Die geschiedene und verheiratet und jene Theologen, die ausbeuten der “Familienunternehmen” Johannes Paul II

Die Scheidung wieder geheiratet Und die Theologen, die Nutzung sind FRIENDLY PARTNERSHIP SAINT JOHANNES PAUL II

.

Die Familienunternehmen, eben weil sie nur die äußere Forum wirkt, nicht einmal die Frage zu berühren, Charakteristik des Loches intern, dh den Zustand oder den Zustand oder die innere Dynamik der Wille Lebenspartner, wodurch die Tür offen, um die Legitimität der Debatte, die sich in der Synode verlassen, sind, in bestimmten schweren Fällen, gut spezifiziert und detaillierte, mit starken Ausreden, Geschiedene können oder können nicht auf die Sakramente.

.

Autor John Cavalcoli OP
Autor
John Cavalcoli OP

.

. Klopfen

DSCN0393
Ariel S. Levi Gualdo Gesellschaftlich Watchdog eines religiösen Haus Castel Gandolfo. Er birgt besondere Zuneigung für das alte Domini canes Vollblut, dass immer in der Lage, durch moderne unterscheiden Chihuahua Hysterisch …

Bemerkung - Die Väter der’Patmos tun “Kontroverse”, aber ihre “Handwerk”: verteilt und die Lehre und das Lehramt der Kirche zu verteidigen. Bei der Auseinandersetzung über diese Säulen unserer Telematik aktuelle Themen diskutiert, Cavalcoli John und ich habe festgestellt, dass durch die Hardliner weltlichen und selbsternannten Katholiken, die beunruhigende Tendenz, die Politik mit der Theologie zu verwirren angegriffen werden, die wir Perlen Anschuldigungen der Ketzerei, einschließlich Sein modernistischer Häretiker und Lautsprecher der modernen Lehren. Und wie alle die Insider wissen, Modernismus, wie heute mehr denn je der St. Pius X. definiert, Es ist nicht eine einfache Häresie, aber die Synthese aller Ketzereien. Im Folgenden wurde durch Artikel von unterzeichnet, gefolgt’nützliche Dummkopf , die ihre Namen ausgegeben, um die Motivation zu unterstützen, um sie von einem Theologen vorgesehen, il quale poteva procedere in prima persona nell’esporre teorie legittime, che però costituiscono contraddizioni in termini nell’ambito delle discipline dogmatiche, di quelle morali e del sentire pastorale impresso nei principali documenti degli ultimi cinque decenni di magistero. Che dire poi del rigore “Moral” usato in modo tutto politico su temi variamente legati alla delicata sfera della sessualità umana, per opera di soggetti che non mostrano interesse a tenere in considerazione i princìpi di umanità ed i criteri fondanti della carità cristiana, specie di fronte a situazione di sofferenza umana che reclamano sempre attenzione e rispetto, oltre alla ricerca di soluzioni che competono al sapiente ministero della Chiesa, nicht mit den vermeintlichen Ansprüche Geschrei lauter in einem Versuch, in die Sackdogmatischen Lehren ihre Meinungen mutieren “ICH A“. A stören uns sehr wurden geschrieben und Reden in durchdrungen rigorose Selbstgerechten, die den Geist der Ketzerei alten aber immer heimtückischer zeigen: Manichäismus. Das ist der Grund für diese neue Antwort von John Cavalcoli, das bedeutet nicht, beim Namen zu nennen sein Gesprächspartner für den Respekt, den er dazu neigt, die freie Wahl der diejenigen, die beschlossen zu zeigen, durch die Gewährung Attrappe und nicht in Person. Persönlich habe ich diese Gelegenheit nutzen, um Gott zu danken, dass sie mir das Privileg der Freundschaft eines klugen Herrn John Cavalcoli geben nehmen, al quale sono legato in divina parentela fraterna dal Sangue Redentore di Cristo Signore attraverso il Sacro Ordine Sacerdotale.

Ariel S. Levi Gualdo

.

John Cavalcoli im Chor 2
l’accademico pontificio Giovanni Cavalcoli nel coro del convento dei Domini canes

Lieber Bruder.

Rispondo alle tue obiezioni alle mie idee sulla questione dei divorziati risposati. Tu mi addebiti «la falsa teoria secondo la quale la considerazione pastorale e canonica dei divorziati risposati come di fedeli tenuti a uscire dal loro «stato di peccato» sarebbe un errore teologico e un «giudizio temerario». Tu sai benissimo che quella non è una mia opinione ma la dottrina di san Giovanni Paolo II ― Familienunternehmen und Veritatis splendor ―, per di più riguardante il foro esterno e non la coscienza dei singoli (nämlich, il foro interno, wo die Führung und beraten werden, um die Pflege der Beichtvater anvertraut), im Einklang auch mit der traditionellen Lehre von der "Zustand der Gnade" (und im Gegensatz suo, auch in Studien der Moraltheologie von Theologen und Pastoren, wie Kardinal Carlo Caffara kurzem festgestellt,, dass du weißt.

Ich antworte, indem ich Ihnen, dass ich klar sehen, dass Sie mich falsch verstanden und Sie sollten es zu wissen,. Tatsächlich, wenn Sie sorgfältig zu lesen, was ich schrieb, sowie meine bisherigen Arbeiten an 'Patmos, was ich als "Ausschlag Urteil", überhaupt nicht "die pastoralen und kanonischen wegen der wiederverheirateten Geschiedenen treu wie erforderlich ist, um aus ihren zu bekommen" Zustand der Sünde "», sondern der Anspruch von einigen, zu glauben, dass bestimmte Lebenspartner, , dass für den Moment sie nicht aus ihrem Staat unrechtmäßig und ungerechtfertigt bekommen können, Es ist unbedingt in einem permanenten Zustand, inexpiable und unbändigen Todsünde, als ob sie vom freien Willen und Gnade vergebende beraubt wurden nicht existieren. Das ist eine schockierende Urteil derer, die nicht wissen, oder was ist der freie Wille oder was ist die Gnade. Tatsächlich, der Anreiz zur Sünde ist immer noch sin. Der Anreiz kann unerwünscht sein, unvermeidlich und unbesiegbar. Die Sünde ist, anstatt ein Akt würde, vermeidbar und gewinnbar. Sonst, tun, wie Luther, dass die Lust verwechselt, das ist nur Tendenz zu sin oder den Wunsch zu sündigen, mit der Sünde, wodurch unter der Verurteilung des Konzils von Trient fallen.

