love joy. “Chastity of heretics is more impure adultery”. That great pied piper of the Holy Father Francis brought into the open the mice and their “Theology pant”

The joy of love. "HERETICS OF THE CHASTITY IS MORE IMPURE adultery '. THAT BIG MAGIC PIPER OF THE HOLY FATHER FRANCIS MADE FOR COMING MICE AND THEIR “THEOLOGY OF PANT

.

Catholic morality - unless you want to fall into darker Calvinism and Puritanism more furious - for being such, It must be structured entirely on charity; because Catholic morality is not a railway club, but a path toward the path of salvation. And shots of bar on your lap or on your teeth has never been redeemed none, including those who attacked these moralists call contemptuously "concubines" and "adulterers".

.

.

Authors Ariel S. Levi Gualdo Jorge A. Faccio Lince
Authors
Ariel S. Levi Gualdo
Jorge A. Faccio Lince

.

.

PDF format Print article

.

.

bergoglionate comic
the “playful” blog Bergoglionate, It born from the thirty-year experience of a catechist and the deep devotion of his partner in San Pio da Pietrelcina and St. Josemaria Escriva de Balaguer, two saints that, usually, They spent their time to mock the Roman Pontiff

In a blog whose name is already a program catholicity, given that in deference to the august person of the reigning Pontiff has been called Bergoglionate, He came out yet another attack aimed at John Cavalcoli, this time accused of having manipulated, altered, but mostly it denied that the Blessed Apostle Paul said in his Letters [the text of John Cavalcoli is readable WHO, the accusation text addressed to him WHO].

.

With the two ladies who run this fun blog We had long talks in the past which are also repeated in recent times in which, before the post-synodal apostolic exhortation The joy of love, in the pages of this blog they have been widespread inaccuracies that are primarily hurt writer, then to those, scrabbling around in the electronic network, It takes certain data for good, reading them and then spreading them if anything like word. And the inaccuracies are made particularly serious by the fact that it comes to manipulating the doctrine in order to support "I am right"; and I'm right because the first to utter Bergoglionate It is precisely the Successor of Peter, He accused several times in the recent past writings and published in this blog, to be full of gaps on the Catechism of the Catholic Church, word catechist with thirty years experience.

From the columns of Patmos Island - Through writings that can be shared or not, but they remain materials of undoubted theological dignity -, we have repeatedly explained that it is dangerous to improvise theologians, ecclesiologists, canonists and so, in particular of articulated and complex themes that require a thorough understanding of the whole. If in fact the Church is a body, in certain situations you need to know in all its articulated complexity of the anatomy; that does not mean to have summarily present the skeleton of the human body. And when it becomes necessary to do thorough investigations on the various internal organs of the body, this requires both instruments both specialists can perform ultrasound, tac, encephalograms and so. Unless someone does not intend to treat cancer with metastases by making use of the prodigious recipes with herbs Grandma Pina. We also explained - but it goes without saying: unnecessarily - that certain issues even induce more experienced theologians, smart with, to move on higher prudence. theologians, just by virtue of their wisdom, starting from the humble awareness of the complex delicacy of certain subjects, variously linked to some of the fundamentals of the depositium fidei. The result was that these two copiaincollatrici professional, by confused copy paste They have made huge blunders without head or tail, assembrati together after being taken apart by various acts of the Magisterium and the Catechism of the Catholic Church.

.

It hurts a lot to say, but that adopted against Giovanni Cavalcoli is the same technique by which, Jehovah's Witnesses and the Mormons, They occur in our homes to explain, with scraps of written extrapolated from Sacred Scripture, the Catholic Church and its hierarchy are in grave error and that for centuries have betrayed Christ and the true faith. If we then investigate, we find that these hardworking "evangelizers" come from cultural classes often very low and have a hard time reading the Scriptures for how the penalty should be read and analyzed; but even though they are safe, indeed granitic, in reputarsi depositaries and only faithful interpreters of the one and only Truth Revealed.

.

In recent weeks, at the release of the post-synodal apostolic exhortation love joy, we had to put up with armies of "pious women" and "theologians internetici" improvised who have tried to enter with sling goldsmith inside rooms to read others', concentrating the whole mystery of evil in "Theology pant”, appearing not to know the intricacies of that doctrine and moral who continue to wield as a club, first contravention to the most basic elements of Christian charity. And also in this case - but it should be self, unnecessarily - we have time and again explained that the queen of all the deadly sins is pride, not lust, remains out of the question a cardinal sin, but that is certainly not the first, less than ever that on which govern all other, which it is precisely the pride. And who has experience both as a confessor both spiritual director, You know how much easier it back on course to a lustful superb, If anything, this second, even chaste and pure. How many of these subjects, confessors, They have brought to mind the harsh words spoken by the Holy Father of the Church Bishop Gregory of Nyssa: "Chastity of heretics is more impure adultery '. Because chastity is not a stoic renunciation, but a gift of God's grace. And if we separate chastity by the gift of love to focus on that legalism from “Theology pant” tied around the genital, you can only reach the non-love, or that terrible hardness of heart on which the Holy Father Francis has made repeated and relevant apostolic calls; but especially, pursuing certain streets, you come right into the arms of heresy Origenist and Pelagian heresy.

.

At this point we would like to leave the floor to a woman It equipped with a non-common wisdom. It is one of the women who help always in precious so the apostolic work of the Island of Patmos Fathers, because our precious women are seriously pious, not pie in quotes. Indeed, some religious - like this of the cloistered nuns who follow us and who so pray for the Fathers of the Island of Patmos - are extraordinary female figures through the choice and the gift of chastity really love, and loving teach to love.

.

this woman, Dominican nun, for years of Father John Cavalcoli secretary and his date and our precious adviser, he understood our sorrow at this latest rambling attack directed all'insigne Dominican theologian; attack put up from a "Pious Women" riddled with bad Catechism, and improvident copiaincollatrice, which presumes to deny incorrectly on public agora an academic of unquestionable wisdom and Catholic orthodoxy. Our Dominican nun answered us with his typical kindness, writing these words in private that we believe should be made public and make our:

.

.

