Dalle vocazioni adulte alla questua …

DALLE VOCAZIONI ADULTE ALLA QUESTUA …

.

L’Isola di Patmos ha sempre camminato sul filo del rasoio, sino a oggi senza mai tagliarsi, preghiamo, speriamo e confidiamo che i nostri cari Lettori ci aiutino a non tagliarci …

.

.

Autore Padre Ariel
Autore
Ariel S. Levi di Gualdo

.

.

Le vocazioni adulte al sacerdozio portano ricchezza e utilità all’interno della Chiesa. Tutti i miei confratelli giunti al Sacro Ordine in età adulta, spesso si sono rivelati nella pratica pastorale molto attenti, avendo avuto una vita vissuta pregressa e tutte le esperienze che talvolta ne conseguono. Gli adulti che diventano sacerdoti, o sono ottimi presbìteri motivati nella fede, o sono degli immani disastri. Personalmente non ho mai conosciuto vie di mezzo né ho avuto mai modo di riscontrare nelle vocazioni adulte l’elemento della serena mediocrità: o sono aquile, o sono polli.

vocazioni adulte 1
nel 2015 sono ordinati a Torino 5 nuovi diaconi in età compresa tra i 37 ed i 50 anni. Nella foto a sinistra Riccardo Florio  [vedere servizio QUI, QUI, QUI]

Numerosi i santi nati da vocazioni adulte, basti citare due grandi educatori del XVI secolo: San Filippo Neri e Sant’Ignazio di Loyola, rispettivamente consacrati sacerdoti a 37 anni il primo ed a 46 anni il secondo.

Dalle vocazioni adulte emerge anche un’altra caratteristica: la mancanza di bramosia di conseguire posti di prestigio in seno alla Chiesa o di fare carriera nel mondo ecclesiastico o accademico. L’adulto divenuto sacerdote aveva infatti una vita già avviata e, tutto sommato, non pochi avrebbero avuto varie possibilità allettanti — taluni persino notevoli — di fare brillanti carriere nel mondo; non pochi le avevano pure cominciate con successo, prima di lasciare tutto e seguire Cristo attraverso una scelta di vita radicale.

vocazioni adulte 2
un gruppo di uomini candidati al sacerdozio in età adulta [vedere servizio QUI]

Quanti provengono da simili esperienze, difficilmente andranno a scocciare il loro Vescovo per essere mandati alla Pontificia Accademia Ecclesiastica, altrettanto difficilmente si metteranno in lizza, od a fare guerra agli altri preti per essere nominati rettori della chiesa cattedrale, o vicari generali. A meno che qualche Vescovo scellerato affamato di preti non si metta ad accettare come candidati ai sacri ordini dei quarantenni che dopo una vita di fallimenti umani, professionali e sentimentali, non sapendo più dove battere la testa scelgono come ultima spiaggia il sacerdozio. Di solito, però, neppure un soggetto sapiente e prudente come il vescovo prenestino S.E. Mons. Domenico Sigalini, noto per aver dato il riconoscimento canonico diocesano persino a fantomatiche congregazione che paiono uscite fuori dai cartoni animati della Famiglia Simpson, accoglierebbe mai di simili soggetti, perché per loro stessa natura non sono formabili e soprattutto non sono gestibili, posto che formare e gestire un adulto è cosa parecchio difficile che richiedere sempre e di prassi dei formatori molto particolari, per non dire dei santi.

Ricordo sempre con vivo affetto uno dei miei primi formatori, anch’esso vocazione adulta al sacerdozio, che pur non avendo mai fatto un solo giorno di seminario  — avendo avuto per la sua età altro genere di formazione al di fuori del seminario —, appena divenuto sacerdote fu nominato rettore del seminario arcivescovile della sua diocesi, dove per vent’anni svolse uno splendido ministero di cui tutt’oggi una Chiesa particolare intera conserva devoto ricordo [cf. QUI].

vocazioni adulte 3
Pino Conforti, riceve il Sacro Ordine a Roma dal Santo Padre Francesco a 44 anni [servizio QUI, QUI, QUI]

Uno dei limiti che ho potuto riscontrare nelle vocazioni adulte è l’incapacità di chiedere soldi. E io che pure non sono mai arrossito nel corso della mia vita, manco dinanzi alle cose più imbarazzanti, di quelle che avrebbero potuto portare altri miei confratelli a stati di choc, ho provato invece tremore quando agli inizi del sacro ministero mi sono sentito rivolgere da alcuni fedeli quesiti del tipo: «Quanto devo lasciare per la celebrazione della Messa per i miei defunti?». E io: «Niente!». E detto ciò mi dileguavo imbarazzato.