Aus dieser Ketzerei Luthers so viel Strenge, dass Laxheit. Tatsächlich, wir wissen, Begierde ist unbesiegbar. Die dann die? Sie können Dinge tun: oder pharisäisch und unerbittlich zu beschuldigen sündigen Vollzeit, wie ein verdammten Seele, GMT, für diese einfache Tatsache,, Es ist unter dem Reiz der Wollust. Oder Sie heuchlerisch vom Sündigen entschuldigen, weil er sagt,: "Ich bin nicht zu sündigen, aber es ist die Lust, die mich sündigen macht. Also ich bin nicht schuldig, und ich kann weiter zu sündigen. Gott ist gut und ich verzeiht immer ".

Haushaltsmitglieder mit Sicherheit erforderlich sind,, wenn sie können, um ihre Beziehung zu unterbrechen, denen es eine starke Versuchung für sie und auch weiterhin zu sündigen. Aber diese Unterbrechung nicht immer möglich ist, sogar trotz aller guten Willens, und dies aus Gründen höherer Gewalt und auch für die hinreichende Gründe, wie in bestimmten Sonderfällen komplizierten und komplexen bekannt ist, gegebenenfalls zur Berücksichtigung objektiver Daten nehmen nicht eliminiert werden, beispielsweise das Vorhandensein von Kindern oder Verpflichtungen zivilrechtliche oder wirtschaftliche Vorteile oder Lebenspartner krank. In einem solchen Fall sind die beiden in einem Zustand des Lebens, dass einige Überreste, aber dies bedeutet nicht, dass sie notwendigerweise in einem "Zustand der Sünde" permanent, wenn damit meinen wir den Aufenthalt-Long und freiwillig in Schuld. Tatsächlich, unter der Freigelassenen Willen und Wirken der Gnade, sie können, jederzeit und in jeder Situation oder Bedingung, interne oder externe, aktuelle oder gewöhnlichen, Umwelt- oder psychologischen, rechtliche oder moralische, auch sehr ungünstig, die Schuld Abbrechen und Rückkehr zur Gnade, ohne dass ein Zusammenleben unmöglich, und ohne Unterbrechung von der Praxis des Sakraments der Buße, sie verweigert wurde. Gott, tatsächlich, wie Sie wissen, Es kann auch ohne die Gnade der Sakramente geben.

La Familienunternehmen, eben weil sie nur die äußere Forum wirkt, nicht einmal die Frage zu berühren, Charakteristik des Loches intern, dh den Zustand oder den Zustand oder die innere Dynamik der Wille der Partner, die Tür zu öffnen, um die Legitimität der Debatte, die sich in der Synode so verlassen, sind, in bestimmten schweren Fällen, gut spezifiziert und detaillierte, mit starken Ausreden, Geschiedene können oder können nicht auf die Sakramente.

Johannes Paul II lediglich die bestehende Regel bekräftigt, Ausdruck einer alten Tradition, wenn auch von hohen theologischen Gründen begleitet. Aber seit der Rückstellung wird auf jeden Fall auf dem Dogma gegründet, aber nicht notwendigerweise verbunden damit, Diese Lehre des Papstes sollten nicht als unveränderlich sein, wie sie in der Regel nicht die positiven Regeln, giuridiche e pastorali della Chiesa, senza che ciò comporti un insulto al dogma sul quale si basano. Tatsächlich, un medesimo principio morale può avere diverse applicazioni. Non sarebbe saggio né prudente attaccarsi ostinatamente ad una sola delle possibili applicazioni, per il semplice fatto che essa si fonda su di un valore assoluto, die, Umgekehrt, ammette una pluralità di diverse applicazioni, salvo restando il principio.

Jetzt, il timore di alcuni che un mutamento della disciplina vigente possa intaccare il dogma, è infondato, perché l’attuale normativa non è così connessa al dogma come fosse la conclusione di un sillogismo dimostrativo, dove la premessa sarebbe il dogma; ma la detta normativa ha solo una connessione di Bequemlichkeit col dogma, tale da ammettere anche altre possibili conclusioni. ebenfalls, dal proposto di vivere cristianamente ― valore assoluto ed irrinunciabile ― non discende necessariamente soltanto la vita laicale, als Luther glaubte, ma può scaturire anche la scelta sacerdotale o religiosa.

Così in teologia, tu me lo insegni, il teologo, quando spiega un dogma, non adduce ragioni necessarie del contenuto dogmatico, perché il dogma non si può dimostrare razionalmente, ma avanza motivi di convenienza, che rendono il dogma conciliabile con la ragione, e che ammettono altre possibili spiegazioni. Se invece il dogma si potesse dimostrare razionalmente, non esisterebbe altro che una sola conclusione dimostrativa ― la verità è una sola ―, mentre ogni altra sarebbe falsa. Quindi ci sono consentiti ed anzi possono essere utili la discussione e il contradditorio, aber in gegenseitigem Respekt unserer Meinungen, und zu vermeiden, Verabsolutierung was unsere persönliche Meinung, was belief sich auf "die Lehre der Kirche", als ob das im Gegensatz gegen das Dogma waren. Sonst, wenn der Papst wird entscheiden, die Kommunion wiederverheirateten Geschiedenen geben, was sollen wir sagen? Dass der Papst ein Ketzer? Das ist die Lehre von der Kirche verändert?

.

Varazze, 23 Oktober 2015

.

_______________________________

Klick auf das Logo Inblu Funk, Sie öffnen und hören Sie die Rundfunkinterview am John Cavalcoli getan werden kann 22.10.2015

.

IN BLU LOGO

.

.

.