Unfortunately, there are none so deaf as those who will not understand. Especially when they are playing very important values ​​and articulated. About marriage, Father John has always before him the example of his parents serene. What about the man-woman relationship he has always tried to emphasize the dignity and complementarity, highlighting the psychological aspects, spiritual, cultural and social. Perhaps the Authors of this article have insufficient knowledge of the Father, John studies and his thought and therefore can easily misinterpret what he says. We know that San Paolo, as other authors of Sacred Scripture, often alternating different expressions, about the woman, expressing also the limitations associated with their culture and scientific knowledge of the time; limits that the Lord has somehow respected and respects. The woman is sometimes seen as the cause of all evil, especially evil seen hidden in sexuality. Other times it is elevated to a symbol of the relationship with God, seen as the soul Spouse. I just can not understand where it resides “scandal” given by Father John, who nevertheless already written a lot about men and women.

.

.

The psychological and spiritual drama of Women Authors This blog belonging to a misunderstood world of so-called "tradition", It is that they believe to live a faith put to the test - because it is the facts that you do the analysis - not even reach the heights and the recognized dignity of the popular faith of the simple; that faith which often, throughout history, It saved in its own way the Catholic thought in the People of God, much more than they have sometimes helped to save the great theologians of history, some of which not infrequently sowers of genuine heresies.

.

The priests, theologians included, are in fact aware that the Holy Church, as Patron, He did not give them or Saint Anselm of Aosta nor St. Thomas Aquinas, but John Vianney, cured at Ars, a brothel of drunkards, thieves, whores and blasphemers. John Vianney became a priest for the skin of our teeth after studying a bit 'of theology with a stick, slow on the uptake, defective in knowledge of Latin and stammering on the lines of the Missal.

.

What we think is right to thank with profound devotion to the Pope Francis is the fact that today, these people, thanks to him that hath been revealed in this providential Pied Piper, [cf. interview 2013 Ariel S. Levi Gualdo, WHO] They have come into the open as the mice of the famous fairy tale of the piper of Hamelin, manifesting all that ignorance leads them to drown in the aggressive pride, but especially in their dramatic closure to listen and then to grace. And here it is worth remembering that grace comes through listening that goes' also paid to those whom the Church has consecrated as their priests, acknowledging in some of them the valiant theologians; and John Cavalcoli is one of these, not because we say, but because he says the Church who has played for was grace in the sacred service of function consacration and teaching.

.

Say: "But I teach catechism to thirty years', then reacting skirting copy paste foolish ignoring what the exegesis of the Holy Scriptures, to attack with the sneer wiseacre a priest and an elderly theologian with the prosecution that he had fallen in modernism and rahneriane drifts, denying seriously half a century of studies and research, What is objectively foolish. Stating this also means then willfully ignore the prices that this eminent theologian has paid for his hard battles carried out against modernism and teologismi Karl Rahner; all with a spirit worthy of the mettle and wisdom of the great Fathers of the Church.

.

A lady who is self-invested of function consacration and teaching the catechist with thirty years experience, which accuses in this way the eminent Dominican theologian from the chair omni-theological blog Bergoglionate, in concrete facts it demonstrates one way to be devoid of common sense of the ridiculous, on the other hand it shows to be sealed to the action of grace, passing by listening to teachers, those recognized and mandated by the Church, is through the sacrament of the sacred order of priesthood is through the grace missio canonical teaching high specialist theology. All, of course, pace of Catechist Lady, that no matter how "strong" the thirty years of experience, It was not covered by the Church or of this office nor of this missio, if not then its manifest “wisdom” that speaks for itself whole between the lines of his rants fanta-doctrinal.

.

Recall the Lady and its partner in Bergoglionate, how many were in the time in which their articles, behind false pretexts of irony, put to shame the Supreme Pontiff, Bishops and Cardinals, in their catechetical judgment unassailable, as borne out by their copy paste, were no Orthodox, or at least out of what should be the truths of faith announced by the Church.

.

Both John Cavalcoli both Ariel S. Levi Gualdo signed several articles in which they criticized, on the strictly theological level, some figures regarded by some as the so-called sacred cows, for example, Cardinal Carlo Maria Martini, just as they did regarding theology of Their Excellencies Rev.me Nunzio Galantino, Bruno Forte and others. But always "attacking" their ideas, ever, their people, let alone with the fake irony. And in various items particularly biting Ariel S. Levi Gualdo, It is clearly expressed and reaffirmed in every way the devotion due to men are and will remain for the mystery of grace custodians of the sacramental fullness of the priesthood; a fullness that there is not ever having been given to the laity who engage in pleasant Bergoglionate.

..

The article written rambling and diffuse against Giovanni Cavalcoli and already mentioned in the first lines of the opening, It is entirely structured on a succession of various songs and passages of scriptural and magisterial texts that were not taken by a correct and scientific theme, but only for the simple fact that within these "bits" are enclosed words that would bring similar concepts; as if they had been caught through indication of specific words on a search engine Google. Therefore, to prove the obvious error of Women Authors, They should be taken one by one all the segments extracted from them and then proceed to their correct contextualization, thereby explaining the true meaning of the text obtained by an articulated context, then explain its true meaning within the complexity of the topic, or if you prefer inside the complex anatomy of the Body which is the Church of which Christ is the head and we are living members [cf. With the 1,18]. But to do this, to the serious theologian, would result in the burden of writing dozens of pages of explanations, What we believe is not worth dealing with people who unfortunately remain closed upstream listening.

.

The most glaring lack of Christian charity exerted by these Authors is the use of terms such as "children of God", "Church", "Working together" and come on saying to follow. Questi termini sono enunciati sempre all’apertura e fungono da preludio a una valanga di citazioni e di esempi attraverso i quali si cerca di porre la persona presa di mira nel ruolo di uno scolaretto privo di adeguata formazione e capacità di discernimento teologico cristiano, che in questo caso è il teologo anziano Giovanni Cavalcoli, da loro criticato, giudicato e infine condannato con la grave accusa di derive moderniste e di rahnerismo.

.