Chiunque abbia vissuto un periodo più o meno lungo della sua vita producendo attraverso il proprio lavoro o beneficiando dei beni suoi o della propria famiglia, non è abituato a chiedere quella che di fatto è l’elemosina. Per imparare l’arte della questua bisogna essere entrati in un seminario da giovani, essersi cibati alla mensa e abbeverati alle fonti sorgive del clericalismo; bisogna avere imparato a portare i jeans e le scarpe da ginnastica per dare l’illusione — non si sa bene a chi! — di non essere clericali. E ciò al contrario del sottoscritto che porta invece la sua veste talare tutti i giorni, non ultimo proprio per mostrare il suo viscerale anticlericalismo verso il peggio dei nuovi clericali, che sono appunto i pretini trendy in jeans e scarpe da ginnastica, detti anche “trasformisti” o “camaleonti”.

vocazioni adulte 3
Luigi D’Arco (a destra) e Gino Calamai (a sinistra), ordinati sacerdoti a Prato alle rispettive età di 62 e 47 anni [servizio, QUI]

Quando mia madre mi ha chiesto cosa poteva regalarmi di utile le ho risposto: delle belle stoffe per farmi fare delle talari nuove da un bravo sarto. Non le ho detto: «Mi piacerebbero delle belle stoffe, però prendi quei soldi e dalli ai poveri», perchè per una madre cattolica un figlio prete è un dono unico e irripetibile, ed io che vivo anche a contatto coi poveri so bene quanto i poveri stessi, al contrario di Eugenio Scalfari e di tutta la casta dei radical-chic ultra-laicisti, che tanto bramano una Chiesa sciatta con le pezze al culo, il prete desiderano vederlo sempre ben messo e decoroso, perché è il loro prete; perché il prete è la loro comune ricchezza. E dico un prete, figurarsi pertanto il decoro che i poveri vorrebbero vedere sempre impresso in un Vescovo, o addirittura nel Romano Pontefice, specie in questi tempi tesi verso la pauperistica sciatteria.

lorenzo marazzani
Lorenzo Marazzani, ordinato sacerdote a Perugia all’età di 46 anni [servizi QUI, QUI]

La verità è che una Chiesa trasandata, su pretesti di presunta semplicità e di non meglio precisata povertà evangelica, la vogliono i fricchettoni che vivono nei più futili lussi sfarzosi, non la vogliono i poveri. Perché i poveri sono quelli di sempre: coloro che erano capaci ieri e che sono capaci tutt’oggi a portare in dono l’unico pezzetto d’oro che hanno per contribuire alla fusione di un prezioso calice; perché il povero non vuole che il Sangue di Cristo sia posto dentro un coccio di terracotta, a volerlo sono coloro che non credono al Sangue di Cristo e che si sono improvvisati falsi amici della Chiesa. Non a caso, Nostro Signore Gesù Cristo, come esempio da seguire ci offre l’obolo della povera vedova [cf. Mc 12, 41-44. Lc 21, 1-4], mentre come esempio da rifuggire ci offre il falso filantropismo per i poveri di Giuda Iscariota [cf. Gv 12, 1-11]. Questo è ciò che è scritto sul Vangelo, come dire: punto e basta.

Come avrete capito, i Padri dell’Isola di Patmos sono troppo ecclesiali per essere clericali. Per questo il Padre Giovanni Cavalcoli veste sempre il nobile abito antico dei figli di San Domenico ed io la talare nera del clero secolare, sostituita da quella bianca in estate quando fa molto caldo, perché è un modo per mostrare che siamo mondo nel mondo, non dei “professionisti preti” più o meno mimetizzati nel mondo per piacere al mondo e per non disturbare il mondo, che all’occorrenza è nostro compito non solo scuotere ma anche disturbare.  

ord sac 197
Ariel S. Levi di Gualdo, ordinato sacerdote a Roma all’età di 45 anni

Spiegato l’impedimento “antropologico” dato a monte dalla mia incapacità a chiedere quattrini, proseguo col dirvi che per la seconda volta siamo giunti alle “colonne d’Ercole” ed abbiamo bisogno per il 2016 dei soldi necessari per andare avanti nel nostro lavoro, che come vi abbiamo sempre detto e ripetuto è tanto gratuito quanto gravoso, ed a fronte del nostro lavoro vi domandiamo solo di darci i mezzi per poter lavorare gratis per tutti voi.