37 thoughts on "Die geschiedene und verheiratet und jene Theologen, die ausbeuten der “Familienunternehmen” Johannes Paul II

  1. Caro Vater, Pharisäertum ist eine Krankheit so ernst, dass sogar Jesus war in der Lage, Behandlung und Heilung von vielen, die betroffen waren, Nach den Evangelien. Interessant, und verstörend, denn die wahre, was Sie beide unterstützen, Lei e padre Ariel, über das Wiederaufleben des Manichäismus.

    1. Lieber Vater John, ein Sonderfall: una mia parrocchiana sposò in giovane età un uomo che poco dopo risultò unanimaleaggressivo, violento, traditore, ma più di tutto pericoloso. Lei si separò, e tornò a casa dei genitori con il bambino, rimanendo per anni sola, dedicandosi nel tempo libero al volontariato in parrocchia. Poi si diplomò all’istituto superiore di scienze religiose e divenne un’ottima catechista. inzwischen, das kirchliche Gericht, rispose che non c’erano gli elementi per la nullità del matrimonio. Conobbe, und dann, un uomo meraviglioso, rivelatosi ottimo uomo, ottimo marito, ottimo padre, con il quale si sposò civilmente, e dal quale ha avuto un altro figlio. An einem bestimmten Punkt, persone che per la parrocchia, für ältere Menschen und für Kinder haben noch nie ein Tausendstel dessen, was sie im Laufe der Jahre getan hat gemacht, Principiano zu sagen, dass ein geschiedener wieder geheiratet nicht Katechismus lehren. Sie wusste,, und sehr zu meinem Bedauern, Er blieb dabei Katecheten. Vor zwei Jahren, das kirchliche Gericht, implizit anerkannt, dass die Praxis, vorher, Er hatte nicht richtig untersucht worden, und innerhalb von nur 6 Monaten erkannte die Nichtigkeit der Ehe, und eines Morgens um 7.30 an einem Wochentag in Gegenwart von Sonnenlicht 6 Menschen wurden in der Kirche geheiratet.
      Katholiken “für den Fall,” , dass die Armen in den Staat nicht auf den Katechismus lehren, leben fast alle Kinder, geschieden, wieder geheiratet, usw. ..
      Er hat immer weiter um sich für ältere Menschen krank in Schwierigkeiten zu widmen, Erstellen einer Gruppe von hocheffizienten Freiwillige, ma non ha mai più voluto insegnare catechismo. E la parrocchia ha perduto la migliore catechista che aveva.
      In una situazione del genere, seguendo il rigore dei moderni farisei, come parroco, avrei dovuto:

      ein) dirle di tornare con il suo legittimo marito, a prescindere dai rischi e pericoli?
      b) avrei dovuto trattare lei e il marito come concubini in “dauerhaft” Zustand der Todsünde?
      b) avrei dovuto negarle la Comunione?
      c) avrei dovuto estrometterla dall’insegnamento del catechismo?

      Quando mi consultai con il vescovo, lui mi precisò, in forma del tutto privata, che negare la Comunione a una coppia di cristiani così esemplari, sarebbe stata una crudeltà, e preciso: fai in coscienza come ritieni opportuno fare, perché è un caso tutto a sé.

      Ho forse sbagliato e contravvenuto allalegge dei farisei?
      Grazie Padre!

      1. Aggiungo la mia breve testimonianza: ho avuto a che fare nell’arco degli ultimi 10 anni con 5 casi diversi ma del tutto anloghi a quello riportato da don Roberto e di fronte ai quali, con parole diverse ma simili, in modo discreto e privato, mein Bischof, mi dette la stessa risposta.

        P.S.
        Gli attacchi che vi hanno rivolto in questi ultimi giorni, per gli articolo dei padri patmosiani, sono semplicemente vergognosi, ma soprattutto sono conseguenza di una cecità veramente preoccupante.

      2. Alla Legge Divina, lei ha contravvenuto, Don Roberto, non alla ……legge dei farisei. Anche lei come Bergoglio e tanti altri confondono la Legge Divina con quella dei farisei e di questo ne risponderanno.

        1. [ è tornato Gianluca Bazzorini ! ]

          Caro Sig. Bazzorini.

          Forse nessuno l’ha mai informata che il Codice di Diritto Canonico – das bedeutet nicht, eine gewisse Scheidung – Es liefert und regelt aber die Trennung der Ehegatten.

          Kann. 1153 – §1. Wenn ein Ehepartner ist schwer das Wohl der anderen oder beiden geistigen und körperlichen Nachkommen untergraben, oder sonst ist es das gemeinsame Leben macht zu hart, Es gibt dem anderen einen legitimen Grund für die Trennung, durch Dekret des lokalen und auch durch Wahl, wenn Gefahr im Verzug.

          Trennung, die in einigen Fällen, die Hirten in der Seelsorge müssen versuchen und empfehlen, wie oft ich in der internen und externen Forum Forum getan haben; und in so viele Löcher wie ich einige meiner Brüder, objektive Situationen und mit hohem Risiko durchgeführt.

          Die Beschwerde wird eine klare und präzise Anfrage: dinanzi a una donna che dopo il matrimonio ha la sventura di ritrovarsi con un marito adultero, aggressivo, violento e per questo pericoloso nei riguardi della moglie e della sua incolumità fisica, con tutti i gravi danni di carattere psicologico che da ciò possono derivare ai figli, se la prende lei la responsabilità di dirle: «Devi rimanere in tutti i modi con tuo marito e tenertelo com’è»? E pastoralmente, ci dica, come intende confortarla, forse dicendole: «Offri le tue sofferenze per la salvezza delle anime del Purgatorio»?

          Si consulti, Wenn überhaupt, anche col suo teologo di fiducia, poi ci faccia sapere.

          Und’ una domanda precisa che le rivolgo dinanzi al suo infelice commento e la prego di rispondere nel merito.

          1. Caro Vater Ariel. Hai detto tutto quello che c’era da dire e molto meglio di come lo avrei detto io.
            Ciò che di queste persone mi amareggia (e che mi amareggia di coloro che licaricano”), è il danno immane che ci recano. Lassen Sie mich erklären: un soggetto del genere che entro questi termini si qualifica non solo come “Katholisch”, ma come autentico interprete del vero cattolicesimo, può vanificare l’intero lavoro che, semmai per anni, noi sacerdoti abbiamo portato avanti nel tentativo di recuperare persone che si sono allontanate dalla Chiesa, ma che sono aperte comunque al dialogo, a ragionare e, möglicherweise, a tornare sui loro passi. Hier, soggetti di questo genere, können, Manchmal, azzerare anni di nostro lavoro con una sola loro battuta infelice, toccando con essa le sfere più sensibili e spesso dolorose delle persone, quindi allontanandole di nuovo dopo avere confermato la loro opinione, dass “con i cattolici non si ragiona”.