Detto questo passateci adesso alcuni esempi davvero ironici: accusare di modernismo e di deriva rahneriana Giovanni Cavalcoli, equivale ad accusa la Beata Teresa di Calcutta di avere sfruttato la manodopera minorile indiana a fini di lucro; equivale ad accusare San Giovanni Paolo II di essere stato un uomo messo dal Soviet di Mosca sul libro-paga dell’Internazionale Comunista; equivale ad accusare il Servo di Dio Padre Oreste Benzi di sfruttamento della prostituzione minorile … e via dicendo. Per questo ribadiamo che le due socie del benemerito blog Bergoglionate, oltre a non conoscere la dottrina cattolica, sono totalmente prive del comune senso del ridicolo, il problema è che noi ridiamo sulla loro ridicolaggine, ma loro ignorano totalmente di essere ridicole, tanto si sentono paladine lanciate in difesa della vera fede e della vera traditio catholica deturpata dalle eresie moderniste di un teologo come Giovanni Cavalcoli, incapace di fare una esegesi su certi passi del Beato Apostolo Paolo, come lamenta e come bacchetta la solerte catechista con esperienza trentennale tuonando verso l’eminente accademico pontificio.

.

Sovente, le Autrici, fanno uso delle sentenze dell’Aquinate o dei testi dell’Ipponate cercando d’imitare i due Padri della Chiesa nella formulazione delle famose questiones disputatae de veritate. Nel fare questo, in modo grossolano e pedestre, o per così dire casalingo, dimenticano che queste sentenze erano frutto di una speculazione e di un dibattito estremamente rigoroso e specifico che attraverso l’argomentare confuso dei loro testi mostrano invece di non conoscere assolutamente. E dalla evidente mancanza di conoscenza si passa alla ostinata ignoranza che si esprime attraverso la tipica superbia dei neo-intellettuali che con una infarinatura di Catechismo mal compreso, lungi dall’aver faticato per lunghi anni attraverso lo studio e la seria ricerca scientifica, pensano di aver capito tutto e il contrario di tutto con la semplice lettura di un manuale introduttivo o di un libro di pietas popolare dedicato a due giganti come Sant’Agostino d’Ippona e San Tommaso d’Aquino.

.

Vogliate quindi concederci un altro esempio calzante: il tutto equivale alle persone che, all’interno dei propri salotti, sfoggiano l’enciclopedia Treccani e l’opera di Dante Alighieri stampata in preziosi e costosi volumi, ma che non sarebbero mai in grado di fornire una spiegazione elementare, per non dire teologica, a queste due terzine che in rima poetica evidenziano il mistero della Santissima Trinità:

.

Ne la profonda e chiara sussistenza
de l’alto lume parvermi tre giri
di tre colori e d’una contenenza;

e l’un da l’altro come iri da iri
parea reflesso, e ‘l terzo parea foco
che quinci e quindi igualmente si spiri.

.

.

Nel veemente attacco a Giovanni Cavalcoli, le Autrici affermano che prendere un solo brano della Sacra Scrittura e spiegare il suo contesto e senso, può portare alla negazione stessa dell’Autore; detto questo tornano appresso a riaffermare, ma soprattutto a domandare – il tutto sempre attraverso brandelli estrapolati per supportare i loro attacchi – di fare richiamo a dei testi o a degli Autori che abbiano seguita la stessa procedura adottata dal teologo domenicano. Cosa questa in sé impossibile, perché all’interno della Sacra Scrittura esistono, sia nell’Antico che nel Nuovo Testamento, dei brani che sono in sé e di per sé unici, quali ad esempio: the original sin [cf . There 3,1-13; 3, 22-24], il diluvio universale [cf. There 6, 5-9, 17], la vocazione di Samuele [cf. I Sam 3, 1-10. 19-20], l’annuncio dell’Angelo alla Beata Vergine [cf. LC 1, 26-38], la Risurrezione di Cristo Dio [cf. LC 24, 1-12; Mt 28, 1-7; MC 16, 1-7; GV 20, 1-18], the Holy Spirit Pentecost [cf. At 2, 1-11], il dibattito tra i Beati Apostoli Paolo e Pietro ad Antiochia [cf. Maybe 2, 1-2. 7-4]. Therefore, i testi che possono essere presi come “uguali”, sono ben pochi, tanto per chiarire il tutto alla nostra battagliera catechista con esperienza trentennale. Volendo si possono prendere altri testi per dare una maggiore comprensione a un testo che manca di chiarezza propria, ma difficilmente si potrà prendere un altro testo che sia uguale al dialogo avvenuto tra l’Angelo e la Beata Vergine Maria per dimostrare la correttezza delle esegesi sull’Incarnazione del Verbo di Dio. Dunque esiste di fatto questo impedimento a livello esegetico e storico a fronte del quale, fare uno studio e una ricerca di Autori o dei documenti che abbiano fatto questa stessa procedura, conduce inevitabilmente nel complesso mondo degli alti studi teologici specialistici, pertanto si tratta di entrare in materie molto complesse che non sono né conosciute né praticate da tutti. Rivolgere quindi simili domande davvero peregrine, sicure di avere finalmente “incastrato” il “povero” teologo domenicano, ormai novello modernista e rahneriano, sfidandolo a citare passi simili, sarebbe come chiedere a un professore di fisica classica un paragone che sia uguale – per non dire esatto – a quello che c’è nella ricerca di una teoria unitaria tra la fisica delle particelle e l’astrofisica.

.

L’errore più grave nel quale cadono le due indomite copiancollatrici, chiuse a ogni genere di richiamo e di spiegazione, anzi rifiutando le spiegazioni dei teologi specialisti ai quali più e più volte hanno risposto mandando dei brandelli tratti dal Catechismo della Chiesa Cattolica, con invito sarcastico a studiarli e impararli bene, consiste nel fatto ch’esse finiscono col fare un processo all’intenzione del soggetto e alla dignità dell’accusato. E tutto questo non per il bene del “povero” teologo caduto come una pera matura nell’eresia modernista e nel rahnerismo, bensì per il semplice divertimento morboso e malsano di ergersi a giudici. E nel caso di specie stiamo tra l’altro a parlare di giudici elettisi nei concreti fatti tali senza conoscere neppure i rudimenti del Codice di diritto e di procedura penale, ma soprattutto la storia attraverso la quale quel Codice è giunto alla sua formulazione. Le due Autrici compiono a questo modo lo stesso errore di quegli storici dilettanti i quali affermano che la Santa Inquisizione avrebbe … «bruciato milioni di donne accusate di stregoneria» (!?). Mentre tutt’altra è la realtà storica e giuridica: il processo inquisitorio, lungi dall’aver «bruciato milioni di donne», nasce come garanzia di massima tutela per l’imputato, ed un vizio di forma, anche minimo, comportava l’invalidamento ex tunc dell’intera azione processuale.

