenza altrui (where is that “altruiè chi quel posto di lavoro, se tutto si fosse svolto in modo onesto, l’avrebbe ottenuto per merito e capacità).

  15. Si può e si deve fare a meno delle spiegazioni di chi usa male S. Tommaso, mettendosi a discutere pretestuosamente sulla maggiore gravità della superbia rispetto alla lussuria, and, dimenticando peròche se si ha uno dei 7, allora si hanno tutti, e quindi ciascuno ha il volto anche degli altri sei.

Leave a Reply