          2. La moglie tradita e fatta oggetto di violenza è legittimo che si separi. Quello che non è secondo la Legge Divina è che questa donna si risposi (civilmente) o conviva a meno che con il nuovo “Begleiter” non viva dafratello e sorella”. Uno tra imiei teologidi fiducia è Mons Livi il quale proprio oggi mi ha fatto sapere di aver rotto i rapporti dottrinali con Padre Cavalcoli per le gravissime affermazioni di quest’ultimo in merito al comunione ai divorziati risposati.
            P.S: per gravissime si intende eretiche

          3. Caro Sig. Bazzorini.

            Se Padre Giovanni Cavalcoli avesse fatto pubbliche affermazioni gravissime, addirittura ereticali, sarebbe stato anzitutto richiamato dal Maestro Generale dell’Ordine dei Frati Predicatori, delle sue affermazioni avrebbero chiesto conto alla Congregazione per la Dottrina della Fede e, ultima ma non certo secondaria cosa, lo avrebbero sicuramente dimesso seduta stante dalla Pontificia Accademia di Teologia, di cui è membro ordinario.

            Le consiglio la lettura della fiaba di Esopo, quella nella quale la volpe, non potendo arrivare all’uva, se ne vain giro dicendo che l’uva è cattiva.

          4. Liebe Väter.
            Io so che voi sapete nuotare, e piuttosto bene.
            Am zweiten Gedanken, sono gli altri che affogano.

          5. Reverend Padri,

            sono un giovane laico e vorrei esprimere il mio forte dissenso per quanto state dicendo.

            Mi sembra che stiate giustificando la donna di cui sopra, per il motivo che “conobbe un uomo meraviglioso, rivelatosi ottimo uomo, ottimo marito, ottimo padre”.
            Il suo cuore lo conosce solo Dio, ma per quanto vediamo lei ha preferito unirsi a un’“ottima persona” piuttosto che stare in grazia di Dio. I presupposti di questa scelta sono pensare:
            1) che questa persona potesse darle un’amore più grande di quello che poteva darle Dio;
            2) che Dio è un avversario e dà una legge nemica dell’uomo.
            Se quest’uomo era così ottimo, e se lei lo amava con vero amore, non ci si sarebbe mai messa insieme mentre era impegnata in un precedente matrimonio (per quanto ne sapeva).
            Le persone “che per la parrocchia, per gli anziani e per i bambini non hanno mai fatto neanche una millesima parte di quello che negli anni ha fatto lei” hanno – per quanto ci è dato vedere – servito Dio meglio di lei, che ha preferito perdere la grazia santificante e rovinare tutto.

            Dire le cose in un certo modo può mandare all’aria il lavoro di anni? Allora ditele nel modo giusto, ma ditele.

          6. John 7,53-8,11

            7,53 E tornarono ciascuno a casa sua.

            8,1 Gesù si avviò allora verso il monte degli Ulivi. 2 Ma all’alba si recò di nuovo nel tempio e tutto il popolo andava da lui ed egli, sedutosi, li ammaestrava. 3 Dann brachten sie eine Frau beim Ehebruch ertappt Schreiber und die Pharisäer und, post es in der Mitte, 4 sagen: "Maestro, diese Frau wurde beim Ehebruch ertappt. 5 jetzt Moses, im Gesetz, Er hat uns geboten, solche Frauen zu steinigen. Was denken Sie,?». 6 Diese sagten, dass sie ihn zu testen und etwas zu haben, ihn zu verklagen. aber Jesus, chinatosi, und nach unten schrieb mit dem Finger auf der Erde.
            7 Und wie sie fortgesetzt, er richtete sich auf und sprach zu ihnen:: „Wer von euch ohne Sünde ist, den ersten Stein auf sie zu werfen ".
            8 Und bückte sich wieder, Er schrieb auf die Erde. 9 Ma quelli, udito ciò, se ne andarono uno per uno, cominciando dai più anziani fino agli ultimi.
            Rimase solo Gesù con la donna là in mezzo. 10 Alzatosi allora Gesù le disse: "Donna, dove sono? Nessuno ti ha condannata?».
            11 Ed essa rispose: «Nessuno, Signore». E Gesù le disse: "Weder ich Sie verurteile; VA’ und von nun an sündige nicht mehr ".

            Un modesto suggerimento: non si attacchi alla frase “werden’ e d’ora in poi non peccare più”, per sostenere il suo “ICH A” anziché la parola di Dio, ma piuttosto si domandi questo: ma Gesù, che cosa scriveva, per terra?
            Non lo sappiamo, a nessuno è forse dato saperlo, ma sicuramente non scriveva ciò che ci ha scritto lei nel suo commento.

          7. Lieber P. Ariel,

            sono peccatore e non scaglio pietre contro nessuno; il giudizio è di Dio e lo darà lui, a me e agli adulteri. Però devo chiamare peccato il peccato, e non mi permetto di presumere quando Dio conceda la grazia all’infuori dei mezzi ordinari.

            Quell’adultera è stata perdonata da Dio che le ha detto sia “neanch’io ti condanno”, che “d’ora in poi non peccare più”. Le assicuro che non lo dico per sostenere il mio “io”, ma se anche lo facessi rimane il fatto che così ha detto il Cristo.

            Mi sembra che tutta l’argomentazione si regga sul sentimentalismo dell’“uomo meraviglioso”. Tanto meraviglioso da venir preferito al Dio vivo?