.

And then, che una delle due copiancollatrici, ad ogni occasione propizia si rifaccia al Santo Dottore della Chiesa Caterina da Siena, a sommo suffragio delle proprie amenità, getta un alone di non lieve inquietudine, a ben considerare che costei, against the other, è pure una Terziaria domenicana! E l’inquietudine è generata dal fatto che costei mostra di non conoscere la figura, la storia ed i testi della celebre domenicana senese; e casomai li avesse letti, allora la cosa è più grave ancora, perché mostra nei concreti fatti di non averli proprio capiti. È presto detto il perché: when, dove e in quale frangente, Caterina Benincasa, ha osato farsi beffa ed ha invitato a prendersi beffa del Romano Pontefice bacchettandolo sulla dottrina e sul suo sommo magistero? Quando, dove e in quale frangente, Caterina Benincasa, con incontenibile spocchia, ha mandato ad Avignone un messaggio nel quale invitava il Romano Pontefice a leggere e studiare bene il Catechismo della Chiesa Cattolica? E soprattutto dove, Caterina Benincasa, scriveva libelli – posto che tra l’altro era analfabeta – nei quali indicava il Sommo Pontefice Urbano VI al pubblico dileggio come Urbanbischero? [ricordiamo che in vernacolo toscano, bischero, equivale in tutto aBergoglione/Bergoglionate]. E strumentalizzare per certi fini e per certe auto-legittimazioni una donna come Caterina Benincasa, equivale all’esercizio della più grave disonestà intellettuale. Per non parlare dell’altra socia della Terziaria, pronta a dichiararsi ad ogni piè sospinto devotissima a San Pio da Pietrelcina ed a San Josemaria Escrivà de Balaguer. No One, a questa secondaPia Donna”, ha mai spiegato quali bastonate le avrebbe dato il primo – e ancora ripeto: bastonate – e quante sberle le avrebbe dato invece il secondo – e ripeto ancora: sberle –, casomai si fosse presentata dinanzi a questi due santi uomini di Dio ed alla loro presenza avesse definito il Romano Pontefice … Bergoglione , place Bergoglione suona come chiaro sinonimo facente rima con c ……?

.

Queste “Pie Donne”, de facto, dinanzi all’attuale Pontefice Regnante che s’è rivelato fuor di dubbio anche destabilizzante e provocatorio, attraverso il loro mal reagire hanno purtroppo mostrato nei fatti concreti una fede immatura, infantile, fatta di tradizioni friabili, di manierismi e di estetismi. È così presto detto: dinanzi ad un Francesco hanno subito mostrato di non reggere, di non avere tutta la grazia degli anticorpi per agire e reagire con quella fede, speranza e carità che non è affatto una filastrocca, perché questi tre pilastri sono le virtù teologali che stanno a fondamento della nostra santa fede [cf I Cor, 13]; e la nostra santa fede si riconosce sia dal pensare, both, above all, dal concreto agire, oltre che dal modo di rapportarsi col prossimo tuo.

.

These people, senza rendersene conto, anche e soprattutto attraverso copy paste di testi di dottrina e di magistero estrapolati dai loro contesti e di rigore non compresi, manifestano di avere racchiuso in sé lo stesso tarlo che rose Martin Lutero; ed il loro approccio con il papato contemporaneo, con la dottrina e la scrittura, è di fatto un approccio tutto quanto luterano. E la morale cattolica – a meno che non si voglia cadere nel calvinismo più cupo e nel puritanesimo più furibondo – per essere tale, It must be structured entirely on charity; because Catholic morality is not a railway club, but a path toward the path of salvation. And shots of bar on your lap or on your teeth has never been redeemed none, including those who attacked these moralists call contemptuously "concubines" and "adulterers". E il problema, incidentally, non è il fatto che esistano sia i concubini sia gli adulteri, i quali ovviamente esistono, bensì che questi due termini siano usati per aggredire e insultare molte persone che, spesso con grande sofferenza e disagio interiore, vivono delle situazioni di cosiddetta irregolarità che vorrebbero invece poter non vivere. Questo il motivo per il quale bisogna distinguere la severità e la ponderata durezza frutto della carità e all’occorrenza suo efficace medicamento e strumento correttivo, dall’aggressione di chi, in modo spietato e senza sentire ragioni, sentenzia con autentica durezza farisaica: «Voi siete concubini e peccatori in stato di indubitabile peccato mortale. E se non vi imprigionate i genitali con la cintura di castità vivendo da fratello e sorella come comanda il supremo dogma di fede contenuto nel n. 84 of Family company, andrete all’inferno, perché così è, and that's!».

.