Veniamo alla dolente nota spese: ribadendo che su internet nulla è gratis ma tutto a pagamento, se si vuole avvalersi dei necessari strumenti all’avanguardia. Per questo ci imbattiamo in spese inevitabili ad ogni cosiddetto angolo di via.

server business
il server business ed i costi mensili/annuali [QUI]

Partiamo dal server, a proposito del quale mi scrisse un lettore: «Come sarebbe a dire avete bisogno di soldi per il server? Io per il mio blog pago solo 50 euro all’anno!». Replicai: «Non lo metto in dubbio. Ma il tuo blog, giornalmente, quante visite ha, oltre a quella di tua madre, di tua sorella, di tuo nonno che si diletta con l’internet e di alcuni tuoi amici?». Replica l’esperto quasi offeso: «Guarda, che io sono giunto anche a 100 visite al giorno!». E siccome pare appunto vigere il principio “siamo tutti grandi esperti”, gli spiegai che L’Isola di Patmos ha da tempo superato le 10.000 visite giornaliere e che alla data del 31 gennaio il numero totale dei visitatori per l’anno 2015 era pari a 4.321.800. Se però qualcuno conosce un server provider disposto a concederci un servizio a 50 euro all’anno che permetta al sito di questa nostra rivista telematica di reggere una tale mole di accessi — ossia un servizio per accessi illimitati con altrettanto archivio-dati illimitato — che ce lo faccia sapere, perché dopo essersi abbonati all’istante, i Padri dell’Isola di Patmos gli faranno visita per potergli dare un bacio sulla punta del naso in segno di riconoscenza per averci evitato di spendere 1.000 euro all’anno per il server-business sul quale di necessità siamo appoggiati, in cambio di un accesso illimitato di visitatori e altri preziosi e indispensabili servizi d’uso.

logo_fastweb
ADSL business [QUI]

Per il lavoro che facciamo abbiamo bisogno di velocità sia in “entrata” sia in “uscita“, che equivale a dire: è indispensabile una linea che consenta di acquisire e di trasmettere dei “dati pesanti”. E questo comporta un abbonamento internet del tutto diverso da quello di una normale ADSL casalinga, per questo ci avvaliamo di uno di quei servizi forniti agli studi professionali ed alle aziende, il cui costo, nel nostro caso, è pari a 115 euro al mese (iva inclusa) per un totale annuo di 1.380 euro. E detto questo siamo a 2.380 euro solo per le spese di abbonamento al server e di abbonamento alla linea internet, pur restando naturalmente aperti ai consigli dei “grandi esperti” o di chiunque possa suggerirci — ma più che altro dimostrarci — che con una semplice chiavetta-internet esterna da ricaricare ogni tanto con 10 euro, è possibile fare il genere di lavoro che facciamo noi.

gratis no
per lavorare in un certo modo, nulla su internet è gratis

Di necessità dobbiamo ricevere e trasmettere dati da computer che offrano la migliore tecnologia; e come sanno coloro che conoscono certi servizi, i programmi professionali sono costosi. Infatti, tra programmi grafici, editoriali, di montaggio filmati, di sicurezza e protezione del sistema, ecc.. ogni anno ci parte la “modica” cifra di 1.600 euro; e ciò solo perché abbiamo scelto l’acquisto per un anno di uso, perché l’acquisto definitivo di certi singoli programmi costa anche alcune migliaia di euro, ecc …

Per farsi breve: i nostri costi annui di gestione ammontano a 5.150 per lavorare su un internet nel quale a parere di taluni tutto sarebbe gratis.