          8. Lieber Richard.

            Und’ proprio di fronte al peccato che interviene la grazia e la misericordia di Dio, che non segue né le logiche nostre né le logiche dei moralisti duri e puri che agitano la “Schreiben” und das “Gesetz” come fosse una clava. E la misericordia di Dio non ascolta le ragioni, per quanto umanamente ragionevoli, del figlio rimasto fedele a casa con il padre che accoglie in festa il figliol prodigo che s’era dato a ogni dissolutezza, il quale non tornò perchè pentito, ma perché era nel bisogno; il suo pentimento si sviluppa solo dopo, dinanzi alla grande misericordia del padre.

            Offensichtlich, inutile ricordare che, predicando inutilmente alle sabbia del deserto, ho spiegato in tutti i modi nei miei ultimi articoli che quelli variamente legati alla lussuria, Ich bin nicht “il peccato dei peccatie che nel sesso e nella sessualità umana non risiede l’intero mistero del male, perché molti peccati peggiori esistono, anche se non se ne parla affatto.

            Ho indicato, uno a uno, i vezzi e i malvezzi praticati nelle loro vite matrimoniali e sessuali proprio dai più duri paladini della difesa della famiglia e del matrimonio; ma nessuno ha replicato, nessuno mi ha smentito, tutti hanno sorvolato.

            Ho spiegatorigor morale alla manoche un imprenditore che sfrutta in nero 20 lavoratori sottopagati e senza copertura assicurariva, per lucrare sulla loro pelle e sul loro bisogno, commette un peccato molto peggiore di un rapporto pre-matrimoniale o di una scappatella adulterina, che sono e restano peccati, ma molto meno gravi di quello appena raffigurato.

            E nessuno ha risposto, moralische Hand, Ich habe mich geirrt; Zunächst haben weiterhin die Flöhe, um Sex zu tun.

            Alles klar, Lieber Riccardo, sie hat recht: führen ein Sexualleben auf die hinsichtlich aller moralischen Normen ausschließlich der sexuellen Sphäre bezogen markiert, und wird die Seele zu retten, abgesehen von allem anderen, das ist moralisch Sekundär, im Gegenteil, moralisch einfach nicht zählen.

            Dafür, Jesus, nach unten und er schrieb auf die Erde …

          9. Möge der Herr mich zu ihm und all seinen Worten folgen.

            P. Ariel, für mich ist es eine Ehre, in der Lage, mit ihr zu vergleichen, aber ich hätte es vorgezogen, die zu meinen Argumenten reagiert und nicht, dass die Menschen angegriffen haben. Die Menschen, mit denen unter anderem nichts zu tun haben.

            Secondo voi si possono concedere i rapporti extramatrimoniali e l’infedeltà coniugale nel caso in cui il complice sia una persona “meravigliosa”.
            A questo punto se va bene l’uomo “meraviglioso” va bene anche un poco di buono: se una si accontenta di vivere con un poco di buono sono affari suoi, unterlassen sie? E perché i rapporti occasionali no?

            E se lei conoscesse una donna “meravigliosa” con cui farsi una famiglia e generare dei figli, si sentirà legittimato a venir meno ai suoi impegni?

          10. Lieber Richard.

            Qualsiasi rigorismo applicato con rigore matematico rende disumana e immorale la morale.

            Io non le rispondo male, le ho risposto, forse è lei che non vuole proprio capire, da meine Antwort hat sie eine Periode, in der plant, eine Anwendung zu trocknen, bevor der die intercutore wird an der Wand mit vier Nägeln aus seiner Gerissenheit angebracht starten extrapoliert. Typische Haltung, dies, , der sich entschlossen hat, sich gegenseitig gefangen haben, wie sie sagen “in Chestnut”, so dass das Thema eingefangen dall'altrui Scharfsinn versuchen so verzweifelt, als professioneller Sophisten zu zappeln.
            Nicht so, denn es ist komplexer, als Sie “säkular” vorstellen; und ich werde erklären, warum ich sage, “säkular”, da wir in erster Linie die heikelste Disziplin der Sakramente jenen sprechen, dass sie, bis das Gegenteil bewiesen ist nicht leicht, erhält, aber nicht zu verwalten hat.

            Pertanto mi lasci supporre che lei non abbia mai fatto i corsi di istruzione promossi per i confessori dalla Penitenzieria Apostolica, nei quali si parla anche e soprattutto deicasi difficili” und von der “situazioni extra ordinarie”, usw.…
            Mi lasci suppore che lei non abbia mai avuto a che fare con le situazioni, tutt’altro che accademiche, die so genannte “casi morali difficili”, quindi mi lasci infine supporre che lei non abbia mai fatto né il prete, né il direttore spirituale né il confessore.

            E tutto questo lo si capisce proprio dal modo in cui ella pone domande stile … “‘mo ti colgo in castagna”.

            Io mi rifiuto di parlare sia deicasi difficilisia deicasi extra ordinari”, di fronte allo spirito di chi insiste con l’atteggiamento di chi nel fondo afferma: “Sul codice della strada è scritto questo, in einer klaren und präzisen, deshalb?”.

            Lassen Sie uns als Beispiel eine sehr schwere Sünde zu nehmen: Abtreibung, die Absolution von denen würde an sich dem Bischof vorbehalten, sofern nicht anders angegeben Daten oder Behörde an die Justizvollzugsanstalt oder andere Priester und so weiter delegiert.
            Sie wissen, dass es nur sehr komplexen Fällen und in denen besondere, diese Sünde in sich selbst und für sich ernsthafte, Es kann bis in den Rang eines lässliche Sünde gemildert werden, so dass die Person war wirklich und objektiv ohne Willen, vorsätzlicher Zustimmung, aber, vor allem, ohne wirkliche Wahrnehmung des Lebens und was wirklich tat,?

            Befreien sie anzuwenden “Straßenverkehrsordnung” vorgibt mit ihm auf Fragen, die Nagel-Adresse, Ich befreie nicht auf Fragen, die sowohl gesunde Menschenverstand und viel zarter und genaue Analyse der sehr speziellen Fällen benötigen antworten. Und dass diejenigen, die sie gut kennen wie Beichtväter manchmal auf Situationen sehr, sehr hart zu behandeln, , vor dem oft, wiederholt, viele Priester musste das Bekenntnis zu suspendieren, fragen Meinung zu ihrem Bischof, bevor er die Absolution zu dem reuigen.