Questi laici battaglieri, che tra una Bergoglionata e l’altra lanciano veleno e livore sul Romano Pontefice, vivaddio sono venuti tutti allo scoperto coi loro rancori, con le loro fedi infantili e con le loro presunte dottrine granitiche costruite però in verità come case sulla sabbia [cf. Mt 7,21. 24-29]. And tomorrow, di rabbia in rabbia, di livore in livore, con loro grande stupore si sentiranno dire dagli stessi lefebvriani della Fraternità di San Pio X, attraverso una loro decisa e severa presa di distanza: «Il vostro non è un ragionare cattolico e noi con voi non abbiamo nulla a che fare e soprattutto niente da spartire». Is this, i lefebvriani per primi, glielo diranno proprio perché verso di loro, the Holy Father Francis, si è avvicinato come il Capo della Chiesa Cattolica che intende dialogare con dei cattolici, cercando come tale di capirli anziché giudicarli, anche se avrebbe tutta la potestas e volendo tutta la ragione per dare su di loro dei giudizi anche molto severi, considerati i palesi errori che seguitano a permanere tra di essi. E con questo suo agire, The Holy Father, forse sta cercando di insegnarci che a colpi di spranga sulle ginocchia e sui denti è molto improbabile ricondurre dentro l’ovile le pecore. Although, in alcuni frangenti ed in precise situazioni che lo richiedano per il bene loro, non certo per il livore soggettivo del pastore arrabbiato, può essere necessario e soprattutto provvidenziale prendere le pecore anche a colpi di bastone. Ma si tratta appunto di decisioni che competono alla grazia di stato ed alla potestas dei Pastori, non certo delle pecore insolenti con esperienza trentennale di catechiste.

.

Le Signore del ludico blog Bergoglionate, oltre alla grazia dovrebbero avere anche l’onestà intellettuale di firmare i loro articoli, come fanno da sempre i Padri dell’Isola di Patmos, abituati in virtù della loro fede, della loro speranza e della loro carità, ad assumersi dinanzi a Dio e dinanzi agli uomini tutta la responsabilità di ciò che affermano e di ciò che scrivono, in modo particolare quando rivolgono critiche alla altrui dottrina e teologia.

.

E se le due Signore, che da mesi lanciano tuoni e fulmini contro i «concubini» che contravvenendo al sacred dogma di fede del n. 84 of Family company vivono fuori dallo stato di grazia ed in stato di sempiterno peccato mortale, volevano una prova di carità cristiana e di nobile signorilità, da parte nostra l’hanno avuta anche in questo frangente. Indeed, pur conoscendole bene, evitiamo volutamente di indicare i loro nomi. E se le Signore pensano che seguitando a lanciare pietre ed a ritirare la mano, senza presentarsi col loro nome e senza assumersi le loro responsabilità, sia segno di alta dignità cristiana, ebbene in tal caso sappiano che i «concubini» che contravvengono al sacred dogma del n. 84 of Family company, moralmente parlando, peccano meno di loro, in virtù del fatto che, la castità degli eretici, è peggiore dell’adulterio.

.

Parola di teologi cattolici a devoto servizio della Parola di Dio, di cui siamo servitori, non certo arbitrari padroni.

.

.

.

.

.

.

About isoladipatmos

24 thoughts on "love joy. “Chastity of heretics is more impure adultery”. That great pied piper of the Holy Father Francis brought into the open the mice and their “Theology pant”

  1. Articolo come sempre perfetto. Tuttavia penso che una delle cause di questa teologia della mutanda (che io chiamerei con termini meno raffinati), almeno in Italia, sia imputabile anche a quanti pubblicano periodicamente le geremiadi oscene di qualche agiografa da pasticceria, sulla quale lei già si espresse, invitando così una certa frangia femminilbigotta a emularne il tono saccente ed esortativo. Sarebbe interessante studiare questo fenomeno, che trae le proprie radici da un Ratzinger forse mal compreso, passando per le vicende lette più o meno bene dei francescani dell’immacolata, Albenga ecc. fino ad arrivare all’esortazione recente.

  2. dear brother, i complimenti sono superflui ( te li meriti eccome!), quindi molto meglio la condivisione. E ti dico che condivido, visti i richiami da te fatti, come pastore in cura d’anime e confessore.
    Tremendo, questo periodo, nel quale molti laiciimpegnatisono sempre più clericali, dove chi ha studiato un podi catechismo si erge a teologo raffinato, but, above all, dove con quella che tu hai definito più voltedisumanità”, si entra con codicilli e sofismi nellecamere da letto degli altri, camere spesso gravate di tanti drammi che andrebbero più compresi e meno giudicati con simile spocchiosità. Senza niente togliere al peccato e al disordine.
    Credo tu abbia detto tutto con una frase concisa e precisa … “a colpi di spranga sulle gambe e sui denti, non si salva nessuno”.
    E se noi, Priests, senza nulla togliere, I repeat, al peccato e al disordine, try to understand, treat, receive, ecco la … “catechista con esperienza trentennaleche ti da dell’eretico e del traditore della vera dottrina.

  3. ti prego, toglio ogni riferimento alla “Theology pant”, You know … qua a Napoli sono talmente originali, che c’è il caso che qualcuno istituisca una cattedra apposita presso il nostro studio teologico!

  4. Questo tuo solo periodo

    E la morale cattolica – a meno che non si voglia cadere nel calvinismo più cupo e nel puritanesimo più furibondo – per essere tale, It must be structured entirely on charity; because Catholic morality is not a railway club, but a path toward the path of salvation. And shots of bar on your lap or on your teeth has never been redeemed none, including those who attacked these moralists call contemptuously "concubines" and "adulterers". E il problema, incidentally, non è il fatto che esistano sia i concubini sia gli adulteri, i quali ovviamente esistono, bensì che questi due termini siano usati per aggredire e insultare molte persone che, spesso con grande sofferenza e disagio interiore, vivono delle situazioni di cosiddetta irregolarità che vorrebbero invece poter non vivere“.

    è una cattedra di teologia morale!

  5. Finchè non ce l’hanrubatoi liguri, andavo al convento di Bologna a confessarmi una tantum da Padre Giovanni Cavalcoli. Oggi ch’è altrove, continuo ad averlo vicino coi suoi scritti.
    il discorso sarebbe enciclopedico, sicchè non meniamo il can per l’aia: I have 81 year old, entrai in seminario a 11, la bellezza di … 70 years ago.
    Ricordo ancora con terrore (e lo dissi anche a Cavalcoli anni fa) i confessori incontrati quando avevo 15 year old.
    And then, Dio sia lodato, le cose sono cambiate.
    Padre Ariel, hai centrato il problema, con la tua ironia sulla “Theology pant”, che in svariati articoli hai indicata in modo sardonico comecentro dell’intero mistero del male”.
    Che dispiacere ritrovarsi, today, to 81 year old, con il clero che, con tutti i suoi pregi e difetti, è cambiato, e ritrovare però, nella vecchiaia, quei vecchi e terrorizzanti confessori non più nei preti, but … nei laici! Nei laici e, worse, nelle laiche
    Tanti auguri all’Isola e ai suoi Padri.