Chi poi s’intende di grafica e impaginazione, capisce subito che gli articoli dell’Isola di Patmos potrebbero essere stampati in rivista cartacea, perché volendolo fare sarebbero già pronti per la stampa.

programmi pirata
craccare i programmi è reato [QUI, QUI]

E ribadendo quanto il nostro sia un mondo di “grandi esperti”, non è mancata infine l’anima “pratica” che ci ha suggerito: «Non c’è bisogno di pagare tutti questi soldi, basta farsi craccare i programmi!». Ho risposto: «Stupendo! E se putacaso la Guardia di Finanza o chi di competenza trova programmi craccati, vale a dire “rubati”, sui computer di un prete e del suo collaboratore — o la Polizia Veterinaria trova sul computer di Ipazia gatta romana programmi pirata —, usati per mandare avanti una rivista telematica cattolica dove all’occorrenza non si fanno mancare colpi di scudiscio a chi rivendica il diritto all’immoralità e allo sprezzo delle leggi di Dio e degli uomini, mi spieghi che bella figura ci facciamo? Te lo dico io: la figura di quelli che predicano bene e razzolano molto male».

Giovanni Cavalcoli breviario
il teologo domenicano Giovanni Cavalcoli

Come potete capire ciò di cui abbiamo bisogno non sono i consigli dati da “esperti” ai quali i consigli, specie quelli peregrini, non costano niente: ciò di cui abbiamo bisogno è del vostro aiuto per portare avanti la nostra opera, perché né il Padre Giovanni Cavalcoli, che come frate domenicano è privo di qualsiasi reddito personale, dipendendo interamente dalla sua comunità; né io come membro del clero secolare che vivo con 800 euro al mese di stipendio dell’Ente Sostentamento Clero, qualche offerta per le Sante Messe e il prezioso aiuto della mia famiglia, possiamo sostenere di tasca nostra dei simili costi per offrire un servizio gratuito erga omnes.

Per il 2015 la Provvidenza ci è venuta incontro attraverso di voi, siamo pertanto certi che anche per il 2016 la Provvidenza ci sosterrà, se come crediamo L’Isola di Patmos, giovanneo luogo dell’ultima rivelazione, è un servizio alla Chiesa ed ai suoi fedeli in un momento di delicata crisi ecclesiale e di tanto sbandamento tra le membra vive sempre più disorientate del Popolo di Dio.

provvidenza
cerchiamo di intenderci anche con un sorriso …

In concreto: tutte le volte che ci mandate messaggi del tipo «Che splendidi articoli … ah, che coraggio che avete! … quanto giovamento ho trovato nelle vostre parole … grazie alle vostre catechesi ho capito la natura del problema e la possibile soluzione …». Ebbene: assieme a queste parole che non costano niente, inviateci anche un’offerta, pure piccola, perché persino il poco sommato assieme è molto prezioso. Perché a dirla sincera e fino in fondo, non nascondiamo il comprensibile spavento per i costi di gestione che dovremo sostenere entro fine gennaio 2016; costi che al momento non siamo in grado di sostenere, avendo attualmente nella cassa del nostro conto Paypal 1.100 euro donati a fine 2015 da una nostra affezionata lettrice piemontese, da una lettrice etrusco-laziale, da un giovane dottore ricercatore romano che vive a Dublino, da un caro lettore milanese che assieme alla moglie mi ha chiesto di celebrare alcune Messe di suffragio per i suoi defunti e mandandomi due offerte che io ho versato sul conto dell’Isola di Patmos.

Nel corso del 2015, quando ci trovammo senza mezzi di sostentamento, una cara Lettrice piemontese ci inviò 2.000 euro per far fronte a tutte le spese necessarie; e grazie a lei potemmo continuare il nostro servizio, che speriamo di continuare anche per tutto il 2016.

Se volete potete inviarci un’offerta per il sostentamento dell’Isola di Patmos usando il comodo e sicuro servizio Paypal che potete trovare sul fondo di destra della home-page.

.

.

____________________________________

.

Colgo l’occasione per rivolgere un augurio particolare ai Confratelli Sacerdoti dei quali ho usato le immagini pubbliche per accompagnare questo articolo dove si parla nella prima parte delle vocazioni adulte al sacerdozio. Non ho il piacere di conoscere nessuno di questi Confratelli, alcuni dei quali consacrati di recente nel Sacro Ordine Sacerdotale. A tutti loro rinnovo auguri di ogni grazia e benedizione da Cristo Signore agli inizi di questo nuovo anno.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

 

About isoladipatmos

Lascia una risposta