            Ehebruch vorliegt, und ist eine große Sünde, aber es kann Situationen geben, in denen die Verantwortung der Ehebrecher oder Ehebrecherin verblassen viel für Tatsachen, Umstände und Situationen sehr komplex, im Gegenteil: immer sehr komplex und Strafe. Und ich sage, Ehebruch, wie viele andere Sünden, einschließlich den Mord und so weiter.

            Mit bestimmten Problemen konfrontiert, non si può installare lautovelox e dire poi: il limite era 130, tu stavi andando a 140, quindi sei in torto, ti prendi la multa la paghi e chiusa la questione.
            Nella morale cattolica le cose non funzionano propriamente così e, se così qualcuno pretende di farle funzionare, in tal caso va applicata la saggia massima che «qualsiasi rigorismo applicato con rigore matematico rende disumana e immorale la morale».

          11. Reverend P. Ariel,

            le sue supposizioni sono corrette. Il caso di cui si parlava però era molto diverso dall’esempio dell’aborto, perché quella persona ha intenzione di continuare a vivere così. Vielmehr, non sarebbe da paragonare col caso di una donna che ha abortito, pur con tutte le attenuanti possibili, e dichiarasse di voler abortire nuovamente?

            Le dò l’impressione di volerlo “cogliere in castagna” perché mi sembra di parlare di cose del tutto ovvie. Ma lei mi dice che non lo sono. Per arrivare al nocciolo della questione, mi sembra che l’impossibilità di ammetterla ai sacramenti si fondi su queste questioni:

            ein) il matrimonio non è solvibile;
            b) i rapporti extramatrimoniali, i rapporti adulterini e impegnarsi con un’altra persona essendo sposati sono peccati oggettivi;
            c) non dovremmo permetterci di presumere un’innocenza soggettiva;
            (d)) chi vuole continuare a peccare non può essere assolto validamente;
            und) chi non confessa i peccati mortali non può fare la S. Comunione.

            Vorrei sapere rispetto a quale di queste cose, o ad altre, vuole piegare quello che chiama il “codice della strada”.

          12. Lieber Richard.

            Io proseguo, per le già spiegate ovvie ragioni, a risponderle con dei quesiti basati su esempi pertinenti, allo scopo di provarle che la morale è molto complessa, come lo è l’analisi del peccato con tutte le sue variabili conseguenze che possono rendere lo stesso identico peccato di una gravità tale da compromettere la salute dell’anima, oppure renderlo un peccato veniale, Ich wiederhole: il tutto sullo stesso identico peccato.

            Prendiamo questo suo enunciato: «chi non confessa i peccati mortali non può fare la S. Kommunion '.

            Questa è la sana e santa prassi suggerita e da seguire, aber … ci sono molti però. Beispielsweise: supponiamo che io sia un sacerdote missionario e che mi occupi di una comunità disseminata in vari villaggi delle Ande dove per mesi e mesi c’è la neve che rende impossibile per altrettanti mesi le comunicazioni e gli spostamenti sul territorio. Io sono in stato di peccato mortale, ma non posso però confessarmi prima di due o tre mesi, fino a quanto non saranno ristabilite le comunicazioni e resi possibili gli spostamenti, solo allora potrò incontrare il più vicino confratello che mi assolverà dai peccati.

            Stando a certi rigorilogico morali”, io non potrei fare la Santa Comunione, infolge, per due o tre mesi, non dovrei celebrare la Santa Messa, visto e considerato che il sacerdote non può celebrare la Santa Messa senza fare la Comunione. Il tutto avvisando semmai i fedeli cheSiccome sono in stato di peccato mortale, fino a che non mi sarò confessato non potrò riprendere le celebrazioni”, anche perché lei capisce che, in diesem Fall, essendo in stato di peccato mortale, anziché nutrirmi del cibo di vita eterna mangerei la mia condanna.

          13. Reverend Vater Ariel,

            mi corregga se mi sbaglio, ma mi sembra che quello da lei citato sia uno dei pochi casi in cui il sacerdote possa fare la S. Comunione facendo un atto di contrizione perfetta e posticipando la Confessione.

            Vorrei sapere però a quali principi esattamente si possa fare eccezione in un caso analogo a quello dell’adultera presentato sopra.

            Le dico molto schiettamente che non vedo nessuna possibilità plausibile, ed è proprio per questo che vorrei capire su quali principi si basano le sue affermazioni.

      3. Caro Don Roberto,

        le norme ecclesiastiche sono direttive prudenziali, ispirate a considerazioni di comune saggezza, che discendono certo dalla legge generale carità e ne sono un’applicazione o determinazione nei casi comuni, in settori particolari della vita cristiana, come può essere il rapporto di coppia.

        Queste leggi, dettate dalla prudenza umana della Chiesa, non hanno l’assolutezza e l’indispensabilità delle leggi divine o della legge naturale, per cui possono capitare o ammettere casi eccezionali, nei quali il ministro di Dio, soprattutto se in cura di anime, deve saper valutare se la situazione, che si suppone eccezionale, richieda una decisione ad hoc, magari solo per quel caso, per cui egli può, per non dire deve adottare di sua iniziativa davanti a Dio, sull’esempio di Cristo buon pastore, chiedendo luce allo Spirito Santo, un modo di agire diverso o contrario, e quindi una sospensione della legge.

        In tal caso egli è autorizzato a decidere il da farsi secondo coscienza e prudenza, se questa decisione di scostarsi dal dettato della legge, ha per fine ed ottiene il rispetto di valori essenziali e superiori, quali sono appunto i divini comandamenti, che si riassumono nella legge della carità.