    Don Elio

    1. dear brother “senior”, i sacerdoti come Te, con la loro storia, esperienza e saggezza, molto rincuorano tanti di noi vicini allamezza età” (chi scrive ha 46 year old).
      E saggiamente hai colpito con una freccia di precisione il cuore del problema: yesterday, erano molti preti, e particolarmente certi confessori, a essere di un rigore sovente perfino imbarazzante, today, instead, sono certi laici che, se cerchiamo di capire e accogliere (e capire e accogliere non vuole dire accettare il peccato e benedirlo) ci ritroviamo, di frequente, a essere bacchettati dai laicie soprattutto dalle laiche cui sfugge un passaggio fondamentale: dobbiamo curare i malati, certainly not the healthy. E non è opportuno, a certi malati, dire in modo aggressivo che sono malati, perché è molto meglio parlare loro della malattia e dei pericoli della malattia, quindi aiutarli, quando e se possibile, a uscirne fuori e a sanarsi.
      Prega per noi.

  6. Padri Cavalcoli e Levi di Gualdo.
    Devo molto ai vostri scritti, in un momento di notevole confusione che aleggia nella chiesa, essi mi hanno riportata sulla retta via, e anche nella mia originaria serenità.
    Se noi donne, dentro la chiesa, perdiamo il nostro ruolo, rischiamo di diventare delle persone molto peggiori degli uomini, because, i ruoli che non sono nostri, ci rendono per natura aggressive e competitive fino all’assurdo.
    Greetings.

  7. Dear Fathers (sia p. John, sia p. Ariel, sia i sacerdoti intervenuti a commento), trovo sempre gli articoli dell’Isola di Patmos improntati ad alcune virtù di cui oggi si sente fin troppo il bisogno:

    la ragionevolezza,
    l'balance,
    wisdom,
    la carità’.

    E percheno anche un sano umorismo piacevolmente ruvido, vero p. Ariel? Ecco il motivo per cui, da laico, ritorno spesso e volentieri sulla Vostra pagina telematica. Ed ogni volta traggo dai Vostri interventi due importanti insegnamenti:

    che prima di scrivere (o di parlare) tentando di pontificare su alcunchè, ho ancora molto da imparare;
    che prima di curarmi delle pagliuzze negli occhi altrui, and’ bene che mi occupi delle travi nei miei.

    Per questo vi dico un sentito “Thanks”.

    P.S. per quanto riguarda lacastità degli ereticinon conoscevo la frase di san Gregorio Nisseno ma la trovo verissima. Penso ad esempio ai catari: astensione dalle carni, digiuni assurdi, castità assoluta, ed il bel ricavato di tutto questo fu una delle piùblasfeme eresie che si possano pensare.

  8. Nella nostra diocesi hanno mandato un amministratore apostolico, and, quanto prima, dovranno nominare il nuovo vescovo, tu che impegni hai …?

  9. Impegnatissimo!
    Sono veramente impegnatissimo a salvarmi l’anima ed a salvare le anime per opera della grazia di Dio.
    E come disse il Padre Filippo Neri al Sommo Pontefice Sisto V che nella vecchiaia voleva elevarlo alla dignità cardinalizia: «Paradiso, Paradiso! No, Holiness, Thanks, preferisco il Paradiso!».

    Comunque non temere, c’è un esercito sempre più fitto di presbìteri che da tempo si sono disimpegnati da questo genere di impegni; e stai certo che uno di questied in specie con i tempi che corronosarà il tuo futuro vescovo. E sarà mediocre quanto basta a non irritare la calma piatta totale che ammorba l’episcopato della tua regione, che come sai conosco alquanto bene.

    Stai certo che a breve ti doneranno l’ennesimo vescovo conforme alle direttive pastorali del Santo Padre Francesco, il quale tra una “periphery existential” e l’altra, avrà i “poor” sempre pronti sulla bocca; e la sua omiletica sarà un tripudio di “refugees” and “inni all’accoglienza”, ignaro che non si può chiamare “hospitality” l’invasione e la colonizzazione da parte dei maomettani dell’Europa ormai scristrianizzata. Dialogherà quindi con i mussulmani dimenticando di essere il pastore dei cristiani, si farà fare un bel pastorale di legno dal falegname e ostenterà una crocetta di legno al collo,

    Si inventerà e racconterà di provenire da una famiglia di contadini, anche se in verità proviene da una famiglia di imprenditori agricoli che guadagnano in un giorno quello che un direttore di banca guadagna in un mese, etc. … etc. …

    Consiglio non richiesto ma in fraternità sacerdotale comunque offerto e del quale puoi fare l’uso che vuoi: più mediocre e più inadatto sarà il vescovo che a breve ti doneranno, più devi portare a lui devoto e filiale rispetto, vedendo sempre e sempre venerando in luial di là della sua miseria e della compiacente piaggeria camaleontica attraverso la quale è giunto all’episcopatoil mistero di Cristo e della Chiesa, di cui il vescovo regge tutte le membra.

    Because these, mio caro Confratello, sono allo stato dei fatti i vescovi che ci stanno regalando, principalmente mediocri e ruffiani, ma comunque sempre vescovi, per grazia di Dio vescovi.

    1. Sorry, father, a question, se poi la imbarazza rispondermi pubblicamente, mi dia una risposta privata, anche in poche parole, perchè vorrei capiree la domanda è questa: ma se quelli come lei si fanno indietro, to us, che cosa ci rimane?
      Thanks!

      1. Dear Stephen.

        Quelli come me non «si fanno indietro», molto semplicemente non si fanno proprio avanti né ci pensano affatto a farsi avanti.
        Mentre a voi rimane Cristo ed il mistero della Chiesa una, holy catholic and apostolic,

  10. Purtroppo il web opera come unventicello rossinianoalimentato dalpassaparola“. La diceria, la voce sovente maligna edita su un blogdi cui spesso sono ignoti autori e curatori e quindi la loro autorevolezza, il rigore nella redazione e selezione dei testi da essi pubblicati, la serietà e l’affidabilità dei commenti e l’accuratezza nella citazione delle fontiviene subito ripresa da altri blog, recepita come buona, a volte riaggiustata e nuovamente rivenduta ad altri comeverità assoluta“. Una sorta di catena, a cascata, piramidale i cui effettimistificatorisi diffondono rapidamente lungo rigagnoli incontrollabili. And’ successo anche in questa occasione.
    Del resto gli indomiti Padri dell’Isola non sfuggono alle regole del mondo, combattono la buona battaglia con i loro articoli, le loro prese di posizione, suscitando tante simpatie e moltissime antipatiema anche grandissima indifferenza.
    Alla lunga distanza, faticosamente, emergerà la “truth” ?

    Che sia una sorta di punizione di Dio: l’ostinazione di voler cavare il sangue dalle rape?
    Ricordo il versetto Luca 18, 27 [Ed. «Le cose impossibili agli uomini son possibili a Dio»]
    Solo l’intervento di Dio può ottenere risultati apprezzabili da chi è palesemente incapace di produrli.

  11. People. Themselves, Hector.
    dalle sue righe traspare la saggezza del laico cattolico, e per noi preti, la possibilità di rapportarci con laici dotati di cristianadocilità” and “ragionevolezza”, è sempre più difficile. Una volta a settimana m’incontro la sera con i tre parroci del mio circondario, oramai è una “tradition”, ceniamo assieme, poi si rimane a parlar tra noi. Non dico che quasi sempre ci piangiamo sulle spalle gli uni gli altri, ma più o meno
    Siano pur date ai preti tutte le colpe, anche grandi, che noi preti abbiamo, ma credete: ritrovarsi a dover lavorare nelle parrocchie con laici che vogliono spadroneggiare e dettar legge, e perfino imporre al prete loro “rules”, “dottrine” the “regole liturgiche”, e che al primo delicato “No, ciò non è possibile a farsi”, si precipitano a strepitar dal vescovo lamentato d’aver sofferto attentati di lesa maestà da parte del parroco, understand well … non è possibile! E non è possibile andar avanti a ‘sta maniera.
    A quel point, Bishop, non ti da torto, ma neanche ragione, and, above all, non da mai torto ai laici, da ragione a tutti e non la da a nessuno, e così cade sempre in piedi, mentre il prete resta come una canna sbattute, ma non dal ventosbattuta dai capricci dell’intoccabile laicato.
    Ciò che lei descrive, può essere trasferito dalla rete telematica a certe realtà parrocchiali, dove le “pie gives” stimmatizzate in questo articolo da p. Ariel, non sono due, ma venti! E tutte in carne e ossa, pronte, alla bisogna, a dar battaglia al parroco che non fa ciò che voglion loro, che non decide ciò che voglion loro, che non dice ciò che voglion loro.
    Rimane per me memorabile, l’articolo suldogma delle tassedi p. Ariel. Memorabile perché, in tutta la prima parte descrive con precisione chirurgica di tipo storico, pastorale e sociale la deriva del laicato legato a certi movimenti, that, a molti noi parroci, spesso han reso la vita nelle parrocchie un inferno.

    [ Ed. http://isoladipatmos.com/amoris-laetitia-siate-casti-pero-pagate-le-tasse-perche-il-pagamento-delle-tasse-e-un-vero-dogma-di-fede/ ]

    I, prete di 58 year old, con i miei modesti studi teologici, 30 anni di ministero sacerdotale, e un podi esperienza pastorale, avanti a un uomo di scienza come il professore domenicano p. John Cavalcoli, mi metterei in ascolto come uno scolaretto, perché m’è chiara la levatura del personaggio. Ma anche con p. Ariel, che ha qualche anno meno di me e ch’è prete da meno di 10 year old, farei lo stesso, consapevole che, nemmeno tra altri 30 anni di ministero, io riuscirei a predicare ai livelli suoi, ancor meno a tener conferenze della sua portata, perchè io non ho la sua cultura, e non ho i doni (charisms) che il Signore ha dato a lui.
    And’ mai possibile che una catechista, in quanto catechista, prenda il fucile da caccia e tiri a raffica su teologi di questa caratura come nel tiro al piccione, per indicar le loro … “eresie moderniste”?
    Yes, è possibile, unfortunately!! And’ possibile perché noi preti siamo usciti fuori dal nostro seminato, e perché i laici, sono usciti, forse anche per molta passata colpa nostra, dal seminato loro. And all this, in modo intelligentissimo e precisissimo, p. Ariel lo ha spiegato in quell’articolo succitato, un articolo che forse, in Rome, non ha letto nessuno, unfortunately !!
    Tutto questo per dirle, People. Themselves. Hector, that often, we priests, siamo proprio costretti, a cercar di cavar fuori sangue dalle rape, as she writes, in fidente attesa che il Signore operi ciò ch’è impossibile all’uomo ( Luca 18,27).

    don Michele L.

    1. Rev. Don Michele, ,
      comprendo benissimo le situazioni,le difficoltà, le mortificazioni del suo ministero. Ella mi insegna che ogni cristiano è chiamato nella vita a portare la croce. Ella sa che Dio non chiede mai un sacrificio superiore alle capacità che ci ha dato. Ella conosce meglio di me:
      Mt 19,27-29 “… E Gesù disse loro: … Chiunque avrà lasciato case, o fratelli, o sorelle, o padre, o madre, o figli, o campi per il mio nome, riceverà cento volte tanto e avrà in eredità la vita eterna.E le parole di S Paolo. 2 Tim 2, 1-13 “… prendi anche tu la tua parte di sofferenze, as a good soldier of Christ Jesus….il Signore certamente ti darà intelligenza per ogni cosa
      2 Color 9, 6-9 ” … chi semina scarsamente, scarsamente raccoglierà e chi semina con larghezza, con larghezza raccoglierà. Ciascuno dia secondo quanto ha deciso nel suo cuore, non con tristezza né per forza, perché Dio ama chi dona con gioia. The rest, Dio ha potere di far abbondare in voi ogni grazia perché, avendo sempre il necessario in tutto, possiate compiere generosamente tutte le opere di bene…”
      Pray for me, per la croce che porto. Io lo farò per Lei.