      4. Sinceramente reverendo Don Roberto, non ho capito molto bene il caso da lei proposto. Come ha spiegato Don Ariel al lettore, ovviamente la separazione canonica è prevista e consentita, e nessuno qui può certo sindacarla, Gott bewahre. Posto che dopo la dichiarazione di nullità, il problema non si pone, si evince che lei abbia ammesso ai Sacramenti della Penitenza e dell’Eucaristia la signora poiché evidentemente ebbe ad aderire ad un giudizio in foro interno della predetta che era in qualche modo certa della nullità del precedente matrimonio, anche e persino se vi era stata una pronuncia negativa del tribunale ecclesiastico in merito. I fatti poi le hanno dato ragione. Strano caso, Ich würde sagen, e comunque piuttosto eccezionale. sicher, in presenza di quel dato negativo (del Tribunale che aveva rifiutato la nullità) un altro sacerdote avrebbe potuto rifiutare penitenza e comunione,in assenza di mutamento dei presupposti (Buße). Lei invece ha fatto diversamente,e ci avevavisto giusto”. Ma questo caso molto particolare, gestatten Sie mir, non rileva molto nell’odierna discussione sinodale,ove non si parla di matrimoni nulli, aber “falliti”.E di concedere la Comunione ai divorziati risposati

  2. Quelli che parlano nei toni in cui parlano i “Legen”, e ribadisco ancora “die Laien”, di Riscossa Cristiana e di Corrispondenza Romana, et similia et similia … etc etc … a parte lo spirito impietoso e duro del linguaggio, non hanno proprio la più pallida idea che cosa sia, ad esempio per un sacerdote parroco, il delicato contatto con la concreta, con la reale dimensione pastorale, nei rapporti con i singoli e la comunità dei credenti. Questi personaggi parlano di una chiesa che non esiste, e di una pastorale davanti alla quale impallidirebbe il codice penale di un regime dittatoriale. Das problem, non è quello che certe persone esprimono, ma la confusione che fanno, le anime che disorientano, e anche, vor allem, le accuse che lanciano ai sacerdoti ed ai teologi preparati ed equilibrati come voi.
    Sincera grazie, Vater John.

  3. Hochwürden, quanti problemi sarebbero evitati, se i politologi facessero i politologi e non i teologi, e se i teologi facessero i teologi e non i politologi. E che dispiacere, vedere voi, che fate i teologi, finire gonfiati a bastonate come zampogne di natale!

    1. Gentile Daniela, anche noi abbiamo le nostre colpe: einmal, die Laien, con la sola esclusione di quelli preposti al servizio dell’altare, non potevano oltrepassare lo spazio della balaustra, davanti alla quale si inginocchiavano al momento opportuno per ricevere la Comunione. Ricordo che nel 1975 (Ich hatte 30 anni ed ero prete da 4 Jahre alt), venne il vescovo ad amministrare le cresime nella piccola parrocchia di cui da 2 anni ero parroco, una piccola e caratteristica chiesa di montagna, tenuta dai fedeli come un gioiello, chiesa del ‘400 rifatta all’interno nel ‘700, in uno stile barocco molto sobrio, a navata unica. Il vescovo disse cheandava tolta la balaustra”, da “era un segno di divisione tra presbitero e fedeli”, Und dass “andava voltato l’altare verso il popolo”. Io risposi che, la balaustra, mi avevano insegnato fosse unsegno di rispettoe non unsegno divisorio”, e aggiunsi che era impossibile sostituire l’altare a oriente che con la balaustra formava, nel piccolo presbiterio, un blocco unico di marmo pregiato.
      Due anni dopo fui spostato in una parrocchia più grande, in città, e il mio successore, appena giunto, demolì la balaustra e fece smontare l’altare di marmo, sostituito con unatavola da bar”, come dissero i fedeli. E la chiesa fu irreparabilmente danneggiata, con la gente e il consiglio comunale che protestarono presso il vescovo per quello scempio. Se infatti fosse stato possibile voltare l’altare verso il popolo, senza danneggiare la chiesa, lo avrei fatto io stesso.
      Spesso ho usato l’immagine di quella balaustra per spiegare che è statoabolitoil rispetto, che sono stati abolitii ruoli”. Lo disse il card. Ratzinger prima e poi Benedetto XVI dopo (cito a memoria): “Si sta assisento a una laicizzazione dei chierici e ad una clericalizzazione di laici”.
      Heute habe ich 70 Jahre alt, sono prete da 44, e da sempre sono parroco, e penso di poter dire, con desolazione, che certi fedeli, anche giovani, che giungono in chiesa un giorno alla settimana, ti siimpogono” eigen, sul presbiterio, und, ragazzi e ragazze, di cui io potrei essere nonno, ti vengono a dire cosa vogliono fare loro, e cosa devi fare tu, e come lo devi fare.
      La vera balaustra (che era un segno di rispetto), non era, deshalb, quella visibile, quella in marmo, che volendo poteva anche essere tolta (a patto che ciò non deturpasse la struttura architettonica naturale delle chiese), la vera balaustra era quella invisibile, e quel genere di balaustra, non doveva essere tolto.
      Es ist klar,: tutto questo non ha niente a che fare con il Vaticano II, ma con la sua cattiva applicazione, o con la sua mancata applicazione.

      Don Bruno

      1. Umdrehung. e caro Don Bruno.
        Prendo questa sua risposta, di cui mi sento onorata, come delle perle di saggezza donate a chiunque voglia ascoltare e capire il mondo del reale.
        Un profondo ringraziamento.

  4. “wenn der Papst wird entscheiden, die Kommunion wiederverheirateten Geschiedenen geben, was sollen wir sagen? Dass der Papst ein Ketzer? Das ist die Lehre von der Kirche verändert?”

    Riprendo una osservazione fatta qualche giorno fa, persa per un motivo tecnico, come mi ha spiegato Don Ariel. È ben documentato, in der Geschichte der Kirche, che qualche Papa applicò atti di governo sbagliati (Liberio durante l’eresia ariana), altri avrebbero voluto approvare riforme teologiche che sarebbero state errate (Johannes XXII). Quest’ultimo espresse un’idea erronea sul giudizio delle anime, per tre volte in tre omelie; fu sottoposto alla Santa Inquisizione e ritrattò. Cosa è successo nel frattempo tanto da poter categoricamente escludere questa eventualità?

    A Don Andrea vorrei far presente che chi sta esprimendo critiche non sono solo un paio di siti, né un paio di comunità. Ci sono vescovi e cardinali che hanno evidentemente esperienze pastorali (in ambienti anche molto difficili, come in certi paesi africani) e scritto libri a proposito. Non sta nei fatti voler ridurre tutto a una banda diiper-conservatori”.