  12. Il trio Cavalcoli, Ariel e Facio Lince indulgono tropponell’arte dell’autoerotismoper cui non sanno neppure di cosa vanno blaterando. Consiglio ai trepipparidi dedicare maggior tempo alla Preghiera.

    1. Themselves. Bazzorini,
      Welcome back!
      Nessun «auto-erotismo», per la carità divina! Siamo uomini adulti, mica adolescenti.
      In verità noi siamo un trio di donnaioli impenitenti, grazie anche a Padre Giovanni, che è solo un domenicano “di copertura“, perché in verità egli non vive in un convento della Liguria ma in Ucraina, dove gestisce una agenzia internazionale di escort denominataRomagna mia s.r.l“, con sede fiscale a Kiev e con deposito degli utili a Panama, dove Jorge A. Facio Lince provvede a portare i soldi degli utili della Società versandoli in un conto intestato al nome fittizio di Tommy Aquins jr.
      Però non lo dica a nessuno, Please, altrimenti l’Autorità Ecclesiastica ci sospende peep.

      1. Questa mattina/mi son Svegliato/e invece di direbella ciaocome cantava il non-compianto don Gallo, sono andato a consegnare dei certificati in un ufficio della curia di Napoli, un prete e un laico ridevano dentro la stanza davanti al computer. Il prete mi ha chiestohai letto la risposta del tuo amico”? Ho domandato … “but who?” E sul computer mi ha fatto vedere questo botta/risposta.
        You know, dalle nostre parti le cose molto serie non sfuggono mai a nessuno.

      2. Padre Ariel, devo smettere di leggere i suoi commenti e interventi in pubblico, altrimenti finisce che le gente mi prende per pazzo, tanto rido… !! “Romagna mia srl” and “Thomas Aquinas jr“, strepitoso!!

  13. Hello friends, riguardo concubini e adulteri segnalo questo http://www.comunedipignataro.it/?p=28056
    Is this
    Cito dal secondo link http://www.laciviltacattolica.it/it/quaderni/articolo/3461

    Ma che cosa si intendeva nella Chiesa antica per «indissolubilità»? Nei primi secoli essa contrapponeva alla legge civile, che considerava legittimo il ripudio e il divorzio, l’esigenza evangelica di non infrangere il matrimonio e di osservare il precetto del Signore «di non dividere ciò che Dio ha unito». Tuttavia anche al cristiano poteva accadere di fallire nel proprio matrimonio e di passare a una nuova unione; questo peccato, come ogni peccato, non era escluso dalla misericordia di Dio, e la Chiesa aveva e rivendicava il potere di assolverlo. Si trattava proprio dell’applicazione della misericordia e della condiscendenza pastorale, che tiene conto della fragilità e peccaminosità dell’uomo. “.

    In conclusion, pare che nel passato, esattamente come sta succedendo oggi, si fosse assai più cauti nel definire certe situazioni come situazioni permanenti di peccato mortale. Poi c’è stato un inasprimento, ma ciò che sta accadendo oggi non è contrario alla Tradizione, apparently.

    1. Il peccato confessato viene perdonato alla condizione dinon peccare più”. Se uno ruba e confessa il proprio peccato, non vuol dire che da quel momento è autorizzato a rubare! Andare a cercare situazioni, casi particolari non è che può trasformare ciò che è male in bene, Christians , tutti indistintamente, hanno a che fare con il peccato, anche quelli che sembranoincontaminatiper cui in apparenza poco misericordiosi! Non c’è nessuno che possa far passare per bene ciò che è male, nemmeno Dio ( che non può contraddirsi!).

      1. Dear Antonio.

        Se ben capisco, lei vuole tornare indietro alla antica disciplina che regolava questo Sacramento, ossia quando la assoluzione dai peccati poteva essere data una sola volta nella vita e mai più, sulla base dell’ovvio e coerente principio: … will’ e non peccare più.
        but as, the sacraments, non sono stati istituiti per gli spiriti angelici ma per gli uomini che nascono con il peccato originale, la Chiesa rese questo Sacramento ripetibile.
        Vai enon peccare più”, non vuol dire, se ricadi nello stesso peccato, non puoi essere assolto, in quanto peccatore impenitente e recidivo
        But she, sincerely, si rende conto di quello che ha scritto e affermato?

        1. Evidentemente non mi sono espresso bene! So benissimo che anche reiterare lo stesso peccato, ma confessato con le giuste disposizioni , viene perdonato. Ma il proposito di non peccare piu’ and’ ineludibile! Il convincimento di non poter modificare la situazione inficia la giusta disposizione! Se non fosse cosiuna infinitadi peccati non sarebbero piuvinti!

  14. Dear don Ariel, le premetto che seguo molto L’isola di Patmos, e come laico apprezzo molto il suo contenuto. Ma in quest’ultimi tempi noto una sua asprezza nei confronti di chi prova, nella sua limitatezza, a esprimere una sua opinione, ed il fatto che a volte il commento non sia tanto garbato, non condivido il rispondere a tono con termini non direi proprio cristiani: “ che merito hai, non fanno così anche i pagani?”. Non trovo molto elegante rinfacciare la scarsa o inesistente preparazione teologica, faccio presente che il “ sensus populi” ( non so se il latino è corretto) ha tante volte dato origine a dei veri trattati teologici. Il voler a tutti i costi dissertare teologicamente, si cerca la pagliuzza e non si vede la trave, come ad esempio: non è secondario il matrimonio tra due uomini o donne davanti a un sindaco o chi per lui, piuttosto che condannare l’accoppiamento tra due “omo” di cui nessuno più accenna ( per timore, ormai siamo a questo punto!)? La croce che dobbiamo abbracciare è proprio questa: soffrendo vincere le pulsioni, le infermità, e tutto ciò che la condizione umana comporta. E gli uomini religiosi conoscono questa sofferenza più di qualsiasi altro. Non è mia

Leave a Reply