    1. Lieber Fabrizio.

      I rarissimi casi nei quali può sorgere il dubbio che il Papa possa avere errato nell’interpretare la Sacra Tradizione, son ben noti agli studiosi seri, e sono stati attentamente vagliati, cosa che lei può verificare consultando una buona storia dei Papi o l’Enciclopedia Cattolica o un buon trattato di Apologetica: non bisogna quindi dare ascolto ai sofismi e alle falsità di modernisti come Hans Küng o di certi tradizionalisti, che non sanno che cosa è la Sacra Tradizione, e che su di essa tendono a fare e seminare confusione.

      Si tratta di casi che, per lo piùcome appunto lei dice -, non toccavano la dottrina, e quindi l’interpretazione della Tradizione, ma il governo della Chiesa, dove certamente il Papa non è infallibile.

      Quanto a Giovanni XXII, fu effettivamente un caso di errore dottrinale, ma che egli sostenne non come Papa, ossia maestro della fede, ma come dottore privatdie, dove anche il Papa può sbagliare. E del resto si ritrattò.

  5. In meiner bescheidenen Meinung, del tutto personale e soggettivo, e che come tale esprimo, penso che nessuno, in queste ultime settimane difuoco sinodale” (reso fuoco all’esterno e dall’esterno), abbia fatto il servizio che avete fatto voi con i vostri articoli equilibrati, illuminanti e soprattutto pieni di tanto buon senso cristiano.
    e di questo non penso d’esser l’unico a ringraziarvi.

  6. Il Sinodo è giunto alla conclusione. Meno eclatante del previsto.
    Della vexata quaestio si parla solo ai paragrafi 84,85 und 86, senza mai citare la parola Comunione.
    Sulla carta, apparentemente, nulla di cambiato, rispetto agli insegnamenti di San Giovanni Paolo II e di Benedetto XVI, Nel confessionale, con lungimirante prudenza, il sacerdote aiuterà il penitente a discernere esaminando in rassegna la propria vita e a consigliarlo per fargli ritrovare lasalutem animae suae”, la pace con Dio, über, Wahrheit und das Leben. Giustappunto quanto professiamo, pentimento, misericordia e perdono per i peccati nostri e dei nostri fratelli, e come dovremmo implorare nelle nostre preghiere affidandoci all’intercessione di Maria, Refugium peccatorum, Consolatrix afflictorum,

    1. Caro Giacarlo.

      Le faccio capire subito ripetendo quanto già detto: nessuno ha ragione, nessuno ha torto, nessuno ha vinto e nessuno ha perso, anche perché non sono queste questioni di vincita o perdita, ragione o torto.
      Per adesso nulla è stato in alcun modo corretto o modificato dell’attuale prassi che resta quella, tale e quale, a meno che il Santo Padre, nella sua Esortazione Apostolica, che è tutta quanta da scrivere, non decida diversamente.

  7. Se nel pensiero di padre Cavalcoli la eventuale concessione della comunione ai divorziati risposati dovrebbe essere comunque vincolata alla previa confessione, si potrebbe parlare di un ipoteticoaccesso alla confessionecome sinonimo diaccesso alla comunione” – forse sarebbe meno irritante per molti che leggono, e quindi potrebbe aiutare a capire (posto che l’irritazione ostacola la riflessione).

    1. Liebe Andrea.

      Secondo le norme generali della Chiesa, la Confessione è condizione necessaria per fare la Comunione, se il soggetto si trova in uno stato di peccato mortale.

      Nelle condizioni ordinarie di una normale vita cristiana, il peccato mortale può essere evitato anche per lungo tempo. Restano invece i peccati veniali, che sono frequenti ed inevitabili. Jedoch, possono essere tolti anche con atti penitenziali personali, anche senza la previa Confessione.

      Sowieso, la Chiesa approva e consiglia la Confessione frequente, anche se vi sono solo peccati veniali. Der andere Teil, anche una Comunione ben fatta è sufficiente a togliere i peccati veniali.

      Questa regola comune potrebbe essere estesa anche ai divorziati risposati, una volta che il Papa decida di accordar loro i sacramenti.

      Si parla solo diComunione” Für diese Paare, in quanto la Comunione, che è comunione sacramentale con Dio e con i fratelli, comunione con la Chiesa, wie das Wort, corrisponde al vertice ed alla pienezza della vita di grazia: Quelle und Höhepunkt des ganzen christlichen Lebens,, sagt das Zweite Vatikanische Konzil.

      Ma è chiaro che, se la coppia è ammessa alla Comunione, è perchè è ammessa alla Confessione.

      Jedoch, parlare della Confessione da sola non è così chiaro come parlare della sola Comunione, perchè questa suppone quella, ma quella non dice ancora necessariamente questa, benchè quella abbia per fine questa.

      La concessione dei sacramenti a queste coppie sembra d’altra parte poter offrir loro un notevole vantaggio, così come un aumento di supporto terapeutico risulta utile nei casi di frequenti cadute in un certo stato morboso. Non per nulla la teologia morale tradizionale parla di grazia sanante o medicinale.

      Proprio perchè la coppia si trova in una situazione pericolosa, c’è da immaginare che essa possa cadere spesso nel peccato mortale, sicchè il soccorso di un supplemento di grazia può difenderla di più dal peccato.

      Il che naturalmente non dispenserebbe la coppia dal dovere di rafforzare l’impegno morale, evitando quella sottile forma di tentazione d Dio che conduce gettarsi nel precipizio con la vana speranza nell’aiuto divino.

  8. Umdrehung. Vater,
    avevo già segnalato gli scritti sul tema di Padre Michelet, discorde nelle posizioni , ora Magister ne propone un nuovo.

    Sinodo discorde. Verso uno “facto-Spaltung” in der Kirche?
    Il teologo domenicano Thomas Michelet mette a nudo le ambiguità del testo sinodale. Che non ha fatto unità ma ha coperto le divisioni. Il conflitto traermeneutica della continuità” und “ermeneutica della rottura”. Il dilemma di Francesco

    http://chiesa.espresso.repubblica.it/articolo/1351170

Lassen Sie eine Antwort